Test di laboratorio nella diagnosi del cancro del polmone

Nella pratica oncologica vengono utilizzati vari metodi diagnostici: radiografia, endoscopia, puntura, laboratorio. La diagnostica oncologica di laboratorio comprende tutta una serie di studi clinici, biochimici, immunologici, sierologici e batteriologici di campioni di vari biomateriali umani (sangue, urina, espettorato, versamento pleurico, liquido cerebrospinale, succo gastrico).

La medicina moderna non si ferma, introducendo in pratica gli ultimi test di laboratorio, che ogni anno svolgono un ruolo sempre più importante nell'esame dei pazienti oncologici, compreso il cancro del polmone.

Metodi di diagnosi di laboratorio del cancro del polmone

Un medico di qualsiasi specialità, compresa una famiglia, a cui un paziente oncologico si applica per la maggior parte del tempo, ha la responsabilità morale e legale per lui, dal momento che il successo del trattamento dei tumori maligni dipende principalmente dalla tempestività del loro riconoscimento.

Nel processo di sviluppo di una neoplasia maligna e le possibilità della sua diagnosi clinica possono essere divise in due periodi:

  1. Preclinici. Dura dal momento di comparsa di un tumore alla comparsa dei suoi primi segni clinici.
  2. Clinica. In questo periodo, i pazienti compaiono i primi sintomi clinici, ma spesso indicano un ampio processo oncologico.

È necessario evidenziare separatamente anche il periodo pretumor (precanceroso, preblastomato). Per il carcinoma polmonare, non esiste una patologia precancerosa al 100%, ma la presenza di bronchite cronica ricorrente, ascessi cronici, bronchiectasie, cavità, cisti, pneumofibrosi, polmonite cronica interstiziale nel paziente aumenta significativamente il rischio di cancro ai polmoni.

I metodi di ricerca di laboratorio sono di grande importanza per la diagnosi precoce del cancro del polmone. Utilizzando solo i risultati dei test, è quasi impossibile stabilire una diagnosi di cancro ai polmoni, ma può essere sospettata o chiarita.

Ad esempio, utilizzando test di laboratorio nel sangue di un paziente, possono essere identificati i marcatori tumorali del cancro del polmone, composti che sono un segnale di avvertimento per la presenza di un tumore nel corpo. Per la diagnosi del cancro del polmone, i test di laboratorio più comunemente mostrati sono:

  • test clinici (sangue, urina, espettorato);
  • analisi biochimiche (rilevazione di enzimi, ormoni);
  • test immunologici (determinazione dei marcatori tumorali e degli anticorpi monoclonali nel sangue);
  • studi morfologici (istologia, citologia).

Test di laboratorio per rilevare i segni di carcinoma polmonare sono indicati per i pazienti a rischio, che includono:

  • fumatori;
  • persone che vivono in regioni con situazione ambientale sfavorevole e che hanno malattie polmonari croniche;
  • lavoratori in occupazioni associate a condizioni di lavoro dannose;
  • persone dopo radiazioni e chemioterapia;
  • pazienti con ereditarietà gravata.

Il più grande valore prognostico nella diagnosi precoce del cancro del polmone sono studi di laboratorio condotti in presenza di un paziente con malattie precancerose o nel periodo preclinico di oncopatologia.

Immunodiagnosi per il cancro del polmone

L'introduzione di nuove apparecchiature mediche per la diagnostica clinica di laboratorio, ad esempio sistemi di test e dispositivi per l'analisi immunofermentale, ha portato a possibilità fondamentalmente nuove: la definizione di marker tumorali. Le cellule maligne contengono antigeni che sono caratteristici dei primi periodi di ontogenesi (in particolare, antigeni embionici) e non sono rilevati nelle cellule normali. Questi sono antigeni tumorali specifici.

Ma ci sono altri antigeni che sono presenti nelle cellule sane, ma in presenza di un processo oncologico, sono determinati in quantità che superano significativamente il loro contenuto massimo in una persona sana. Questi sono antigeni associati ai tumori.

Lo scopo principale della determinazione dei marcatori tumorali è quello di stabilire questa sostanza specifica nel sangue del paziente, con la quale è stato possibile determinare lo stadio iniziale della neoplasia cellulare prima della comparsa del quadro clinico e l'insorgenza di metastasi.

Nella diagnosi del cancro del polmone viene utilizzata la rilevazione dei marcatori tumorali nel sangue: CEA, NSE, ProGRP, CYFRA 21.1, CEA, SCCA. Un esame del sangue per il cancro del polmone per la presenza di marcatori tumorali mostra il tipo istologico di oncologia nel determinare le loro varie combinazioni:

  • per adenocarcinoma e carcinoma a grandi cellule - una combinazione di marcatori CEA e CYFRA 21.1;
  • per carcinoma a piccole cellule, una combinazione di ProGRP e NSE;
  • nel carcinoma squamoso, una combinazione di CEA, CYFRA 21.1 e SCCA;
  • con un tipo istologico non identificato, combinazioni di CEA, CYFRA 21.1, NSE e ProGRP.

Un risultato significativo nel campo dell'immunodiagnostica è lo sviluppo delle biotecnologie per la produzione di anticorpi monoclonali (MCAT).

Tali anticorpi si ottengono formando un complesso di un ibrido di linfociti di topo e una cellula tumorale umana, che è in grado di produrre anticorpi specifici assolutamente identici.

Attualmente, i MCAB sono stati ottenuti contro vari antigeni associati al tumore e i loro organoidi intracellulari (microsomi, lisosomi e altri). Le MCAT risultanti sono etichettate con radionuclidi, che migliora significativamente l'accuratezza della diagnosi di oncologia.

Altri test di laboratorio nella diagnosi del cancro del polmone

Per la selezione del materiale di prova per il cancro del polmone, non è richiesta alcuna preparazione speciale, ma è necessario seguire alcune regole:

  • il prelievo di sangue viene effettuato a stomaco vuoto, in modo che l'assunzione di cibo non falsi i risultati;
  • per l'analisi delle urine viene prelevata una porzione media di urina del mattino, prelevata dopo procedure igieniche degli organi genitali esterni;
  • l'espettorato viene prelevato in un contenitore sterile dopo la mattina spazzolando e risciacquando la bocca per evitare detriti alimentari o cellule della mucosa orale.

È difficile determinare la presenza di un processo oncologico nel corpo sulla base di un esame del sangue generale o biochimico, poiché i loro cambiamenti non sono specifici per l'oncologia. I test di laboratorio per il cancro del polmone, prima di tutto, mirano a determinare le condizioni del paziente durante l'intossicazione da cancro e valutare l'efficienza dei suoi organi e sistemi.

Emocromo completo per il cancro del polmone può mostrare nelle fasi iniziali del cancro:

  • leucocitosi (aumento del numero di leucociti nel sangue);
  • la leucoformula si sposta a sinistra;
  • eosinofilia (aumento del numero di eosinofili);
  • aumento della conta piastrinica;
  • Accelerazione ESR.

Nelle fasi successive (a causa dell'oppressione della formazione del sangue):

  • anemia (bassa emoglobina);
  • leucopenia (diminuzione del numero di leucociti nel sangue);
  • trombocitopenia (aumento del numero di piastrine nel sangue).

L'analisi generale delle urine nella maggior parte dei casi non è informativa, dal momento che non indica la presenza di patologia da cancro nei polmoni, tuttavia, può rivelare una violazione della funzione escretoria dei reni durante l'intossicazione da cancro.

I parametri biochimici del sangue mostrano lo stato funzionale dei reni, fegato, determinano la violazione del metabolismo delle proteine.

I tumori maligni aumentano il processo di disgregazione delle proteine ​​e inibiscono la sintesi proteica, pertanto, in uno studio biochimico nel sangue verrà determinato:

  • riduzione delle proteine ​​totali e albumina sierica;
  • aumento di alfa-2-globulina e gamma globulina;
  • aumento dei livelli di aldolasi e lattato deidrogenasi;
  • aumento della concentrazione di cortisolo nel sangue;
  • un aumento del contenuto di urea e creatinina (indica una violazione della funzione urinaria dei reni);
  • aumento della fosfatasi alcalina, AlAT e AsAT (indica la metastasi del tumore al fegato);
  • aumento della concentrazione di calcio nel sangue;
  • un aumento del livello di potassio nel sangue sullo sfondo di una normale quantità di sodio (indicando la cachessia del cancro).

L'analisi dell'espettorato generale è anche uno dei metodi di laboratorio di valore diagnostico per il cancro del polmone. Lo scarico dell'espettorato è uno dei primi sintomi del carcinoma polmonare centrale. L'odore, la natura e la composizione cellulare dell'espettorato possono essere sospetti e, in alcuni casi, stabilire oncologia nel sistema respiratorio.

Tali cambiamenti nell'espettorato sono caratteristici del carcinoma polmonare:

  • odore putrido;
  • l'apparizione di striature di sangue o espettorato sanguinante (negli stadi successivi sotto forma di "gelatina di lamponi");
  • perlato (lucido, lucido con inclusioni lucenti) espettorato caratteristico del carcinoma polmonare a cellule squamose;
  • a volte si trovano pezzi di tessuto tumorale.

Data la bassa rilevabilità del cancro del polmone durante gli esami preventivi (circa il 16%) e l'elevata incidenza di questo tumore, i principali oncologi stanno cercando metodi efficaci ma accessibili per lo screening.

I metodi diagnostici di laboratorio potrebbero essere studi di screening, ma al momento i più efficaci (marcatori tumorali, MCAT) sono costosi da eseguire su scala di massa, quindi, nel nostro paese, la fluorografia rimane l'unico metodo di massa per diagnosticare il cancro del polmone.

Esame del sangue per il cancro del polmone

L'oncologia dei polmoni è una malattia molto comune. Secondo alcune statistiche, questa malattia del cancro è in uno dei primi tre posti rispetto alla prevalenza dei tipi di oncologia. Ogni anno più di due milioni di nuovi casi di sviluppo di questo cancro sono registrati nel mondo. L'OMS classifica ventitre tipi di patologie polmonari oncologiche. Secondo le statistiche, negli uomini, l'oncologia polmonare è osservata più spesso rispetto alle donne.

Una delle principali cause di questo tipo di cancro è il fumo, tuttavia, e le persone non fumatori possono sviluppare una neoplasia polmonare maligna. Per identificare la malattia, è necessario sottoporsi a un esame tempestivo, uno dei parametri principali è la consegna delle analisi del sangue. Se si sospetta un cancro polmonare, al paziente è richiesto di:

- Analisi del sangue generale permettendo di determinare se il numero di vecchie forme di piastrine e di ESR è aumentato, se si osservano giovani globuli bianchi e rossi (questo effetto può essere causato da anemia osservata durante la metastasi di una neoplasia maligna nel midollo osseo), possibilmente - eosinofilia, leucocitosi.

- Analisi biochimica del sangue che nel cancro del polmone mostra i seguenti parametri: aumento della globulina alfa-2, diminuzione dell'albumina sierica, livello di calcio, cortisolo e lacto-deidrogenasi negli aumenti del sangue del paziente.

- Analisi sui marcatori ecologici. cioè, sostanze il cui livello nel sangue del paziente aumenta in presenza dello sviluppo di una malattia maligna. È importante capire che l'analisi dei marcatori oncologici consente di suggerire un determinato tipo di oncologia anche prima dell'apparizione dei sintomi caratteristici di una particolare malattia maligna.

Se parliamo di oncologia polmonare, lo sviluppo della malattia è indicato da indicatori quali:

1. marker tumorale universale REA;

2. rilevamento di citocheratina 19, che suggerisce l'oncologia squamosa dei polmoni;

3. aumento della neuroenolasi (NCE) che suggerisce il carcinoma a piccole cellule;

4. la presenza di determinati livelli di antigene embrionale-cancro, che indica un possibile adenocarcinoma dei polmoni;

5. naturalmente CA di riferimento CA 125;

6. antigene polipeptidico tissutale (TPA).

Chi è il più indicato test del sangue preventivo per il cancro del polmone

Poiché i sintomi dell'oncologia polmonare iniziano a manifestarsi solo in fasi sufficientemente tardive dello sviluppo della malattia, si consiglia vivamente di sottoporsi a esami del sangue profilattici per il cancro del polmone. e, più precisamente, con il possibile sviluppo di questo tipo di oncologia. Di conseguenza, queste analisi sono necessarie per le persone a rischio, che includono:

  • Fumatori di entrambi i sessi;
  • Le persone che regolarmente contatto con sostanze chimiche tossiche e metalli pesanti come parte delle loro attività professionali;
  • Le persone che vivono in un'atmosfera ambientalmente ostile, respirando l'aria inquinata delle grandi città;
  • Uomini e donne esposti sistematicamente al gas radon;
  • Alcune malattie croniche dell'apparato respiratorio, come focolai di pneumosclerosi, broncopneumopatia cronica ostruttiva e altre;
  • Eredità: nelle famiglie in cui è già stato osservato il cancro del polmone, il rischio di sviluppare questa malattia in parenti stretti del paziente è aumentato significativamente.

In tutti i casi di cui sopra, i test di cui sopra devono essere eseguiti almeno una volta ogni tre anni.

Gli esami del sangue per il cancro del polmone aiuteranno:

  • Per rilevare una neoplasia polmonare maligna in una fase precoce;
  • Determina se il neoplasma è maligno o benigno;
  • Determina se ci sono metastasi e esattamente dove si trovano;
  • In tempo per identificare la ricorrenza del tumore esistente, monitorarne il trattamento.

Pertanto, effettuare queste analisi, senza dubbio, può preservare la salute e salvare la vita di una persona che ha sviluppato una neoplasia maligna dei polmoni, poiché permetterà di confermare i sospetti sorti nel tempo e di indirizzare il paziente a ulteriori esami appropriati e al trattamento più appropriato in un caso particolare.

Quali esami del sangue dovrei prendere se sospetto il cancro ai polmoni?

La più comune patologia da cancro tra la popolazione maschile del pianeta è il cancro polmonare, il cui verificarsi è dovuto alla penetrazione nel sistema polmonare di vari tipi di agenti cancerogeni come fumo di sigaretta, emissioni chimiche industriali, impurità in industrie pericolose, ecc.

I processi di cancro non appaiono immediatamente, quindi i pazienti spesso si rivolgono a un oncologo quando la malattia viene trascurata, il che è raramente suscettibile agli effetti terapeutici.

Come inizia il processo del cancro nel tessuto polmonare?

I sintomi primari del cancro del polmone sono importanti, perché la sua individuazione tempestiva incoraggia il paziente a visitare uno specialista e aiuta a diagnosticare i processi del cancro nelle prime fasi del loro sviluppo.

Circa l'inizio di oncologia polmonare dicono tali manifestazioni:

  1. Infiammazione polmonare e bronchite frequente e senza causa, difficile da trattare;
  2. Frequente mancanza di respiro, prima dopo uno sforzo fisico e poi a riposo;
  3. Tosse, asciutta all'inizio e poi accompagnata da espettorato. Gli attacchi di tosse si verificano improvvisamente e raramente vengono disturbati, ma con un'ulteriore progressione dell'oncoprocess si verificano più spesso, accompagnati dal rilascio di espettorato con le vene sanguinanti;
  4. Dolori al petto;
  5. Ipertermia persistente e senza causa di carattere subfebrile (37,5-38 ° С);
  6. Disturbi di angina;
  7. Depressione associata a stanchezza cronica.

Indicazioni per l'esame

Il metodo diagnostico più comune è considerato un esame del sangue. Ma uno studio generale non fornisce l'immagine necessaria dello stato nelle fasi iniziali del processo del cancro. Pertanto, gli esperti sono da tempo alla ricerca di altri modi per diagnosticare il cancro del polmone in anticipo.

Alcune sostanze proteiche sono particolarmente uniche e si trovano solo in presenza di una specifica oncologia, altre sono oncomarker universali e vengono rilevate in una varietà di processi tumorali.

Lo studio consente:

  • Per rilevare un tumore nella fase iniziale della sua comparsa;
  • Determinare la natura del tumore, il grado della sua malignità;
  • Tempo di identificare la metastasi del processo tumorale;
  • Determinare l'efficacia della terapia e monitorare la progressione della patologia;
  • Evitare possibili esacerbazioni o recidive del tumore;
  • Per prevenire l'insorgenza del cancro, ad esempio, in individui a rischio di oncologia.

Tuttavia, è impossibile dire sulla presenza del cancro solo dai risultati delle analisi del sangue. Pertanto, la diagnosi di tumore del polmone comprende un'intera gamma di studi.

Come individuare la patologia con il sangue?

Le analisi del sangue di laboratorio mostrano il livello delle cellule di eritrociti e leucociti, il contenuto di emoglobina, il tasso di sedimentazione, ecc.

Quando conducono un'analisi biochimica e di monitoraggio, gli specialisti ottengono dati più accurati e informativi sulle condizioni del paziente.

Alcuni pazienti sono particolarmente consigliati di eseguire esami del sangue a scopo profilattico.

Per il gruppo di tali pazienti includono:

  1. fumatori;
  2. Persone con predisposizione ereditaria al cancro del polmone;
  3. Coloro che sono impegnati in industrie pericolose, lavorando con metalli pesanti o composti chimici tossici;
  4. Soffrire di patologie respiratorie croniche come ostruzione o pneumosclerosi, ecc.;
  5. Contatto con il radon;
  6. Vivere in aree ecologicamente sfavorevoli, grandi città con aria inquinata dai gas di scarico, ecc.

Emocromo completo per il cancro del polmone

Con un esame del sangue generale, i biomateriali vengono rimossi dal dito (dal capillare) a stomaco vuoto al mattino.

Alla vigilia del campionamento del sangue, non è raccomandato mangiare cibi grassi e digeribili, perché nel sangue si trova una maggiore quantità di leucociti. Inoltre, distorce i risultati di stress, stress fisico, ecc.

Anche il livello di emoglobina è considerato indicativo, che per gli specialisti agisce come una sorta di indicatore che indica lo sviluppo di un tumore.

Sullo sfondo di oncoprocessi progressivi, i valori di emoglobina spesso ammontano a circa 60-70 unità. Oltre ai globuli rossi e all'emoglobina, un numero maggiore di globuli bianchi potrebbe indicare la presenza di cancro.

Pertanto, l'UCK è spesso molto istruttivo, ma è impossibile giudicare la presenza di un tumore solo da questo studio. Le deviazioni identificate nello studio generale suggeriscono la necessità di un sondaggio completo.

biochimica

Gli esami del sangue biochimici possono anche mostrare uno specialista che il paziente sviluppa una patologia tumorale. Prima di prendere il sangue in circa 12 ore, il paziente deve smettere di mangiare e bere solo acqua normale.

Nel cancro polmonare, i parametri del sangue biochimico conterranno le seguenti informazioni:

  1. Aumento del contenuto di α-2-globulina;
  2. Carenza di albumina sierica;
  3. Livelli di calcio in eccesso;
  4. Eccesso di lattico deidrogenasi;
  5. Aumento di cortisolo

I biomateriali vengono prelevati da una vena, dopo 3-5 giorni viene eseguito uno studio biochimico ripetuto. Tali azioni sono necessarie per tracciare la dinamica dei marcatori tumorali.

Analisi dei marker

Come precedentemente specificato, il tumore produce specifiche sostanze proteiche, che sono anche chiamate marcatori tumorali o antigeni.

In base al tipo di marcatori tumorali, è possibile determinare la localizzazione del processo di cancro. Normalmente, le cellule del corpo inibiscono la produzione di antigeni, quindi la loro presenza nel sangue indica la presenza di cancro.

Tali esami del sangue dovrebbero essere effettuati ripetutamente per tracciare la dinamica dei processi tumorali. Tali studi ci permettono di determinare il tasso di aumento della concentrazione dei marcatori tumorali, che aiuterà a prevedere la progressione del processo tumorale.

Anche i consumatori di cancro al polmone vengono donati al mattino, il sangue viene prelevato da una vena per essere esaminato. È necessario escludere l'alcol qualche giorno prima dello studio.

Tale diagnosi è costosa e i risultati potrebbero essere inaccurati. Il livello di alcuni marker tumorali è aumentato rispetto allo sfondo dell'insufficienza del miocardio e dell'epatite, cirrosi epatica ed ulcera gastrica, pancreatite, ecc.

Marcatori tumorali

Il più delle volte nella diagnosi di cancro polmonare si utilizzano marcatori tumorali:

  • CEA - si riferisce ai marcatori tumorali universali, aiuta a determinare la presenza di oncopatologia nel 50-90% dei pazienti. Questo è un antigene cancro-embrionale, il cui livello aumenta non solo nei tumori cancerosi, ma anche nella cirrosi epatica;
  • TPA, un antigene polipeptidico tissutale, è un antigene comune prodotto da varie entità;
  • NCE o enolasi neurospecifica - utilizzati nella rilevazione del carcinoma polmonare a piccole cellule;
  • SCC, CYFRA 21-1 - è utilizzato nel processo di identificazione di forme squamose di cancro ai polmoni o adenocarcinoma.

Un lieve eccesso di antigeni nel sangue può essere dovuto a processi meno "aggressivi" rispetto al cancro, pertanto questa analisi dovrebbe essere combinata con altre procedure diagnostiche.

Preparazione per la consegna

Le analisi del sangue vengono sempre somministrate a stomaco vuoto e solo al mattino è possibile mangiare l'ultima volta prima del test per 8-12 ore. Le bevande possono bere solo acqua.

Non è inoltre consigliabile sottoporsi alla procedura subito dopo un massaggio, fisioterapia, bagno, esame a raggi X o qualsiasi altra diagnosi strumentale.

Se il paziente è già stato trattato, i test ripetuti per i marcatori tumorali vengono presi 3 volte al mese. Di solito, subito dopo la terapia, la concentrazione di antigeni diminuisce bruscamente, ma se non c'è una tale reazione, è necessario un cambiamento nell'approccio terapeutico.

Preparazione video per l'analisi del sangue:

Emocromo completo per il cancro del polmone

Esame del sangue per carcinoma polmonare: indicatori di ricerca generale, biochimica e marcatori tumorali

La più comune patologia da cancro tra la popolazione maschile del pianeta è il cancro polmonare, il cui verificarsi è dovuto alla penetrazione nel sistema polmonare di vari tipi di agenti cancerogeni come fumo di sigaretta, emissioni chimiche industriali, impurità in industrie pericolose, ecc.

I processi di cancro non appaiono immediatamente, quindi i pazienti spesso si rivolgono a un oncologo quando la malattia viene trascurata, il che è raramente suscettibile agli effetti terapeutici.

I sintomi primari del cancro del polmone sono importanti, perché la sua individuazione tempestiva incoraggia il paziente a visitare uno specialista e aiuta a diagnosticare i processi del cancro nelle prime fasi del loro sviluppo.

Circa l'inizio di oncologia polmonare dicono tali manifestazioni:

  1. Infiammazione polmonare e bronchite frequente e senza causa, difficile da trattare;
  2. Frequente mancanza di respiro, prima dopo uno sforzo fisico e poi a riposo;
  3. Tosse, asciutta all'inizio e poi accompagnata da espettorato. Gli attacchi di tosse si verificano improvvisamente e raramente vengono disturbati, ma con un'ulteriore progressione dell'oncoprocess si verificano più spesso, accompagnati dal rilascio di espettorato con le vene sanguinanti;
  4. Dolori al petto;
  5. Ipertermia persistente e senza causa di carattere subfebrile (37,5-38 ° С);
  6. Disturbi di angina;
  7. Depressione associata a stanchezza cronica.

Indicazioni per l'esame

Il metodo diagnostico più comune è considerato un esame del sangue. Ma uno studio generale non fornisce l'immagine necessaria dello stato nelle fasi iniziali del processo del cancro. Pertanto, gli esperti sono da tempo alla ricerca di altri modi per diagnosticare il cancro del polmone in anticipo.

L'uscita è stata trovata di recente. È un esame del sangue che determina la presenza di specifiche sostanze proteiche prodotte dal corpo o dal tumore sin dall'inizio del processo di cancro. Pertanto, queste proteine ​​si trovano nel corpo del paziente dall'inizio della formazione del tumore, quando non ci sono ancora segni di sviluppo del cancro del polmone.

Alcune sostanze proteiche sono particolarmente uniche e si trovano solo in presenza di una specifica oncologia, altre sono oncomarker universali e vengono rilevate in una varietà di processi tumorali.

  • Per rilevare un tumore nella fase iniziale della sua comparsa;
  • Determinare la natura del tumore, il grado della sua malignità;
  • Tempo di identificare la metastasi del processo tumorale;
  • Determinare l'efficacia della terapia e monitorare la progressione della patologia;
  • Evitare possibili esacerbazioni o recidive del tumore;
  • Per prevenire l'insorgenza del cancro, ad esempio, in individui a rischio di oncologia.

Tuttavia, è impossibile dire sulla presenza del cancro solo dai risultati delle analisi del sangue. Pertanto, la diagnosi di tumore del polmone comprende un'intera gamma di studi.

Come individuare la patologia con il sangue?

Le analisi del sangue di laboratorio mostrano il livello delle cellule di eritrociti e leucociti, il contenuto di emoglobina, il tasso di sedimentazione, ecc.

Quando conducono un'analisi biochimica e di monitoraggio, gli specialisti ottengono dati più accurati e informativi sulle condizioni del paziente.

Alcuni pazienti sono particolarmente consigliati di eseguire esami del sangue a scopo profilattico.

Per il gruppo di tali pazienti includono:

  1. fumatori;
  2. Persone con predisposizione ereditaria al cancro del polmone;
  3. Coloro che sono impegnati in industrie pericolose, lavorando con metalli pesanti o composti chimici tossici;
  4. Soffrire di patologie respiratorie croniche come ostruzione o pneumosclerosi, ecc.;
  5. Contatto con il radon;
  6. Vivere in aree ecologicamente sfavorevoli, grandi città con aria inquinata dai gas di scarico, ecc.

Emocromo completo per il cancro del polmone

Con un esame del sangue generale, i biomateriali vengono rimossi dal dito (dal capillare) a stomaco vuoto al mattino.

Alla vigilia del campionamento del sangue, non è raccomandato mangiare cibi grassi e digeribili, perché nel sangue si trova una maggiore quantità di leucociti. Inoltre, distorce i risultati di stress, stress fisico, ecc.

In oncoprocess polmonare, gli indicatori dell'analisi del sangue generale mostrano alcuni cambiamenti. Ad esempio, i globuli rossi iniziano a stabilirsi con maggiore velocità, e più è alto, più grave è la patologia. Di solito, una VES di circa 10-50 mm / h indica una rapida progressione dei processi tumorali.

Anche il livello di emoglobina è considerato indicativo, che per gli specialisti agisce come una sorta di indicatore che indica lo sviluppo di un tumore.

Sullo sfondo di oncoprocessi progressivi, i valori di emoglobina spesso ammontano a circa 60-70 unità. Oltre ai globuli rossi e all'emoglobina, un numero maggiore di globuli bianchi potrebbe indicare la presenza di cancro.

Pertanto, l'UCK è spesso molto istruttivo, ma è impossibile giudicare la presenza di un tumore solo da questo studio. Le deviazioni identificate nello studio generale suggeriscono la necessità di un sondaggio completo.

biochimica

Gli esami del sangue biochimici possono anche mostrare uno specialista che il paziente sviluppa una patologia tumorale. Prima di prendere il sangue in circa 12 ore, il paziente deve smettere di mangiare e bere solo acqua normale.

Nel cancro polmonare, i parametri del sangue biochimico conterranno le seguenti informazioni:

  1. Aumento del contenuto di α-2-globulina;
  2. Carenza di albumina sierica;
  3. Livelli di calcio in eccesso;
  4. Eccesso di lattico deidrogenasi;
  5. Aumento di cortisolo

I biomateriali vengono prelevati da una vena, dopo 3-5 giorni viene eseguito uno studio biochimico ripetuto. Tali azioni sono necessarie per tracciare la dinamica dei marcatori tumorali.

Analisi dei marker

Come precedentemente specificato, il tumore produce specifiche sostanze proteiche, che sono anche chiamate marcatori tumorali o antigeni.

In base al tipo di marcatori tumorali, è possibile determinare la localizzazione del processo di cancro. Normalmente, le cellule del corpo inibiscono la produzione di antigeni, quindi la loro presenza nel sangue indica la presenza di cancro.

Tali esami del sangue dovrebbero essere effettuati ripetutamente per tracciare la dinamica dei processi tumorali. Tali studi ci permettono di determinare il tasso di aumento della concentrazione dei marcatori tumorali, che aiuterà a prevedere la progressione del processo tumorale.

Anche i consumatori di cancro al polmone vengono donati al mattino, il sangue viene prelevato da una vena per essere esaminato. È necessario escludere l'alcol qualche giorno prima dello studio.

Tale diagnosi è costosa e i risultati potrebbero essere inaccurati. Il livello di alcuni marker tumorali è aumentato rispetto allo sfondo dell'insufficienza del miocardio e dell'epatite, cirrosi epatica ed ulcera gastrica, pancreatite, ecc.

Marcatori tumorali

Il più delle volte nella diagnosi di cancro polmonare si utilizzano marcatori tumorali:

  • CEA - si riferisce ai marcatori tumorali universali, aiuta a determinare la presenza di oncopatologia nel 50-90% dei pazienti. Questo è un antigene cancro-embrionale, il cui livello aumenta non solo nei tumori cancerosi, ma anche nella cirrosi epatica;
  • TPA, un antigene polipeptidico tissutale, è un antigene comune prodotto da varie entità;
  • NCE o enolasi neurospecifica - utilizzati nella rilevazione del carcinoma polmonare a piccole cellule;
  • SCC, CYFRA 21-1 - è utilizzato nel processo di identificazione di forme squamose di cancro ai polmoni o adenocarcinoma.

Un lieve eccesso di antigeni nel sangue può essere dovuto a processi meno "aggressivi" rispetto al cancro, pertanto questa analisi dovrebbe essere combinata con altre procedure diagnostiche.

Le analisi del sangue vengono sempre somministrate a stomaco vuoto e solo al mattino è possibile mangiare l'ultima volta prima del test per 8-12 ore. Le bevande possono bere solo acqua.

Circa una settimana prima delle analisi è necessario escludere l'alcol e, in un'ora, fumare. Inoltre, al fine di non ridurre il contenuto informativo e l'affidabilità delle analisi del sangue, non si dovrebbe andare per la procedura in uno stato di stress, nervosismo nervoso, notti insonni, sovraccarico fisico.

Non è inoltre consigliabile sottoporsi alla procedura subito dopo un massaggio, fisioterapia, bagno, esame a raggi X o qualsiasi altra diagnosi strumentale.

Se il paziente è già stato trattato, i test ripetuti per i marcatori tumorali vengono presi 3 volte al mese. Di solito, subito dopo la terapia, la concentrazione di antigeni diminuisce bruscamente, ma se non c'è una tale reazione, è necessario un cambiamento nell'approccio terapeutico.

Preparazione video per l'analisi del sangue:

Vota questo articolo: (1 valutazione, media: 5,00 su 5)

Esame del sangue per il cancro del polmone: indicazioni, esame

Il cancro del polmone è una delle più terribili malattie in oncologia, la possibilità di morte, quando si diagnostica una malattia, è molto alta. Ogni anno, circa 1,5 milioni di persone muoiono a causa di questa malattia.

In primo luogo, un po 'di familiarità con questa malattia, prima di considerare un esame del sangue per il cancro del polmone, dal momento che molte persone non sono nemmeno consapevoli di essere in pericolo. In quasi il 90% di tutti i casi, la causa del cancro è il fumo. Nel fumo di tabacco contiene circa 3 mila diverse sostanze chimiche, tra cui cancerogeni molto pericolosi, che provocano lo sviluppo di tessuti cancerosi. Le persone che sono vicine al fumatore inalano anche fumi tossici nei polmoni e sono fumatori passivi, quindi rischiano anche il cancro ai polmoni.

Cause e sintomi della malattia

Il rischio di sviluppare la malattia aumenta a certe condizioni sul lavoro, ad esempio, a contatto con amianto, uranio, cromo, arsenico e altre varie sostanze tossiche. Il carcinoma polmonare può iniziare il suo sviluppo a causa dell'aumento dell'inquinamento atmosferico, ad esempio una quantità eccessiva di gas di scarico di automobili, stazioni e fabbriche inquina pesantemente l'aria. Inoltre, la causa dell'oncologia può essere un processo infiammatorio cronico nei bronchi. Alcolismo, scarsa nutrizione, stile di vita sedentario a volte aumentano le possibilità di sviluppare il cancro. La possibilità di sviluppare il cancro aumenta se tra i parenti, qualcuno è malato.

Nelle prime fasi, il cancro non procede in modo evidente per una persona, senza alcuna manifestazione. Ulteriori sintomi come:

  • mancanza di respiro e raucedine;
  • tosse regolare;
  • debolezza generale del corpo.

Nelle fasi successive, il paziente sentirà dolore nell'area del torace, con un'entrata profonda che il dolore si intensifica. Le punte delle dita diventano più spesse. Perdita di peso acuta, malattie catarrali persistenti, polmonite e bronchite possono essere un segnale molto allarmante. Nelle fasi finali inizia a preoccuparsi:

  • dolore alle ossa, alle articolazioni;
  • alcune parti del viso sono paralizzate;
  • la voce diventa rauca;
  • difficoltà a deglutire.

Se tutti i suddetti sintomi si verificano, dovresti andare all'ospedale.

Indicazioni per l'esame

Un esame del sangue per il cancro del polmone è il metodo più conosciuto per determinare una malattia. Tuttavia, questa analisi non è in grado di mostrare un quadro generale delle condizioni del paziente nelle prime fasi dell'oncologia. Di conseguenza, gli esperti hanno trovato altri test per il cancro del polmone.

Le soluzioni al problema sono state trovate abbastanza di recente. Questo è un esame del sangue speciale che è in grado di determinare la presenza di strutture proteiche che appaiono nel corpo fin dall'inizio dello sviluppo di un tumore. Alcune proteine ​​hanno una struttura unica e si trovano solo nella diagnosi delle malattie oncologiche. Altre proteine ​​sono marker universali di malattie oncologiche e vengono diagnosticate in vari processi tumorali.

Esame del sangue

Capiremo quali esami del sangue sono necessari per passare a un tumore, il più comune - un esame emocromocitometrico completo per il cancro del polmone. È in grado di determinare se il livello di vecchie piastrine e di ESR è elevato, se ci sono nuove cellule bianche e rosse nel sangue.

Un esame del sangue per la biochimica, quando rileva problemi oncologici, mostra un risultato definito, ovvero il livello di globulina nel sangue aumenta e l'albumina si riduce, mentre il livello di cortisolo e calcio nel sangue umano aumenta notevolmente.

Segue l'analisi per determinare i marcatori oncologici, in parole semplici - sostanze il cui livello aumenta con lo sviluppo di vari tumori maligni. È importante sapere che questa analisi offre la possibilità di prevedere il tipo di malattia oncologica anche prima della comparsa di qualsiasi segno primario del suo aspetto.

Se parliamo di tumori maligni nei polmoni, i seguenti dati potrebbero indicare il loro sviluppo:

  • marcatore universale del cancro;
  • rilevamento di citocheratina 19, consente di determinare il tumore a cellule squamose;
  • la presenza di alcuni livelli di neuroenolasi;
  • marcatore del cancro CA-125;
  • individuazione di alcuni livelli di antigene del cancro;

Cosa determina un esame del sangue

Un esame del sangue aiuta a determinare:

  • varie metastasi e la loro posizione esatta;
  • individuazione tempestiva della recidiva del tumore, controllo del suo trattamento;
  • formazione polmonare maligna nelle prime fasi di sviluppo;
  • la formazione ha un carattere maligno o no.

Di conseguenza, l'esecuzione di un esame del sangue, preserva la salute umana e può salvargli la vita, soprattutto per le persone che hanno solo un tumore polmonare maligno. È questa analisi che consente ai medici di scoprire in tempo le future malattie del paziente. Successivamente, le persone con sospetta oncologia vengono inviate per ulteriori esami per confermare la diagnosi, in modo che il paziente abbia una possibilità di recupero.

Prove di profilassi

A causa del fatto che i sintomi dell'oncologia si manifestano già nelle ultime fasi, i medici consigliano alle persone di sottoporsi a esami del sangue per la prevenzione del cancro del polmone. Queste analisi sono più rilevanti per le persone a rischio, vale a dire:

  • forti fumatori;
  • persone costantemente esposte a gas velenosi;
  • persone a contatto con sostanze chimiche nelle loro attività lavorative;
  • vivere in condizioni di scarsa ecologia, ad esempio nelle grandi città industriali, dove l'atmosfera è inquinata da gas tossici;
  • pazienti con malattie polmonari croniche;
  • anche il fattore ereditario gioca un ruolo importante.

In tutti i casi di cui sopra, è necessario essere testati almeno una volta ogni 2 anni.

Trattamento del cancro con la bobina di Mishin:

Il dispositivo, sviluppato da scienziati russi, consente di affrontare efficacemente i tumori con l'aiuto di un campo elettrostatico. Un numero enorme di test e studi di medici ha confermato l'effetto positivo del dispositivo. Leggi di più

Trattamento dei tumori con la bobina di Mishin (video):

ORDINA I BOBINA DI MISHIN

Non tirare con la diagnosi e il trattamento della malattia!

Scegli il miglior centro medico per te dalla lista qui sotto e registrati per uno studio PET-CT!

Test per il cancro del polmone: cosa prendere e quali sono gli indicatori?

Nella pratica oncologica vengono utilizzati vari metodi diagnostici: radiografia, endoscopia, puntura, laboratorio. La diagnostica oncologica di laboratorio comprende tutta una serie di studi clinici, biochimici, immunologici, sierologici e batteriologici di campioni di vari biomateriali umani (sangue, urina, espettorato, versamento pleurico, liquido cerebrospinale, succo gastrico).

La medicina moderna non si ferma, introducendo in pratica gli ultimi test di laboratorio, che ogni anno svolgono un ruolo sempre più importante nell'esame dei pazienti oncologici, compreso il cancro del polmone.

Metodi di diagnosi di laboratorio del cancro del polmone

Un medico di qualsiasi specialità, compresa una famiglia, a cui un paziente oncologico si applica per la maggior parte del tempo, ha la responsabilità morale e legale per lui, dal momento che il successo del trattamento dei tumori maligni dipende principalmente dalla tempestività del loro riconoscimento.

Nel processo di sviluppo di una neoplasia maligna e le possibilità della sua diagnosi clinica possono essere divise in due periodi:

  1. Preclinici. Dura dal momento di comparsa di un tumore alla comparsa dei suoi primi segni clinici.
  2. Clinica. In questo periodo, i pazienti compaiono i primi sintomi clinici, ma spesso indicano un ampio processo oncologico.

È necessario evidenziare separatamente anche il periodo pretumor (precanceroso, preblastomato). Per il carcinoma polmonare, non esiste una patologia precancerosa al 100%, ma la presenza di bronchite cronica ricorrente, ascessi cronici, bronchiectasie, cavità, cisti, pneumofibrosi, polmonite cronica interstiziale nel paziente aumenta significativamente il rischio di cancro ai polmoni.

I metodi di ricerca di laboratorio sono di grande importanza per la diagnosi precoce del cancro del polmone. Utilizzando solo i risultati dei test, è quasi impossibile stabilire una diagnosi di cancro ai polmoni, ma può essere sospettata o chiarita.

Ad esempio, utilizzando test di laboratorio nel sangue di un paziente, possono essere identificati i marcatori tumorali del cancro del polmone, composti che sono un segnale di avvertimento per la presenza di un tumore nel corpo. Per la diagnosi del cancro del polmone, i test di laboratorio più comunemente mostrati sono:

  • test clinici (sangue, urina, espettorato);
  • analisi biochimiche (rilevazione di enzimi, ormoni);
  • test immunologici (determinazione dei marcatori tumorali e degli anticorpi monoclonali nel sangue);
  • studi morfologici (istologia, citologia).

Test di laboratorio per rilevare i segni di carcinoma polmonare sono indicati per i pazienti a rischio, che includono:

  • fumatori;
  • persone che vivono in regioni con situazione ambientale sfavorevole e che hanno malattie polmonari croniche;
  • lavoratori in occupazioni associate a condizioni di lavoro dannose;
  • persone dopo radiazioni e chemioterapia;
  • pazienti con ereditarietà gravata.

Il più grande valore prognostico nella diagnosi precoce del cancro del polmone sono studi di laboratorio condotti in presenza di un paziente con malattie precancerose o nel periodo preclinico di oncopatologia.

Immunodiagnosi per il cancro del polmone

L'introduzione di nuove apparecchiature mediche per la diagnostica clinica di laboratorio, ad esempio sistemi di test e dispositivi per l'analisi immunofermentale, ha portato a possibilità fondamentalmente nuove: la definizione di marker tumorali. Le cellule maligne contengono antigeni che sono caratteristici dei primi periodi di ontogenesi (in particolare, antigeni embionici) e non sono rilevati nelle cellule normali. Questi sono antigeni tumorali specifici.

Ma ci sono altri antigeni che sono presenti nelle cellule sane, ma in presenza di un processo oncologico, sono determinati in quantità che superano significativamente il loro contenuto massimo in una persona sana. Questi sono antigeni associati ai tumori.

Lo scopo principale della determinazione dei marcatori tumorali è quello di stabilire questa sostanza specifica nel sangue del paziente, con la quale è stato possibile determinare lo stadio iniziale della neoplasia cellulare prima della comparsa del quadro clinico e l'insorgenza di metastasi.

Nella diagnosi del cancro del polmone viene utilizzata la rilevazione dei marcatori tumorali nel sangue: CEA, NSE, ProGRP, CYFRA 21.1, CEA, SCCA. Un esame del sangue per il cancro del polmone per la presenza di marcatori tumorali mostra il tipo istologico di oncologia nel determinare le loro varie combinazioni:

  • per adenocarcinoma e carcinoma a grandi cellule - una combinazione di marcatori CEA e CYFRA 21.1;
  • per carcinoma a piccole cellule, una combinazione di ProGRP e NSE;
  • nel carcinoma squamoso, una combinazione di CEA, CYFRA 21.1 e SCCA;
  • con un tipo istologico non identificato, combinazioni di CEA, CYFRA 21.1, NSE e ProGRP.

Un risultato significativo nel campo dell'immunodiagnostica è lo sviluppo delle biotecnologie per la produzione di anticorpi monoclonali (MCAT).

Tali anticorpi si ottengono formando un complesso di un ibrido di linfociti di topo e una cellula tumorale umana, che è in grado di produrre anticorpi specifici assolutamente identici.

Attualmente, i MCAB sono stati ottenuti contro vari antigeni associati al tumore e i loro organoidi intracellulari (microsomi, lisosomi e altri). Le MCAT risultanti sono etichettate con radionuclidi, che migliora significativamente l'accuratezza della diagnosi di oncologia.

Altri test di laboratorio nella diagnosi del cancro del polmone

Per la selezione del materiale di prova per il cancro del polmone, non è richiesta alcuna preparazione speciale, ma è necessario seguire alcune regole:

  • il prelievo di sangue viene effettuato a stomaco vuoto, in modo che l'assunzione di cibo non falsi i risultati;
  • per l'analisi delle urine viene prelevata una porzione media di urina del mattino, prelevata dopo procedure igieniche degli organi genitali esterni;
  • l'espettorato viene prelevato in un contenitore sterile dopo la mattina spazzolando e risciacquando la bocca per evitare detriti alimentari o cellule della mucosa orale.

È difficile determinare la presenza di un processo oncologico nel corpo sulla base di un esame del sangue generale o biochimico, poiché i loro cambiamenti non sono specifici per l'oncologia. I test di laboratorio per il cancro del polmone, prima di tutto, mirano a determinare le condizioni del paziente durante l'intossicazione da cancro e valutare l'efficienza dei suoi organi e sistemi.

Emocromo completo per il cancro del polmone può mostrare nelle fasi iniziali del cancro:

  • leucocitosi (aumento del numero di leucociti nel sangue);
  • la leucoformula si sposta a sinistra;
  • eosinofilia (aumento del numero di eosinofili);
  • aumento della conta piastrinica;
  • Accelerazione ESR.

Nelle fasi successive (a causa dell'oppressione della formazione del sangue):

  • anemia (bassa emoglobina);
  • leucopenia (diminuzione del numero di leucociti nel sangue);
  • trombocitopenia (aumento del numero di piastrine nel sangue).

L'analisi generale delle urine nella maggior parte dei casi non è informativa, dal momento che non indica la presenza di patologia da cancro nei polmoni, tuttavia, può rivelare una violazione della funzione escretoria dei reni durante l'intossicazione da cancro.

I parametri biochimici del sangue mostrano lo stato funzionale dei reni, fegato, determinano la violazione del metabolismo delle proteine.

I tumori maligni aumentano il processo di disgregazione delle proteine ​​e inibiscono la sintesi proteica, pertanto, in uno studio biochimico nel sangue verrà determinato:

  • riduzione delle proteine ​​totali e albumina sierica;
  • aumento di alfa-2-globulina e gamma globulina;
  • aumento dei livelli di aldolasi e lattato deidrogenasi;
  • aumento della concentrazione di cortisolo nel sangue;
  • un aumento del contenuto di urea e creatinina (indica una violazione della funzione urinaria dei reni);
  • aumento della fosfatasi alcalina, AlAT e AsAT (indica la metastasi del tumore al fegato);
  • aumento della concentrazione di calcio nel sangue;
  • un aumento del livello di potassio nel sangue sullo sfondo di una normale quantità di sodio (indicando la cachessia del cancro).

L'analisi dell'espettorato generale è anche uno dei metodi di laboratorio di valore diagnostico per il cancro del polmone. Lo scarico dell'espettorato è uno dei primi sintomi del carcinoma polmonare centrale. L'odore, la natura e la composizione cellulare dell'espettorato possono essere sospetti e, in alcuni casi, stabilire oncologia nel sistema respiratorio.

Tali cambiamenti nell'espettorato sono caratteristici del carcinoma polmonare:

  • odore putrido;
  • l'apparizione di striature di sangue o espettorato sanguinante (negli stadi successivi sotto forma di "gelatina di lamponi");
  • perlato (lucido, lucido con inclusioni lucenti) espettorato caratteristico del carcinoma polmonare a cellule squamose;
  • a volte si trovano pezzi di tessuto tumorale.

Data la bassa rilevabilità del cancro del polmone durante gli esami preventivi (circa il 16%) e l'elevata incidenza di questo tumore, i principali oncologi stanno cercando metodi efficaci ma accessibili per lo screening.

I metodi diagnostici di laboratorio potrebbero essere studi di screening, ma al momento i più efficaci (marcatori tumorali, MCAT) sono costosi da eseguire su scala di massa, quindi, nel nostro paese, la fluorografia rimane l'unico metodo di massa per diagnosticare il cancro del polmone.

Fatecelo sapere - metti una valutazione Scarica.

Quali test per il cancro del polmone prendere?

Il cancro del polmone è una malattia caratterizzata dalla moltiplicazione incontrollata e dalla proliferazione delle cellule tumorali che derivano dal tessuto polmonare. Questa malattia è molto pericolosa per una persona, perché è spesso diagnosticata già nella fase avanzata. I test del cancro del polmone aiutano gli specialisti a vedere il quadro completo della malattia e selezionare un trattamento efficace.

Segni e sintomi precisi del cancro del polmone

La sintomatologia del carcinoma polmonare non è specifica e si manifesta principalmente in una persona già con un processo tumorale comune. I sintomi esatti del cancro del polmone includono:

All'inizio c'è solo una rara tosse secca che non produce espettorato. Quindi gli attacchi iniziano ad aumentare e diventano lunghi, il che indica che i bronchi sono collegati alla malattia.

Malattie respiratorie frequenti:

Le malattie infettive delle vie respiratorie (in particolare bronchiti e polmoniti) stanno diventando più frequenti. Nei polmoni sono sibili.

Mancanza di appetito e una persona perde peso:

Un tale sintomo caratterizza il cancro al polmone trascurato, in cui la promozione del cibo attraverso l'esofago diventa difficile a causa delle metastasi nei linfonodi che la comprimono.

Quando si tossisce, l'espettorato viene rilasciato dal sangue o di colore marrone. Questo è uno dei sintomi, costringendo una persona a correre urgentemente dal medico per chiedere aiuto. Si verifica dopo la sconfitta delle pareti dei bronchi, la distruzione dei vasi sanguigni e delle membrane mucose dei bronchi. Emottisi indica anche che il cancro del polmone è già in una forma molto avanzata.

Mancanza di respiro e respiro pesante:

Una persona soffre di mancanza di respiro, ci sono difficoltà nel processo di respirazione e stenocardia - questa è una forma avanzata caratteristica di cancro ai polmoni, quando estese parti dei polmoni non sono più coinvolte nel processo respiratorio, il letto vascolare del piccolo circolo del flusso sanguigno inizia a contrarsi e le strutture anatomiche del mediastino possono essere compresse.

Sternum pain and febbre:

Il dolore allo sterno si verifica nella parte in cui il tumore si trova negli stadi avanzati del cancro. Allo stesso tempo, un tale sintomo è spesso percepito come l'apparizione della nevralgia intercostale. Il dolore può avere intensità diversa, che dipende dal coinvolgimento nel processo della pleura. Inoltre, le sensazioni dolorose diventano più forti quando il tumore sta progredendo attivamente e le terminazioni nervose intercostali entrano nel processo. In questo caso, il dolore diventa insopportabile in natura e non viene arrestato con l'aiuto di antidolorifici.

Senza una ragione adeguata, può iniziare uno stato febbrile.

Una persona può perdere conoscenza, ci sono forti mal di testa, vertigini, ci sono deviazioni nella parola e perdita della vista.

Quali sono i test più oggettivi per il cancro del polmone oggi?

Nel condurre un'analisi generale e biochimica del sangue, nonché l'analisi dei marcatori tumorali, gli specialisti possono ottenere l'immagine più informativa dello stato di salute del paziente.

Emocromo completo per il cancro del polmone

Informa gli specialisti sulla velocità di eritrosedimentazione e sul livello di emoglobina. Giudicare in modo inequivocabile il cancro del polmone esistente sulla base della ricerca non può essere. Gli indicatori indicano solo che è necessario uno studio completo del paziente.

Analisi del sangue biochimica

Può anche indicare la presenza di un tumore. Se una persona ha un cancro ai polmoni, la biochimica del sangue mostrerà livelli elevati di α-2-globulina, calcio, cortisolo, lactoidrogenasi e una mancanza di albumina sierica. Questo studio è importante mentre si controlla il livello dei marcatori tumorali nel sangue.

Il test per i marcatori del tumore del polmone aiuta a determinare il tasso di crescita della quantità di alcune sostanze nel sangue che aiuta a prevedere il processo di progressione del tumore. Il costo dell'analisi è molto alto, ma i risultati non indicano sempre la presenza di cancro. Alcuni indicatori possono essere alti a causa dell'insufficienza di miocardio ed epatite, cirrosi epatica, ulcera gastrica, pancreatite e altre patologie.

Spesso nel processo di diagnosi dell'oncologia polmonare vengono utilizzati i seguenti marcatori tumorali:

  1. CEA - un marcatore tumorale di natura universale, che consente di determinare il cancro esistente. Ma il livello di questo antigene sta crescendo non solo nel cancro del polmone, ma anche nella cirrosi epatica.
  2. L'NCE è usato per identificare i tumori polmonari a piccole cellule.
  3. SCC, CYFRA 21-1 - utilizzato per identificare i tipi squamosi di cancro ai polmoni.

Un aumento insignificante della concentrazione di antigeni nel sangue può essere innescato da processi meno gravi rispetto al cancro del polmone, quindi l'analisi per i marcatori tumorali deve essere presa in concomitanza con le procedure diagnostiche.

Facilita l'individuazione del cancro o di cellule atipiche. Nel cancro del polmone, l'analisi citologica dell'espettorato mostra un risultato positivo nel 50% dei casi, con cancro centrale dei bronchi - fino all'88%.

Le indicazioni necessarie per assegnare queste analisi

I test del cancro al polmone possono essere eseguiti prima del ricovero in ospedale e prima che compaiano i primi sintomi. Questo aiuterà in tempo a diagnosticare la malattia ed evitare la sua progressione. Si consiglia di passare test alle persone:

  1. Abuso di fumare
  2. Avere una predisposizione ereditaria al cancro del polmone.
  3. Lavorando su siti di produzione malevoli.
  4. Avere una malattia polmonare cronica.
  5. Essere in contatto con il radon.
  6. Vivere in aree con situazione ambientale sfavorevole.

Chi è a rischio dovrebbe prendere seriamente il test e farlo regolarmente, ogni anno. Questo aiuterà a non iniziare la malattia e rimuovere il tumore prima che cresca e metastatizzerà.

Come prepararsi per un test del cancro del polmone? Cosa devi sapere?

Le analisi del sangue dovrebbero sempre essere prese al mattino. L'assunzione di cibo estremo prima della consegna del biomateriale non deve essere inferiore a 8 ore. È permesso bere solo acqua.

Una settimana prima dell'analisi dovrebbe essere senza prendere alcolici. Inoltre, un'ora prima che lo studio non è autorizzato a fumare. Affinché il contenuto informativo dell'analisi sia il più alto e il più affidabile, è necessario calmarsi prima della procedura e non essere nervoso, dormire bene ed evitare un eccessivo esercizio fisico.

Non è consigliabile donare il sangue per l'analisi dopo un massaggio, fisioterapia, bagno, raggi X e altra diagnostica. Se una persona ha già subito il trattamento necessario, il successivo esame del sangue per i marcatori tumorali viene somministrato non prima di tre mesi dopo. Spesso, subito dopo il trattamento, il numero di antigeni diminuisce significativamente. Se ciò non accade, è necessario rivedere completamente il corso del trattamento.

Prezzi per i test per il cancro del polmone in Ucraina:

  • emocromo completo - 70 grivna;
  • analisi del sangue biochimica - 580 grivna;
  • analisi dei marcatori dei tumori polmonari: CEA - 160 grivna, NCE - 335 grivna, SCC, CYFRA 21-1 - 290 grivna;
  • analisi dell'espettorato - 250 grivna.

Prezzi per i test per il cancro del polmone in Russia:

  • emocromo completo - 315 rubli;
  • analisi biochimica del sangue - 3.690 rubli;
  • analisi per i marcatori dei tumori polmonari: REA - 805 rubli, NCE - 1650 rubli, SCC, CYFRA 21-1 - 1240 rubli;
  • analisi dell'espettorato - 845 rubli.

Tutti i prezzi sono indicati nel listino prezzi ufficiale del laboratorio Invitro sia per l'Ucraina che per la Russia (2017).

Quando vale la pena di vedere un dottore?

È necessaria assistenza medica urgente se una persona ha almeno uno dei seguenti sintomi:

  • tosse a lungo, che non va via anche dopo il trattamento con preparazioni mediche;
  • forte dolore allo sterno con un respiro profondo;
  • raucedine della voce;
  • l'appetito scompare e una persona perde drasticamente il peso;
  • mancanza di respiro;
  • corso prolungato di malattie polmonari, così come la sua ricaduta presto.

La progressione del cancro del polmone può provocare:

  • dolore osseo;
  • arti deboli;
  • linfonodi ingrossati;
  • sintomi di natura neurologica, per esempio, quando la testa è molto stordita;
  • l'aspetto del giallo sul viso e negli occhi.

risultati

Quando compaiono i primi sintomi dell'oncologia, dovresti contattare immediatamente gli specialisti. I test per il cancro del polmone li aiuteranno in tempo per diagnosticare la malattia e prescriveranno un trattamento tempestivo efficace in modo che il tumore non raggiunga lo stadio avanzato e non diventi pericoloso per la vita e la salute umana.