Test per la polmonite: sangue, espettorato, raggi X.

La polmonite è un processo infettivo-infiammatorio in uno o più segmenti del tessuto polmonare, in alcuni casi l'intero lobo del polmone si infiamma. Per un corretto trattamento, è necessario capire il motivo: per questo, con la polmonite, viene eseguita una analisi del sangue, espettorato e fotografia a raggi X.

Informazioni generali

I fattori predisponenti includono: ipotermia, malnutrizione, fumo, superlavoro. Nelle persone di età può essere causato da congestione nel tessuto polmonare. Tuttavia, batteri, staphylococcus e pneumococco sono considerati la causa principale che provoca l'insorgenza di polmonite.

Infezioni virali che si moltiplicano nel sistema respiratorio superiore e creano condizioni favorevoli per la riproduzione di microrganismi possono anche provocare la malattia.

La forma della malattia, come la polmonite da micoplasma, si verifica nel 20% dei casi.

È causato da due tipi di micoplasma. La particolarità della polmonite da micoplasma è che non inizia immediatamente, accompagnata da una tosse secca, in cui l'espettorato o non lascia affatto, o si separa male.

In alcuni casi, la polmonite da micoplasma è complicata dalla formazione di bronchiectasie. Una malattia così grave richiede un trattamento ospedaliero e antibiotici per via endovenosa. Con una malattia così grave, è importante fare una diagnosi in tempo. Per una diagnosi accurata, ci sono molti metodi di ricerca e diagnosi. Ma uno dei più importanti è l'esame del sangue per la polmonite.

diagnostica

Per diagnosticare la polmonite sono basati sull'identificazione di indicatori elementari e allo stesso tempo informativi, che sono chiamati "gold standard".

L'aspetto della tosse e il suo aggravamento con lo scarico dell'espettorato, che è purulento o emorragico in natura, in alcuni casi emottisi. Ottuso suono di percussioni e ascolto di rantoli sonori e umidi.

Segni radiografici di polmonite Per rivelare l'immagine a raggi X della polmonite, i raggi X vengono presi in 2 proiezioni: diritte e laterali, e puoi ottenere le informazioni necessarie sulle condizioni degli organi. Tuttavia, nei primi tre giorni con segni clinici in un paziente con esame a raggi X, i cambiamenti nell'immagine potrebbero non essere visibili.

Molto spesso con polmonite nei polmoni c'è un accumulo di liquido. Il liquido si accumula nei polmoni in assenza di protezione alle pareti degli alveoli, aumento della permeabilità capillare. Fluido nei polmoni o edema polmonare è considerato una condizione molto grave che può verificarsi con insufficienza cardiaca, polmonite e crisi ipertensiva. In questo caso, il tessuto polmonare è pieno di liquido, non di aria.

Il primo segno che può indicare l'accumulo di liquido nei polmoni, considera l'apparenza di mancanza di respiro. Ai primi sintomi di liquido nei polmoni, un urgente bisogno di diagnosticare. La domanda sulla necessità di rimuovere il liquido dalla cavità pleurica viene decisa da uno specialista sulla base del quadro clinico della malattia.

Oltre all'esame esterno, sono necessari test di laboratorio per stabilire una diagnosi accurata.

Le analisi includono analisi generale e biochimica di sangue, urina ed espettorato in polmonite. Il tipo più significativo di ricerca è considerato un esame emocromocitometrico completo. In alcuni casi, con tale infiammazione, gli esami del sangue sono nel range di normalità, tali indicatori indicano un indebolimento del sistema immunitario. Prendono anche un esame del sangue per la presenza di anticorpi contro il micoplasma.

Per valutare lo stato funzionale del sistema respiratorio, al fine di stabilire l'agente patogeno e diagnosticare le complicazioni nel tempo, vengono effettuati anche alcuni studi supplementari.

Flemma e il suo colore

La superficie dei polmoni, del naso, della gola e del tratto gastrointestinale è la flemma. Si allontana anche in assenza di qualsiasi disturbo, ma qualsiasi cambiamento di colore, di norma, è un segno dello sviluppo del processo patologico.

Una flemma di colore giallo o marrone può essere un segno di una seria patologia dell'apparato respiratorio, a meno che, naturalmente, non si sia un forte fumatore. In alcuni casi, tale scarico si verifica con polmonite, bronchite o raffreddore.

Il muco bianco o grigio può essere un segno di malattia del seno. Se la flemma di colore rosa lascia, allora parla di una malattia cronica, ad esempio, le malattie cardiache. Il muco verde viene rilasciato in alcune malattie infettive.

Evidenziare il marrone appaiono nelle persone che vivono in aree con aria fortemente inquinata. Alcune infezioni del tratto respiratorio possono macchiare l'espettorato in una tinta verde-brunastra. Questo è un segno serio, se un tale colore nell'espettorato dovuto a cadere in esso di goccioline di sangue, allora questo può indicare sanguinamento nei polmoni. Spesso la causa dell'emottisi diventa chiara dopo aver scoperto il quadro della malattia.

La presenza di emottisi indica polmonite causata da infezioni fungine. Quando l'emottisi è accompagnata da dolore al lato del torace, può essere causato da un infarto polmonare. L'emottisi è considerata un sintomo raro, ma la sua presenza indica sempre una lesione grave delle vie respiratorie. L'insorgenza di emottisi è associata a permeabilità capillare. Dovrebbe essere chiarito che la causa dell'emottisi negli adulti e nei bambini può essere non solo i polmoni, ma anche il tratto gastrointestinale e il nasofaringe. Nei pazienti con emottisi grave, deve essere eseguita la broncoscopia per identificare la fonte del sanguinamento.

Fluorografia e raggi X.

Non tutti i pazienti comprendono la specificità della fluorografia. La radiografia è un metodo diagnostico e la fluorografia è preventiva. Nelle fasi iniziali, la fluorografia può rilevare la polmonite, la tubercolosi o il cancro. Sulla radiografia, le patologie appaiono in modo più preciso rispetto alla fluorografia.

Se il medico guarda le immagini inizia a dubitare, allora il paziente viene indirizzato a una radiografia.

Alcuni tipi di polmonite non sembrano così chiaramente sulla fluorografia. Una varietà di infezioni che interessano i polmoni influenza la nitidezza dell'immagine durante la fluorografia. La fluorografia è limitata solo alla regione del cuore e dei polmoni, quindi i pazienti ricevono una piccola dose di radiazioni, a differenza dell'utilizzo dei raggi X.

Foto di laboratorio

Un esame del sangue è un tipo obbligatorio di esame di tutti i pazienti con polmonite. Un valore diagnostico speciale è il calcolo del numero di leucociti, di ESR e dell'instaurazione della formula dei leucociti.

  • Gli eritrociti sono normali o una leggera diminuzione; in caso di polmonite grave, i globuli rossi aumentano a causa della disidratazione.
  • I leucociti sono considerati uno degli indicatori principali nella decifrazione degli esami del sangue, con la polmonite, sono molto più alti.
  • Leucopenia si esprime in una sottostima del numero di leucociti, che è caratteristico della polmonite virale.
  • Quando la formula dei leucociti mostra bassi neutrofili e un numero maggiore di linfociti, allora questo è un segno della natura virale della polmonite in un bambino.
  • La polmonite batterica è espressa da un numero ridotto di linfociti.
  • Quando la polmonite diminuisce la percentuale di monociti, eosinofili e basofili.
  • L'ESR supera i livelli normali. L'ESR riflette l'intensità dei processi infiammatori, inclusa l'infiammazione dei polmoni. In caso di polmonite, la VES supera i 30 mm / h, negli uomini la VES è 1-10 mm / h, nelle donne 2-15 mm / h, per un bambino, gli indicatori caratteristici sono 1-8 mm / h.
  • Le piastrine sono normali.

Quando si decodifica un esame del sangue generale in un bambino con polmonite, è necessario prestare attenzione che le modifiche dipendono dalla gravità del decorso della malattia. Più grave è la malattia in un bambino, maggiore è la leucocitosi e il cambiamento nella formula dei leucociti. Le analisi dovrebbero essere fatte regolarmente e, per i primi segni della malattia, consultare un medico.

La decodifica di tutti i test per un bambino deve essere eseguita da uno specialista, tenendo conto del criterio dell'età, della gravità delle condizioni del paziente, di altre malattie e dei risultati di altri studi, inclusi i raggi x dei polmoni in polmonite. In un bambino, la malattia è più difficile che negli adulti. La durata del trattamento per la polmonite si basa sulle caratteristiche individuali del bambino e dell'adulto.

Analisi del sangue di laboratorio per la polmonite

La polmonite è chiamata infiammazione focale acuta del tessuto polmonare, che ha una natura infettiva. A causa della diagnosi tardiva e della prematura prescrizione di antibiotici, la polmonite è la principale causa di morte in tutto il mondo. Ma d'altra parte, l'uso imprudente di agenti antimicrobici nella polmonite virale porta allo sviluppo di resistenza ai farmaci in microrganismi.

Decisivi nella diagnosi di polmonite sono i dati ottenuti durante l'ascolto, toccando, esame a raggi X del tessuto polmonare. Con la polmonite, un esame del sangue generale dà al medico le seguenti opzioni:

  • stabilire la natura dell'agente causale;
  • valutare la gravità del paziente;
  • determinare l'efficacia del trattamento;
  • prevedere l'esito della malattia.

Analisi clinica

I campioni di sangue vengono prelevati per analisi al mattino a stomaco vuoto; con studi ripetuti - sempre allo stesso tempo. Se si sospetta una polmonite, presta attenzione ai seguenti indicatori:

  • conteggio dei leucociti;
  • VES - tasso di sedimentazione degli eritrociti;
  • formula dei leucociti.

I leucociti svolgono funzioni protettive nel corpo. Questi globuli bianchi sono in grado di migrare dal flusso sanguigno al tessuto e assorbire le particelle estranee e nocive. I leucociti danno origine allo sviluppo dell'infiammazione - la principale reazione protettiva del corpo. Nel centro dell'infiammazione, edema, dolore, aumento della temperatura locale.

In una persona sana per adulti contiene da 4 a 9 * 109 / l di leucociti. Con un lieve grado di polmonite batterica, l'analisi mostra un aumento della concentrazione di queste cellule - leucocitosi, che è moderata. Il valore di VES, normalmente non superiore a 2-15 mm / ora, supera il segno di 30 mm / ora. L'aumento del tasso è associato a cambiamenti nella composizione proteica del sangue durante l'infiammazione.

Con una polmonite moderata, un aumento del livello dei leucociti si verifica a causa di un aumento del contenuto di neutrofili. Forme immature di leucociti appaiono nel sangue (stab neutrofili, mielociti). Nel determinare la formula del sangue, questo fenomeno si chiama spostamento sinistro iperregenerativo. Lo spostamento è dovuto al fatto che nel midollo osseo durante l'infiammazione, i processi di rinnovamento cellulare aumentano notevolmente.

Leucocitosi significativa (più di 20-25 * 109 / l), la prevalenza di neutrofili nel sangue e un brusco spostamento della formula dei leucociti a sinistra indica una forma grave di polmonite. Le tossine escrete cambiano la struttura del citoplasma dei neutrofili e la microscopia dello striscio di sangue rivela in essi una granulosità tossica. Il valore di ESR supera i 50 mm / ora.

Polmonite virale e atipica causata da micoplasmi, clamidia, danno risultati leggermente diversi dello studio.

Pertanto, il livello generale dei leucociti può aumentare leggermente, rimanere normale o addirittura scendere al di sotto del limite di 4 * 109 / l. Il contenuto di linfociti aumenta, l'ESR aumenta moderatamente. Un basso numero di globuli bianchi sullo sfondo di segni clinici pronunciati può indicare una debole resistenza del corpo del paziente. Livelli molto bassi e alti di leucociti forniscono motivi per l'ospedalizzazione di una persona con polmonite in ospedale.

Indicatori biochimici

Per analisi biochimiche usando il siero del sangue isolato dal sangue venoso del paziente. Nel corso della malattia, una serie di studi viene effettuata con una pausa di 4-5 giorni: ciò consente di valutare la dinamica della malattia. Nella polmonite, i seguenti biomarcatori sono di interesse:

  • Proteina C-reattiva;
  • fibrinogeno;
  • aptoglobina;
  • neopterina;
  • proteina amiloide A;
  • ceruloplasmina;
  • procalcitonina.

Queste sono sostanze di natura proteica, che in una persona sana sono sintetizzate in piccole quantità da cellule epatiche. Con le lesioni, la chirurgia, l'introduzione di microrganismi patogeni, la sintesi di queste proteine ​​aumenta drammaticamente. Le sostanze proteiche sono necessarie per eliminare il fattore dannoso, localizzare il fuoco infiammatorio e ripristinare le funzioni compromesse, quindi vengono anche chiamate proteine ​​della fase acuta dell'infiammazione.

Il primo indicatore di un processo infiammatorio è un aumento del livello di proteina C-reattiva.

La proteina C-reattiva è in grado di entrare in reazioni biochimiche con sostanze di batteri (pneumococchi) che causano la polmonite. Se normalmente la sua concentrazione è in media di 0,8 mg / l, durante l'infiammazione questo livello sale 100 e anche 1000 volte. Un aumento del livello proteico si osserva già nelle prime 6 ore di infiammazione, quando il livello di ESR e leucociti è ancora normale. Dopo 2 giorni, la concentrazione della sostanza raggiunge il massimo.

Le fluttuazioni nella concentrazione della proteina C-reattiva nell'intervallo 50-150 mg / l indicano lo sviluppo di una forma virale o atipica di polmonite. In questo caso, è possibile ritardare la nomina di farmaci antibatterici. Un aumento del livello di proteina C-reattiva superiore a 150-160 mg / l indica la natura batterica della polmonite ed è la base per l'uso di antibiotici. Se dopo 4-5 giorni di utilizzo di agenti antibatterici il livello di proteine ​​non si stabilizza, ciò indica l'inefficacia degli antibiotici utilizzati.

Un altro precoce indicatore dell'infiammazione è la proteina amiloide A. Alla fine della reazione infiammatoria, un eccesso della sostanza viene distrutto dai macrofagi. Le alte concentrazioni circolanti di proteine ​​indicano un processo infiammatorio ritardato, una maggiore probabilità di complicanze.

Ulteriori ricerche

La condizione del paziente e i sintomi identificati della malattia dipendono da quali altri esami del sangue sono richiesti. Sullo sfondo di una violenta violazione della minzione, viene esaminato il livello di urea e creatinina. L'aumento di questi parametri biochimici indica violazioni dei reni.

Una forte intossicazione può essere giudicata dal livello degli enzimi epatici e della bilirubina. Con l'indebolimento del corpo, la disidratazione, la mancanza di nutrizione (specialmente le proteine) nel sangue aumenta il livello di albumina.

Con sintomi di insufficienza respiratoria condurre un'analisi del gas del sangue arterioso. Ridurre la pressione parziale di ossigeno inferiore a 60 mm Hg. Art. è un segno diagnostico molto sfavorevole e indica una diminuzione del volume respiratorio. In questo caso, il paziente richiede l'ossigenoterapia.

I test sierologici sono molto lunghi, potrebbero essere necessarie diverse settimane per ottenere risultati. Nella pratica clinica, sono raramente utilizzati per identificare i patogeni atipici e valutare la situazione epidemiologica. In ogni caso, i risultati degli esami del sangue in laboratorio non possono essere considerati isolatamente dal quadro clinico della malattia.

Analisi del sangue per la polmonite: caratteristiche di consegna e interpretazione dei risultati

La polmonite è una malattia che è accompagnata da un processo infettivo-virale in uno o più segmenti del tessuto polmonare. Succede che una lesione colpisce l'intero lobo polmonare.

Come mostrano le statistiche, ogni anno la polmonite viene diagnosticata in oltre 500 mila residenti della Federazione Russa. Se sospetti che la polmonite possa essere determinata dai seguenti test ed esami:

  • emocromo completo;
  • analisi biochimiche;
  • analisi dell'espettorato;
  • analisi delle urine;
  • fotofluorogramma, ecc.

Ma il più informativo è l'esame del sangue generale per la polmonite. Ma come determinare la polmonite mediante analisi del sangue? Quali indicatori nel sangue del paziente dovrebbero allertare? Questo sarà discusso più avanti nell'articolo.

Caratteristiche della malattia e sua immagine

Le cause più comuni di polmonite sono tali fattori:

  • eccessiva ipotermia;
  • nutrizione squilibrata;
  • cattive abitudini;
  • affaticamento.

Provocare anche disturbi nelle persone della categoria di età più avanzata sono in grado di congestione nei polmoni.

Ma la causa della polmonite virale è solitamente causata da vari batteri, per esempio lo stafilococco, che con una forza incredibile può moltiplicarsi nelle regioni respiratorie superiori.

Dato che la malattia è molto pericolosa, le complicanze sono particolarmente pericolose, il trattamento tempestivo è molto importante, preferibilmente in ospedale sotto la supervisione attenta degli specialisti.

Oggi ci sono una serie di criteri, in presenza dei quali il paziente sarà ricoverato in ospedale. Le indicazioni per il ricovero possono essere:

  • segni caratteristici di insufficienza respiratoria, in cui il numero di respiri / esalazioni supera 30 volte al minuto;
  • coscienza disturbata;
  • è necessario ventilare artificialmente i polmoni;
  • un forte deterioramento della salute;
  • con la sconfitta del lobo polmonare;
  • con bassa pressione sanguigna;
  • riducendo la quantità di urina.

Per diagnosticare la malattia il più accuratamente possibile, si può ricorrere a vari metodi diagnostici, il più importante dei quali è considerato un esame del sangue per la polmonite.

Quando il paziente ha visitato il medico distrettuale per l'esame e la consultazione, viene inviato a sottoporsi a raggi X e alcuni test (i test per la polmonite possono differire in ciascun caso, a seconda della complessità del decorso della malattia e delle condizioni del paziente). Solo dopo aver ricevuto i risultati del test, il medico sarà in grado di stabilire con precisione lo stadio della malattia e prescrivere il trattamento appropriato.

Analizzando l'emocromo per polmonite, il medico deve prima prestare attenzione al numero di leucociti. Inoltre, i seguenti fattori indicano lo sviluppo e la progressione della polmonite:

  • Nella normale analisi del sangue di una persona sana, il numero di leucociti varia tra 4 e 9 g / l. Se c'è polmonite, un esame del sangue mostrerà un aumento della norma più volte, fino a 40-60g / l.
  • Se la polmonite non può essere confermata secondo un esame del sangue generale (i leucociti rientrano nei limiti accettabili), ciò può indicare lo sviluppo di una forma batterica della malattia. In questo caso, il paziente deve essere inviato per una radiografia, dopo di che sarà possibile vedere nella foto le lesioni infiammate in alcune parti dello sterno.
  • Una forma aumentata di metamyelocytes e myelocytes nella formula di leucocita è anche capace di indicare la forma affilata di polmonite focale.

Non meno importante indicatore nell'analisi del sangue per polmonite è ESR - tasso di sedimentazione dell'eritrocito.

Si prega di notare che questo indicatore è raramente univoco. Deviazioni dai valori normali possono essere nelle analisi degli anziani e delle donne nella situazione.

Il valore generalmente accettato di questo indicatore per le donne è 2-15 mm / h, per gli uomini - 1-10 mm / h. In un momento in cui nelle donne in gravidanza la VES raggiunge i 40 mm / h, e nei pensionati, le cifre fino a 30 sono considerate la norma.

Un chiaro segno che indica lo sviluppo della polmonite è un netto aumento della VES, con una velocità che può raggiungere gli 80 mm / h. Ma ci sono anche casi in cui l'ESR non supera i limiti consentiti, cosa che accade molto raramente.

Vale la pena notare che un esame del sangue per la polmonite in un bambino che non ha ancora 5 anni può avere grandi discrepanze negli indicatori, se confrontato con i "test per adulti". L'indicatore di VES, che è considerato un eccesso della norma per i pazienti adulti, è abbastanza normale per i bambini in età prescolare.

Ulteriori misure diagnostiche

Nel caso in cui il medico debba ottenere maggiori informazioni sulle condizioni del paziente, può prescrivere tali procedure aggiuntive:

Di norma, la tomografia computerizzata viene prescritta a quei pazienti che non sperimentano miglioramenti nel corso del trattamento a lungo termine. Questa procedura aiuta a stabilire possibili complicanze o malattie concomitanti che rallentano il processo di guarigione, ad esempio:

  • neoplasie;
  • la presenza di un corpo estraneo nelle vie aeree del paziente;
  • struttura anormale dei bronchi e / o dei polmoni.
  1. Ultrasuoni del cuore

L'esame ecografico del cuore consente di diagnosticare complicazioni che possono influire negativamente sul cuore o rilevare i suoi disturbi indipendenti.

Utilizzando il metodo di ricerca endoscopico, diventa possibile rilevare un corpo estraneo, neoplasie, processi infiammatori o sviluppo anormale di polmoni e bronchi.

Fai attenzione! Poiché non ci sono terminazioni nervose nei polmoni che possono disturbare il paziente, costringendolo quindi a essere esaminato da specialisti, una persona potrebbe non essere nemmeno a conoscenza del processo patologico nel suo corpo per un lungo periodo. Ecco perché, ai fini della profilassi, si raccomanda di eseguire la fluorografia almeno una volta ogni 12 mesi.

Come prepararsi per il test?

Affinché la polmonite possa essere diagnosticata o confutata il più accuratamente possibile mediante analisi del sangue, segui questi semplici consigli:

  • andare a donare il sangue esclusivamente a stomaco vuoto Sutra, con l'ultimo uso di cibo dovrebbe essere entro e non oltre 8 ore prima della presunta consegna di un campione di sangue;
  • Per ottenere le informazioni più accurate, alla vigilia dei test per 24 ore, rifiutare di assumere farmaci;
  • Prova ad abbandonare cibi fritti e grassi, così come i liquori.

Oltre al fatto che il sangue nella polmonite è il campione biologico più importante per accertare il disturbo, il paziente può anche essere prescritto per passare una scarica dai bronchi. È l'analisi dell'espettorato aiuta a determinare la specificità del processo infiammatorio e prescrive il corso terapeutico più efficace.

Analisi del sangue biochimica per polmonite

Oltre all'analisi clinica, prescritta dai medici a tutti i pazienti con sospetta polmonite, è obbligatoria anche l'analisi biochimica, necessaria per la diagnosi di possibili complicanze e il controllo del decorso della malattia.

Lo scopo dell'analisi biochimica è monitorare il rapporto nel sangue di un paziente con anidride carbonica e ossigeno. Se la polmonite ha causato complicazioni che portano all'inibizione dell'attività respiratoria umana, l'analisi mostrerà i segni caratteristici che il paziente riceve meno ossigeno.

Una tale situazione è considerata la più pericolosa, perché se un paziente riceve un trattamento scorretto o inadeguato, c'è un'alta probabilità che il cervello perda ossigeno.

Quali sono le caratteristiche distintive delle analisi del sangue dei bambini?

Gli esami del sangue per la polmonite nei bambini possono cambiare tutto il tempo, che non è una patologia.

Ad esempio, nei bambini di età inferiore a 4 anni, il numero di linfociti supera il numero di neutrofili più volte. Una tale situazione negli adulti potrebbe indicare una progressione della polmonite virale, ma nei bambini di questa fascia di età questo è normale.

Dopo che il bambino ha raggiunto l'età di 5 anni, la situazione cambia drasticamente - il numero di neutrofili aumenta a tali indicatori, che non raggiungono i linfociti.

Durante la pubertà (sotto i 15 anni di età), un esame emocromocitometrico completo, inclusa ESR, raggiunge valori considerati normali per gli adulti.

Data la tendenza a interpretare correttamente i risultati dei test per bambini, è meglio consultare un pediatra che conosca tutte le caratteristiche del corpo di un bambino.

Come garantire l'efficacia del trattamento?

È possibile parlare dell'efficienza con cui il paziente viene trattato, dopo aver analizzato tali dati:

  1. Gli indicatori della temperatura corporea ottengono il valore normale.
  2. La condizione generale del paziente e un tono migliora.
  3. Il fastidioso colpo di tosse scompare e non si sentono i rantoli polmonari.
  4. Nello sterno del paziente non infastidisce il disagio e il dolore.

In conclusione, vorrei aggiungere che solo un trattamento completo e una diagnosi tempestiva e corretta aiuteranno a guarire dalla malattia. E affinché le misure terapeutiche raggiungano l'effetto previsto, il medico deve ottenere le informazioni più complete sul decorso della malattia.

Se il paziente seguirà rigorosamente tutte le raccomandazioni del medico curante, il recupero non tarderà ad attendere!

Risultati dell'analisi del sangue per la polmonite

La polmonite è un processo patologico nel tessuto polmonare causato da agenti patogeni infettivi. Il medico fa una diagnosi basata sui reclami e sui dati dei pazienti. Dopo la diagnosi preliminare prescritto farmaci. Quindi nominare ulteriori metodi di esame, compresi gli esami del sangue. Sono necessari per fare la diagnosi finale e la scelta di ulteriori tattiche di trattamento. Nell'articolo parleremo del test del sangue per la polmonite.

Cosa succede nel sangue periferico durante una malattia

Il principale fattore eziologico nello sviluppo della malattia sono i batteri e, in misura minore, i virus. Successivamente, considera più in dettaglio quali cambiamenti si verificano nell'analisi del sangue per la polmonite batterica:

  1. Leucocitosi segmentaria con una predominanza di giovani forme di leucociti. Questo indicatore supera più del 5% del numero totale di leucociti. Influenzano il pieno funzionamento del sistema immunitario. Sono queste cellule del sangue che sono coinvolte nella risposta immunitaria all'ingresso di agenti estranei nel corpo umano. I leucociti esistono in tre forme: adolescente, intermedio e maturo. Se nella formula dei leucociti dispiegata vediamo la predominanza di forme giovani di leucociti, questo indica un aumento del numero di questi elementi formati nel germe emopoiesi. L'aumento della divisione dei leucociti avviene a causa di processi infiammatori nella polmonite acuta.

È possibile modificare questo indicatore per capire dove si trova il processo infiammatorio? È impossibile scoprire la posizione polmonare o extrapolmonare dei processi patologici. Questo indicatore può solo indicare l'infiammazione. Secondo il livello dei leucociti nel sangue, è molto difficile valutare l'efficacia del trattamento, a meno che periodicamente non venga eseguito un esame emocromocitometrico completo per la polmonite.

Se una persona si trova in una condizione molto grave e non vi sono dinamiche del sangue positive durante la terapia, questo può indicare la presenza di fallimenti patologici nel sistema immunitario o ematopoietico. Inoltre, è stata osservata la relazione tra il livello dei giovani leucociti e la durata della malattia. Più alto è il tasso di forme giovani di leucociti, più a lungo dura la malattia.

  1. ESR accelerato. Il limite superiore della norma di questo indicatore per gli uomini è di 10 mm / h, e per le donne di 15 mm / h. Nei processi infiammatori nei polmoni, l'entità di questo segno può raggiungere i 20 mm / h. In caso di polmonite grave, il livello di questo indicatore aumenta fino a 40 mm / he più. Se la VES aumenta di 5-7 volte, allora questo probabilmente indica la presenza di un processo autoimmune o di una neoplasia maligna. L'ESR può essere aumentata nelle persone sottoposte a terapia immunosoppressiva.
  2. Molto raramente, c'è un aumento nel livello di eosinofili e basofili. Queste conte ematiche rispondono ai processi patologici associati. Un aumento di eosinofili può indicare l'invasione elmintica e l'asma bronchiale.
  3. La linfocitosi indica un'eziologia virale della malattia. Se vi è linfocitosi nel sangue del paziente, allora può ancora indicare che un'infezione batterica non si è ancora unificata. La polmonite causata dai virus è molto difficile da trattare perché non esiste attualmente una terapia etiotropica.
  4. Gli eritrociti in pazienti con polmonite sono normali o c'è un leggero aumento del livello di questo indicatore. Se c'è un aumento significativo nel livello di questo indicatore. Questo indicherà la gravità del processo infettivo-infiammatorio nei polmoni. Inoltre, la policitemia si verifica molto spesso tra i bambini con grave disidratazione.

Emocromo completo nei bambini con polmonite

Normalmente, un esame del sangue di laboratorio generale negli adulti è significativamente diverso da quello di un bambino. Un modello simile si trova anche nella polmonite. Ad esempio, nei bambini sotto i 5 anni il numero di linfociti è molto più alto del livello dei neutrofili.

Tali indicatori nella parte adulta della popolazione possono essere interpretati come la presenza di danno virale ai polmoni, ma nei bambini di questa età questa cifra è la norma.

Dopo 5 anni, c'è un cosiddetto chiasma nella formula dei leucociti. Così, nei bambini, come nella popolazione adulta, i neutrofili iniziano a dominare sui linfociti. Nel decifrare il sangue durante l'infiammazione, queste caratteristiche dovrebbero essere prese in considerazione e pertanto l'interpretazione dello studio dovrebbe essere affidata a un pediatra competente.

Biochimica del sangue per la polmonite

Oltre all'analisi clinica del sangue per i pazienti con polmonite, sono prescritti esami del sangue biochimici. Questo metodo diagnostico non ha indicatori specifici. Gli esami del sangue possono vedere solo una violazione dei processi metabolici. Secondo lo studio, è possibile valutare l'attività del processo infiammatorio e determinare con elevata precisione in cui si verificano i cambiamenti del sistema.

Nei processi infiammatori nel tessuto polmonare nello studio biochimico di alcuni cambiamenti non si verificano, come con tutti i processi infiammatori acuti aumentati indicatori di fase acuta come: fibrinogeno, proteina c-reattiva, seromukoide, ceruloplasmina e altri. Si osserva anche un cambiamento nel rapporto delle frazioni proteiche.

Equilibrio acido-base

Ti permette di stimare il rapporto di2 e CO2 nel corpo. I pazienti in gravi condizioni con polmonite possono sviluppare la privazione dell'ossigeno di organi e tessuti, comprese le cellule nervose del cervello. Se iniziamo a correggere l'equilibrio acido-base e il livello di elettroliti in modo tempestivo, è possibile evitare l'ulteriore sviluppo di complicazioni.

Ci sono buoni risultati dei test per le malattie polmonari infiammatorie?

Non esiste un buon esame del sangue per la polmonite. Quando appare un risultato simile, vale la pena di pensare a un errore quando si esegue un'analisi di laboratorio. Quando assolutamente tutti i processi infiammatori devono essere osservati cambiamenti che indicheranno la presenza di un processo patologico:

  • In caso di polmonite lieve, si osserva una leucocitosi moderata e un parametro più elevato della velocità di sedimentazione degli eritrociti.
  • L'infiammazione dei polmoni di gravità moderata è caratterizzata da una VES accelerata e un aumento significativo del livello dei globuli bianchi.
  • Quando il paziente è in una condizione seria, c'è una VES osservata nel sangue (a causa delle forme giovani) e aumenta la prevalenza delle forme giovani di leucociti nella formula dei leucociti. Inoltre, vi è una diminuzione del livello di linfociti ed eosinofili. Se il livello di eosinofili supera il 4,5%, questo indica la presenza di un allergene.
  • Giudica che il successo della terapia sia richiesto dal livello di eosinofili e monociti. Se i livelli di questi indicatori aumentano, allora possiamo parlare del processo di risoluzione.
  • In rari casi, non vi è la leucocitosi nel test del sangue per la polmonite. Questo fenomeno in termini di previsione è sfavorevole. È molto comune nelle persone anziane, oltre che emaciato.

Può un esame del sangue mostrare polmonite?

Un esame del sangue per la polmonite, se tutte le raccomandazioni preparatorie sono state soddisfatte, è in grado di mostrare con certezza la presenza della malattia.

Per qualsiasi sintomo, un esame emocromocitometrico completo è considerato obbligatorio sia per gli adulti che per i bambini.

Gli indicatori, che vengono valutati in esami del sangue generali, consentono di determinare la presenza di polmonite, anche in un bambino.

Caratteristiche della definizione

Per qualsiasi lamentela da parte del paziente sull'indisposizione, il medico deve prescrivere un esame emocromocitometrico completo. Tale studio è condotto e con sospetta polmonite.

Con esso, è possibile ottenere tutti i principali parametri del sangue di adulti e bambini, sulla base dei quali viene determinata l'una o l'altra patologia.

Ovviamente, per una diagnosi più accurata, molto probabilmente saranno necessari ulteriori tipi di diagnostica, tuttavia è già possibile trarre conclusioni preliminari sulla presenza di patologie.

Quindi, in caso di sospetta polmonite, oltre a un esame del sangue, è possibile utilizzare anche l'esame a raggi X e la microscopia dell'espettorato per determinare la malattia.

Meglio di tutti, se è necessario stabilire il fatto di polmonite nel modo più preciso possibile, quindi utilizzare tutti questi esami in combinazione.

Un esame del sangue può mostrare in modo affidabile la presenza di un processo infiammatorio nel corpo, inoltre rende possibile con un'alta probabilità stimarne l'intensità e il carattere.

Un esame del sangue per l'individuazione della polmonite viene eseguito da un medico in qualsiasi istituzione medica che dispone di un proprio laboratorio.

In questo caso, quando si esamina un campione di sangue, un operatore di laboratorio esamina attentamente la sua formula di leucociti per assumere con la massima precisione l'eziologia della malattia, che può essere sia virale che batterica.

Va notato che un esame del sangue per rilevare la polmonite è prescritto al paziente almeno due volte: immediatamente prima dell'inizio del trattamento, quando è necessario confermare il fatto della patologia, e anche alla fine di esso, per confermare l'efficacia della terapia.

In alcuni casi, viene eseguita anche un'analisi del sangue durante la fase attiva del trattamento. Ciò consente al medico di valutare le dinamiche del trattamento.

Tale analisi è necessariamente effettuata non solo tra gli adulti, ma anche nei bambini che hanno la polmonite.

Quando la polmonite si sta sviluppando attivamente nel corpo di adulti e bambini, alcuni cambiamenti avvengono nel fluido sanguigno.

Innanzitutto, in questo caso, in un adulto e in un bambino, è possibile osservare leucocitosi e una marcata accelerazione della VES.

Inoltre, i risultati dello studio potrebbero mostrare che la formula dei leucociti è spostata leggermente a sinistra.

Per decifrare correttamente i risultati di uno studio, è necessario conoscere le norme di tutti gli indicatori principali.

Inoltre, quando si analizza la rilevazione di polmonite, è importante tenere conto di tutte le caratteristiche fisiologiche di ogni persona.

Va notato che per un adulto e un bambino in uno stato normale, il numero di leucociti varia da 4 a 9 G / l.

L'infiammazione dei polmoni aumenta questa cifra a 60 g / l, sia negli adulti che nei bambini. Lo stesso vale per l'indice ESR, che aumenta drammaticamente con la polmonite.

I primi segni di polmonite rendono possibile determinare un esame del sangue generale, i cui risultati possono essere utilizzati per ulteriori diagnosi.

Ordine di decrittazione

La principale funzione protettiva nel corpo da vari tipi di infiammazione viene eseguita dai leucociti, che sono uno degli elementi più importanti del liquido sanguigno.

In questo caso, va notato che tra questi elementi ci sono diversi tipi di celle, ognuna delle quali svolge una propria funzione specifica.

In medicina, i globuli bianchi possono essere suddivisi in incolore, viola e rosa. Il colore dell'elemento è chiaramente visibile al microscopio.

Quando un adulto o un bambino sviluppano attivamente polmonite, si può osservare un forte aumento delle cellule incolori. Questa patologia è chiamata neutrofilia.

I neutrofili, che sono cellule incolori, differiscono tra loro in base ai criteri di età.

Quindi, per un organismo sano, un rapporto è caratteristico, in cui il numero di cellule giovani è entro il 5%, a sua volta, matura circa il 60%.

Quando il paziente, incluso il bambino, progredisce nella polmonite, questo rapporto viene bruscamente disturbato.

Affinché il sistema immunitario possa resistere efficacemente all'infezione che ha causato lo sviluppo di polmonite, è necessario un forte aumento delle cellule giovani.

Inoltre, durante la polmonite, si può osservare una certa destabilizzazione in relazione all'indice ESR.

Di regola, si osserva un aumento della VES in varie patologie infiammatorie.

Nel frattempo, questo valore può leggermente aumentare nel caso di gravidanza, così come negli anziani.

Fortemente dalla norma nel lato più piccolo, questo indicatore differisce nei bambini. Non è ambiguo giudicare che quando il valore di ESR cambia nel corpo di un adulto o di un bambino, la polmonite si sviluppa, è impossibile.

In questo caso sono necessari ulteriori strumenti diagnostici, ad esempio analisi biochimiche.

Con la polmonite virale, si verificano cambiamenti evidenti con il valore di KLA. Vale la pena notare che non sempre l'aumento dei leucociti è causato dalla crescita dei neutrofili.

Nel caso in cui l'infiammazione dei polmoni sia innescata da un virus, si noterà un netto aumento del numero totale di linfociti, poiché sono loro a cui viene dato il ruolo di combattere contro tutti i tipi di virus.

Il principio della decodifica

Un esame del sangue per la polmonite è il modo più accessibile per determinare se questa patologia è presente nel corpo, anche in un bambino.

Il primo segno che negli adulti e nei bambini si verifica realmente una polmonite è un forte aumento del numero di leucociti nel sangue.

Che tipo di indicatori sono indagati nel sangue in caso di sospetti gravi di polmonite, può essere accuratamente risposta dal medico curante.

In laboratorio, quando viene esaminato il sangue di un paziente, viene studiata attentamente una formula di leucociti, che mostra un cambiamento anormale nella percentuale di diversi gruppi di leucociti.

Quando a un paziente viene diagnosticata una polmonite focale acuta, si può osservare uno spostamento di questa formula a sinistra.

Il test del sangue più affidabile per determinare la polmonite è biochimico. In questo caso, il laboratorio presta attenzione alla presenza di fibrinogeno e di proteina C reattiva.

Se entrambi questi indici hanno valori elevati, questo indica completamente la presenza nel corpo del processo infiammatorio.

Inoltre, nello studio dell'aspetto liquido del sangue e della presenza di acidi sialici.

In quei pazienti con diagnosi di polmonite cronica, un esame del sangue mostra un cambiamento in tutti i principali indici.

Quando la malattia è in fase di remissione, un esame del sangue può mostrare un risultato che sarà normale, dal momento che attualmente non vi è alcun processo infiammatorio nel corpo.

Al minimo sospetto di polmonite negli adulti e nei bambini si consiglia di fare un esame del sangue il più presto possibile.

Perché e come viene eseguito un esame del sangue per la polmonite?

Un esame del sangue per la polmonite è assegnato al paziente immediatamente se si sospetta un'infiammazione nei polmoni. L'infiammazione polmonare è diagnosticata in modo completo: al paziente viene prescritta una radiografia, un complesso analitico, compreso un esame emocromocitometrico completo.

Quadro clinico

Dopo aver esaminato il paziente, eseguendo un esame a raggi X, il medico prescrive una serie di test, tra cui il sangue. L'immagine dei dati ottenuti aiuterà a fare una previsione adeguata del decorso della patologia polmonare.

Il primo a indicare la presenza di infiammazione nei polmoni indica i leucociti. Un eccesso significativo della norma ammissibile del numero di leucociti nel sangue indica lo sviluppo di polmonite, mentre un medico esperto determina la natura e il punto focale dell'infiammazione per queste cellule del sangue.

Normalmente, l'indicatore di leucociti entro 4-9 g / l è consentito. Deviazioni da questo indicatore possono indicare tali violazioni:

  • un aumento del numero di leucociti a 40-60 g / l indica polmonite;
  • leucocitosi normale sullo sfondo delle aree infiammatorie visibili sulla radiografia del torace indicano la natura batterica del processo infiammatorio;
  • uno spostamento nella formula dei leucociti verso un aumento del numero di mielociti e metamelociti indica una polmonite focale acuta;
  • lo spostamento della formula verso i mielociti con l'aggiunta di tossicità dei neutrofili suggerisce un'infiammazione lobare in via di sviluppo.

Il secondo importante indicatore dello stato del sangue, che indica la presenza di malattie infiammatorie nei polmoni, è considerato ESR.

Questo indicatore indica non solo la presenza di un focus patologico nel corpo, ma è anche una variante della norma di età. Normalmente, la VES varia da 1 a 10 per gli uomini e da 2 a 15 per la metà femminile della popolazione. Nei pazienti anziani, il 20-30 è considerato il tasso massimo accettabile, e nelle donne durante la gravidanza - 30-40.

Quando la velocità di eritrosedimentazione mostra un forte aumento (in alcuni casi fino a 80 mm / ora), ciò indica un'infiammazione dei polmoni in via di sviluppo. Tuttavia, dovresti essere consapevole del fatto che in presenza di certe comorbidità, ad esempio, quando la viscosità e l'ispessimento del sangue aumentano, la velocità di eritrosedimentazione con segni evidenti e polmonite confermata radiograficamente rimarrà normale.

Solo un pediatra può decifrare adeguatamente un esame del sangue in un bambino. Nel corpo di un bambino in crescita, l'immagine del sangue tende a cambiare spesso.

Un quadro ematico di un paziente adulto i cui leucociti indicano polmonite virale è considerato normale nei bambini. Dopo 5 anni, il quadro cambia drasticamente, quindi per determinare correttamente la diagnosi di un bambino, è necessario confrontare l'età del piccolo paziente con i dati ottenuti.

Analisi del sangue biochimica

Oltre all'analisi clinica generale del sangue, l'analisi biochimica viene spesso prescritta per un paziente con polmonite. Questo test clinico aiuterà a identificare possibili complicanze in via di sviluppo e un quadro adeguato del decorso dell'infiammazione.

Lo scopo principale di questo studio è misurare il rapporto tra ossigeno e anidride carbonica nel sangue del paziente. Con lo sviluppo di complicazioni nella forma di depressione della funzione respiratoria, i disturbi respiratori, i segni ostruttivi di soffocamento compaiono nel paziente. Una condizione così pericolosa porta alla carenza di ossigeno dei tessuti, inclusi cervello e polmoni, che causa la polmonite. La patologia tempestiva aiuta a bloccare e fermare l'ulteriore sviluppo di complicanze.

Regole per la donazione del sangue

Affinché l'analisi sia obiettiva, senza influenzare il quadro dei fattori di accompagnamento, è necessario prepararsi adeguatamente alla donazione di sangue:

  1. Tra l'ultimo pasto e il processo di prelievo del sangue dovrebbe prendere almeno un terzo del giorno.
  2. Un giorno prima di eseguire un'analisi del sangue, se possibile, i farmaci dovrebbero essere esclusi, dal momento che sul loro sfondo il modello di indicatori cambia in modo significativo.
  3. Un giorno prima della procedura di prelievo del sangue, le bevande alcoliche e gli alimenti grassi dovrebbero essere esclusi dalla dieta.

Un esame del sangue dovrebbe essere effettuato con la raccolta simultanea delle secrezioni di bronchi. L'analisi dell'espettorato fornirà un quadro completo della natura della malattia e aiuterà a scegliere quale gruppo di antibiotici dovrebbe essere applicato ad esso.

Analisi post-trattamento

Di regola, sullo sfondo degli effetti terapeutici, l'immagine del sangue cambia leggermente, ma questo processo avviene lentamente. Un test dell'espettorato, preso contemporaneamente a un esame del sangue, aiuta a correggere il trattamento e ad accelerare il processo di guarigione.

Dopo che il paziente si riprende, le immagini radiografiche cessano di mostrare la presenza di blackout infiammatori focali e scompaiono altri sintomi della malattia:

  • normale temperatura corporea;
  • tosse, mancanza di respiro, respiro affannoso nei polmoni scompare;
  • aumenta il tono generale del corpo;
  • sintomo di nausea, dolore addominale;
  • il dolore al petto scompare.

Tuttavia, sullo sfondo di dinamiche positive, il quadro ematico rimane ancora patologico per un certo periodo.

Gli indicatori generali possono migliorare, ma i cambiamenti nell'immagine del sangue permarranno per qualche tempo, indicando un'adeguata risposta immunitaria.

Caratteristica del periodo di recupero è un aumento del numero di eosinofili, che indica una prognosi favorevole per il recupero. Altrimenti, quando gli eosinofili scompaiono dagli indicatori del sangue clinico, i medici possono sospettare di sviluppare complicanze della malattia.

La diagnosi di polmonite è un processo complesso. Per una diagnosi corretta e tempestiva, il medico utilizzerà tutti i metodi diagnostici disponibili, inclusi esami del sangue clinici e biochimici.

Il valore e i tipi di test per la polmonite

Una malattia infettiva pericolosa come la polmonite richiede un trattamento immediato. Se sospetti, assicurati di superare i test per la polmonite.

Sintomi di polmonite

Le statistiche, purtroppo, mostrano che quasi ogni secondo abitante del pianeta ha affrontato questo disturbo. Anche prima del test per la polmonite, la malattia può essere identificata dalle seguenti caratteristiche:

  • Il paziente viene gettato in calore, la temperatura sale rapidamente a 39-40 gradi;
  • Frequente tosse con espettorato abbondante, in cui possono essere notate masse sanguinolente e purulente;
  • Con un leggero sforzo fisico e perfino a riposo, soffre di mancanza di respiro;
  • Il petto è a disagio;
  • Debolezza generale, sudorazione, scarso appetito e sonno dovuto a infiammazione e intossicazione.

A volte la polmonite è quasi asintomatica, c'è solo una tosse secca, debolezza e dolore alla testa.

Quali test sono necessari per sospetta polmonite

La polmonite viene trattata con successo. Ma il paziente può affrontare la morte. Ecco perché è così importante identificare rapidamente la malattia e iniziare il trattamento. Se i sintomi causano il sospetto medico, allora farà sicuramente riferimento a:

  • Emocromo completo;
  • Test dell'espettorato;
  • Test delle urine;
  • Analisi del sangue biochimica;
  • Chest X-rays.

Un indicatore particolarmente importante è un esame del sangue. Tale test non riflette sempre il problema. Se l'immunità è debole, allora non ci saranno cambiamenti evidenti nel sangue.

Ulteriori ricerche

Spesso, viene prescritto l'ecografia del cuore (oltre ai test principali), in quanto il cuore soffre di polmonite. I disturbi nel lavoro di questo corpo possono essere una conseguenza della polmonite o di una malattia indipendente che richiede un trattamento. Poiché la presenza di infiammazione dei polmoni porta anche al deterioramento.

Un altro metodo aggiuntivo è la broncoscopia. Questo è un metodo endoscopico mediante il quale si possono trovare oggetti estranei nei polmoni, gonfiore e infiammazioni, anomalie nello sviluppo dei polmoni, bronchi.

Quali tipi di polmonite sono

La polmonite può verificarsi per una serie di motivi. Pertanto, ci sono:

  • Forma acquisita dalla comunità. Si verifica più spesso;
  • Polmonite ospedaliera. Questo è se il paziente non ha avuto segni di questa malattia prima dell'ammissione in ospedale;
  • Polmonite da aspirazione Questa forma della malattia si forma quando i patogeni entrano nel corpo - più spesso virus e batteri, meno comunemente E. coli;
  • La polmonite atipica è la forma più grave della malattia. È formato sulla base di microflora atipica (vari funghi, clamidia, micoplasma e così via).

Qualsiasi forma di polmonite richiede un trattamento completo e adeguato basato su test accurati.

Come viene trasmessa l'infezione?

La polmonite è solitamente causata da microrganismi patologici quali stafilococchi, pneumococchi e bacilli emofilici. La malattia estremamente rara causa Klebsiella, E. coli. In questo caso, la malattia è particolarmente difficile.

La malattia viene trasmessa attraverso oggetti e oggetti domestici, che insieme all'espettorato hanno i batteri, attraverso le mani, da goccioline trasportate dall'aria.

Ma stiamo parlando solo delle modalità di trasmissione - non la stessa polmonite, ma solo l'agente causale della malattia. E poi la malattia si svilupperà o meno, dipende dall'immunità umana.

Analisi del sangue generale per la polmonite

Emocromo completo mostra diversi parametri importanti.

Globuli rossi

Questi componenti del sangue trasportano ossigeno alle cellule del corpo. Con i raffreddori, il loro numero diminuisce. E quando l'infiammazione dei polmoni può aumentare leggermente per respingere i batteri e i virus patogeni.

reticolociti

Queste sono le cellule che sono formate dal midollo osseo. Di questi, i veri globuli rossi sono successivamente nati. Se ci sono problemi nel corpo, allora ci sono più reticolociti nel sangue per rinascere come globuli rossi e reintegrare i ranghi dei "combattenti" con batteri e virus. La morte di massa di erythrocytes - le celle di sangue, la sedimentazione di erythrocytes secondo i risultati dell'analisi indica un processo incendiario.

piastrine

Anche con l'infiammazione, il loro numero dovrebbe rimanere invariato, il numero è importante solo quando la coagulazione del sangue.

Globuli bianchi

Queste sono cellule del sistema immunitario che combattono direttamente contro i batteri stranieri ed espellono i prodotti della loro attività vitale. L'alto contenuto di leucociti suggerisce che in questo caso vi è un processo infiammatorio con la presenza di batteri, ad esempio, la polmonite da pneumococco.

linfociti

Il loro aumento indica l'origine virale della polmonite. Queste cellule sono responsabili del riconoscimento degli "alieni" patogeni e della produzione di anticorpi.

monociti

Queste sono grandi cellule immunitarie che combattono l'infezione. Se ce ne sono molti, il test indica direttamente la presenza di infiammazione nei polmoni. Queste cellule rimuovono gli agenti patogeni e neutralizzano anche le cellule morte del corpo.

emoglobina

È un componente dei globuli rossi, che contribuisce all'assorbimento dell'ossigeno nei polmoni e al rilascio di esso nei tessuti. Se l'emoglobina cade, indica un processo infiammatorio e una diminuzione della difesa immunitaria del corpo.

Questo è un indicatore del tasso di sedimentazione degli eritrociti. La velocità con cui i globuli rossi sono precipitati indica l'estensione del processo infiammatorio. L'ESR può essere considerato uno dei principali indicatori nella raccolta di test per la polmonite. Esistono norme di VES per bambini, adulti, donne incinte, gli indicatori sono diversi.

Analisi del sangue biochimica

Analisi biochimica del sangue - uno degli indicatori principali con cui iniziare. Mostra i processi metabolici in corso nel corpo:

  • Fallimento degli organi interni;
  • La presenza di flora patologica, così come i loro prodotti metabolici. E questo, a sua volta, indica l'estensione della malattia.

Prendi questo test da una vena. E sotto forma del risultato dell'analisi biochimica del sangue, sono indicate tre colonne: norma, posizione reale, grado di deviazione dalla norma. Se il modulo è stato compilato manualmente da un assistente di laboratorio, le analisi sono state eseguite manualmente, se automaticamente, quindi anche il sistema di analisi è automatico.

Gli indicatori migliori sono quelli che vengono eseguiti in combinazione - manualmente e automaticamente. La macchina non può dare un quadro reale: la composizione del sangue può variare in base ai cambiamenti associati alla distruzione ormonale, al cambiamento di dieta, al sonno e al riposo e così via. L'analisi biochimica del sangue può cambiare anche con la dentizione.

Analisi dell'espettorato

L'analisi dell'espettorato indica il grado di danneggiamento del corpo da polmonite, nonché la causa dell'infiammazione. Se sia il test del sangue biochimico che il generale indicano la presenza di un problema, viene eseguita la coltura dell'espettorato. E indica funghi e batteri specifici, nonché la loro reazione a determinati farmaci. È inoltre possibile ottenere ulteriori informazioni:

  • Se ci sono inclusioni di sangue nella scarica, questo indica una polmonite focale o cistica - danno a tutto il lobo del polmone;
  • Se l'espettorato è giallo vivo, molto probabilmente, stiamo parlando di un decorso allergico della malattia;
  • I pigmenti biliari nell'espettorato indicano una lesione molto grave, quando parte dei polmoni ha già iniziato a riempirsi gradualmente di sangue.

È difficile prendere flemma per l'analisi dai bambini. Tendono a inghiottirlo. Pertanto, il più delle volte prendere il muco dal naso per l'analisi.

Analisi delle urine

Un altro indicatore importante è l'analisi delle urine. In una persona sana, l'urina è chiara, senza sedimenti, con un caratteristico colore giallo-marrone (il colore può variare a causa dell'uso di determinati prodotti, ma questo non indica patologia). Quando l'infiammazione dei polmoni e la polmonite nelle urine sono sedimentate, il liquido stesso è torbido. Questo indica la presenza di proteine ​​e indica l'infiammazione.

Esame a raggi X.

Se si sospetta che la persona abbia la polmonite, vengono inviati anche per l'esame a raggi X. Questo metodo consente di vedere le lesioni dei polmoni con polmonite. Queste aree patologiche si riflettono nella luce scura nell'immagine.

C'è anche una tomografia computerizzata. Ti permette di vedere la patologia in dettaglio, nella sua vera gemma. Questo è un esame più accurato - anche le piccole cicatrici di una precedente malattia non passeranno inosservate.

Tutti i metodi di ricerca sopra citati forniscono un quadro fedele dei processi che avvengono nel corpo, ci permettono di determinare le cause della malattia, il grado di danno polmonare e lo stato del sistema immunitario. Di conseguenza, il medico prescriverà un trattamento adeguato.

Quando è il ricovero in ospedale?

Non sempre un paziente con polmonite è indicato per il trattamento ospedaliero. Questo è necessario solo per gli anziani, i bambini e le donne incinte. I restanti pazienti possono ricevere un trattamento a casa. Ma tutto dipende dallo stato. Il ricovero è per quei pazienti che hanno:

  • Grave insufficienza respiratoria;
  • Compromissione della coscienza;
  • Richiede la ventilazione dei polmoni con l'aiuto di attrezzature speciali;
  • La condizione sta rapidamente peggiorando;
  • Diversi lobi polmonari colpiti;
  • La pressione sanguigna è diminuita;
  • La quantità di urina è drasticamente diminuita.

In presenza di almeno uno dei sintomi, il paziente viene inviato in ospedale in un ospedale. L'osservazione 24 ore su 24 della condizione, adottando misure adeguate, aiuterà a far fronte più rapidamente alle condizioni critiche e ad eliminare completamente la malattia. L'immunità contro la polmonite non si forma. Ma la vaccinazione antinfluenzale solleva il livello generale di immunità, che ti farà risparmiare la polmonite.