Test delle urine e della saliva per la tubercolosi

La varietà dei diversi test per la tubercolosi non è spiegata dalla facilità di diagnosi di questa malattia, ma dalla sua astuzia. Fin dall'antichità, le persone hanno cercato di trovare un modo per identificare la tisi nelle fasi iniziali e quindi hanno effettuato vari studi su pazienti, alcuni dei quali si sono abituati davvero come metodi per diagnosticare un disturbo o come modi di osservare il processo della malattia.

A cosa servono i test per l'urina e la saliva?

Viene eseguito un test del serbatoio per la tubercolosi della saliva e delle urine per rilevare la presenza di un patogeno all'interno del corpo. Allo stesso tempo, lo scopo di questi studi è più probabile che confermi la malattia con i sintomi esistenti, e non di trovarla, poiché ci sono molti altri metodi più affidabili per la diagnosi preventiva iniziale.

Inoltre, i medici possono eseguire un test dell'urina o dell'espettorato, nonché l'analisi della saliva per la tubercolosi per identificare il processo di transizione della forma chiusa della malattia allo stato aperto, che è caratterizzato dal rilascio di un gran numero di bacilli con fluidi naturali e feci del paziente, e quindi diventa molto epidemiologicamente pericoloso per gli altri.

Test delle urine

La risposta alla domanda su come superare un test delle urine per la tubercolosi è abbastanza semplice. L'urina per la tubercolosi viene raccolta come qualsiasi analisi generale di questo fluido, familiare a tutti fin dall'infanzia:

  1. È necessario al mattino raccogliere la prima porzione di urina, raccogliendo solo la parte centrale, e non quella che va prima o dopo.
  2. Prima di procedere alla raccolta, è necessario lavare a fondo sia il contenitore che gli organi urinari, in modo che nulla possa entrare nel barattolo: proteine, sangue, germi, ecc.
  3. La quantità di liquido necessaria per lo studio di soli 50-100 ml, quindi non si dovrebbe portare una lattina da mezzo litro di urina.

L'OAM può essere assunto in qualsiasi clinica, tuttavia i bacilli tubercolari possono essere trovati solo in laboratori speciali che non sono disponibili in tutte le località della Russia. I risultati normali di questo sondaggio sono i seguenti:

  1. Colore: giallo, giallo sole o paglia.
  2. Trasparenza: alta.
  3. Odore: contrasto.
  4. PH: 4-7.
  5. Densità: 1012-1022 g / l.
  6. Proteine: no, ma a volte fino a 0,033 g / l è accettabile.
  7. Glucosio: fino a 0,8 mmol / l.
  8. Corpi chetonici: no.
  9. Bilirubina: no.
  10. Urobilinogeno: 5-10 mg / l.
  11. Emoglobina: no.
  12. Eritrociti: nelle donne, il valore massimo consentito è fino a tre, e negli uomini, fino a 1 è in vista.
  13. Leucociti: il numero consentito di corpi nel campo visivo è fino a 6 nelle donne e fino a tre negli uomini.
  14. Cellule epiteliali: fino a 10 pz. in vista
  15. Cilindri: nessuno o singolo presente ialino.
  16. Sale: no
  17. Batteri: no.
  18. Funghi: no
  19. Parassiti: no, ma se c'è, allora non è spaventoso: solo in questo caso viene effettuata la terapia con farmaci antielmintici.

I tassi di OAM per la tubercolosi di solito rimangono gli stessi. L'unica eccezione è rappresentata dalle forme acute della malattia, quando l'urina cambia a causa dell'interruzione degli organi interni, nonché dalle lesioni croniche dei polmoni o delle ossa, quando possono esserci segni di amiloidosi nell'analisi - una violazione del metabolismo delle proteine, in cui i risultati dell'esame conterranno proteine.

L'eccezione è la tubercolosi dei reni o del tratto urinario - la forma extrapolmonare più comune della malattia, causata dal trasferimento di infezioni dal flusso sanguigno, in cui l'analisi delle urine da tubercolosi varia notevolmente. In questo caso, si osservano i seguenti fenomeni:

  • reazione persistente acutamente acida;
  • leucocituria - leucociti nelle urine;
  • proteinuria - proteine ​​nelle urine;
  • eritrocituria - sangue nelle urine;
  • piuria - pus nelle urine.

Inoltre, nella forma acuta della malattia o durante la tubercolosi dei reni e del tratto urinario nelle urine, c'è una forma attiva dei bacilli del patogeno, che è determinata dal metodo di colorazione secondo Zil-Nelson.

Test della saliva

In realtà, BAC non produce analisi della saliva per la tubercolosi. L'analisi della saliva è spesso inconsapevole: le persone chiamano lo studio dell'espettorato per la tubercolosi. Invece del test dell'espettorato, l'analisi della saliva per la tubercolosi può essere eseguita solo nel caso di bambini piccoli molto piccoli che non sono in grado di sputare espettoranti perché ingeriscono immediatamente immediatamente dopo l'espettorazione. Tuttavia, in questo caso, i medici eseguono semplicemente una biopsia del tessuto o ritirare la secrezione polmonare con una sonda, e non sciamano con la saliva.

L'analisi dell'espettorato del patogeno viene effettuata anche utilizzando il metodo Ziehl-Nelson. Oltre ai bacilli, alcuni segni di patologia polmonare possono essere considerati ad occhio nudo: getti fibrosi, pus, sangue, pezzi di tessuto e le cosiddette lenticchie - inclusioni di grandi dimensioni con una capocchia di spillo o una forma rotonda più piccola, all'interno della quale di solito c'è un numero enorme di bacilli.

Metodo di colorazione Ziehl-Nelson

Il metodo di colorazione Ziel-Nelson si basa sulla resistenza acida del Mycobacterium tuberculosis, che può essere macchiato solo mediante trattamento termico. Durante questo studio, il tessuto corporeo, l'espettorato, l'urina, il sangue o qualsiasi altra sostanza la cui analisi per la presenza di MBT deve essere fatta è lasciata in un ambiente favorevole per piantare bacilli per la riproduzione, se sono lì, naturalmente, e quindi riscaldata e macchiata. Dopodiché, tutto viene tenuto in acido fino allo scolorimento e nuovamente verniciato senza riscaldamento in un altro colore. Di conseguenza, l'ufficio è abbastanza facile da rilevare, poiché rimangono i colori della prima colorazione e si stagliano bene sullo sfondo generale.

Taccuino di fisiologia - Tubercolosi

Tutto quello che vuoi sapere sulla tubercolosi

Esami del sangue e delle urine per la tubercolosi

VA Koshechkin, Z.A. Ivanova

Gli elementi di sangue rosso, di regola, cambiano poco con la tubercolosi. Solo dopo una perdita acuta di sangue dai polmoni o dall'intestino si può osservare anemia. Una leggera diminuzione dell'emoglobina può essere osservata in forme croniche di tubercolosi polmonare fibro-cavernosa.

Uno degli indicatori dell'attività del processo tubercolare è ESR (tasso di sedimentazione degli eritrociti). L'ESR accelerato si correla non solo con l'attività e l'estensione dell'attuale processo fresco, ma anche con l'esacerbazione di processi cronici, in particolare fibro-cavernosi.

Gli elementi della frazione leucocitaria del sangue reagiscono più attivamente al processo tubercolare.
Convenzionalmente, ci sono tre fasi di cambiamento nella frazione leucocitaria del sangue associata alla natura delle lesioni nella tubercolosi polmonare.
1. La fase neutrofila della lotta. Nel sangue, la proporzione di neutrofili è aumentata, di conseguenza c'è uno spostamento della formula a sinistra. Gli eosinofili sono assenti, il numero di linfociti e monociti è ridotto.
2. Fase dei monociti: superamento dell'infezione. Nel sangue, il numero di linfociti aumenta, la formula del sangue viene spostata a sinistra, il numero di neutrofili è ridotto, vengono rilevati singoli eosinofili.
3. Recupero di fase. La proporzione di linfociti ed eosinofili è aumentata. I valori ematici stanno gradualmente normalizzando.
Questa separazione in fasi riflette solo la reazione ematica complessiva.

Spostamento dei neutrofili nucleari nella tubercolosi
Oltre al quantitativo, il gruppo di neutrofili ha una caratteristica qualitativa, che è molto più sottile e in precedenza indica una varietà di processi patologici.

La tubercolosi adulta è di solito un processo secondario, il più delle volte provoca solo un aumento dei neutrofili nel sangue. Con forme infiltrative-pneumoniche pronunciate e fenomeni di disintegrazione del tessuto polmonare, lo spostamento dei neutrofili a sinistra è rivelato abbastanza chiaramente e può raggiungere fino al 20-30% del nucleo-banda.

L'infiltrato polmonare non si disintegra e le forme focali della tubercolosi nel periodo della loro prima rilevazione o esacerbazione a temperatura subfebrilare e disturbi funzionali di basso grado danno uno spostamento meno pronunciato. Tuttavia, i restanti elementi dell'emogramma potrebbero non rilevare alcuna anomalia. Pertanto, una definizione approfondita del cambiamento nucleare assume un'importanza particolare nella tubercolosi.

La dottrina dello spostamento nucleare dei neutrofili è stata avanzata da Arnet (1905) sulla base di uno studio del sangue in varie infezioni, tra cui la tubercolosi.

Facendo calcoli complessi con numerosi schizzi, Arneth notò una certa regolarità nella configurazione dei nuclei dei neutrofili.

Il sangue di una persona sana contiene:

  • Neutrofili al 5% con costrizione non diluita, nucleo non segmentato (classe I);
  • Neutrofili al 35% con due segmenti collegati da costrizione filiforme (classe II);
  • 41% di neutrofili con tre segmenti (classe III);
  • Neutrofili al 17% con quattro segmenti (classe IV);
  • Neutrofili al 2% con cinque segmenti (classe V).

Oltre alla segmentazione del nucleo, Arnet ha preso in considerazione la sua forma. Quindi, per la prima classe, ha individuato diverse sottoclassi in base al grado di indentazione del nucleo non segmentato. Le restanti classi sono suddivise in sottoclassi in base alla forma dei segmenti.

Nelle infezioni in proporzione alla loro gravità, il numero di forme multi-segmentate diminuisce, il numero di cellule a basso segmento (2-3 segmenti) e non segmentato (essendo relativamente giovani) aumenta.

Nello schema di Arneth, il numero di neutrofili di classe I non segmentati è mostrato a sinistra; a destra, si trova il numero di celle di classe II, quindi di classe III e così via: di conseguenza, con un aumento delle forme non segmentate ea basso segmentato, il numero di celle nella parte sinistra del circuito aumenta e vi è uno "spostamento a sinistra".

Analisi delle urine
L'escrezione urinaria nei pazienti con tubercolosi è quasi normale. I cambiamenti patologici nelle urine possono essere nella sconfitta della tubercolosi dei reni o delle vie urinarie.
Nei pazienti con forme croniche di tubercolosi polmonare, possono essere rilevati segni di amiloidosi.

3.7 Analisi del sangue e delle urine.

Gli elementi di sangue rosso, di regola, cambiano poco con la tubercolosi. Solo dopo una perdita acuta di sangue dai polmoni o dall'intestino si può osservare anemia. Una leggera diminuzione dell'emoglobina può essere osservata in forme croniche di tubercolosi polmonare fibro-cavernosa. Uno degli indicatori di attività tubercolare è ESR (tasso di sedimentazione degli eritrociti). L'ESR accelerato si correla non solo con l'attività e l'estensione dell'attuale processo fresco, ma anche con l'esacerbazione di processi cronici, in particolare fibro-cavernosi. Gli elementi della frazione leucocitaria del sangue reagiscono più attivamente al processo tubercolare.

Convenzionalmente, ci sono tre fasi di cambiamento nella frazione leucocitaria del sangue associata alla natura delle lesioni nella tubercolosi polmonare:

  1. Neutrofilo - la fase della lotta. Nel sangue, la proporzione di neutrofili è aumentata, di conseguenza vi è uno spostamento nella formula del sangue a sinistra. Gli eosinofili sono assenti, il numero di linfociti e monociti è ridotto. La linfopenia è caratteristica delle forme progressive di tubercolosi.
  2. Fase dei monociti: superamento dell'infezione. Nel sangue, il numero di linfociti aumenta, la formula del sangue viene spostata a sinistra, il numero di neutrofili è ridotto, vengono rilevati singoli eosinofili.
  3. Fase di recupero La proporzione di linfociti ed eosinofili è aumentata. I valori ematici stanno gradualmente normalizzando.

Tale divisione in fasi riflette solo le reazioni ematiche generali, che non riflettono l'intera complessità delle reazioni ematiche alle infezioni croniche da tubercolosi.

Spostamento dei neutrofili nucleari nella tubercolosi.
Oltre al quantitativo, il gruppo di neutrofili ha una caratteristica qualitativa, che è molto più sottile e in precedenza indica una varietà di processi patologici. La tubercolosi adulta, di solito il processo post-primario, più spesso causa solo un aumento dei neutrofili nel sangue. Con le forme infiltrative-pneumoniche pronunciate e con i fenomeni di disintegrazione del tessuto polmonare, lo spostamento dei neutrofili a sinistra è rivelato abbastanza chiaramente e può raggiungere fino al 20-30% della pugnalata.

L'infiltrato polmonare senza disintegrazione e forme focali di tubercolosi nel periodo della loro prima rilevazione o esacerbazione a temperatura subfebrilare e disturbi funzionali di basso grado danno uno spostamento meno pronunciato. Allo stesso tempo, i restanti elementi dell'emogramma possono essere completamente privi di anomalie. Pertanto, una definizione approfondita di un turno nucleare ottiene valore diagnostico nella tubercolosi.
Lo studio dello spostamento nucleare neutrofilo è stato avanzato da Arneth (Arneth) sulla base di uno studio del sangue in varie infezioni e in particolare nella tubercolosi. Facendo calcoli complessi con numerosi schizzi, Arneth notò una certa regolarità nella configurazione dei nuclei dei neutrofili. Nel sangue di una persona sana, i neutrofili con striscioni non diluiti, nucleo non frammentato (classe I) sono 5%; neutrofili con due segmenti collegati per costrizione filiforme (classe II) - 35%, classe III - 41%, classe IV - 17% e classe V - 2%. Nelle infezioni in proporzione alla loro gravità, il numero di molte forme segmentate diminuisce, il numero di piccoli segmenti (2-3 segmenti) e non segmentati cresce. Nello schema di Arneth, il numero di neutrofili non segmentati è scritto a sinistra; a destra è il numero di celle di classe II, quindi di classe III e così via. Di conseguenza, con un aumento delle forme non segmentate e meno segmentate, il numero di celle nella parte sinistra del circuito aumenta e si verifica uno "spostamento a sinistra".

I segni di un processo tubercolare, oltre a cambiamenti nell'emogramma, sono iponatriemia. È il cambiamento metabolico più caratteristico. La causa dell'iponatremia è lo sviluppo di una sostanza ormonale antidiuretica affetta da tubercolosi polmonare. Particolarmente intensamente questa sostanza è prodotta nel periodo delle forme case-distruttive comuni.

Analisi delle urine
L'escrezione urinaria nei pazienti con tubercolosi è quasi normale. I cambiamenti patologici nelle urine possono essere nella sconfitta della tubercolosi dei reni o delle vie urinarie. Proteine, leucociti, MBT sono rilevati nelle urine. Nei pazienti con tubercolosi cronica dei polmoni o delle ossa, possono essere rilevati segni di amiloidosi (pururia resistente, ematuria macroscopica).

Diagnosi della tubercolosi nell'analisi del sangue e delle urine

Gli elementi di sangue rosso, di regola, cambiano poco con la tubercolosi. Solo dopo una perdita acuta di sangue dai polmoni o dall'intestino si può osservare anemia. Una leggera diminuzione dell'emoglobina può essere osservata in forme croniche di tubercolosi polmonare fibro-cavernosa.

Uno degli indicatori dell'attività del processo tubercolare è ESR (tasso di sedimentazione degli eritrociti). L'ESR accelerato si correla non solo con l'attività e l'estensione dell'attuale processo fresco, ma anche con l'esacerbazione di processi cronici, specialmente fibrocavernosi.

Gli elementi della frazione leucocitaria del sangue reagiscono più attivamente al processo tubercolare.

Convenzionalmente, ci sono tre fasi di cambiamento nella frazione leucocitaria del sangue associata alla natura delle lesioni nella tubercolosi polmonare.

  1. Fase di lotta dei neutrofili. Nel sangue, la proporzione di neutrofili è aumentata, di conseguenza c'è uno spostamento della formula a sinistra. Gli eosinofili sono assenti, il numero di linfociti e monociti è ridotto.
  2. Fase dei monociti: superamento dell'infezione. Nel sangue, il numero di linfociti aumenta, la formula del sangue viene spostata a sinistra, il numero di neutrofili è ridotto, vengono rilevati singoli eosinofili.
  3. Fase di recupero La proporzione di linfociti ed eosinofili è aumentata. I valori ematici stanno gradualmente normalizzando.

Questa separazione in fasi riflette solo la reazione ematica complessiva.

Spostamento dei neutrofili nucleari nella tubercolosi

Oltre al quantitativo, il gruppo di neutrofili ha una caratteristica qualitativa, che è molto più sottile e in precedenza indica una varietà di processi patologici.

La tubercolosi adulta è di solito un processo secondario, il più delle volte provoca solo un aumento dei neutrofili nel sangue. Con forme infiltrative-pneumoniche pronunciate e fenomeni di disintegrazione del tessuto polmonare, lo spostamento dei neutrofili a sinistra è rivelato abbastanza chiaramente e può raggiungere fino al 20-30% del nucleo-banda.

L'infiltrato polmonare non si disintegra e le forme focali della tubercolosi nel periodo della loro prima rilevazione o esacerbazione a temperatura subfebrilare e disturbi funzionali di basso grado danno uno spostamento meno pronunciato. Tuttavia, i restanti elementi dell'emogramma potrebbero non rilevare alcuna anomalia. Pertanto, una definizione approfondita del cambiamento nucleare assume un'importanza particolare nella tubercolosi.

La dottrina dello spostamento nucleare dei neutrofili è stata avanzata da Arnet (1905) sulla base di uno studio del sangue in varie infezioni, tra cui la tubercolosi.

Facendo calcoli complessi con numerosi schizzi, Arneth notò una certa regolarità nella configurazione dei nuclei dei neutrofili. Il sangue di una persona sana contiene:

  • Neutrofili al 5% con wafer non diluiti, nucleo non segmentato (classe I);
  • Neutrofili al 35% con due segmenti collegati da costrizione filiforme (classe II);
  • 41% di neutrofili con tre segmenti (classe III);
  • Neutrofili al 17% con quattro segmenti (classe IV);
  • Neutrofili al 2% con cinque segmenti (classe V).

Oltre alla segmentazione del nucleo, Arnet ha preso in considerazione la sua forma. Pertanto, per la classe ha individuato diverse sottoclassi in base al grado di depressione del nucleo non segmentato. Le restanti classi sono suddivise in sottoclassi in base alla forma dei segmenti.

Nelle infezioni, in proporzione alla loro gravità, il numero di forme multi-segmentate diminuisce, il numero di cellule a basso segmento (2-3 segmenti) e non segmentato (essendo relativamente giovani) aumenta. Nello schema di Arneth, il numero di neutrofili di classe I non segmentati è mostrato a sinistra; a destra, si trova il numero di celle di classe II, quindi di classe III e così via: di conseguenza, con un aumento delle forme non segmentate ea basso segmentato, il numero di celle nella parte sinistra del circuito aumenta e vi è uno "spostamento a sinistra".

Analisi delle urine

L'escrezione urinaria nei pazienti con tubercolosi è quasi normale. I cambiamenti patologici nelle urine possono essere nella sconfitta della tubercolosi dei reni o delle vie urinarie.

Nei pazienti con forme croniche di tubercolosi polmonare, possono essere rilevati segni di amiloidosi.

35. Valore diagnostico di esami del sangue e delle urine in pazienti con tubercolosi.

Esame del sangue L'emoglobina e i globuli rossi nella maggior parte dei casi rimangono invariati, ad eccezione dei casi accompagnati da perdita di sangue acuta. Un indicatore che indica la presenza di un processo tubercolare attivo è il tasso di sedimentazione degli eritrociti. L'ESR accelerato è caratteristico non solo della tubercolosi fresca attiva, ma anche per l'esacerbazione del processo cronico. Gli indicatori rimanenti del test del sangue variano notevolmente a seconda della natura della lesione polmonare. Cambiamenti negli indicatori periferici. sangue quando tuberk. privo di specificità, tuttavia, l'emiciclo aiuta a diagnosticare. fase tuberk. elaborare e valutare l'onere. il suo flusso. Persone intervistate per tubercolosi e pazienti con tubercolosi. assegnato al cuneo comune. esame del sangue con la definizione di ESR, contenuto eritr. e leukot., concentrazione di emoglobina e calcolo della formula dei leucociti. I pazienti con tubercolosi in presenza di piemia raccomandano. determinare il numero di reticolociti per valutare la rigenerazione. capacità del midollo osseo, nei casi diagnostici differenziali - conta piastrinica. Ematologo cambia. gli indicatori dipendono, da un lato, dalla localizzazione, dalla natura e dalla gravità di inf. processo, dall'altra - dallo stato del corpo, le sue riserve compensative. Emogramma har. piuttosto una fase del processo rispetto al suo cuneo. forma. Ad esempio, in pazienti con forme distruttive comuni di tubercolosi con processo di compensazione e assenza di nuova infiammazione. I cambiamenti nell'immagine del sangue possono essere normali. Tubi per affilare Il processo è solitamente accompagnato da uno spostamento della protuberanza dei neutrofili, linfopenia e un aumento della VES. Tot. il contenuto di leucociti na. la maggior parte dei pazienti nel range di normalità. Solo il decorso acuto e severo è caratterizzato da un aumento del contenuto di leucociti nel sangue fino a 15 x 109 / l. Lo spostamento neutrofilo della formula leucocitaria a sinistra allo stesso tempo diventa più significativo. Nei casi gravi della malattia (specialmente nella tubercolosi miliare), può verificarsi una reazione leucemoide di tipo mieloide. Il sollievo del processo acuto causa la normalizzazione di questi cambiamenti, la comparsa di linfocitosi. Neutropenia e linfocitosi possono essere osservate nella tubercolosi ematogena cronica disseminata e focale.

Analisi delle urine Nell'analisi delle urine in un paziente con tubercolosi polmonare, non ci sono deviazioni apprezzabili dalla norma. Le alterazioni compaiono solo nelle lesioni tubercolari dei reni e delle vie urinarie. L'analisi urinaria di routine per la tubercolosi non è necessaria solo se si sospetta un danno renale. Nell'ultimo caso è uno. per la diagnosi precoce. La presenza persistente di pus nelle urine e, soprattutto, tuba. i batteri, ovviamente, indicano la vasca. i reni. Tuttavia, a volte è necessario ripetere. Issled. urina per rilevare il patologo. risultati; così con alcuni. forme di tubercolosi test mensile delle urine (forma disseminata, complesso complicato, complesso). Piccoli cambiamenti nelle urine sotto forma di tracce di proteine, single. i leucociti e gli eritrociti freschi possono essere rilevati periodicamente come fenomeni di intossicazione generale. Infine, alcune reazioni con l'urina danno indicazioni sulla gravità del processo. Tra questi c'è l'apparizione della reazione diazo durante la generalizzazione. forme di tubercolosi, in particolare con la tubercolosi miliare.

Indubbiamente, il valore prognostico nel corso della tubercolosi ha una soluzione urocromogena. È molto semplice, e questo è il suo grande vantaggio. Lei è prodotta. segno. modo: prendi l'urina filtrata e diluisci 10 volte. Versare in due tubi, uno serve come controllo, e una soluzione di permanganato di potassio 1: 1000 viene aggiunta all'altra.Una reazione positiva nel tubo provoca una colorazione canarino forte, che è molto chiaramente visto rispetto al controllo. È necessario prendere in considerazione solo bene espresso. colore. Il meccanismo della reazione è che il permanganato di potassio ossida l'urocromogeno incolore nelle urine, che è significativamente elevato in caso di tubercolosi progressiva.

Quali sono i test per la tubercolosi polmonare?

I test di laboratorio passano tutti i pazienti. Poiché la patologia è contagiosa per gli altri, lo studio tempestivo del materiale biologico contribuisce all'accuratezza della diagnosi e aiuta a controllare il corso del trattamento.

Elenco dei test di laboratorio per la tubercolosi polmonare

Elenco dei test per la tubercolosi

L'elenco dei test obbligatori per la tubercolosi polmonare è il seguente:

  • esame dell'espettorato - in presenza di cavità, corpi di riso, proteine, fibre elastiche, sali di calcio si trovano in esso;
  • analisi dell'essudato - mostra i neutrofili e le cellule endoteliali con una predominanza di leucociti;
  • l'analisi di lavaggio bronchoalveolar mostra un numero ridotto di macrophages alveolare con un aumento affilato di neutrophils con un corso attivo del processo di tubercolosi, e con un corso inattivo di indicatori di macrophages aumentata poco;
  • saggi sierologici o test immunoenzimatici sono testati per la determinazione delle immunoglobuline sieriche per gli antigeni micobatterici. Il rapporto del titolo anticorpale diagnostico con l'agente causale della malattia supera il valore di 1: 8.

Cosa mostrano i risultati del test del sangue?

A causa dell'analisi biochimica del sangue nella tubercolosi polmonare, gli specialisti hanno la capacità di determinare la direzionalità dei cambiamenti nelle proteine ​​e nelle sue frazioni nel siero del sangue. Questo determina la forma e lo stadio della malattia. I livelli di acido urico, rame, colesterolo e lisozima sono superati. Si osserva l'attività dell'enzima di conversione della creatina chinasi e dell'angiotensina. L'acidosi respiratoria si sviluppa a causa di una diminuzione del pH e dell'aumento della pCO2.

Per quanto riguarda l'emoglobina, la loro riduzione, che porta allo sviluppo di anemia, non è tipica del processo di tubercolosi.

Analisi delle urine nei pazienti affetti da tubercolosi

I test delle urine per la tubercolosi polmonare?

L'escrezione urinaria nei pazienti tubercolari rimane normale. I cambiamenti patologici di solito si verificano se il rene e il tratto urinario sono coinvolti nel processo tubercolare. Nei pazienti con una forma cronica della malattia, possono essere rilevati segni di amiloidosi nel corso dello studio.

Che cosa fa l'analisi delle urine per la tubercolosi polmonare, quali informazioni possono indicare lo sviluppo nel corpo del processo patologico?

  1. La densità è di 1.015 - 1.025.
  2. La presenza singola di erythrocytes è permessa, in bambini - non più di 5.
  3. I globuli bianchi non dovrebbero essere più di 2 unità, per donne e ragazze - fino a 5 unità.
  4. I valori del sale non dovrebbero essere significativi.
  5. Il valore consentito dell'epitelio piatto è fino a 5 unità.

Quale sarà l'esame del sangue per la tubercolosi polmonare

La tubercolosi è una malattia pericolosa e difficile da trattare. L'efficacia del trattamento dipende dal modo in cui è stato rilevato tempestivamente. Nessuno è assicurato contro l'infezione, assolutamente tutti possono ammalarsi - adulti, bambini, anziani.

In assenza del trattamento tempestivo necessario, la forma chiusa diventa pericolosa, quindi la diagnosi nelle prime fasi della malattia è estremamente importante, e questo può essere ottenuto con esami regolari e completi.

In questo articolo, esamineremo vari metodi per diagnosticare questa malattia polmonare e tenteremo anche di determinare quale test del sangue per la tubercolosi polmonare sia più affidabile e informativo.

Quando diventa necessario controllare la tubercolosi

Quindi, l'esame è necessario per:

  • contatto con i portatori della malattia;
  • debolezza generale;
  • perdita di peso;
  • aumento della temperatura la sera;
  • tosse cronica.

È particolarmente importante determinare in tempo la presenza di tubercolosi nell'infanzia, poiché è molto probabile che nei bambini l'infezione causi ulteriori processi patologici nel corpo.

È importante! Una delle misure preventive è una vaccinazione BCG il 4 ° giorno della vita di un bambino ea 7 anni di età. Il corpo del bambino è più debole di un adulto, quindi è importante proteggerlo dalle infezioni e abbattere le vaccinazioni.

Ricerca per sospetta tubercolosi

La tubercolosi può essere rilevata in diversi modi.


Foto 1. Frammento di radiografia del torace di un paziente con tubercolosi. La fluorografia è uno dei metodi più affidabili per diagnosticare questa malattia, ma è più efficace in combinazione con altri. Ad esempio, un esame del sangue dettagliato mostrerà la tubercolosi anche in una fase precoce.

  1. Esame a raggi X. La fluorografia aiuterà a valutare il grado di danno polmonare. Tuttavia, si dovrebbe tenere presente che l'immagine a raggi X non mostrerà le fasi iniziali della malattia. Il sondaggio dovrebbe essere completo. Per un esame più completo, i polmoni del paziente dovrebbero essere fotografati sia dalla parte anteriore che da quella posteriore.
  2. Test della tubercolina Quando si esaminano i bambini, il test della tubercolina viene più spesso utilizzato (test di Mantoux). La tubercolina è una miscela di proteine ​​isolate da patogeni morti. L'introduzione del farmaco sotto la pelle provoca una reazione di immunità, che si manifesta in modi diversi. Se non ci sono agenti patogeni nel corpo, dopo un paio di giorni l'iniezione lascerà un segno appena visibile. Con l'infiammazione del sito di iniezione o la formazione di un ascesso, la probabilità di infezione del paziente è alta.

È importante! Il test di Mantoux non consente di determinare la presenza di tubercolosi con una probabilità del 100%, tuttavia, contribuirà a determinare il gruppo di rischio per la malattia. Con i test di cura dovrebbe essere fatto a coloro che soffrono di allergie. Il corpo può reagire all'introduzione della composizione in modo imprevedibile.

  1. Esame del sangue I risultati aiutano a rilevare le tracce dell'agente patogeno. Nominato per identificare la diagnosi finale e l'estensione della malattia.
  2. Composizione della bocca La presenza di mycobacterium tuberculosis rende possibile identificare e studiare l'espettorato. Il materiale si trova oltre la norma degli indicatori proteici, che lo distingue dall'espettorato bronchiale e dagli agenti infettivi.

È possibile determinare la tubercolosi con un esame del sangue generale?

La composizione dei globuli rossi (globuli rossi) in presenza di batteri varia leggermente. Le emorragie intestinali o polmonari acute provocano anemia, una significativa diminuzione dell'emoglobina.

Ci sono persone che dubitano che sia possibile determinare la tubercolosi con un esame del sangue. Infatti, un'analisi generale è in grado di identificare lo sviluppo di processi infiammatori e patologici nel corpo in base a un maggiore indicatore di VES. Il tasso aumentato indica non solo l'attività e la durata dell'infiammazione attuale, ma anche l'esacerbazione cronica, specialmente nelle fasi finali della malattia.


Foto 2. Il medico esegue la procedura per la raccolta del sangue dalla vena del paziente con una siringa. Successivamente, verrà condotto un esame del sangue con tubercolosi, indicatori dei quali indicheranno i processi infiammatori.

È importante! I livelli di ESR possono essere confusi con gli indicatori per l'infiammazione o il cancro del polmone. In questo caso, è necessario esaminare il numero di eosinofili (uno dei tipi di globuli bianchi). Se gli eosinofili sono ingranditi e la formula dei leucociti mostra cambiamenti radicali nell'esame del sangue, ciò accade con la tubercolosi ed è escluso dalla polmonite.

Le analisi del sangue clinico e biochimico sono accurate?

Un esame del sangue per la tubercolosi polmonare è spesso insufficiente per diagnosticare un bacillo tubercolare. Quindi è necessario un ulteriore esame completo. Lo stesso si può dire sull'analisi biochimica del sangue. In caso di uno stadio iniziale di tubercolosi o di una forma latente, molto probabilmente non mostrerà alcuna anomalia. E solo in forme acute della malattia il coefficiente di albumina-globulina in esso sarà abbassato.

Tipi di esami del sangue per gli anticorpi contro la tubercolosi

Esistono metodi di analisi del sangue più accurati e approfonditi rispetto a OAK, che consentono di rilevare la tubercolosi. Come determinare da tali esami del sangue, se si dispone di una malattia, considerare dopo.

Stabilire una diagnosi obiettiva è possibile utilizzando gli approcci della reazione a catena della polimerasi (PCR) e del saggio di immunoassorbimento enzimatico (ELISA).

Il metodo ELISA indica la presenza di tubercolosi

Con l'aiuto di ELISA, viene rilevata la presenza di anticorpi patogeni nel paziente. Il metodo è conveniente perché consente di esaminare contemporaneamente un numero elevato di campioni. Tuttavia, ha bassa sensibilità ed è raccomandato per l'uso in aree con un basso tasso di incidenza.

Quali cambiamenti rivela il metodo PCR?

Il metodo PCR è tra i più efficienti. È usato per identificare la malattia, determinare la gravità e la remissione durante il trattamento, trovando il DNA dei microbatteri.

PCR è usato per:

  • rilevamento della bacchetta progressiva di Koch;
  • test per l'individuazione della tubercolosi extrapolmonare;
  • rapida istituzione di focolai per la localizzazione dell'infezione;
  • diagnosi di recidiva di malattia;
  • monitorare il corso del trattamento.

Sia lui che altri esami del sangue per gli anticorpi contro la tubercolosi sono considerati abbastanza affidabili. Ma ce ne sono altri.

Metodi alternativi per il test del sangue

Il metodo di analisi del rilascio della gamma di interferone è meno comune di PCR ed ELISA per la rilevazione di microbatteri patogeni. Può essere effettuato al posto del test della tubercolina. La reazione indica la formazione di interferone gamma in risposta all'introduzione di microbatteri. I risultati possono determinare con precisione la presenza di infezione.

Un altro metodo di ricerca alternativo è QuantiFERON-TB Gold. Questo metodo è più spesso utilizzato per testare i bambini che hanno una forte reazione allergica al test della tubercolina.

È importante! Entrambi i metodi non consentono di determinare il grado di infezione - attivo o latente.

Il medico curante determina il tipo di analisi del sangue da utilizzare. Più spesso, lo studio viene eseguito in un complesso. Un esame del sangue per la tubercolosi latente potrebbe non dare risultati.

Come sono gli indicatori delle analisi del sangue

Quando si interpreta un esame del sangue generale, si dovrebbe prestare attenzione al livello di VES, emoglobina, leucociti.

Il livello di VES in una persona sana sarà inferiore a 50 unità, l'eccesso di questo indicatore indica il processo infiammatorio nel corpo.

Il numero di leucociti nel sangue di un paziente con tubercolosi raggiunge da 6 a 10 9 / l, nei casi acuti e gravi dello sviluppo della malattia - 12-15 a 10 9 / l.

La composizione dei globuli rossi nella maggior parte dei pazienti rimane normale. Bassa emoglobina è registrata nella tubercolosi miliare, polmonite caseosa.

Le forme acute, progressive e complicate della malattia alterano il leucogramma. In alcuni casi, viene rilevata una leucocitosi moderata (fino a 10.000-15.000 leucociti), meno comunemente leucopenia.

Qualunque cosa tu faccia un esame del sangue per la tubercolosi polmonare, decifrarli è il lavoro di professionisti esperti. Solo loro possono determinare con precisione come funziona la tubercolosi, se è ancora rilevata. Le analisi di ELISA e PCR sono decodificate allo stesso modo. Su forme speciali, un risultato negativo o positivo è indicato di fronte all'infezione designata.

Tipi di test per il trattamento

La difficoltà del trattamento sta nel fatto che l'infezione può diventare resistente a qualsiasi tipo di antibiotico, specialmente negli stadi avanzati, così come un lungo periodo di incubazione durante il quale non è possibile determinare l'infezione.

Dopo aver identificato e prescritto la terapia appropriata, il processo di guarigione viene monitorato a intervalli di 1-2 volte al mese. Il paziente dà sangue e flemma.


Foto 3. Tavolo medico nell'ambulatorio medico dopo che l'espettorato del paziente è stato raccolto. I campioni di espettorato sono racchiusi in tubi di plastica e in attesa di test di laboratorio.

È possibile eseguire un esame emocromocitometrico completo, un test di Mantoux e si può sottoporsi a fluorografia in quasi tutti i centri medici, ciò avviene immediatamente se si verifica un sospetto. Sulla base dei dati ottenuti, il terapeuta trarrà una conclusione sull'assenza di alterazioni patologiche nel corpo o rilascerà un rinvio per un ulteriore esame in un bidone.

Studi specialistici e più accurati sono condotti nei dispensari della TBC, che sono dotati di laboratori e dei reagenti necessari per la ricerca.

Quindi, riassumendo quanto sopra:

  • la tubercolosi è una malattia pericolosa che è estremamente importante rilevare nel tempo;
  • aumento della VES, oscuramento dei polmoni, cambiamenti nel leucogramma forniscono una base per inviare al paziente ulteriori esami per l'individuazione delle infezioni;
  • il trattamento viene effettuato con l'aiuto di farmaci anti-TB; La fase intensiva del trattamento continua fino a quando si ottengono indicatori clinici e radiologici positivi.

Video utile

Offriamo di guardare un video, che risponde anche alla domanda se sia possibile rilevare la tubercolosi con un esame del sangue. Descrive più dettagliatamente il quantificone QuantiFERON TB Gold, che mostra nell'analisi della tubercolosi del sangue la risposta immunitaria.

Decifrare un emocromo completo per la tubercolosi negli adulti e nei bambini

L'infezione da bacillo tubercolare non è più una frase per una persona. La medicina moderna utilizza strumenti efficaci per combattere questa malattia, se viene rilevata in una fase precoce. Regolari esami e test preventivi, incluso un esame del sangue generale per la tubercolosi, aiutano a rilevare la patologia nel tempo.

Cambiamenti nel quadro clinico

Emocromo completo per tubercolosi polmonare (UAC) non ha manifestazioni specifiche. Non ci sono marcatori che parlano dello sviluppo della tubercolosi e che determinano lo stadio della malattia. Ma con segni non specifici si può giudicare sul processo infiammatorio latente e sui cambiamenti sospetti nei polmoni.

Deviazione dei globuli rossi dalla norma

Con una forma lenta o una lesione localizzata, il numero di eritrociti nel sangue non cambia, ma il loro colore cambia. Il livello di emoglobina nell'eritrocita è ridotto. Questa condizione è chiamata ipocromia.

Con significative lesioni infiltrative del tessuto polmonare, un esame del sangue clinico mostra una riduzione del numero di globuli rossi, una diminuzione delle loro dimensioni. Compaiono cellule immature - reticolociti, che sono i "precursori" dei globuli rossi. Nella fase iniziale della tubercolosi, il numero di reticolociti non supera lo 0,5%.

L'anemia grave è più comune negli adulti con tubercolosi avanzata. Allo stesso tempo, il numero di reticolociti aumenta fino all'1% del numero totale di globuli rossi.

Spostamento dei leucociti

I leucociti come cellule del sistema immunitario sono utilizzati in risposta alla malattia in primo luogo. Secondo un esame del sangue generale e uno studio leucografico, vengono determinate sia la presenza del processo infiammatorio che il suo stadio.

Nella forma chiusa non complicata, vi è un aumento significativo del numero di neutrofili - globuli bianchi responsabili della lotta contro le infezioni batteriche. I promielociti appaiono - cellule dei leucociti immature, che normalmente non si verificano.

La tubercolosi polmonare a flusso lungo e persistente è accompagnata da alterazioni degenerative dei neutrofili, la formazione della granularità patologica. Il numero di eosinofili diminuisce drasticamente. C'è linfopenia - una riduzione del numero di linfociti. Tutti questi segni indicano un prolungato processo infiammatorio, accompagnato dalla formazione di pus e masse necrotiche.

Cambiamento ESR

La determinazione della tubercolosi nella sua fase attiva aiuta l'ESR, un indicatore del tasso di sedimentazione degli eritrociti. L'accumulo di immunoglobuline, il fibrinogeno, contribuisce alla precipitazione dei globuli rossi e alla loro rapida precipitazione. Normalmente, questi parametri del sangue negli uomini non sono superiori a 10 mm / h, nelle donne - 15 mm / h. L'accelerazione dell'ESR fino a 80 mm / h indica l'attivazione del processo infiammatorio nel corpo.

Dispone di indicatori nei bambini

Un esame del sangue per la tubercolosi in un bambino non è molto diverso dai cambiamenti in un adulto. La decodifica del risultato viene eseguita sugli stessi indicatori:

  • Nella fase iniziale della malattia, la formula dell'eritrocita cambia leggermente. L'anemia può manifestarsi solo in forma distruttiva. In altri casi, il numero di globuli rossi rimane invariato, mentre aumenta la percentuale di eritrociti immaturi. La tubercolosi nei bambini può essere sospettata quando i reticolociti sono rilevati sopra 1 ppm.
  • Anche gli indicatori dei leucociti subiscono cambiamenti. La leucocitosi si sviluppa - un aumento del numero totale dei globuli bianchi dovuto ai neutrofili, e il numero dei linfociti diminuisce bruscamente. Alla norma per i bambini sopra i 6 anni il 40%, il numero di linfociti nella tubercolosi non supera il 20%.

Nelle prime fasi della malattia, cresce il numero di eosinofili - cellule che reagiscono a una reazione allergica. Una forte diminuzione in essi mostra che il processo entra nella fase attiva.

  • Nei bambini, la VES non supera i 10 mm / h. L'accelerazione a 50mm / h indica la mobilizzazione delle difese del corpo per combattere il processo infiammatorio.

In un bambino, la fase iniziale della malattia si presenta spesso senza sintomi evidenti o è mascherata da ARVI.

Cambiamenti a seconda della fase della malattia

È possibile stabilire in modo affidabile la presenza di un focus tubercolare con l'aiuto di esami del sangue di laboratorio? Purtroppo no. Emocromo completo per la tubercolosi è in grado di rilevare il processo infiammatorio solo in alcune fasi della malattia.

  1. Nella fase di infiltrazione, i leucociti reagiscono leggermente e l'ESR aumenta.
  2. Nella fase di disintegrazione, si verificano evidenti cambiamenti nella formula dei leucociti e negli eritrociti.
  3. La forma disseminata durante l'analisi darà deviazioni più pronunciate sopra menzionate.
  4. Quando il processo infiammatorio si abbassa o il processo di recupero, il sangue rosso torna alla normalità, il numero e il rapporto dei leucociti viene ripristinato.
  5. Una forma inattiva di tubercolosi polmonare non viene rilevata dall'esame generale del sangue.

Il rilevamento precoce della tubercolosi è un prerequisito per il successo del trattamento e un esame emocromocitometrico completo è un metodo che consente di rilevare il processo infiammatorio latente nel tempo. E sebbene l'analisi non sia considerata un metodo di ricerca specializzato, è possibile coprire una grande massa di persone in breve tempo. In caso di rilevamento di anomalie nel quadro clinico caratteristico, è prescritta un'analisi specifica di tubercolosi e fluorografia.

Chi ha detto che è impossibile curare la tubercolosi?

Ti è stata diagnosticata la tubercolosi. Soddisfate tutte le prescrizioni del medico, ma non vi è alcun recupero. Una manciata di pillole fa male allo stomaco, persegue la debolezza e l'apatia? Forse dovresti cambiare l'approccio al trattamento.

I medici non possono superare la causa alla radice della tua malattia. Leggi la storia di Helen, che è riuscita a sconfiggere la tubercolosi indipendentemente da cosa. Leggi l'articolo >>

Indicatori di VES nella tubercolosi

Attualmente, secondo le statistiche, la tubercolosi è la malattia più comune tra le persone. Molto spesso, questa malattia colpisce bambini e poveri. Vale la pena notare che ogni anno la percentuale di ammalati raddoppia. In questo contesto, vengono sviluppati nuovi farmaci e metodi per il trattamento della tubercolosi.

Il fattore principale che contribuisce allo sviluppo della tubercolosi è una diminuzione dell'immunità, che può essere causata dall'inquinamento ambientale. È possibile diagnosticare questa malattia con l'aiuto di test e in molti altri modi.

Un esame del sangue per la tubercolosi è l'indicatore principale per determinare la malattia negli esseri umani. La tubercolosi è una malattia infettiva pericolosa. Vale la pena notare che nella fase più avanzata della malattia è molto difficile da trattare, quindi è molto importante notare la malattia in tempo e iniziare un trattamento adeguato in ospedale.

Modi di contrarre la tubercolosi

La malattia ha un meccanismo di trasmissione aereo. Pertanto, l'infezione può verificarsi a seguito dell'ingresso del patogeno nel corpo attraverso la membrana mucosa. Inoltre, la tubercolosi può essere trasmessa da una madre malata a un feto in via di sviluppo.

In quasi tutti i casi, la tubercolosi colpisce l'apparato respiratorio. Separare la forma extrapolmonare della malattia (colpisce il sistema digestivo, il sistema nervoso centrale, sconvolge la funzione visiva, le articolazioni, il sistema urogenitale).

La principale fonte della malattia è il micobatterio - la bacchetta di Koch. Colpisce i polmoni, la pelle, le ossa e molti altri organi. In genere, la tubercolosi può portare alla disabilità o addirittura alla morte. Tuttavia, se la malattia viene diagnosticata il più presto possibile, allora è abbastanza ben curabile.

Indicatori di VES nella tubercolosi

Un esame del sangue per la determinazione della tubercolosi mostra il decorso clinico del processo infiammatorio. Normalmente, il tasso di sedimentazione degli eritrociti è: negli uomini, 1-10 mm / h, nelle donne, 2-15 mm / h.

L'agente patogeno, entrando nel corpo umano, provoca danni ai tessuti e agli organi di vari sistemi. Compresi i cambiamenti nei conteggi del sangue. Quindi, quando infettato da un bastone, c'è un aumento molto forte del tasso di sedimentazione degli eritrociti. Anche il numero di leucociti aumenta, poiché il corpo ha un processo infiammatorio.
Di norma, la tubercolosi non causa cambiamenti significativi nei globuli rossi. Lo sviluppo di una piccola anemia e bassa emoglobina può svilupparsi solo con una significativa perdita di sangue. Pertanto, la tubercolosi è accompagnata da un eccesso di ESR significativamente superiore al valore normale.

sintomi

I principali sintomi della tubercolosi includono:

  1. Aumento della temperatura corporea;
  2. Sudorazioni notturne;
  3. La comparsa di mancanza di respiro;
  4. Tosse secca e forte con espettorato (possono essere presenti striature di sangue);
  5. Stanchezza generale;
  6. Perdita di peso drammatica;
  7. Fatica veloce;
  8. letargia;
  9. l'aggressività;
  10. Mancanza di appetito;
  11. Dolori al petto.

I bambini, al contrario degli adulti, sono più suscettibili alla tubercolosi. Pertanto, è necessario esaminare regolarmente il bambino e condurre un test per identificare i bastoncini di Koch. Una diagnosi tempestiva consente di ottenere un risultato positivo senza conseguenze gravi.

Alcune persone hanno un forte sistema immunitario. In questo caso, i sintomi della malattia iniziano ad apparire solo nelle fasi successive. Quando l'immunità è indebolita, i sintomi compaiono proprio all'inizio della malattia.
La tubercolosi si sviluppa lentamente e gradualmente:

  • Forma primaria
    Si sviluppa immediatamente dopo l'infezione. I sintomi principali in questa fase sono i linfonodi ingrossati.
  • Latente (forma latente).
    L'insorgenza della malattia è caratterizzata dall'assenza di sintomi. Inoltre, appaiono sotto forma di dolore specifico quando respirano e tossiscono, mancanza di appetito, aumento della sudorazione e rapida stanchezza. Questo modulo può essere considerato non contagioso.
  • Modulo aperto
    La forma più grave della malattia. Per il trattamento, è necessario proteggere il malato dagli altri in istituti medici chiusi. Questo per garantire la sicurezza per le persone che li circondano.
  • Forma secondaria
    Osservato come risultato della re-infezione.

Diagnosi di tubercolosi

La scoperta della malattia è complicata dalla somiglianza dei primi sintomi con la bronchite cronica. Il ruolo principale nella diagnosi della tubercolosi è l'assunzione tempestiva di test da parte dei potenziali pazienti. Quindi, se un paziente è sospettato di avere la tubercolosi, viene condotta una ricerca sull'espettorato. Per fare questo, l'espettorato viene raccolto durante il giorno e inviato a un laboratorio per rilevare i micobatteri.

Va notato che la diagnosi di tubercolosi ha altri metodi per esaminare i pazienti.

I modi più efficaci per diagnosticare la malattia sono:

  1. Esame del sangue B / x;
  2. Analisi delle urine;
  3. Analisi dell'espettorato;
  4. Test di Mantoux, Pirque;
  5. CT (tomografia computerizzata);
  6. Esami del sangue sierologici (ELISA, PCR);
  7. broncoscopia;
  8. biopsia;
  9. Puntura pleurica;
  10. radiografia del torace;
  11. Fluoroscopia.

Vale la pena notare che la tubercolosi è accompagnata da un aumento della concentrazione di colesterolo, lisozima, acido urico e Cu nel siero del sangue. Sulla base di questo, tutti i cambiamenti nella tubercolosi possono essere molto specifici.

Ogni forma della malattia differisce in corso, gravità, diagnosi e trattamento. Pertanto, quando compaiono i primi sintomi, è necessario consultare immediatamente un medico e non automedicare. Dal momento che puoi solo aggravare la situazione e peggiorare la tua condizione.

Attualmente, ci sono molti farmaci che combattono efficacemente l'agente eziologico della tubercolosi. Il ruolo principale nel recupero di una persona è svolto da una diagnosi tempestiva e da una terapia competente. Inoltre, le condizioni generali del paziente dipendono dal processo di recupero dopo la malattia. Pertanto, se si rispettano tutte le raccomandazioni mediche, è possibile ridurre il rischio di re-infezione.

Diagnosi di laboratorio della tubercolosi

La tubercolosi è una malattia facile da diagnosticare nelle condizioni attuali e nei risultati scientifici. La diagnosi di laboratorio della tubercolosi è fondamentale per altri metodi diagnostici, in secondo luogo solo per i metodi a raggi x.

emocromo completo

Nei pazienti con tubercolosi, i cambiamenti nell'analisi del sangue generale non sono patognomonici. Con forme limitate e inattive di tubercolosi, l'ipocromia degli eritrociti è tipica del loro numero normale. Con massicci infiltrati o polmonite caseosa, con diffusa linfoadenite caseosa, si osservano lesioni specifiche dell'intestino, così come con grandi emorragie polmonari o postoperatorie, eritropenia e microcitosi, oligochromasia, policromia. La macrocitosi e ancor più la poikilocitosi sono molto meno comuni, di solito con grave anemia. Il numero di reticolociti con uno stadio compensato di tubercolosi varia da 0,1 a 0,6%, con subcompensato - da 0,6 a 1,0% e l'1% di reticolociti è caratteristico di scompenso.

In casi di tubercolosi, in alcuni casi si può osservare una leucocitosi moderata (fino a 15mila leucociti), meno frequentemente la leucopenia, che si riscontra nel 2-7% dei casi in pazienti con forme limitate e facilmente procedurali del processo e nel 12,5% - in tubercolosi polmonare distruttiva e progressiva.

Molto spesso si verificano turni nella formula dei leucociti. Sia la neutrofilia relativa che quella assoluta, lo spostamento moderato dei leucociti a sinistra verso i promielociti sono annotati. I mielociti si incontrano molto raramente nel caso di tubercolosi non complicata. L'aumento del numero di neutrofili con granulosità patologica nell'emogramma di un paziente con tubercolosi indica sempre la durata del processo: in pazienti con tubercolosi grave, quasi tutti i neutrofili contengono granulosità patologica. Quando un'epidemia di tubercolosi si attenua, lo spostamento nucleare giunge alla normalità in tempi relativamente brevi. La granularità anormale dei neutrofili di solito dura più a lungo di altri cambiamenti nell'emogramma.

Anche il contenuto di eosinofili nel sangue periferico varia a seconda della fase del processo e della condizione allergica del corpo. Il loro numero diminuisce fino ad un aneosinofilia durante focolai prolungati e gravi della malattia e, al contrario, aumenta con il riassorbimento di infiltrati e versamento pleurico, nonché con forme precoci di tubercolosi primaria.

La maggior parte delle forme di tubercolosi primaria è accompagnata da linfopenia, che a volte viene osservata per un certo numero di anni anche dopo aver cicatrizzato cambiamenti specifici. La tubercolosi secondaria in fase acuta, a seconda della gravità del processo, può essere accompagnata da un numero normale di linfociti o linfopenia.

Tra i test per la valutazione del processo tubercolare, un posto speciale è occupato dalla determinazione della velocità di eritrosedimentazione (ESR), che è importante per valutare il decorso del processo di tubercolosi e identificare le sue forme attive. Un aumento della VES indica la presenza di un processo patologico (infettivo-infiammatorio, purulento, settico, emoblastosi, malattia di Hodgkin, ecc.) E serve come indicatore della sua gravità, tuttavia, gli indicatori ESR normali non indicano sempre l'assenza di patologia. La sedimentazione eritrocitaria è accelerata da un aumento del contenuto di globuline nel sangue, fibrinogeno, colesterolo e una diminuzione della viscosità del sangue. Il rallentamento della sedimentazione degli eritrociti è caratteristico delle condizioni che coinvolgono l'emoconcentrazione, un aumento del contenuto di albumina e acidi biliari.

L'emoglobina in pazienti con tubercolosi cambia durante il trattamento. I cambiamenti ematologici scompaiono più velocemente, più l'intervento terapeutico ha successo. Tuttavia, si dovrebbe tenere presente l'effetto sull'emopoiesi di vari farmaci antibatterici. Spesso causano eosinofilia, in alcuni casi - leucocitosi e più spesso leucopenia fino ad agranulocitosi e reazione linfoide-reticolare. Il controllo ematologico sistematico e la corretta analisi dei dati ottenuti sono essenziali per valutare le condizioni cliniche del paziente, le dinamiche del processo e l'efficacia del trattamento applicato.

Analisi delle urine

Con la tubercolosi del sistema urinario, il test delle urine è il principale metodo diagnostico di laboratorio. È possibile osservare leucocituria, eritrocituria, proteinuria, ipoisostenuria, micobatterio tubercolosi, batteriuria non specifica.

La leucocituria è il sintomo più comune della tubercolosi del sistema urinario prima della chemioterapia specifica ed è assente solo in casi eccezionali, ad esempio, con completa obliterazione del lume dell'uretere. Il test di Nechiporenko (determinazione del numero di leucociti in 1 ml di urina) aiuta a valutare più obiettivamente il grado di leucocituria nella nefrotubercolosi e in alcuni casi a identificarlo nella normale analisi delle urine. Tuttavia, si deve tenere presente che la leucocituria può essere in pielonefrite acuta e cronica, cistite, uretrite, calcoli nei reni e negli ureteri.

Eritrotsiturii. come la leucocituria. È considerato uno dei segni di laboratorio più frequenti della tubercolosi del sistema genito-urinario. La frequenza di ematuria dipende dalla prevalenza del processo, aumenta con lo sviluppo del processo tubercolare distruttivo nel rene. L'eritrocituria senza leucocituria è più caratteristica delle prime fasi della tubercolosi renale. Ematuria, prevalente su leucocituria, è un argomento importante a favore della tubercolosi renale nella sua differenziazione con pielonefrite non specifica.

Analisi del sangue biochimica

Nella tubercolosi, i cambiamenti di alcuni parametri biochimici dipendono principalmente dalla fase del processo, dalle complicanze e da varie malattie concomitanti. Nei pazienti con tubercolosi inattiva dei polmoni e di altri organi, le frazioni totali di proteine ​​e proteine ​​del siero del sangue non vengono modificate e determinano il loro contenuto normale.

Nelle forme acute della malattia, così come nella esacerbazione e nella progressione delle forme croniche di tubercolosi, il coefficiente di albumina-globulina diminuisce.

Indispensabile per valutare lo stato funzionale e il danno organico al fegato nella tubercolosi e le sue complicanze è la determinazione nel siero della bilirubina totale e diretta, dell'aspartato aminotransferasi (ACT), dell'alanina aminotransferasi (ALT). Determinazione dinamica del livello di aminotransferasi. la bilirubina nel trattamento di pazienti con tubercolosi, specialmente nelle sue forme gravi, è un componente obbligatorio dell'esame biochimico dei pazienti con tubercolosi ed è effettuata mensilmente.

La valutazione dello stato funzionale dei reni comprende la determinazione della creatinina sierica e il calcolo della velocità di filtrazione glomerulare utilizzando la formula di Cockroft-Gault. Il calcolo della velocità di filtrazione glomerulare con il test Reberg fornisce risultati meno accurati.

L'obiettivo principale degli studi biochimici dinamici dei pazienti con tubercolosi è quello di controllare il decorso del processo, identificare tempestivamente gli effetti collaterali dei farmaci e un'adeguata correzione dei disturbi dell'omeostasi.

L'uso di metodi di ricerca biochimica per la tubercolosi extrapolmonare

L'indicatore più informativo considera il contenuto di acido tubercolostearico nei fluidi biologici, ma la sua definizione è irta di difficoltà tecniche (la necessità di utilizzare la gascromatografia e la spettrometria di massa).

È promettente misurare l'attività dell'adenosina deaminasi, un enzima rilevato nei fluidi: sinoviale, pericardico, ascitico o cerebrospinale. I principali produttori di adenosina deaminasi sono linfociti e monociti. La determinazione dell'attività dell'adenosina deaminasi nei fluidi biologici facilita la diagnosi di sinovite tubercolare, tubercolosi dei linfonodi, meningite tubercolare, sieropositività da tubercolosi.

Alcuni parametri biochimici dovuti alla loro non specificità sono determinati solo in fluidi biologici vicini alla lesione. Il livello degli indicatori è misurato in risposta alla somministrazione sottocutanea o intracutanea di tubercolina (di solito prima della somministrazione e 48 e 72 ore dopo). Successivamente, viene calcolato il grado di aumento del livello del marker (in%) rispetto al livello iniziale.

Determinazione ottimale nelle urine dell'attività di un enzima transamidinasi organo-specifico, il cui verificarsi è noto con danno renale di varia natura. Lo studio della transaminidasi è giustificato solo nelle condizioni di somministrazione sottocutanea di tubercolina allo scopo di aggravare il processo infiammatorio locale. L'attività della transamidinasi nelle urine è determinata al basale e 24-72 ore dopo la somministrazione di 50 TE di tubercolina. Un aumento della fermenturia di 2 volte e oltre consente nell'82% dei casi di differenziare la tubercolosi attiva dei reni da esacerbazione della pielonefrite cronica.

Nella tubercolosi genitale femminile, le concentrazioni di aptoglobina e malondialdeide nel sangue sono determinate nel test provocatorio della tubercolina. La tubercolina viene somministrata per via sottocutanea alla dose di 50 TE e, dopo 72 ore, viene eseguito uno studio biochimico ripetuto. Nel caso dell'eziologia tubercolare, il grado di aumento del livello di aptoglobina è almeno del 28% e il livello di malondialdeide del 39% o più. Utilizzato anche per determinare l'attività dell'adenosina deaminasi nel liquido peritoneale derivato dallo spazio di Douglas. Il punteggiato viene riesaminato 72 ore dopo la somministrazione intradermica di tubercolina in dosi di 0,1 TE e 0,01 TE nell'area di proiezione degli organi genitali interni sulla parete addominale anteriore. A favore del processo tubercolare, un aumento dell'attività dell'adenosina deaminasi del 10% o più rispetto a quello iniziale è indicativo.

Con danni agli occhi, viene esaminata una reazione focale che si verifica nell'occhio in risposta alla stimolazione antigenica. Nello stesso momento sviluppo indesiderabile di una risposta pronunciata, accompagnata da una diminuzione in funzioni visive. Poiché la valutazione delle reazioni focali minime è spesso difficile, per oggettivare la conclusione, si raccomanda di concentrarsi in parallelo sul grado di aumento dell'aptoglobina sierica o dell'adenosina deaminasi.

Tutti gli studi biochimici dovrebbero essere condotti insieme ad altri metodi.

Test di coagulazione del sangue

La rilevanza dello studio dello stato del sistema di coagulazione del sangue in phthisiology è dovuta alla presenza di emorragie o emorragie polmonari in un certo numero di pazienti con tubercolosi, così come complicanze emocoagulazione nel trattamento chirurgico della tubercolosi. Inoltre, l'emocoagulazione intravascolare latente, che è naturalmente concomitante con la tubercolosi, influisce sul decorso della malattia e sull'efficacia della chemioterapia.

Nei pazienti con tubercolosi polmonare con prevalenza della componente essudativa dell'infiammazione si osserva una diminuzione dell'attività anticoagulante del sangue. Nei pazienti con una bassa prevalenza di una lesione specifica nei polmoni con una predominanza della componente produttiva dell'infiammazione, l'emocoagulazione intravascolare non è molto pronunciata. Nei pazienti con tubercolosi polmonare con emottisi ed emorragie polmonari, lo stato del sistema di coagulazione del sangue è diverso: in pazienti con bassa perdita di sangue all'altezza dell'emofisi o immediatamente dopo la sua conclusione, si osserva un forte aumento della coagulazione del sangue a causa della marcata intensificazione dei processi di formazione della trombina mantenendo una contrazione "strutturale". Nei pazienti con massiccia perdita di sangue, si osserva una diminuzione del potenziale di coagulazione a causa di una diminuzione della concentrazione di fibrinogeno. attività del fattore XIII, conta piastrinica. Nella fase di trattamento chirurgico in pazienti con forme limitate di tubercolosi polmonare, non ci sono disturbi significativi con il sistema di omeostasi. I pazienti con processi comuni durante l'esecuzione di pneumonim o pleuropolmonectomia spesso sviluppano DIC, che può assumere la forma di una "seconda malattia".

Per monitorare lo stato del sistema di coagulazione del sangue in pazienti con tubercolosi polmonare, è necessario determinare il tempo di tromboplastina parziale attivata (APTT), il fibrinogeno, il tempo di trombina, l'indice di protrombina, nonché il tempo di sanguinamento e il tempo di coagulazione del sangue.

Studi ormonali

Le moderne osservazioni sperimentali e cliniche indicano la presenza di cambiamenti nello stato ormonale della polmonite polmonare specifica. È stato dimostrato che la correzione della disfunzione dei sistemi ipofisi-surrenalici, della ghiandola pituitaria e della funzione pancreatica in combinazione con la terapia anti-tubercolosi contribuisce all'attivazione dei processi di fibrogenesi e riparazione nel focus di un'infiammazione specifica.

Lo stato funzionale del sistema pituitario-tiroideo è giudicato dal contenuto nel siero di triiodotironina (T3), tiroxina (T4), ormone ipofisario stimolante la tiroide (TSH). È stato dimostrato che l'ipotiroidismo subclinico è rilevato nel 38-45% dei pazienti con tubercolosi polmonare e viene diagnosticato più spesso in forme disseminate e fibrose-cavernose del processo. Sotto queste stesse forme, i livelli come T sono drasticamente ridotti.3,così e t4, e arriva uno squilibrio di questi ormoni nella forma di aumentare il rapporto T4/ Ts.

La funzione della corteccia surrenale è valutata dal livello di cortisolo nel siero del sangue e dalla funzione endocrina del pancreas dalla concentrazione di insulina immuno-reattiva. Nella fase acuta di una malattia infettiva, aumenta il bisogno di cortisolo endogeno e di insulina. L'iperinsulinemia indica anche la resistenza all'insulina dei tessuti corporei, che è caratteristica di qualsiasi processo infiammatorio attivo, in particolare specifico. La determinazione della funzione glucocorticoide delle ghiandole surrenali con tubercolosi polmonare attiva rivela la presenza di ipercorticismo nella maggior parte dei pazienti. Indicatori normali di concentrazione di cortisolo nel sangue in un paziente con infiammazione infettiva nel periodo acuto dovrebbero essere considerati come l'insufficienza relativa della funzione glucocorticoide della corteccia surrenale, che può servire come base per la terapia sostitutiva con dosi adeguate di glucocorticoidi.

Quasi un terzo dei pazienti con tubercolosi polmonare può stabilire che il loro livello di insulinemia è piuttosto basso e si avvicina al limite inferiore della norma, mentre il 13-20% vede un iperinsulinismo significativo. Sia l'ipo-sia iperinsulinismo sono fattori ad alto rischio per lo sviluppo di disturbi del metabolismo dei carboidrati di varia gravità. Questi cambiamenti nell'attività funzionale delle cellule B del pancreas richiedono regolare controllo glicemico nei pazienti con tubercolosi e prevenzione tempestiva del diabete. Inoltre. Questo serve come ulteriore motivazione per l'uso di dosi fisiologiche di insulina nella complessa terapia della tubercolosi.

In generale, una diminuzione dei livelli di ormone tiroideo, il loro squilibrio, ipercortisolemia e iperinsulinismo sono più pronunciati nei pazienti con un grave processo tubercolare, con ampie lesioni polmonari e gravi sintomi di intossicazione tubercolare.

Diagnosi microbiologica della tubercolosi

Sono necessari studi microbiologici per identificare i pazienti con tubercolosi, verificare la diagnosi, monitorare e correggere la chemioterapia, valutare gli esiti del trattamento, in altre parole, dal momento della registrazione di un paziente con tubercolosi fino alla rimozione dal registro.

Tutti i programmi e i progetti epidemiologici si basano su una stima del numero di escreti di batteri che non possono essere eseguiti senza l'uso di metodi di laboratorio per l'individuazione del micobatterio tubercolare. Quando si esamina la negoziabilità della cosiddetta popolazione non organizzata, la percentuale di escreti batterici raggiunge 70 o più, il che rende i metodi di laboratorio un mezzo abbastanza efficace per identificare i pazienti con tubercolosi in questo gruppo della popolazione.

Metodi microbiologici tradizionali per la diagnosi della tubercolosi - studi batterioscopici e culturali. I metodi moderni considerano la coltivazione del micobatterio tubercolosi in sistemi automatizzati, la PCR. Tuttavia, tutti questi metodi sono necessariamente combinati con i metodi batteriologici classici.

Raccolta di materiale diagnostico

L'efficacia degli studi di laboratorio dipende in gran parte dalla qualità del materiale diagnostico. Il rispetto delle regole per la raccolta, la conservazione e il trasporto di materiale diagnostico e l'esatta implementazione dell'algoritmo per l'esame dei pazienti influisce direttamente sul risultato e garantisce la sicurezza biologica.

Per la ricerca sulla tubercolosi utilizzando una varietà di materiali. A causa del fatto che la tubercolosi polmonare è la forma più comune di lesioni alla tubercolosi, l'escreato e altri tipi di secrezioni dell'albero tracheobronchiale sono considerati il ​​materiale principale per lo studio: scarica del tratto respiratorio superiore ottenuta dopo l'inalazione di aerosol: acqua di scarico bronchiale; lavaggi broncoalveolari; materiale ottenuto mediante broncoscopia, biopsia transtracheale e intrapolmonare: aspirato dai bronchi, strisci laringei, essudati, macchie da ferite, ecc.

L'efficacia della ricerca aumenta se conducono una raccolta controllata di materiale dal paziente. Per fare questo, assegnare una stanza appositamente attrezzata o acquistare cabine speciali. La raccolta di materiale è una procedura pericolosa, quindi è necessario raccogliere materiale per la ricerca, seguendo le regole della sicurezza infettiva.

Il materiale per la ricerca sulla tubercolosi del micobatterio viene raccolto in fiale sterili con tappi a chiusura ermetica per impedire la contaminazione dell'ambiente e per proteggere il materiale raccolto dalla contaminazione.

Le fiale per la raccolta del materiale diagnostico devono soddisfare i seguenti requisiti:

  • deve essere realizzato in materiale resistente agli urti;
  • dovrebbe sciogliersi facilmente durante la sterilizzazione in autoclave;
  • avere un volume sufficiente (40-50 ml):
  • avere un'ampia apertura per la raccolta dell'espettorato (diametro non inferiore a 30 mm);
  • per essere facile da usare, trasparente o traslucido, in modo da poter valutare la quantità e la qualità del campione raccolto senza aprire il coperchio.

Per ottenere risultati di ricerca ottimali, devono essere soddisfatte le seguenti condizioni:

  • la raccolta dei materiali viene effettuata prima dell'inizio della chemioterapia;
  • il materiale per lo studio deve essere raccolto prima dell'assunzione mattutina di cibo e droghe;
  • per la ricerca è auspicabile raccogliere almeno 3 campioni di espettorato del mattino. Raccogli l'espettorato per 3 giorni consecutivi;
  • Il materiale raccolto deve essere consegnato al laboratorio il prima possibile:
  • nel caso in cui sia impossibile consegnare immediatamente il materiale al laboratorio, esso viene conservato in frigorifero a una temperatura dell'aria di 4 ° C per non più di 48 ore;
  • durante il trasporto del materiale, è necessario monitorare attentamente l'integrità delle fiale.

L'espettorato correttamente raccolto ha un carattere muco o mucopurulento. Il volume ottimale della porzione indagata di espettorato è di 3-5 ml.

La flemma viene raccolta sotto la supervisione di un medico. Persone responsabili della raccolta dell'espettorato, è necessario monitorare l'attuazione di alcune regole:

  • È necessario spiegare al paziente lo scopo dello studio e la necessità di tossire non muco di saliva o nasofaringeo, ma il contenuto del tratto respiratorio profondo. Questo può essere ottenuto a seguito di una tosse produttiva che si verifica dopo alcuni (2-3) respiri profondi. È anche necessario avvertire il paziente che deve prima sciacquarsi la bocca con acqua bollita per rimuovere la parte principale della microflora vegetativa nella cavità orale e detriti alimentari che impediscono lo studio dell'espettorato;
  • un medico che partecipa alla raccolta dell'espettorato, oltre a una veste e un berretto, deve indossare una maschera, guanti di gomma e un grembiule di gomma;
  • in piedi dietro il paziente, si raccomanda di tenere la bottiglia il più vicino possibile alle labbra e separare immediatamente l'espettorato in essa mentre tossisce, mentre è necessario fornire che il flusso d'aria sia diretto lontano dal fornitore di assistenza sanitaria:
  • Al completamento della raccolta di espettorato, il medico deve chiudere accuratamente la fiala con un cappuccio e valutare la quantità e la qualità dell'espettorato raccolto. Quindi il flacone viene etichettato e inserito in uno speciale bix per il trasporto al laboratorio.

Se il paziente non emette espettorato, la sera prima e la mattina presto del giorno della raccolta del materiale deve essere somministrato un espettorante: estratto del medicinale Altea (mukaltin), bromhexin, ambroxol, ecc. - oppure applicare inalazione irritante con apparecchiature installate nella sala raccolta espettorato. Il materiale raccolto in questo modo non può essere conservato e deve essere esaminato il giorno della raccolta. Al fine di evitare il suo "rifiuto" nel laboratorio nella direzione dovrebbe fare un segno speciale.

Se la ricerca microbiologica non viene eseguita in questo istituto, il materiale diagnostico raccolto deve essere consegnato centralmente al laboratorio, fatto salvo il mantenimento obbligatorio del materiale tra le consegne in frigorifero o con l'uso di conservanti. Consegnare il materiale al laboratorio in scatole di spedizione che possono essere facilmente disinfettate. Ogni campione deve essere etichettato con l'etichetta appropriata e l'intero lotto deve essere compilato con il modulo allegato.

Modalità e frequenza dell'esame dei pazienti

Durante l'iniziale, cosiddetta diagnosi, esame di un paziente per tubercolosi, è necessario indagare almeno 3 porzioni di escreato entro 2 o 3 giorni. raccolti sotto la supervisione di personale medico, che aumenta l'efficacia della microscopia.

Lo screening della tubercolosi primaria deve essere effettuato da tutte le istituzioni diagnostiche mediche del sistema sanitario. Recentemente, per aumentare l'efficacia dell'esame primario, sulla base di laboratori diagnostici clinici, sono stati organizzati i cosiddetti centri di microscopia, dotati di moderni microscopi e attrezzature per garantire la sicurezza epidemica.

Nelle strutture della tubercolosi viene utilizzato un programma di screening che prevede uno studio dell'espettorato o altro materiale diagnostico per almeno 3 volte in 3 giorni. Nel corso del trattamento, gli studi microbiologici vengono effettuati regolarmente, almeno una volta al mese, nella fase di chemioterapia intensiva. Durante la transizione verso la fase di follow-up, gli studi vengono eseguiti meno frequentemente - a intervalli di 2-3 mesi, mentre la molteplicità dello studio è ridotta a due.

Caratteristiche della collezione di materiale diagnostico nella tubercolosi extrapolmonare

La particolarità del materiale patologico nelle forme extrapolmonari di tubercolosi è una bassa concentrazione di micobatterio tubercolare in essa, che richiede metodi più sensibili di ricerca microbiologica, prima di tutto, i metodi di impianto su un mezzo nutritivo.

Nella tubercolosi urogenitale, l'urina è il materiale di ricerca più accessibile. Il prelievo delle urine dovrebbe essere effettuato da un'infermiera addestrata.

I genitali esterni si lavano con acqua e sapone o una soluzione debole di permanganato di potassio. Elaborare attentamente l'apertura esterna dell'uretra. Una porzione media di urina del mattino viene raccolta in una fiala sterile: negli uomini - naturalmente, nelle donne - con un catetere. L'urina della pelvi renale viene raccolta in tubi sterili per il cateterismo di uno o due reni, in quest'ultimo caso - necessariamente separatamente da ciascun rene. Una piccola quantità di questa urina viene centrifugata, il precipitato viene esaminato.

Negli uomini, nello sperma, nei punti dei testicoli, le secrezioni di prostata vengono centrifugate per ottenere sedimenti. In qualsiasi localizzazione di un processo specifico nell'area genitale negli uomini, il massaggio della ghiandola prostatica può contribuire alla secrezione di secrezione di micobatterio contenente tubercolosi.

Il sangue mestruale viene prelevato dalle donne per aspirazione o usando un berretto Kafka. Il materiale risultante viene liberato dai globuli rossi, lavato con acqua distillata, seguita da centrifugazione. Sedimenti investigati.

Lo scarico dal canale cervicale dell'utero viene raccolto in qualsiasi contenitore o cappuccio di Kafka, cioè è desiderabile accumulare 1-2 ml di materiale patologico.

Il materiale ottenuto durante l'intervento chirurgico sui reni, i genitali. biopsie, raschiamenti dall'endometrio, omogeneizzati. Per fare questo, viene posto in una malta sterile e completamente schiacciato con forbici sterili. Alla sospensione risultante viene aggiunta sabbia sterile in quantità pari alla sua massa, quindi vengono aggiunti 0,5-1,0 ml di soluzione isotonica di cloruro di sodio e il tutto viene macinato per formare una massa pastosa con l'aggiunta di soluzione isotonica di cloruro di sodio (4-5 mi). Quindi la massa viene lasciata sedimentare per 1-1,5 minuti, il surnatante viene esaminato.

Tubercolosi delle ossa e delle articolazioni. Il punteggiato (pus di ascessi ascessi), ottenuto con una siringa sterile, viene posto in un contenitore sterile e immediatamente consegnato al laboratorio. Pipetta sterile, preumidificata con soluzione isotonica di cloruro di sodio sterile, prendere 2-5 ml di pus, trasferirla nella bottiglia con perline e aggiungere altri 2-3 ml di soluzione di cloruro di sodio isotonico. La bottiglia viene chiusa con un tappo e agitata nell'apparecchio di scherzo per 8-10 minuti. Viene esaminato il liquame omogeneizzato.

Per le forme fistolose della tubercolosi osteo-articolare, il pus viene prelevato dalla fistola. Lo scarico abbondante viene raccolto direttamente nel tubo. In caso di scarso rilascio di pus, la fistola viene lavata con una soluzione isotonica sterile di cloruro di sodio, e le acque di lavaggio raccolte in una provetta o un pezzo di tampone imbevuto di pus vengono inviate per l'esame.

Il materiale chirurgico ottenuto durante l'intervento chirurgico sulle ossa e sulle articolazioni, può essere costituito da masse, necrosi, cicatrici, tessuto osseo, tessuto delle membrane sinoviali e altri substrati purulento-necrotici. Viene processato come nella tubercolosi dei reni.

Esame microbiologico del liquido sinoviale in soluzione di citrato di sodio al 3% (rapporto 1: 1) per evitare che la coagulazione venga effettuata direttamente dopo la puntura.

Tubercolosi dei linfonodi. Viene esaminato anche il pus estratto durante la puntura dei linfonodi. come pus di ascessi intestinali. I tessuti linfonodali ottenuti durante l'intervento chirurgico, le biopsie, vengono esaminati come in altre forme di tubercolosi.

Lo studio delle masse fecali per la tubercolosi del micobatterio è estremamente raro a causa della quasi totale assenza di risultati positivi.

Micobatteri microscopici

La microscopia dell'espettorato è un metodo relativamente rapido, semplice e poco costoso che dovrebbe essere usato in tutti i casi di sospetta tubercolosi. Inoltre, questo studio viene effettuato per valutare l'efficacia della chemioterapia e per stabilire il recupero o un esito negativo del trattamento in assenza di risultati di coltura.

Utilizzare 2 metodi di esame microscopico:

  • metodo di microscopia diretta, quando uno striscio viene preparato direttamente da un materiale diagnostico;
  • metodo di microscopia del sedimento preparato da materiale decontaminato per coltura.

Il primo metodo è utilizzato in laboratori in cui vengono eseguiti solo esami microscopici (laboratori clinici diagnostici della rete medica generale).

I migliori risultati dell'esame microscopico si ottengono concentrando il materiale diagnostico (ad esempio mediante centrifugazione).

Per rilevare la tubercolosi del micobatterio con una probabilità del 50% di microscopia, 1 ml di espettorato dovrebbe contenere più di 5.000 cellule microbiche. La flemma di pazienti con forme polmonari di tubercolosi di solito contiene una quantità significativa di batteri resistenti agli acidi, che consente loro di identificarli con sicurezza durante la batterioscopia. La sensibilità diagnostica di questo metodo può essere migliorata esaminando diversi campioni di espettorato da un paziente. Una batterioscopia negativa non esclude una diagnosi di tubercolosi, perché l'espettorato di alcuni pazienti contiene meno micobatteri di quanti possano essere rilevati mediante microscopia. Una cattiva preparazione degli strisci di espettorato può anche essere la causa di un esame batteriologico negativo.

Il metodo più comune per rilevare i micobatteri acido-resistenti in uno striscio è la colorazione secondo Ziehl-Nelsen. Il metodo si basa sulla penetrazione di fucsina carbolica nella cellula microbica attraverso la membrana, che include uno strato di cera-lipide, con gli effetti simultanei del riscaldamento e un forte effetto di incisione del fenolo. La successiva decolorazione dello striscio con una soluzione al 25% di acido solforico o al 3% di alcol cloridrico porta alla decolorazione di tutte le strutture non resistenti agli acidi. Gli elementi sbavati sbiancati sono colorati con una soluzione allo 0,3% di blu di metilene. I micobatteri non percepiscono i soliti coloranti all'anilina, a causa dei quali i micobatteri resistenti agli acidi sono dipinti in colore rosso lampone e altri microbi ed elementi cellulari - in blu.

Per esaminare le macchie macchiate con Zilu-Nelsen, viene utilizzato un microscopio binoculare leggero con un obiettivo di immersione (ingrandimento 90 o 100 volte) e un oculare con ingrandimento 7 o 10 volte. Esaminare 100 campi visivi, che è sufficiente identificare nei micobatteri singoli dello smear. Nel caso in cui il risultato di tale studio sia negativo, si consiglia di visualizzare altri 200 campi visivi per confermare. Registrare i risultati, indicando il numero di micobatteri resistenti agli acidi rilevati (CUM).

Oltre a questa tecnica, i fluorocromi vengono utilizzati per la microscopia a fluorescenza, che consente di ottenere i migliori risultati. L'uso di questo metodo aumenta l'efficienza della microscopia del 10-15%. Quando si trattano coloranti mycobacterium luminescent (auramina, rodamina, ecc.), Queste sostanze sono anche associate a strutture simili a cera della cellula microbica. Quando una cella dipinta viene irradiata con una fonte di luce eccitante (un certo spettro di radiazioni ultraviolette), iniziano a emettere luce arancione o rossa brillante su uno sfondo nero o verde scuro. A causa dell'elevata luminosità e contrasto dell'immagine visibile, è possibile ridurre l'ingrandimento complessivo del microscopio di 4-10 volte, che espande il campo visivo e diminuisce il tempo di visualizzazione della preparazione. Insieme a questo, grazie a una maggiore profondità di campo, è possibile aumentare il comfort dello studio.

Quando si utilizza la microscopia a fluorescenza, è necessario molto meno tempo per visualizzare la stessa area di uno striscio rispetto alla microscopia ottica delle macchie macchiate con Tsil-Nelsen. Se durante un giorno lavorativo un microscopista esamina circa 20-25 tali strisci, quindi usando la microscopia a fluorescenza, può esaminare più di 60-80 campioni nello stesso tempo. I microscopisti esperti sanno che la tintura cellulare con una miscela di auramina e rodamina è in qualche modo specifica per i micobatteri resistenti agli acidi, che in questo caso hanno l'aspetto di bastoncini d'oro. I saprofiti sono di colore verdastro.

Un altro importante vantaggio del metodo della microscopia a fluorescenza è la capacità di rilevare micobatteri modificati che hanno perso sotto l'influenza di un numero di fattori sfavorevoli, in particolare la chemioterapia intensiva, proprietà di resistenza agli acidi e non rilevati in questa connessione quando colorati con Tsil-Nelsen.

Gli svantaggi della microscopia a fluorescenza comprendono il costo relativamente elevato del microscopio e il suo funzionamento. Tuttavia, in laboratori centralizzati o in altri grandi laboratori, dove il carico supera il tasso di 3 tecnici che lavorano con tre microscopi convenzionali, è più economico utilizzare un singolo microscopio a fluorescenza.

I metodi batterioscopici hanno una specificità piuttosto elevata (89-100%). Circa il 97% dei risultati positivi ottenuti con qualsiasi metodo di microscopia sono confermati inequivocabilmente dai risultati della semina.

Va notato che l'esame microscopico di uno striscio di materiale patologico non può determinare la specie di micobatteri resistenti agli acidi identificati. Il metodo di microscopia ci consente di concludere solo sulla presenza o assenza di microrganismi resistenti agli acidi nella preparazione, il che è spiegato dall'esistenza in natura di un gran numero di microrganismi resistenti agli acidi non tubercolari tubercolari morfologicamente simili ai micobatteri.

Valutazione dei risultati della microscopia prodotta in unità semi-quantitative.

Per poter confrontare i risultati di diversi metodi di microscopia, vengono introdotti coefficienti empirici. Ad esempio, per confrontare i risultati di uno striscio macchiato con coloranti fluorescenti con dati di microscopia ottica (ingrandimento 1000x), è necessario dividere il numero di micobatteri resistenti agli acidi rilevati da un microscopio a fluorescenza dal fattore corrispondente a un ingrandimento 250x del microscopio per 10, con 450 volte - a 4, con 630 volte - a 2.

Caratteristiche della microscopia nella tubercolosi extrapolmonare

Viene effettuata la microscopia diretta, così come la microscopia a striscio preparata dopo l'arricchimento, seguita dalla colorazione Zill-Nelsen o dai coloranti luminescenti. La microscopia a striscio diretto è inefficace a causa della bassa concentrazione di micobatteri nel materiale, e quindi è più razionale utilizzare i metodi di arricchimento. La centrifugazione è la più efficace. Se il materiale biologico è viscoso, la centrifugazione viene applicata con omogeneizzazione e liquefazione simultanee del materiale, che viene effettuata utilizzando centrifughe ad alta velocità con una forza centrifuga di 3000 ge soluzioni di ipoclorito. Altri metodi di arricchimento, come la microflora zione, non sono attualmente utilizzati a causa della formazione di aerosol biologicamente pericolosi.

Metodo culturale per la diagnosi della tubercolosi

Il metodo di semina, o metodo di coltura, è più sensibile della microscopia a smear e presenta diversi vantaggi rispetto a quest'ultimo. Permette di rilevare diverse decine di micobatteri vitali nel materiale studiato e ha un grande valore diagnostico. Ciò è particolarmente importante nello studio di materiale proveniente da pazienti di nuova diagnosi o trattati che secernono una piccola quantità di micobatteri.

Rispetto alla microscopia, uno studio di coltura può aumentare il numero di pazienti identificati di tubercolosi di oltre il 15-25% e anche verificare la tubercolosi nelle fasi precedenti, quando la malattia è ancora ben curabile. Un vantaggio molto importante della ricerca culturale è la possibilità di ottenere una cultura del patogeno, che può essere identificata e studiata in relazione alla sensibilità al farmaco, alla virulenza e ad altre proprietà biologiche.

Gli svantaggi dei metodi di coltivazione includono la loro durata (il tempo di attesa per i materiali raggiunge 10 settimane). costo più elevato, complessità di elaborazione del materiale diagnostico.

Principi di presunzione del trattamento del materiale diagnostico

Le tecniche microbiologiche convenzionali non possono essere utilizzate nella ricerca sulla tubercolosi. Questo è dovuto al fatto. che il micobatterio tubercolosi cresce molto lentamente e la maggior parte dei campioni di materiale clinico contiene microrganismi pirogeni e putrefatti a crescita rapida, funghi. La loro rapida crescita su ricchi terreni nutrienti ostacola lo sviluppo di micobatteri e non consente di isolare l'agente eziologico della tubercolosi, quindi, prima della semina, il materiale diagnostico deve essere pretrattato. Inoltre, i micobatteri rilasciati dal tratto respiratorio del paziente sono solitamente circondati da una grande quantità di muco, il che rende difficile la concentrazione. A tale riguardo, prima della semina dell'espettorato e di altri materiali simili, è necessaria la loro liquefazione e decontaminazione.

Tutti i detergenti e i decontaminanti hanno un effetto tossico più o meno pronunciato sui micobatteri. Come conseguenza del trattamento, fino al 90% dei micobatteri può morire. Per preservare una parte sufficiente della popolazione micobatterica, è necessario utilizzare metodi di elaborazione delicati che consentano, da un lato, di sopprimere i microrganismi pirogeni e putrefatti in rapida crescita e, dall'altro, di preservare la vitalità dei micobatteri presenti nel materiale.

A seconda del materiale, del suo grado di omogeneità e contaminazione, vengono utilizzati diversi decontaminanti per il trattamento presinante: per l'espettorato - soluzione di idrossido di sodio 4%, soluzioni di fosfato di sodio tre sostituzioni al 10%, fosfato trisodico di cloruro di benzalconio, NALC-NaOH (N-acetil-L-cisteina- idrossido di sodio) con una concentrazione finale di NaOH dell'1%, per urina e altri materiali liquidi - una soluzione di acido solforico al 3%, per campioni contaminati, materiali contenenti grassi - una soluzione di acido ossalico fino al 5%. Inoltre, in alcuni casi, utilizzare enzimi, tensioattivi (detergenti). L'uso di Tween e altri detergenti è accompagnato da una minore morte di cellule micobatteriche (il 40-50% sopravvive). tuttavia, possono essere utilizzati solo per materiali liquidi. Il più diffuso al mondo ha ricevuto NALC-NaOH. rilasciato in set. Questo metodo consente di isolare più dell'85% della popolazione di cellule micobatteriche. La decontaminazione di materiali solidi contenenti tessuti è più difficile, dal momento che è difficile indovinare il grado di dispersione del materiale nel processo di omogeneizzazione. Ad esempio, l'elaborazione di campioni bioptici di linfonodi è spesso accompagnata da un'aumentata frequenza di contaminazione con flora estranea. In questo caso, è possibile utilizzare l'1% di etonio.

Il materiale non omogeneo viene omogeneizzato usando perline di vetro in presenza di decontaminanti. I materiali liquidi sono pre-centrifugati e viene processato solo il sedimento.

Tecniche di semina e di incubazione

Dopo il pretrattamento, il materiale viene centrifugato, a causa del quale i micobatteri vengono precipitati e il loro contenuto nel sedimento aumenta ("arricchimento del sedimento"). Il precipitato risultante viene sottoposto a neutralizzazione e seminato con esso (inoculato) sulla superficie di mezzi nutrienti densi o provette con mezzi liquidi (semi-liquidi). Dalla parte restante del sedimento, vengono preparati i vetrini per l'esame microscopico. La tecnica di semina dovrebbe prevenire la contaminazione incrociata del materiale diagnostico.

Per un'interpretazione clinica affidabile dei risultati della ricerca microbiologica, è necessario osservare la seguente regola: gli studi microscopici e culturali devono essere eseguiti in parallelo dallo stesso campione di materiale diagnostico.

I tubi inoculati vengono posti in un termostato a 37 ° C per 2 giorni in posizione orizzontale. Ciò fornisce un assorbimento più uniforme del materiale nel mezzo nutritivo. Dopo 2 giorni, le provette vengono posizionate in posizione verticale e sigillate ermeticamente con tappi di gomma o silicone per evitare l'essiccamento del supporto seminato.

Le colture conservate in un termostato a 37 o C per 10-12 settimane con visione settimanale regolare. Con ciascuna vista di prova, vengono registrati i seguenti parametri:

  • termine visivamente osservato dalla data di crescita della semina;
  • tasso di crescita (numero di CFU);
  • contaminazione della piantagione con flora o funghi microbici estranei (tali provette vengono rimosse);
  • nessuna crescita visibile. Le provette vengono lasciate nel termostato fino alla successiva visione.

Supporti nutrienti

Per la coltivazione di micobatteri usando diversi mezzi nutritivi; denso, semi-liquido, liquido. Tuttavia, nessuno dei noti nutrienti ha le proprietà che assicurano la crescita di tutte le cellule micobatteriche. A questo proposito, per migliorare le prestazioni, si raccomanda di utilizzare contemporaneamente 2-3 mezzi nutrienti di diversa composizione.

Come mezzo standard per l'isolamento primario dell'agente causale della tubercolosi e per la determinazione della sua sensibilità ai farmaci, l'OMS raccomanda il medium Lowenstein-Jensen. Si tratta di un denso terreno di uova su cui si ottiene la crescita dei micobatteri il 20-25 ° giorno dopo la semina di materiale batterioscopicamente positivo. Le colture di materiale batterioscopicamente negativo richiedono un periodo di incubazione più lungo (fino a 10-12 settimane).

Nel nostro paese, la distribuzione proposta da E.R. Finn Egg Medium Finn II. Differisce dal fatto che al posto di L-asparagina usa il glutammato monosodico, che innesca altri modi di sintesi degli aminoacidi dei micobatteri. La crescita appare su questo terreno un po 'prima e la frequenza della secrezione di micobatteri è del 6-8% più alta rispetto al terreno Levenshtein - Jensen.

Per migliorare l'efficienza della diagnosi batteriologica della tubercolosi extrapolmonare, è consigliabile includere i media modificati da Finn-II nel complesso dei terreni nutritivi. Per accelerare la crescita, il tioglicolato di sodio (0,05%) viene aggiunto al terreno nutritivo Finn-II, che riduce la concentrazione di ossigeno. Per proteggere i sistemi di enzimi micobatterici da prodotti tossici di perossidazione lipidica, l'antiossidante α-tocoferolo acetato viene introdotto nel mezzo nutritivo Finn-II ad una concentrazione di 0,001 μg / ml. Semina materiale diagnostico prodotto con il metodo standard.

Nei laboratori TB della Russia vengono anche utilizzate altre modifiche dei mezzi nutrienti solidi; proposto da G.G. Mezzo nutriente mordoviano "Nuovo", sviluppato da V.A. Mezzo nutriente Anikin A-6 e A-9, ecc.

A causa del fatto che durante la chemioterapia, vari sistemi metabolici della cellula microbica sono danneggiati, una parte della popolazione micobatterica perde la sua capacità di svilupparsi normalmente su mezzi nutrienti ordinari e richiede mezzi nutritivi osmoticamente bilanciati (semi-liquidi o liquidi).

Valutazione e registrazione dei risultati del materiale diagnostico della semina

Alcuni ceppi e tipi di micobatteri crescono lentamente, la crescita può comparire anche entro il 90 ° giorno. Il numero di tali colture è piccolo, ma li rende resistenti alle colture in un termostato per 2,5-3 mesi.

Le colture virulenti di micobatterio tubercolosi di solito crescono su supporti densi di uova sotto forma di forme R di colonie di varie dimensioni e specie. Le colonie sono secche, rugose, avorio, leggermente pigmentate. In altri ambienti, le colonie di Mycobacterium tuberculosis possono essere più umide. Dopo un ciclo di chemioterapia o nel corso del trattamento, possono essere rilasciate colonie lisce con crescita umida (forme ad S).

Quando si isolano le colture, viene utilizzata una serie di studi speciali per distinguere la tubercolosi del micobatterio da micobatteri non tubercolari e saprofiti resistenti agli acidi.

Una risposta positiva viene data dopo un esame microscopico obbligatorio di uno striscio macchiato con Zil-Nelsen da colonie coltivate. Nel caso della crescita dei micobatteri negli strisci, si trovano dei bastoncelli rossi brillanti, che si trovano singolarmente o in gruppi, formando grappoli sotto forma di feltro o trecce. Nelle giovani culture, specialmente quelle isolate da pazienti trattati con chemioterapia da molto tempo, i micobatteri sono caratterizzati da un forte polimorfismo, fino alla presenza di varianti corte, quasi coccoide o allungate, simili al micelio fungino, insieme a forme a forma di bastoncello.

Il tasso di crescita dei micobatteri è indicato dallo schema seguente: (+) - 1-20 CFU in una provetta (scarsa escrezione batterica); (++) - 20-100 CFU in vitro (moderata escrezione batterica); (+++) -> 100 CFU in vitro (abbondante escrezione di batteri). Nella diagnostica di laboratorio della tubercolosi, non è sufficiente dare una risposta, indipendentemente dal fatto che il micobatterio venga rilevato con questo o quel metodo. avere una comprensione dettagliata del volume e della natura della popolazione micobatterica, della sua composizione e proprietà. Sono questi dati che rendono possibile interpretare correttamente lo stato del processo, pianificare le tattiche e correggere prontamente il trattamento.

Negli ultimi anni, per accelerare la crescita dei micobatteri, sono stati proposti mezzi nutrienti su base di agar con vari supplementi di crescita e l'uso di una miscela di gas speciale. Per ottenere la crescita di micobatteri su questi ambienti durante la coltivazione creare un'atmosfera con un alto contenuto di anidride carbonica (4-7%). Per questo scopo, usare lo speciale WITH2-incubatrici. Tuttavia, i sistemi automatici più sviluppati per la coltivazione di micobatteri: MGIT-BACTEC-960 e MB / Bact.

Uno di questi sistemi è il sistema MGIT (tubo indicante la crescita dei micobatteri), che appartiene allo sviluppo di tecnologie avanzate ed è progettato per accelerare la diagnosi batteriologica della tubercolosi e determinare la sensibilità dei micobatteri ai farmaci di prima linea e alcuni farmaci di seconda linea. MGIT si concentra sul suo utilizzo come parte del dispositivo VASTES-960. I microrganismi vengono coltivati ​​in provette speciali con un mezzo nutriente liquido sulla base del mezzo modificato Middlebrook-7H9. Per stimolare la crescita dei micobatteri e inibire la crescita della microflora estranea, vengono utilizzati integratori di crescita MGIT Growth Supplement e una miscela di farmaci antibatterici PANTA.

La registrazione della crescita di microrganismi viene eseguita otticamente. Si basa sulla fluorescenza derivante dal consumo di ossigeno da parte dei micobatteri nel processo di crescita. Un colorante fluorocromo dipendente dall'ossigeno è contenuto nella parte inferiore di una speciale provetta ed è rivestito con uno strato di silicone. La riproduzione di micobatteri porta ad una diminuzione della quantità di ossigeno nel tubo e ad una diminuzione della sua concentrazione, che provoca un aumento della fluorescenza, che diventa visibile quando il tubo viene irradiato con luce ultravioletta e viene rilevato automaticamente dai sensori foto integrati nel dispositivo VASTES-960. L'intensità del bagliore registrato in unità di crescita (unità di crescita GU). I dati di crescita sono inseriti in un computer dove possono essere salvati automaticamente. L'analisi computerizzata delle curve di crescita può fornire informazioni sulla presenza di vari pool micobatterici, compresi quelli non tubercolari, e aiuta anche a valutare le proprietà di crescita dei micobatteri.

Come risultato dell'introduzione di tali sistemi, il tempo di comparsa della crescita dei micobatteri è stato significativamente ridotto, in media 11 giorni su WASTES-960 e 19 giorni su MB / Bact rispetto a 33 giorni su un terreno nutriente standard denso. Va notato che questi sistemi richiedono personale altamente qualificato. La semina di materiale su supporto liquido deve essere accompagnata dalla semina su terreno Levenshteyn-Jensen, che svolge il ruolo di supplente nei casi in cui la tubercolosi non dia origine a crescita su altri terreni.

Determinazione della sensibilità ai farmaci dei micobatteri

Determinare lo spettro e il grado di sensibilità dei micobatteri ai farmaci anti-tubercolari è di importanza clinica, così come per la valutazione epidemiologica della diffusione della tubercolosi resistente ai farmaci. Inoltre, il monitoraggio della resistenza ai farmaci consente di valutare l'efficacia del programma anti-tubercolosi nel suo complesso, essendo un indicatore integrale del lavoro di tutte le componenti delle attività anti-tubercolosi.

La molteplicità e i tempi della sensibilità ai farmaci:

  • prima dell'inizio del trattamento una volta per determinare la strategia e le tattiche di trattamento:
  • quando si isolano le colture dei pazienti da vari materiali (espettorato, BAL, urine, essudati, liquido cerebrospinale, ecc.), vengono esaminati tutti i ceppi isolati:
  • alla fine della fase intensiva di trattamento in assenza di dinamiche cliniche e radiologiche:
  • se necessario, modificare il regime di trattamento in caso di:
    • mancanza di negatività nell'espettorato;
    • ri-cultura dopo la negatività dell'espettorato;
    • un forte aumento del numero di KUM in una macchia dopo la diminuzione iniziale. È noto che i ceppi di Mycobacterium tuberculosis che sono eterogenei in termini di sensibilità ai farmaci sono isolati dal materiale di un paziente affetto da tubercolosi. La sensibilità dei ceppi ai farmaci anti-tubercolosi può differire nella gamma di farmaci, il grado, la frequenza e il tasso di resistenza.

Il grado di resistenza ai farmaci del Mycobacterium tuberculosis è determinato in base a criteri stabiliti, che si concentrano sul significato clinico della resistenza e dipendono dall'attività antitubercolare del farmaco, dalla sua farmacocinetica e dalla concentrazione nella lesione. dose terapeutica massima e così via.

La determinazione della sensibilità ai farmaci dei micobatteri è attualmente effettuata con metodi microbiologici:

  • concentrazioni assolute (metodo di diluizione su sostanze nutritive solide o liquide),
  • proporzioni,
  • coefficiente di resistenza.

La resistenza di solito si manifesta sotto forma di crescita visivamente osservata delle colonie di Mycobacterium tuberculosis, tuttavia, ci sono tecniche che inducono la crescita nelle prime fasi della divisione delle cellule di Mycobacterium sotto forma di reazioni di colore. Questi metodi riducono il tempo del test da 3-4 a 2 settimane.

Il metodo delle concentrazioni assolute raccomandato dal comitato chemioterapico dell'OMS, che è metodologicamente il più semplice, ma richiede un'elevata standardizzazione e accuratezza delle procedure di laboratorio, è diventato molto diffuso in Russia. Il test di sensibilità alla droga consiste in un set di tubi con un mezzo nutritivo modificato con farmaci anti-tubercolosi. Il kit consiste di 2-3 tubi con diverse concentrazioni di ciascuno dei farmaci utilizzati, una provetta di controllo con mezzo senza farmaco e una provetta contenente 1000 mg / ml di sodio salicilato o 500 μg / ml di acido para-nitrobenzoico per rilevare la crescita di micobatteri non tubercolari.

Per la preparazione di un set di mezzi con farmaci utilizzando un medium modificato Lowenstein-Jensen (senza amido), che viene versato in fiasche. In ciascuno dei flaconi aggiungere una certa quantità di diluizione appropriata del farmaco anti-TB. Il contenuto dei flaconi è accuratamente miscelato, versato in provette e fatto rotolare in una posizione inclinata per 40 minuti ad una temperatura di 85 ° C. Si consiglia di coagulare il terreno in un cacciavite elettrico con controllo automatico della temperatura. Medio con farmaci anti-tubercolosi

La 1a fila può essere conservata in frigorifero a 2-4 ° C per 1 mese, con farmaci di seconda fila - non più di 2 settimane. I supporti di memorizzazione con farmaci a temperatura ambiente sono inaccettabili. Quando si preparano soluzioni di farmaci anti-tubercolosi, viene presa in considerazione la loro attività, calcolando la concentrazione, aggiustata per il peso molecolare della parte non specifica del farmaco, la purezza, ecc. Determinare la sensibilità al farmaco usando solo sostanze chimicamente pure.

Il principio del metodo consiste nel determinare la concentrazione del farmaco anti-tubercolosi, che sopprime la crescita di una parte significativa della popolazione micobatterica. Se eseguito correttamente, questo metodo ha una buona precisione.

Prima di testare, è necessario assicurarsi che la coltura selezionata di Mycobacterium tuberculosis non abbia microflora estranea. Da una coltura di micobatteri in una soluzione di cloruro di sodio allo 0,9%, viene preparata una sospensione omogenea contenente 500 milioni di cellule microbiche in 1 ml (standard di torbidità ottica di 5 unità). La sospensione risultante viene diluita con soluzione di cloruro di sodio allo 0,9% (1:10) e 0,2 mi di sospensione vengono aggiunti a ciascuna provetta di un insieme di terreni di coltura. Le provette seminate sono poste in un termostato a 37 ° C e mantenute in posizione orizzontale per 2-3 giorni in modo che la superficie smussata del mezzo nutritivo sia uniformemente inoculata con una sospensione di tubercolosi micobatterico. Quindi i tubi vengono trasferiti in posizione verticale e incubati per 3-4 settimane. La misurazione dei risultati viene effettuata in 3-4 settimane.

Poiché i tempi dell'isolamento di un patogeno dal materiale clinico sui terreni nutritivi sono almeno 1-1,5 mesi, i risultati della determinazione della sensibilità del farmaco con questo metodo possono essere ottenuti non prima di 2-2,5 mesi dalla semina del materiale. Questo è uno dei principali svantaggi del metodo.

Interpretare i risultati della determinazione della sensibilità ai farmaci dei micobatteri in base a determinati criteri. Sui terreni densi, una coltura è considerata sensibile alla concentrazione del farmaco che è contenuto nel terreno se il numero di colonie di micobatteri coltivati ​​su questo tubo con il farmaco non supera i 20 con abbondante crescita sul tubo di controllo senza farmaci. Solo in presenza di più di 20 colonie, la coltura è considerata resistente a questa concentrazione. In pratica, quando si ricevono i risultati della crescita nelle provette, vicino a 20 CFU. è necessario comunicare all'unità clinica che la sensibilità o la stabilità in questo caso è di natura borderline, poiché a volte ciò può spiegare la dinamica sfocata degli indicatori clinici.

Per vari farmaci è stata stabilita una certa concentrazione alla quale si osserva la moltiplicazione della popolazione micobatterica critica. Queste concentrazioni sono chiamate "critiche". Come criterio di stabilità, viene utilizzata l'entità della crescita della popolazione micobatterica sul mezzo nutritivo con il farmaco in una concentrazione critica.

Nella pratica fisiologica domestica nel determinare la resistenza ai farmaci non si limita a determinare solo le concentrazioni critiche. Questo è dovuto al fatto. che la determinazione estesa del livello di resistenza ai farmaci dell'agente patogeno consente al medico di formulare più correttamente le tattiche di chemioterapia utilizzando la conoscenza dell'effetto potenziante delle combinazioni di farmaci, di anticipare la resistenza crociata o di applicare farmaci più efficaci del gruppo di farmaci anti-tubercolosi usati.

Il metodo delle concentrazioni assolute è il più semplice, tuttavia, e il più sensibile agli errori nella sua implementazione. Più affidabile, soprattutto quando si determina la sensibilità ai farmaci di seconda linea, e il metodo delle proporzioni è comune al di fuori della Russia. Prende in considerazione le carenze del metodo di concentrazione assoluto, ma richiede più tempo per eseguire.

Il metodo è molto simile al metodo di concentrazione assoluta. Preparazione di provette con farmaci prodotti nello stesso modo. come con il metodo di concentrazione assoluto. Tuttavia, la dose di semina di una sospensione di Mycobacterium tuberculosis è ridotta di 10 volte. che livella la frequenza della resistenza spontanea di alcuni ceppi di Mycobacterium tuberculosis a farmaci come l'etambutolo, la protionamide, la capreomicina. Come controllo, utilizzare 2 o 3 provette con una dose di seme uguale alle provette, diluito in serie 10 e 100 volte. Il criterio di resistenza è la percentuale di crescita visivamente osservata di Mycobacterium tuberculosis. Per i farmaci di prima fila, il criterio di sostenibilità è l'eccesso di crescita dell'1% della popolazione iniziale, per i farmaci della seconda fila - crescita di 1 o più del 10% dell'iniziale, a seconda della concentrazione critica selezionata.

Nel 1997, il gruppo di lavoro dell'OMS e l'International Anti-Tuberculosis Union per l'individuazione della resistenza ai farmaci anti-tubercolari hanno apportato modifiche a questi criteri, suggerendo che i micobatteri che crescono sul denso terreno di coltura di Levenshteyn-Jensen siano considerati stabili alle seguenti concentrazioni:

  • diidrostreptomicina - 4 μg / ml;
  • isoniazide: 0,2 μg / ml:
  • rifampicina - 40 μg / ml:
  • Etambutolo: 2 μg / ml.

Nel 2001, sono state proposte concentrazioni critiche per i seguenti farmaci di seconda linea (per una percentuale critica dell'1%):

  • capreomicina - 40 μg / ml;
  • protionamide - 40 μg / ml;
  • kanamicina - 30 μg / ml;
  • viomicina - 30 μg / ml;
  • cicloserina - 40 μg / ml;
  • acido aminosalicilico - 0,5 μg / ml;
  • Ofloxacina - 2 μg / ml.

I risultati della crescita vengono valutati dopo 4 settimane come preliminari e dopo 6 settimane di coltivazione come finali.

Per determinare la suscettibilità alla pirazinamide, che è ampiamente utilizzata nella moderna chemioterapia della tubercolosi, la concentrazione critica raccomandata è di 200 μg / ml. Tuttavia, non esiste ancora un metodo generalmente accettato per determinare la resistenza al farmaco a questo farmaco su terreni nutrienti solidi, poiché la sua attività antibatterica si manifesta solo in un terreno acido (pH o C;

  • mancanza di formazione di pigmenti (colore avorio);
  • colore resistente agli acidi pronunciato;
  • pasta niacina positiva;
  • test positivo alla nitrato reduttasi;
  • l'assenza di catalasi termostabile (68 ° C).
  • la mancanza di crescita sull'ambiente Levenshteyn-Jensen, contenente:
    • 1000 μg / ml di salicilato di sodio,
    • 500 μg / ml di acido paranitrobenzoico,
    • 5% di cloruro di sodio:
  • crescita in presenza di 1-5 μg / ml di acido tiofene-2-carbossilico.
  • L'importanza della differenziazione dei micobatteri isolati aumenterà notevolmente con l'aumento della frequenza di registrazione dei casi di HIV / AIDS associati alla tubercolosi o alla micobatteriosi. Attualmente non esiste la certezza assoluta che i laboratori regionali pratici siano pronti a svolgere correttamente questa quantità di lavoro.

    Diagnosi immunologica della tubercolosi

    Esistono numerosi fenomeni universali, farmaci e test immunologici originariamente scoperti durante la tubercolosi o sul modello della risposta immunitaria ai micobatteri. Questi includono BCG e tubercolina, un fenomeno come HRT cutanea (test tubercolinico - le reazioni di Pirke e Mantoux), la reazione alla somministrazione sottocutanea di tubercolina a animali sensibilizzati (fenomeno Koch). Alcuni dei primi anticorpi in una malattia infettiva sono stati trovati anche nella tubercolosi. Naturalmente, più profonda è la comprensione dei meccanismi di immunità anti-tubercolosi e il loro controllo genetico, più ampio può essere l'uso di metodi immunologici e farmaci che influenzano il sistema immunitario per risolvere problemi pratici di phthisiologia.

    Il problema pratico più importante e difficile è attualmente considerato il rilevamento della tubercolosi nel processo di screening di massa della popolazione. Tuttavia, nonostante numerose segnalazioni di "successi" (su materiale limitato), non esiste un metodo immunologico adeguato (riprodotto in "qualsiasi mani") e una preparazione per questi scopi.

    Metodi immunologici, in particolare, studi sierologici (determinazione di antigeni, anticorpi) e test provocatori di tubercolina, sono ampiamente utilizzati nella pratica clinica.

    In primo luogo, tra gli studi immunologici usati nella diagnosi differenziale, vi sono metodi sierologici - la definizione di antigeni e anticorpi in diversi media del corpo.

    La specificità della determinazione degli anticorpi contro il micobatterio tubercolare dipende dagli antigeni utilizzati nell'analisi immunitaria. È stata proposta una quantità significativa di antigeni, il primo dei quali è la tubercolina PPD:

    • PPD e altri preparati complessi dal fluido di coltura;
    • disintegrazione ultrasonica;
    • Estratto di tritone e altri preparati complessi di pareti cellulari;
    • 5 antigene (Daniel);
    • 60 antigene (Coccito);
    • lipoarabinomannan;
    • fattore del cordone (trialosio-6,6-di-micolato);
    • fenolici e altri glicolipidi;
    • lipopolisaccaride;
    • antigene legante la fibronectina;
    • proteine ​​(il più spesso ricombinanti); 81,65,38,34,30,19,18,16,15.12 KDA e altri.

    Come risultato di molti anni di ricerca da parte di scienziati russi e stranieri, sono stati rivelati i principali modelli di produzione di anticorpi e l'efficacia della diagnosi sierologica di tubercolosi: più è complesso l'antigene, maggiore è la sensibilità e minore la specificità dei test. La specificità in diversi paesi varia a seconda dell'infezione della popolazione di M. tuberculosis e micobatteri non tubercolari, sulla vaccinazione di BCG, ecc. Nei bambini, l'informatività della sierodiagnosi è inferiore rispetto agli adulti. Nella tubercolosi primaria (spesso bambini) la definizione di IgM è più informativa. con secondario - IgG. Nelle informazioni sierodiagnostiche infette da HIV, la determinazione degli anticorpi diminuisce. L'efficacia della determinazione degli anticorpi dipende da una serie di "momenti clinici": l'attività del processo (la presenza o l'assenza di "isolamento" di micobatteri, la presenza di cavità, il grado di infiltrazione), l'entità del processo, la durata del suo decorso.

    La sensibilità del metodo immunoenzimatico (ELISA) è di circa il 70%. La mancanza di efficacia dello studio è dovuta alla sua bassa specificità. In precedenza, è stata considerata la possibilità di utilizzare lo screening sierologico in gruppi ad alto rischio, in particolare tra le persone con alterazioni post-tubercolari nei polmoni.

    Per aumentare la specificità dell'ELISA, continua la ricerca di antigeni più specifici, compresi quelli ottenuti dall'ingegneria genetica: ESAT-6 e altri (vedi sopra). L'uso di antigeni strettamente specifici (38 kDa, ESAT) aumenta la specificità. ma riduce significativamente la sensibilità dell'analisi. Insieme a ELISA (sono stati proposti sistemi sperimentali di laboratorio, ad esempio il kit ELISA Pathozyme), sono stati proposti kit immunocromatografici con filtrazione laterale (Mycodot) e altri test simili (dot-analysis sulla membrana) con valutazione visiva del risultato dello studio. Quando si eseguono questi test, l'analisi avviene entro 10-30 minuti; non richiedono attrezzature speciali, richiedono una valutazione visiva dei risultati, che è associata a una soggettività nota. Questi metodi hanno approssimativamente le stesse caratteristiche di sensibilità e specificità (70% e 90-93%, rispettivamente) come ELISA tradizionale.

    L'uso di metodi di analisi immunitaria ha un certo valore come ulteriore che viene preso in considerazione nel complesso dei metodi usati, nella diagnosi differenziale della tubercolosi, specialmente nella diagnosi delle sue forme extrapolmonari. L'ELISA è più efficace nella diagnosi della meningite tubercolare nello studio del liquido cerebrospinale. In questo caso, la sensibilità dell'analisi è dell'80-85% e la specificità è del 97-98%. Esistono prove dell'efficacia della determinazione degli anticorpi contro il micobatterio tubercolare nel liquido lacrimale nella diagnosi di uveite tubercolare.

    Induzione della sintesi di gamma-interferone in vitro

    L'interferone gamma (IFN-γ) è un fattore di difesa immunitaria specifico che viene realizzato attraverso l'attivazione di sistemi di enzimi macrofagi. L'induzione della sintesi di IFN-γ da parte dei linfociti T sensibilizzati provoca la loro interazione con antigeni micobatterici.

    Come antigeni vengono utilizzati come tubercolina PPD. e antigeni specifici ottenuti mediante ingegneria genetica, in particolare antigeni ESAT-6 (antigene secreto precoce con una massa molecolare di 6 kDa) e CFP-10 (filtrato di coltura proteica, 10 kDa). L'ingegneria genetica o gli antigeni ricombinanti sono assenti nelle cellule del vaccino BCG e di altri micobatteri. Quando si utilizza la tubercolina, i risultati del test di induzione IFN-γ sono paragonabili ai risultati del test cutaneo alla tubercolina (correlazione diretta). Quando si utilizzano antigeni geneticamente modificati, i risultati dei test sono più specifici e non dipendono dalla precedente vaccinazione BCG. Quando si esaminano soggetti vaccinati che non hanno avuto contatti con un'infezione da tubercolosi, la specificità del test è del 99%. La sensibilità del test tra i pazienti con tubercolosi varia dall'81 all'89%.

    Sono stati sviluppati test e test diagnostici basati sulla coltivazione a breve termine di cellule del sangue intero o mononucleate isolate dal sangue con antigeni di Mycobacterium tuberculosis in vitro con successiva determinazione della concentrazione di IFN-γ o calcolo del numero di linfociti T che sintetizzano IFN-γ. La concentrazione di interferone sintetizzata in vitro, determinata mediante ELISA utilizzando anticorpi monoclonali che legano IFN-γ. Quindi, utilizzando uno standard di calibrazione IFN-γ determinare la sua concentrazione nella provetta o nei pozzetti della compressa.

    Quando si esegue il test Elispot, il numero di linfociti T che sintetizzano IFN-γ. contato sulla superficie della Coppa, coperto con anticorpi anti IFN-γ.

    gli sviluppatori di diagnosticum basati sull'induzione di IFN-γ in vitro, che è stato approvato dall'Agenzia statunitense dei farmaci e dei prodotti, sostengono che usando il test è impossibile differenziare l'infezione da tubercolosi latente dalla tubercolosi attiva. Pertanto, nelle regioni con un alto livello di infezione, il test non ha un valore diagnostico diretto. Tuttavia, nel nostro paese può essere usato per differenziare le infezioni da tubercolosi nei bambini da allergie post-vaccinazione, nonché per valutare il livello di immunità specifica nel processo di trattamento.

    Attualmente è in fase di studio il sistema di test interno per determinare l'induzione della sintesi di IFN-γ da parte di specifici antigeni della tubercolosi in vitro.

    Stato immunitario e decorso della tubercolosi, immunocorrection

    Nel processo di trattamento della tubercolosi nell'uomo, ci sono cambiamenti nell'antigenemia e nello stato del sistema immunitario.

    I dati sui cambiamenti di essudati e tessuti sono in gran parte contraddittori. L'unica cosa che può essere osservata con buona ragione è che un numero significativo di linfociti T attivati ​​si trova solitamente nei granulomi tubercolari.

    È opportuno soffermarsi su altri due punti necessari per comprendere il ruolo dei meccanismi immunologici nel trattamento della tubercolosi nell'uomo:

    • I pazienti affetti da AIDS presentano un'incidenza particolarmente elevata di resistenza multiresistente;
    • in caso di resistenza multipla (e in assenza di infezione da HIV), l'immunità alterata (principalmente il collegamento T-cellula) è particolarmente significativa.

    Nella tubercolosi sono ampiamente utilizzati vari metodi di immunocorrection: si tratta principalmente di farmaci che agiscono principalmente sull'immunità delle cellule T e sul sistema dei fagociti mononucleati (ormoni del timo, isofon, licopidi, poliossididoni, ecc.). così come i micobatteri interi (attenuati) e i loro componenti.

    Diagnosi Biologica Molecolare della Tubercolosi

    I metodi di biologia molecolare nella diagnosi delle malattie infettive includono principalmente metodi basati sulla manipolazione di agenti patogeni batterici e virali con materiali genomici al fine di identificare specifici materiali genetici - segmenti di DNA con una sequenza nucleotidica specifica per questa specie o ceppi patogeni, per analizzare specifici Sequenze di DNA in geni che determinano la sensibilità del patogeno a determinate sostanze medicinali, nonché per analizzare la funzione attività del lino di alcuni geni dell'agente patogeno. I metodi biologici molecolari sono ampiamente utilizzati nella ricerca scientifica e nell'applicazione pratica nella diagnosi e nel controllo di varie infezioni batteriche e virali dopo la scoperta nel 1985 di Kerry Mulllis (Premio Nobel 1989) della reazione a catena della polimerasi.

    Principi e possibilità del metodo di reazione a catena della polimerasi

    La PCR consente di amplificare (moltiplicare) in vitro la sequenza nucleotidica (frammento del DNA patogeno) per diverse ore un milione di volte. Condurre la reazione in presenza di singoli filamenti di DNA determina l'estrema sensibilità dell'analisi.

    La sequenza nucleotidica di alcune sezioni nella catena del DNA determina l'identità genetica del microrganismo, il che spiega l'alta specificità della PCR.

    Il valore di questo metodo per l'individuazione e lo studio delle caratteristiche del Mycobacterium tuberculosis è dovuto alle caratteristiche biologiche del microrganismo con crescita molto lenta: il tempo di raddoppio del Mycobacterium tuberculosis DNA durante la loro coltivazione è di 12-24 ore.

    Il principio del metodo PCR è l'amplificazione: multipla, milioni di volte. moltiplicazione di sezioni di una sequenza specifica di DNA in un microvolume in provetta con ripetizione ciclica delle tre fasi seguenti della reazione, ognuna delle quali avviene in un diverso regime di temperatura:

    • Stadio I - la denaturazione del DNA a doppio filamento quando riscaldato con la divergenza delle sue catene;
    • Stadio II - legame complementare (ibridazione) di primer (primer oligonucleotidi) con le sezioni terminali delle catene strettamente specifiche scelte per la moltiplicazione del frammento di DNA;
    • Stadio III - completamento della catena del frammento di DNA usando una DNA polimerasi termostabile.

    Per l'amplificazione in vitro, devono esserci molecole di DNA modello. quattro tipi di deossinucleoside trifosfati (nucleotidi) contenenti le corrispondenti basi azotate: adenina (A), timina (T), guanina (D), citosina (C); oligonucleotidi di seme sintetizzati artificialmente (primer) costituiti da 18-20 paia di basi; enzima termoplastico DNA polimerasi, con una temperatura ottimale di 68-72 ° C e ioni magnesio.

    La specificità della PCR dipende dalla scelta del frammento di DNA. In accordo con esso, vengono sintetizzati oligonucleotidi di semi laterali. La specificità dell'ibridizzazione e del completamento della catena del DNA è determinata dal principio di complementarità delle seguenti coppie di basi azotate: adenina-timina, guanina-citosina.

    Per determinare il genoma del complesso di tubercolosi del micobatterio, il bersaglio più efficace dell'amplificazione nella maggior parte dei sistemi di test era il frammento di DNA IS6110, che nella maggior parte dei ceppi di micobatterio tubercolosi ha un numero significativo (10-20) di ripetizioni nel genoma, che fornisce, insieme alla specificità, un'alta sensibilità dell'analisi. Allo stesso tempo, sono stati descritti ceppi di Mycobacterium tuberculosis con un piccolo numero di ripetizioni o l'assenza di un frammento IS6110.

    Isolamento di molecole di DNA da un campione biologico

    Per eseguire la PCR, le molecole di DNA del patogeno devono essere isolate dal materiale biologico in un volume minimo, con una quantità minima di DNA non insipiente e vari inibitori dell'enzima - DNA polimerasi.

    La preparazione del campione deve essere effettuata in condizioni che impediscano la contaminazione incrociata dei campioni studiati da molecole di DNA secrete. A tale scopo, è necessario pretrattare la stanza con luce ultravioletta, i pavimenti e le superfici di lavoro dei tavoli e degli apparecchi - soluzioni contenenti cloro. È inoltre necessario utilizzare guanti puliti, tubi monouso e punte per pipette automatiche.

    Per isolare il DNA di Mycobacterium tuberculosis da campioni clinici (liquido cerebrospinale, lavaggio bronchiale) che non contengono un gran numero di leucociti, detriti cellulari o sali, è sufficiente centrifugare il campione a 3-4 mila giri al minuto, aggiungere 20-30 μl di soluzione al 2% al sedimento triton X-100 e caldo a 90 ° C per 30 minuti.

    Per la preparazione dei campioni di espettorato, è necessaria una diluizione efficace, per la quale vengono utilizzati in genere soluzione di idrossido di sodio al 4% e N-acetil-L-cisteina (NALC) nella quantità di 50-80 mg per campione, a seconda della viscosità del campione. La soluzione NALC deve essere preparata ex tempore oppure la polvere NALC può essere aggiunta in forma secca direttamente al campione. Dopo la diluizione, i campioni devono essere centrifugati per 15 minuti a 3,5-4000 giri al minuto (3000 g) in provette da 50 ml con tappi a vite, ad es. nelle stesse condizioni che sono consigliate per la preparazione alla semina dell'espettorato.

    Per l'estrazione del DNA dal sedimento, un metodo basato sull'uso di una soluzione 5-6 molare di isotiocianato di guanidina come reagente di lisi e particelle di silice microporosa ("diatomea terrosa") assorbono le molecole di DNA più comunemente. Le sostanze non specifiche, inclusi i possibili inibitori, vengono quindi lavate in una soluzione 2,5 molare di isotiocianato di guanidina e soluzione di etanolo, dopo di che le molecole di DNA vengono desorbite in acqua e questi campioni vengono utilizzati per la PCR. Per semplificare la tecnologia di estrazione del DNA, la "farina fossile" viene spesso sostituita con microparticelle magnetiche rivestite di silice. Allo stesso tempo, invece di centrifugare, viene utilizzato uno speciale tubo magnetico per tubi microtest per precipitare le particelle.

    In Russia, è stato sviluppato un metodo originale di separazione immunomagnetica dei micobatteri, seguito dall'estrazione del DNA del patogeno. Per la separazione immunomagnetica del mycobacterium tuberculosis, vengono utilizzate ferroparticelle di dimensioni pari a 3-5 μm rivestite con ossido di silicio, a cui vengono fissati anticorpi policlonali (coniglio) contro i micobatteri della tubercolosi mediante legame chimico. Dopo la lisi alcalina, i campioni di espettorato vengono neutralizzati con una soluzione acida di Tris-HCl e incubati con un assorbente immunomagnetico. Quindi le particelle di immunopolio vengono raccolte usando un bastoncino magnetico con punta sostituibile, trasferito su una microprovetta, precipitato. 20-30 μl di una soluzione di Triton X-100 al 2% vengono applicati e riscaldati per 30 minuti a 90 ° C. Il surnatante viene utilizzato come modello di DNA per l'analisi PCR.

    Un problema difficile è l'isolamento del DNA di Mycobacterium tuberculosis da campioni di biopsia. Per la lisi della biopsia viene utilizzata l'enzima - proteinasi K ad una concentrazione finale di 200-500 mg / l ad una temperatura di 56 ° Con durante la notte. Quindi, allocare uno dei metodi noti. Un eccesso di DNA non specifico nell'analisi PCR dei campioni di biopsia spesso serve per inibire la reazione, che richiede l'estrazione ripetuta del DNA.

    Metodi di rilevamento dei risultati

    Dopo il completamento della reazione, i frammenti del DNA del patogeno amplificato sono identificati usando vari metodi.

    Un metodo ben noto di elettroforesi su gel. Allo stesso tempo, il frammento di DNA ottenuto viene identificato da un controllo positivo, contenente il frammento di DNA specifico desiderato, o da una dimensione precedentemente nota (numero di coppie nucleotidiche) del frammento, che viene determinata utilizzando un marcatore molecolare standard.

    In presenza di un colorante specifico, il bromuro di etidio, incorporato nel DNA a doppio filamento. Il frammento di DNA sintetizzato viene rilevato come una banda incandescente sotto l'azione dell'ultravioletto.

    La dimensione del frammento di DNA, determinata mediante elettroforesi dalla distanza dall'inizio, deve corrispondere a un marker di peso molecolare noto o a un controllo positivo.

    Altri metodi per determinare i risultati della PCR si basano sull'ibridazione di prodotti di PCR a catena singola con una sonda di DNA marcata con biotina complementare ad essi, seguita dall'individuazione mediante reazione enzimatica, ad esempio, legandosi alla biotina di un coniugato di streptavidina-fosfatasi alcalina.

    Sulla base di questo tipo di rilevamento, sono stati creati analizzatori PCR in cui il rilevamento dei risultati della PCR viene eseguito automaticamente come risultato della lettura della densità ottica nei campioni dopo che si è verificata una reazione enzimatica.

    Gli svantaggi di questi metodi risiedono nelle possibilità di contaminazione intralaboratoria con frammenti piuttosto brevi di molecole di DNA. Queste molecole, quando rilasciate nei campioni appena studiati, diventano la matrice per la PCR e portano a risultati falsi positivi.

    A questo proposito, per evitare risultati falsi positivi, vengono introdotte regole severe per separare e isolare locali: per isolare il DNA da campioni biologici; locali per il rilevamento dei risultati (elettroforesi) dalla zona pulita. Queste stanze sono una zona di probabile contaminazione. Un'altra area isolata è una stanza pulita per l'introduzione di campioni di prova di DNA in provette con la miscela di reazione per PCR. Infine, si presume che il dispositivo principale - l'amplificatore del DNA - debba essere spostato in una stanza separata, possibilmente ufficio.

    Per prevenire la contaminazione con i prodotti di precedenti reazioni - con ampiconi, alcuni sistemi di test PCR al posto della deossinucleoside timidina contengono deossinucleosiduride, che viene invece inserito nella corrispondente posizione durante la sintesi della catena in vitro, vale a dire la timina di base azotata, presente nel DNA nativo, è sostituita dall'uracile. La glicosilasi del DNA di uracile, aggiunta alla miscela di reazione al materiale da analizzare, distrugge solo i frammenti contaminanti con deossiuridina, ma non il DNA analizzato nativo. contenente deossitimidina. Il successivo riscaldamento a 94 ° C inattiva questo enzima e non interferisce con l'amplificazione della PCR.

    Esiste un sistema di test basato sull'amplificazione isotermica dell'rRNA, per il quale viene effettuata prima la trascrizione inversa e la sintesi delle molecole di DNA. che, a sua volta, è un modello per la successiva sintesi di molecole di RNA. Gli ampliconi di RNA vengono rilevati usando una sonda di DNA colorato con acridina durante l'ibridazione nella soluzione del tubo di reazione. Questo metodo, oltre all'elevata sensibilità, ha il vantaggio di eseguire l'analisi in un'unica provetta, che impedisce la contaminazione. Secondo gli autori, la sensibilità di questo metodo nei campioni respiratori raggiunge il 90% con una specificità del 99-100%.

    Nuovi metodi di rilevamento sono implementati in real-time PCR. Questi metodi si distinguono principalmente per il fatto che la PCR e il rilevamento dei suoi risultati vengono eseguiti simultaneamente in un tubo chiuso. Ciò non solo semplifica tecnicamente il metodo di analisi, ma impedisce anche la contaminazione delle stanze di laboratorio e dei campioni di prova con prodotti che precedono la PCR.

    Nella PCR in tempo reale, il rilevamento dei risultati avviene a causa della fluorescenza derivante dall'ibridazione di una sonda di DNA fluorogenico con uno specifico frammento di DNA amplificato durante la PCR. La struttura delle sonde del DNA fluorogenico è costruita in modo tale che il marcatore fluorescente sia rilasciato come risultato di una reazione enzimatica o distanziato dalla molecola del quencher di fluorescenza solo durante l'ibridazione specifica con la molecola di DNA desiderata amplificata durante la PCR. Con un aumento del numero di molecole ibridate con una sonda, l'aumento della fluorescenza a un livello rilevabile è proporzionale al numero di molecole del prodotto amplificato. Poiché il numero di molecole di frammento di DNA è raddoppiato durante ciascun ciclo di PCR, il numero di cicli da cui viene determinata e aumentata la fluorescenza è inversamente proporzionale al numero di molecole di DNA nel campione originale. Se diverse concentrazioni note delle molecole del corrispondente frammento di DNA di Mycobacterium tuberculosis vengono introdotte nella reazione come calibratore, il numero di genomi del DNA nel materiale in studio può essere calcolato utilizzando un programma per computer.

    Ogni campione standard è duplicato. Un criterio quantitativo è il numero minimo di cicli di PCR richiesti per l'inizio e la crescita della fluorescenza rilevata. L'ascissa è il numero di cicli; l'asse delle ordinate è il valore della fluorescenza. La concentrazione di DNA è inversamente proporzionale al numero di cicli necessari per la comparsa della fluorescenza. Nelle finestre della colonna di destra (21-32) i numeri dei cicli per le rispettive concentrazioni sono contrassegnati. Differenze tra concentrazioni 10 volte di frammenti di DNA 10 2 -10 6 ml - 3.2-3.4 cicli. Per due pazienti, la concentrazione di frammenti di IS6110 era di circa 10 3 / ml e 10 4 / ml. Tenendo conto del numero di ripetizioni (6-20) dei frammenti analizzati nel genoma di Mycobacterium tuberculosis, il numero di micobatteri nei campioni clinici è di circa 100 e 1000 cellule, rispettivamente.

    L'uso della PCR nella diagnosi della tubercolosi

    Il metodo PCR è più utilizzato per la diagnosi accelerata della tubercolosi: la rilevazione del micobatterio tubercolare nei campioni clinici: espettorato. lavaggi bronchiali, essudato pleurico, urine, liquido cerebrospinale, puntali di osteolisi, aspirati del tratto genitale femminile e vari campioni bioptici. In uno studio condotto in Olanda su 500 campioni di espettorato e tamponi bronchiali da 340 pazienti con diagnosi confermata di tubercolosi polmonare, è stata studiata la sensibilità comparativa della PCR, coltura e microscopia a striscio. La sensibilità dell'analisi era 92,6.88,9 e 52,4%, rispettivamente. In questo caso, la specificità di tutti i metodi era circa del 99%.

    Un confronto è stato fatto sull'efficienza di rilevamento della tubercolosi del micobatterio mediante metodi di microscopia a striscio, semina su terreno Lowenstein-Jensen, sistema di test WASTES e analisi PCR. PCR ha mostrato una sensibilità del 74,4%, microscopia - 33,8%, semina su un mezzo denso - 48,9% e RIFIUTI - 55,8%. Il tempo medio di rilevazione per la semina su terreno Levenshtein-Jensen è di 24 giorni. RIFIUTI - 13 giorni, PCR - 1 giorno.

    Vengono inoltre discusse le possibilità di utilizzare la PCR come metodo sensibile e rapido per monitorare l'efficacia del trattamento per la tubercolosi.

    Il rilevamento del DNA di Mycobacterium tuberculosis mediante PCR con chemioterapia efficace viene determinato per un periodo più lungo - una media di 1,7 mesi rispetto alla secrezione di batteri rilevata mediante microscopia a fluorescenza e 2,5 mesi rispetto all'esame batteriologico.

    Diagnosi di tubercolosi extrapolmonare

    Il valore della PCR come metodo sensibile è particolarmente indicato per le forme extrapolmonari, poiché è in queste forme che i metodi radiologici clinici e i metodi batteriologici tradizionali per determinare la tubercolosi del micobatterio nei materiali diagnostici sono inefficaci.

    Nell'esaminare i campioni di urina, i risultati dell'analisi PCR erano positivi in ​​16 su 17 pazienti con tubercolosi attiva del sistema urinario e negativi in ​​4 pazienti con tubercolosi inattiva dei reni e 39 pazienti con malattie non tubercolari del sistema urinario.

    L'efficacia dell'analisi PCR è stata dimostrata nello studio degli aspirati del midollo osseo in pazienti con febbre di genesi poco chiara in sospetto della natura tubercolotica della malattia. Per la diagnosi di linfadenite tubercolare nei bambini, sono stati studiati 102 campioni di aspirina e biopsia per puntura di 67 bambini con sospetta linfoadenite tubercolare. Risultati positivi sono stati ottenuti: in tempo reale PCR - 71,6%. microscopia a fluorescenza - 46,3%. studi colturali - 41,8%. In uno studio su 50 biopsie linfonodali in pazienti con malattia da graffio di gatto, tutti i risultati sono stati negativi. Pertanto, è stata dimostrata una specificità del 100% dell'analisi PCR. Nello stesso lavoro, con la biopsia puntura dei linfonodi, è stata mostrata la possibilità di rilevare M. avium.

    La diagnosi di tubercolosi genitale femminile con infertilità è nota per essere uno dei problemi diagnostici più difficili. Uno studio che ha utilizzato la PCR di biopsie endometriali, aspirati endometriali e campioni di fluido dallo spazio di Douglas in 14 (56%) su 25 pazienti che sono stati esaminati per via laparoscopica con sospetta tubercolosi, ha mostrato risultati positivi. Usando microscopia a striscio e studi colturali, 1 e 2 sono stati ottenuti, rispettivamente, risultati positivi. Questi casi erano anche positivi alla PCR. La maggior parte dei risultati positivi alla PCR si riferiscono a casi con segni caratteristici di tubercolosi secondo l'esame istologico; un numero inferiore - in caso di sospetta tubercolosi secondo la laparoscopia. Solo un'analisi positiva PCR è stata ottenuta in assenza di dati laparoscopici per la tubercolosi.

    Durante la diagnosi di forme extrapolmonari di tubercolosi, i medici spesso hanno una domanda sulla possibilità di rilevare il patogeno nello studio di PCR su campioni di sangue. I dati della letteratura indicano che il rilevamento del DNA di Mycobacterium tuberculosis da campioni di sangue è possibile con forme avanzate di infezione da HIV. Il DNA di Mycobacterium tuberculosis è stato rilevato solo in caso di tubercolosi generalizzata di vari organi in pazienti con rene trapiantato e immunosoppressione.

    Identificazione di specie di micobatteri

    Il metodo PCR può essere abbastanza efficace per la rapida identificazione del complesso del micobatterio tubercolotico e di alcuni tipi di micobatteri non tubercolari dopo la loro crescita iniziale. In questo caso, l'uso della PCR può salvare 7-10 giorni necessari per la successiva identificazione culturale di un risultato positivo. La ricerca mediante PCR è tecnicamente molto semplice, poiché non richiede una preparazione complessa del campione di materiale clinico per ottenere un'alta sensibilità. Nello studio di 80 colture positive in un tale sistema di test (MB VasT. Dalla società Organon), tutti i risultati positivi dell'analisi PCR erano strettamente specifici e sono stati effettuati per 1 giorno. Per identificare altre specie di micobatteri nella preparazione del DNA del patogeno cultura ibridato con sonde di DNA specifiche marcate con acridina e ceppi identificati dalla comparsa di chemiluminescenza tramite strisce chemiluminometer o nitrocellulosa con una valutazione visiva dopo ibridazione. Con questo kit, viene identificato un numero limitato di specie: il complesso Mycobacterium tuberculosis. M. avium, M. avium complex, M. kansasii e M. gordonae.

    A.Telenti et al. hanno anche sviluppato un metodo relativamente semplice ed economico per l'identificazione di specie di micobatteri clinicamente importanti basati sulla PCR e il successivo trattamento con due enzimi di restrizione (enzimi che hanno le proprietà di tagliare la molecola di DNA in punti specifici). Quando questo è amplificato, il frammento di DNA. proteina codificante per shock termico (65 kDa), dopo di che il frammento di DNA di 439 coppie nucleotidiche ottenute mediante PCR viene elaborato separatamente da due enzimi - Bste II e Hae III. Quindi, usando l'elettroforesi su gel di agarosio, i due prodotti ottenuti vengono analizzati, determinando le loro dimensioni (numero di coppie nucleotidiche) usando un insieme di frammenti di DNA standard (marcatori di DNA molecolare) con una lunghezza da 100 a 1000 coppie di nucleotidi. In ciascuna specie (M. tuberculosis, M. avium, M. intracellulare, M. kansasii, M. fortuitum), per ciascun enzima di restrizione si trovano 2 o 3 frammenti di DNA di dimensioni diverse. La combinazione di frammenti di DNA di dimensioni diverse ottenuti consente la differenziazione di queste specie tra di loro.

    La tecnologia dei microchip biologici del DNA è in fase di sviluppo. che aiuterà a identificare più di 100 tipi di micobatteri in uno studio.

    L'identificazione delle specie può anche essere effettuata utilizzando l'amplificazione PCR della regione variabile di rRNA 16S, seguita dal sequenziamento degli ampliconi se confrontato con la corrispondente struttura primaria, che consente l'identificazione di oltre 40 specie di micobatteri.

    Utilizzando la PCR, l'identificazione delle specie può essere eseguita anche all'interno del complesso del tubercolosi del micobatterio, compresa la differenziazione di M. bovis e M. bovis BCG. Per questo, viene analizzata la presenza o l'assenza di determinati geni nelle regioni genomiche di RD1. RD9 e RD10. L'RD1 è assente in M. bovis BCG, ma è presente in specie virulente, incluso M. bovis.

    Determinazione della suscettibilità al farmaco del Mycobacterium tuberculosis mediante PCR

    I compiti dei metodi genetici molecolari per determinare la suscettibilità o resistenza al farmaco del Mycobacterium tuberculosis sono ridotti all'identificazione di mutazioni in alcune sequenze nucleotidiche di geni noti. I metodi principali si basano sulla lettura diretta (sequenziamento) di queste sequenze dopo l'amplificazione o sull'ibridazione di frammenti di DNA marcati con biotina amplificati durante la PCR con sonde di DNA. Entrambe le alternative includono l'identificazione delle sostituzioni nucleotidiche nelle sequenze che utilizzano sonde di DNA portano all'assenza o ibridazione incompleta di una membrana di nitrocellulosa utilizzando coniugato enzimatico (streptavidina-fosfatasi alcalina) - Metodo LIPA-Rif-TB.

    Il metodo per misurare la fluorescenza in sonde di DNA localmente fissate a micrositi che sono complementari a mutazioni note nelle regioni amplificate da PCR di geni responsabili della sensibilità o della resistenza ai farmaci è chiamato metodo microbiochip. L'algoritmo di base per condurre questo studio è il seguente. Dopo aver isolato il DNA da un campione clinico o coltura di micobatteri è necessario procedere ad amplificazione PCR di frammenti pertinenti del gene rpoB responsabile della sensibilità al farmaco rifampicina o geni katG e Inha codificanti proteine ​​di Mycobacterium sono responsabili di sensibilità a isoniazide. I risultati della PCR sono valutati usando l'elettroforesi su gel di agarosio, che conferma la preparazione dei corrispondenti frammenti di DNA della lunghezza desiderata. Questo è seguito dal secondo ciclo di PCR per l'introduzione di un'etichetta fluorescente nel DNA. I risultati della PCR sono nuovamente confermati dall'elettroforesi su gel. Successivamente, l'ibridazione è stata effettuata (notte di incubazione), seguito dal lavaggio del materiale risultante sul biochip, che è un gran numero di fisso in una piastrina di vetro corti filamenti di DNA (sonde) che sono complementari a sequenze nucleotidiche del tipo Mycobacterium tuberculosis sensibile ai farmaci nei punti di possibili mutazioni. così come le sequenze mutanti responsabili della resistenza ai farmaci. La disposizione delle sonde del DNA sulla piastra è rigorosamente determinata e viene impostato il livello di fluorescenza osservata durante l'ibridazione per determinare il risultato utilizzando un lettore speciale. A questo proposito, i risultati dell'analisi sono determinati utilizzando uno speciale programma per computer.

    Negli ultimi anni sono stati sviluppati metodi alternativi per determinare la suscettibilità al farmaco del Mycobacterium tuberculosis basato sulla tecnologia PCR in tempo reale, consentendo di condurre questi studi in modalità a tubo chiuso.

    Nella fig. 13-13 presenta il risultato dell'analisi delle colture cliniche di Mycobacterium tuberculosis quando si determina la resistenza al farmaco alla rifampicina utilizzando la PCR in tempo reale: 218 - campione di controllo (sensibile alla rifampicina); 93 - controllo positivo per la mutazione Ser-Trp TCG-TGG; 4482 - controllo positivo per la mutazione Ser-Leu TCG-TTG; 162-322 - campioni sperimentali. Il risultato del calcolo delle curve di amplificazione cinetica per 4 canali: canale 1: 393 - controllo positivo per la mutazione Ser-Trp TCG-TGG; canale 2: 4482 - controllo positivo per la mutazione Ser-Leu TCG-TTG; 162, 163, 172, 295 - campioni sperimentali; canale 4: curve di amplificazione cinetica di tutti i campioni coinvolti nell'esperimento. Reazione di amplificazione del controllo positivo. Conclusioni: i risultati dell'analisi hanno rivelato le seguenti mutazioni che determinano la resistenza alla rifampicina: nei campioni 162.163.172.295 - Ser-Leu TCG-TTG. Lo stesso principio viene utilizzato per determinare la resistenza al farmaco per isoniazide per i geni katG e inhA, che determinano le mutazioni più frequenti.

    Identificazione del ceppo di mycobacterium tuberculosis

    Il metodo più accuratamente studiata di identificazione di ceppi di Mycobacterium tuberculosis è una tecnica chiamata rflp (RFLP RFLP,. O nella versione inglese) e che si basano su fragmentirovanin (limitazione) di enzima Mycobacterium tuberculosis DNA Pvu II ed i frammenti ottenuti successiva ibridazione con alcune sequenze specifiche di DNA il suo elemento di ripetizione è IS6110. La variabilità intraspecifica è realizzata a causa del diverso numero di ripetizioni di IS6110 e della loro posizione sul DNA. così come la diversità delle distanze tra alcuni punti di attacco dell'enzima restrittasi (siti di restrizione) e l'elemento IS6110. Questa tecnologia è molto complessa e richiede tempo. Dopo il trattamento con DNA estratto da una coltura di Mycobacterium tuberculosis, elettroforesi su gel viene eseguita con un enzima di restrizione, e poi trasferito frammenti di DNA di diversa lunghezza su una membrana di nitrocellulosa, ibridazione è stata effettuata con frammenti di IS6110 elementi e rilevata mediante reazioni enzimatiche. Il modello specifico risultante di bande caratterizza il DNA di uno specifico ceppo di Mycobacterium tuberculosis. L'uso dell'analisi computerizzata ha rivelato l'identità o l'affinità dei ceppi. Sebbene il metodo RFLP sia il più discriminante, ad es. rivela il maggior numero di differenze nei ceppi analizzati, è inefficace con un piccolo numero (inferiore a 5) delle ripetizioni IS6110 osservate in alcuni ceppi. Nella fig. 13-14 presenta i risultati della tipizzazione RFLP dei ceppi.

    Un'alternativa può essere il metodo di spoligotyping (spoligotyping) - un'analisi del polimorfismo delle sequenze di DNA del distanziatore - intermedio tra le ripetizioni dirette della regione DR. Quando si esegue la spoligotipizzazione dei ceppi, la PCR viene eseguita con primer che limitano la regione DR, dopo di che si formano frammenti di varie lunghezze che ibridano con regioni intermedie variabili del DNA. Viene presentata l'analisi delle sequenze di spaziatori della regione DR. secondo i ricercatori, è più semplice, più produttivo e adatto per lo screening primario dei ceppi e un'analisi epidemiologica preliminare, nonché lo studio di materiale direttamente clinico.

    Ovviamente, un metodo più efficiente e tecnologicamente accessibile è VNTR (abbreviazione di parole inglesi), o un metodo per determinare il numero variabile di ripetizioni esatte in tandem nel DNA di Mycobacterium tuberculosis. Questo metodo si basa solo sull'utilizzo della PCR e non richiede ulteriori manipolazioni. Poiché il numero di ripetizioni in tandem in diversi ceppi e in diversi loci è diverso, frammenti di varie dimensioni sono determinati e analizzati sull'elettroforegramma risultante dei prodotti PCR. Secondo i ricercatori, con l'aiuto di VNTR si ottiene un maggior grado di discriminazione dei ceppi rispetto al metodo RFLP.

    Negli ultimi anni, è stata prestata molta attenzione alla diffusione dei ceppi di Mycobacterium tuberculosis della famiglia W-Beijing (a volte sono chiamati il ​​ceppo di Pechino), che sono in gran parte resistenti ai farmaci.

    Requisiti di base per la qualità degli studi di biologia molecolare

    Documenti normativi di base per la PCR

    Ordini del Ministero della Sanità della Russia: n. 45 del 7 febbraio 2000. N. 109 del 21 marzo 2003. N. 64 del 21 febbraio 2000. Linee guida metodiche: 1.3.1888-04 "Organizzazione del lavoro durante gli studi di PCR su materiale infetto da patogeni biologici agenti di gruppi di patogenicità III-IV "; 1.3.1794-03 "Organizzazione del lavoro durante gli studi di PCR su materiale infetto da microrganismi dei gruppi di patogenicità I-II".. 2003; 3.5.5.1034-01 "Disinfezione del materiale di prova infetto da batteri di patogenicità dei gruppi I-IV quando si utilizza il metodo PCR", 2001. Appendice 11 all'Istruzione sui metodi unificati di ricerca microbiologica per l'individuazione, la diagnosi e il trattamento della tubercolosi.

    Il personale

    Medici di diagnostica clinica di laboratorio, batteriologi, virologi, biologi del laboratorio diagnostico clinico, nonché specialisti con formazione medica secondaria che hanno superato la specializzazione e la formazione avanzata nel modo prescritto possono effettuare studi di biologia molecolare.

    Laboratorio di locali del dispositivo

    Sono necessari i seguenti strumenti di laboratorio:

    • L'area di elaborazione del campione è un laboratorio adatto a lavorare con agenti infettivi dei gruppi III-IV di patogenicità, in conformità con le linee guida metodologiche 13.1888-04.
    • La zona per la preparazione delle miscele di reazione PCR - sala di laboratorio, che fornisce protezione contro la contaminazione interna del laboratorio - la zona "pulita".
    • • Se si utilizza l'elettroforesi o l'ibridazione per analizzare i prodotti della PCR. la stanza di laboratorio in cui i frammenti di DNA propagati vengono estratti dal tubo di amplificazione e, di conseguenza, può essere rilasciata nell'ambiente, in conformità con i requisiti per i laboratori PCR (Linee guida 1.3.1794-03, Linee guida 1.3.1888-04) deve essere completamente isolato dai locali indicati nei paragrafi precedenti. Il movimento dalla zona di elettroforesi alla zona di elaborazione del campione e la zona "pulita" di qualsiasi personale, attrezzatura, materiali e oggetti, nonché il trasferimento dell'aria attraverso il sistema di ventilazione o come risultato di correnti d'aria dovrebbero essere esclusi. Questa zona non è richiesta per il rilevamento fluorimetrico dei prodotti PCR.
    • La stanza per la documentazione e l'elaborazione dei risultati è dotata di computer e delle attrezzature necessarie per l'ufficio. L'apparecchiatura può essere posizionata in questa stanza per rilevare i prodotti PCR senza aprire il tubo. - rivelatori PCR fluorescenti e termociclatori per la PCR in tempo reale.

    I requisiti sanitari ed epidemiologici per il trattamento primario dell'espettorato sono simili ai requisiti microbiologici standard per lavorare con i micobatteri della tubercolosi.

    Set completo di apparecchiature di laboratorio per la diagnostica PCR

    Il pacchetto di laboratorio include attrezzature per le seguenti stanze.

    • La sala di preparazione del campione contiene le seguenti apparecchiature: classe di protezione laminare II "SP-1.2": un termostato a stato solido con coperchio riscaldato per tubi di tipo Eppendorf; microcentrifuga a 13.000 rpm; centrifuga ("Vortex"); un frigorifero con un intervallo di temperatura da -20 ° C a +10 ° C; pipette a volume variabile della serie Proline; pompa con trappola per matracci OM-1; supporto per pipette; treppiedi di lavoro 200x0,5 ml; posto di lavoro treppiede 50x1,5 ml; rack per tubi di stoccaggio 80x1,5 ml;
    • spazio per la preparazione della miscela di reazione: camera di protezione PCR-box ("Laminar-C. 110 cm); centrifuga - "Vortex"; pipette a volume variabile della serie Professional; supporto per pipette; treppiede di lavoro 200x0,2 ml; rack per tubi di stoccaggio 80x1,5 ml; un frigorifero con un intervallo di temperatura da -20 o C a + 10 o C;
    • sala di elettroforesi: una camera per elettroforesi orizzontale; alimentazione elettrica; transilluminatore;
    • Amplificatore di DNA o analizzatore di acidi nucleici (real-time PCR) con un computer e un software; può essere inserito in qualsiasi stanza libera. Se si utilizza la tecnologia PCR in tempo reale. camera di elettroforesi non è necessaria.

    Controllo di qualità esterno

    Per avere fiducia nell'ottenere risultati oggettivamente affidabili, i laboratori dovrebbero partecipare al sistema di valutazione esterna della qualità della ricerca di laboratorio.

    I partecipanti al sistema di controllo qualità ricevono; 12 fiale con sospensioni liofilizzate di cellule batteriche, due delle quali contengono E. coli E. coli, 3 fiale con mycobacterium tuberculosis (ceppo avirulent) ad una concentrazione di 10 2 / ml; 3 fiale con cellule di un ceppo simile ad una concentrazione di 10 4 / ml; 2 fiale con micobatteri non tubercolari M. avium-intracellulare e M. kansasii ad una concentrazione di 10 5 / ml.

    I test distribuiti per la valutazione della qualità esterna sono pre-testati in due laboratori indipendenti con una vasta esperienza in questo campo.