Bronchite durante la gravidanza: sintomi, trattamento e possibili complicanze

Il corpo della futura madre è particolarmente suscettibile a vari virus e infezioni, quindi spesso si trova la bronchite durante la gravidanza. Evitare infezioni virali respiratorie e malattie respiratorie non è facile, dal momento che il periodo principale di gestazione cade nel periodo autunno-primaverile e invernale. Spesso le cause della bronchite sono l'ipotermia banale e uno stato indebolito del sistema immunitario.

La bronchite durante la gravidanza porta molti problemi, poiché la salute della futura madre e del bambino è a rischio. È importante che ogni donna si occupi del suo benessere, che si prenda cura della sua salute e del suo benessere, poiché la salute del futuro bambino dipende da esso.

Sintomi e diagnosi di bronchite

La bronchite nelle donne in gravidanza si sviluppa secondo lo scenario del comune raffreddore. La temperatura corporea sale a 38 gradi, ci sono segni di intossicazione - debolezza, malessere generale, mal di testa, congestione nasale, poi compare una tosse.

Nei primi giorni della malattia, la natura della tosse rimane secca con sensazioni dolorose al petto. Dopo alcuni giorni, la tosse si bagna con la separazione dell'espettorato mucoso o purulento.

A volte la malattia è complicata dallo sviluppo di broncospasmo. Di solito, questa condizione si sviluppa con una combinazione di asma e gravidanza. Nel broncospasmo, una donna può essere disturbata da attacchi occasionali di tosse soffocante, durante i quali difficilmente può respirare normalmente. In media, la bronchite va da 2 settimane a 1 mese.

Se una donna ha i suddetti segni della malattia, deve consultare il medico per lo scopo del trattamento.

È necessario trattare la bronchite durante la gravidanza, a causa dei cambiamenti ormonali nel corpo, la mucosa bronchiale diventa edematosa e l'insufficiente mobilità del diaframma impedisce la normale espettorato dell'espettorato.

Di conseguenza, l'espettorato inizia a indugiare nel tratto respiratorio, causando ulteriore infiammazione e rallentando il processo di guarigione. Non è sicuro sia per la donna che per il bambino.

I sintomi della bronchite acuta scompaiono tra 2 settimane, se la malattia dura un mese o più - stiamo parlando di una bronchite cronica prolungata. La forma acuta della malattia non influisce sul decorso della gravidanza e sul feto in via di sviluppo.

La bronchite protratta può causare l'infezione intrauterina del feto. Questo è il motivo per cui la malattia dovrebbe essere trattata sin dai primi giorni.

La diagnosi di bronchite inizia con l'esame e il colloquio del paziente. Quindi il medico ascolta i polmoni e prescrive i test di laboratorio generali - esami del sangue e delle urine, i cui risultati possono indicare la presenza di un processo infiammatorio nel corpo.

Di solito, in caso di bronchite, viene prescritta una radiografia dei polmoni, ma durante la gravidanza questa procedura diagnostica viene prescritta in casi eccezionali solo se lo specialista dubita della diagnosi o si tratta di una malattia complicata di un corso prolungato.

Uno studio a raggi X influisce negativamente sul feto, quindi se è necessario un bisogno per condurre lo studio, l'addome della futura madre si chiude necessariamente dall'esposizione ai raggi X con uno speciale grembiule di piombo.

Metodi di trattamento

Ai primi sintomi della malattia, è necessario consultare un medico che sa cosa e come trattare la bronchite durante la gravidanza senza conseguenze per il nascituro.

Il trattamento della bronchite durante la gravidanza nel primo trimestre viene effettuato con cautela, poiché è durante questo periodo che gli organi vitali del feto vengono posti e formati. Nella fase iniziale della malattia, la terapia anti-infiammatoria è prescritta, per esempio, con l'aiuto del farmaco Bioparox.

Questo è un mezzo di azione locale, che è efficace nella lesione iniziale delle vie respiratorie, mentre è sicuro per il feto. Se durante la gravidanza nel primo trimestre c'è la necessità di trattare la bronchite con antibiotici, allora il medico prescrive i preparati di penicillina.

A partire dalla settimana 12, l'elenco dei farmaci approvati è in aumento. Durante la gravidanza nel 2 ° trimestre, gli antibiotici cefalosporinici sono prescritti per il trattamento della bronchite, che appartiene al gruppo di mezzi condizionalmente sicuri per il feto.

Contemporaneamente con la terapia antibatterica, il medico prescrive farmaci che facilitano la rimozione dell'espettorato e alleviano il gonfiore dei bronchi:

Durante la gravidanza nel 3 ° trimestre, la bronchite presenta un aumento del rischio di infezione del feto, che può essere diagnosticata utilizzando uno studio specifico e prescrivere una terapia in conformità con i dati ottenuti.

Se è stata rilevata un'infezione intrauterina, il medico prescrive Immunoglobulina o Interferone per via endovenosa ai farmaci principali (antibiotici, mucolitici). In questo caso, il trattamento della bronchite viene eseguito in un ospedale.

Se una donna si ammala poco prima del parto, questa non è una controindicazione per il parto naturale. Nella bronchite lieve durante il parto, non sono richieste ulteriori precauzioni.

Se, sullo sfondo della malattia, il volume polmonare è sceso al 60%, il parto naturale diventa potenzialmente pericoloso, compaiono indicazioni per il taglio cesareo.

Possibili complicazioni e come evitarli

La diagnosi di bronchite è presa con doppia ansia durante la gravidanza. In pratica, questa malattia si verifica spesso senza complicazioni per la salute della madre e del bambino.

È necessario trattare la bronchite durante la gravidanza. La terapia tempestiva e la nomina del medico curante aiuta a evitare complicazioni della bronchite e ad accelerare il processo di guarigione.

L'infiammazione dei bronchi nel primo trimestre di gravidanza può portare all'aborto spontaneo o allo sbiadimento della gravidanza.

Se l'infezione è penetrata nel corpo nelle prime 4 settimane dopo il concepimento, la donna potrebbe anche non sapere di essere incinta - avrà un aborto sotto forma di una mestruazione ricca e prolungata. Tale sviluppo non è pericoloso per la salute delle donne e non influisce sulle funzioni riproduttive del corpo.

Se una donna soffre di bronchite dalla 4a alla 12a settimana di gravidanza, aumenta la probabilità di infezione del feto e la comparsa di patologie dello sviluppo congenito. L'aborto spontaneo può verificarsi a causa del fatto che il feto ha formato difetti, che è diventato la ragione della sua mancanza di vitalità. In un altro caso, il feto può continuare il suo sviluppo, ma questo bambino non sarà mai in salute dopo la nascita.

Naturalmente, c'è un'altra opzione: la malattia non influirà sulla salute del nascituro, la gravidanza sarà senza incidenti.

La bronchite, che si è verificata dopo 16 settimane, porta allo sviluppo dell'insufficienza uteroplacentare. In questo caso, la circolazione del sangue nei vasi dell'utero, della placenta e del cordone ombelicale subisce cambiamenti avversi, causando lo sviluppo di ipossia nel feto. L'insufficiente apporto di ossigeno influisce negativamente sulla formazione del sistema nervoso del bambino e rallenta il suo sviluppo intrauterino. Maggiori informazioni sull'ipossia →

La bronchite della 28a settimana di gravidanza porta spesso alla nascita di bambini sottopeso. Può anche complicare il processo del travaglio e diventare un'indicazione per un taglio cesareo.

Il trattamento tardivo e improprio della malattia porta a un deterioramento delle condizioni generali della donna.

Di conseguenza, il processo infettivo penetra nel tratto respiratorio inferiore, si sviluppa polmonite o polmonite. Un forte aumento della temperatura - sopra i 39 gradi e una persistente tosse persistente - indica il suo aspetto.

Prevenzione della bronchite

Per prevenire lo sviluppo di bronchite durante la gravidanza, ogni donna dovrebbe seguire le seguenti linee guida:

  • più spesso per essere all'aria aperta - nel paese, nel parco, nelle aree che si trovano lontano dalle strade;
  • abbandonare la dipendenza dal tabacco, incluso il fumo passivo;
  • evitare l'ipotermia;
  • più spesso per ventilare la stanza a casa e al lavoro;
  • evitare il contatto con persone malate;
  • indossare un dispositivo di protezione speciale: un respiratore o una maschera in luoghi dove ci sono molte sostanze irritanti: sostanze chimiche, coloranti, ecc.;
  • igiene, lavarsi le mani con acqua e sapone;
  • impegnarsi in procedure di tempra, fare esercizi mattutini, se non è controindicato per una donna da un medico.

Né la bronchite acuta né quella prolungata possono impedire la nascita di un bambino sano e interrompere il corso della gravidanza. La cosa principale è consultare un medico in tempo e iniziare la terapia.

Dopo il recupero, dovresti essere monitorato da un ginecologo e attento alla tua salute. Se sospetti lo sviluppo di ipossia nel feto, devi informare lo specialista.

Autore: Olga Rogozhkina, dottore,
specificamente per Mama66.ru

Trattamento della bronchite durante la gravidanza

Durante la gravidanza, il trattamento della bronchite tiene conto non solo dei benefici per la madre, ma anche del rischio per il bambino.

Una donna deve essere trattata sotto la supervisione di un medico, i farmaci non controllati in qualsiasi fase della gravidanza sono pericolosi principalmente per il bambino.

Cause di bronchite frequente durante la gravidanza

Durante la gravidanza, le donne hanno maggiori probabilità di ammalarsi di malattie infettive, è più facile prendere virus influenzali, infezioni virali respiratorie acute, bronchiti, ed è più difficile tollerare la malattia.

Tale suscettibilità alle malattie è causata da:

  • immunità ridotta;
  • difficoltà respiratoria meccanica;
  • frequente contatto con i pazienti durante la visita alla clinica, nella clinica prenatale.

L'immunità ridotta durante la gravidanza è causata dalla necessità di proteggere il feto dal rigetto, che contiene metà del genoma del padre ed è estraneo alla madre.

Indebolimento di immunità è anche osservato in relazione a malattie infettive. I sintomi delle malattie infettive durante la gravidanza non differiscono da quelli di un adulto.

Perché la gravidanza è più difficile da trattare?

Il trattamento della bronchite durante la gravidanza ha le sue caratteristiche. A causa del pericolo di danneggiare un bambino:

  • molti farmaci, erbe medicinali, prodotti che sono stati ben aiutati di recente sono stati vietati;
  • non eseguire l'esame a raggi X del torace;
  • è impossibile sputare vigorosamente l'espettorato, questo può portare a sovraccaricare i muscoli del diaframma, aumentando il tono dell'utero, l'aborto.

La permeabilità della placenta cambia quando si trasporta un bambino, in un secondo momento, in caso di bronchite, aumenta la probabilità di infezione intrauterina e polmonite congenita in un bambino.

Farmaci per il trattamento

Qual è il trattamento della bronchite durante la gravidanza, in modo da non influenzare lo sviluppo intrauterino del feto e far fronte alle manifestazioni della malattia?

Utilizzato per trattare tutti i gruppi di farmaci, ad eccezione di antitosse. Una condizione importante per il trattamento sicuro e la gravidanza per la futura madre dovrebbe essere la supervisione medica.

Quali gruppi di farmaci vengono utilizzati

Per il trattamento della bronchite nelle donne in gravidanza usare broncodilatatori, mucolitici, farmaci espettoranti, antibiotici, tenendo conto dell'effetto di questi farmaci sul feto. Per conoscere le peculiarità dell'azione di questi farmaci, offriamo nella sezione "Preparativi".

Per qualsiasi periodo di gravidanza, sono consentite le pozioni con thermopsis, Bromhexin, Ambroxol. Aiuterà ad ammorbidire la decozione della tosse di Althea, sciroppo per la tosse su materie prime vegetali Bronchipret, Halixol.

Prima di trattare la bronchite in donne in gravidanza con preparazioni a base di erbe, è necessario assicurarsi che la donna non sia allergica, in questo momento anche i soliti mezzi possono provocare una reazione allergica.

Metodo di somministrazione

Il modo migliore per somministrare farmaci per l'infiammazione bronchiale nel corpo è l'inalazione attraverso un nebulizzatore.

Come fare l'inalazione attraverso un nebulizzatore, come liberarsi della tosse con il loro aiuto è descritto nell'articolo "Inalazioni durante la gravidanza".

In tutti i trimestri è permesso usare inalazioni per migliorare la condizione del muco con soluzione salina, soda, acque minerali alcaline di Narzan, Borjomi.

Consentito per l'inalazione durante il periodo di gocce omeopatiche Sinupret, Beroteka. Quando il broncospasmo aiuta l'aminofillina, l'efedrina.

Trattamenti termici

Alle donne incinte è permesso mettere vasi medici, cerotti di senape. Come fare questo è descritto sul sito web negli articoli nella sezione "Procedure".

È importante eseguire esercizi di ginnastica respiratoria durante il periodo di subsidenza dei sintomi acuti, come descritto nell'articolo dedicato a questo argomento.

Una donna dovrebbe bere più latte caldo con miele, bevande alla frutta, frutta in umido, tè leggero con limone, decotto di camomilla. Un'eccessiva bevanda calda con bronchite riduce la viscosità dell'espettorato, migliora lo scarico del muco.

Trattamento di bronchite su trimestri

Durante la gravidanza, non è possibile assumere farmaci ipecac, soluzione alcolica di ioduro di potassio. Le tinture di iodio hanno un effetto teratogeno, influenzano negativamente la formazione del feto.

Controindicato in questo momento:

  • farmaci antitosse con codeina, morfina etilica;
  • antibiotici tetracicline, kanamicina, cloramfenicolo, streptomicina, gentamicina, fluorochinoloni.

Non dovrebbe essere incontrollato per essere coinvolto nei trattamenti di rimedi popolari. Il pericolo sono le infusioni di erbe abortive, ricette che influenzano lo sfondo ormonale di una donna.

Quindi, per il trattamento della bronchite usando salvia, rosmarino selvatico, origano, elecampane, erba di San Giovanni, fragole, calendula. Durante la gravidanza, tale trattamento della bronchite può causare aborto nelle fasi iniziali, provocando parto pretermine.

Colpisce in modo negativo la gravidanza e l'aloe, non deve essere trattato per la bronchite con farmaci, in cui è incluso come uno dei componenti.

La bronchite è ampiamente utilizzata liquirizia. Fa parte delle ricette nazionali e nella composizione dei preparati farmaceutici. Ma è assolutamente controindicata nelle donne in gravidanza.

Un effetto negativo su una donna incinta e il rischio di aborto possono essere causati da un consumo eccessivo di prezzemolo regolare.

Primo trimestre

Nel primo trimestre di gravidanza, si verifica la costituzione degli organi più importanti dell'embrione, ed è indesiderabile ammalarsi di bronchite in questo momento. Ma se questo è già successo, non puoi prescrivere farmaci per te stesso.

Farmaci incontrollati possono portare a difetti dello sviluppo congenito.

È meglio essere trattati in questo momento con l'aiuto di inalazioni con un nebulizzatore. In questo caso, i farmaci cadono sulla mucosa dei bronchi, non penetrano nel flusso sanguigno.

Secondo la testimonianza può nominare antibiotici:

  • aminopenicilline protette - amoxicillina + clavulanato;
  • macrolidi - rovamicina;
  • cefalosporine 2, 3 generazioni - Cefuroxime.

Principalmente trattati con cefalosporine. Questi antibiotici non hanno un effetto teratogeno sul feto, sono considerati relativamente sicuri.

Secondo trimestre

Per il trattamento della bronchite durante la gravidanza nel 2 ° trimestre inalazioni con Berotek, sono ammessi i Berodual. Questi farmaci espandono i bronchi, eliminano il broncospasmo. I preparati per l'inalazione attraverso un nebulizzatore sono diluiti con soluzione salina, secondo le istruzioni per l'uso.

D'ora in poi, sono consentite inalazioni di bromuro di ipratropio, fenoterolo, salbutamolo. Farmaci con ambroxolo sono ammessi dal secondo trimestre - Ambrobene, Lasolvan.

Terzo trimestre

Se il terzo trimestre non riesce a curare la bronchite, viene creata la minaccia di infezione intrauterina del feto. In questo caso, al trattamento vengono aggiunte immunoglobuline e interferone.

Durante il parto una donna può aver bisogno di un'anestesia aggiuntiva, poiché i tentativi durante le contrazioni aumentano la costrizione toracica, il dolore da infiammazione bronchiale.

I farmaci per la bronchite nel 3 ° trimestre, nelle ultime settimane di gravidanza possono influenzare il decorso del parto, influenzare la vitalità del neonato.

Grave insufficienza respiratoria serve come indicazione per il taglio cesareo. Ricezione Biseptolo Trimethoprim quando usato in questo periodo può causare ittero nel neonato.

È utile nell'ultimo trimestre preparare le foglie di lampone, questo tè facilita l'apertura della cervice durante il parto, prepara l'utero per il travaglio.

Implicazioni per la madre

Gli effetti pericolosi durante la gravidanza si osservano con la bronchite ostruttiva. Difficoltà nella respirazione, mancanza di respiro porta ad una diminuzione della concentrazione di ossigeno nel sangue, causando ipossia fetale.

La mancanza di ossigeno causa alterazioni dello sviluppo fetale.

Se la sindrome ostruttiva è combinata con insufficienza respiratoria, può causare un aborto. Nel primo periodo, una donna ha bisogno di ricovero ospedaliero e di cure ospedaliere.

Nelle ultime settimane di gravidanza, la bronchite ostruttiva può causare parto prematuro, scarico di liquido amniotico in anticipo.

Una forte tosse può causare un aumento del tono dell'utero. È in grado di provocare l'interruzione prematura della gravidanza nel primo trimestre, il parto prematuro nel terzo.

Conseguenze per il feto

L'infezione, penetrando attraverso la placenta nel liquido amniotico, entra naturalmente nel tratto respiratorio del bambino, causando l'infiammazione delle mucose.

L'infezione intrauterina del feto influisce sulla formazione dei sistemi di organi, causando disturbi dello sviluppo. Polmonite congenita, indebolimento dell'immunità può diventare conseguenze dell'infezione per un bambino.

Prevenzione della bronchite durante la gravidanza

Per non ammalarsi di bronchite, è necessario prevenire l'ipotermia, vestirsi in base alla stagione, per inumidire l'aria nell'appartamento.

La vaccinazione antinfluenzale è controindicata nel primo trimestre, questo metodo di prevenzione della bronchite è consentito durante il resto della gravidanza.

Se possibile, una donna dovrebbe limitare il contatto con persone che soffrono di raffreddore, influenza o bronchite.

Dobbiamo ricordare che la bronchite è contagiosa. I virus, che provocano l'infiammazione della mucosa bronchiale, sono trasmessi da goccioline trasportate dall'aria quando parlano, starnutiscono.

Quando si pianifica una gravidanza, è necessario trattare i focolai di infezione cronica delle vie respiratorie superiori, sanificare la cavità orale dal dentista.

Evitare la bronchite durante la gravidanza aiuterà a completare la cessazione del fumo, incluso il passivo. Una donna dovrebbe riposare più spesso, mangiare razionalmente, usare più bevande calde.

Bronchite durante la gravidanza 3 trimestre

Trattamento della bronchite durante la gravidanza

La bronchite è una malattia dei bronchi mucosi che può essere causata da un'infezione virale o batterica. L'esacerbazione della malattia si verifica nel periodo autunnale invernale e si riscontra spesso nelle donne che trasportano bambini a causa dell'immunità indebolita della donna incinta.

Il trattamento completo della bronchite durante la gravidanza è selezionato individualmente dal medico curante, che seleziona i farmaci, a partire dalla gravità della malattia, dalle condizioni generali della donna e dai farmaci appropriati per il trimestre corrente, al fine di evitare di danneggiare il feto.

Le inalazioni, l'uso di preparati a base di erbe, la nomina di farmaci espettoranti e in caso di bronchite acuta e antibiotici sono gli agenti utilizzati nel trattamento di questa malattia.

Bere eccessivo - aiuta ad alleviare la tosse e alleviare l'intossicazione del corpo - cause di debolezza e indisposizione.

  • Tè con lamponi, miele, limone, zenzero.
  • Latte caldo
  • Composte.
  • Decotti alle erbe di timo, madre e matrigna, radice di Altea.

Un trattamento efficace della bronchite durante la gravidanza è l'infusione di erbe. Aiutano con una tosse secca e dolorosa, alleviando irritazione e broncospasmo:

  • Radice di brodo Althea - bere sotto forma di calore.
  • Radice di liquirizia - aggiungere 2 cucchiaini di sciroppo da questa radice al tè.
  • Sciroppo dalle foglie della nespola giapponese.
  • Tè alla liquirizia - consigliato per bere fino a 3 tazze al giorno.

Tosse umida con scarico di espettorato, viene trattata con espettorante.

  • Miscela da thermopsis - può essere utilizzato in qualsiasi periodo della gravidanza.
  • Sinupret: bevi 2 pillole 3 volte al giorno.
  • La miscela di radice ipecac non è prescritta per la gravidanza in anticipo, in quanto irrita lo stomaco.

Il trattamento della bronchite durante la gravidanza, in forma acuta con espettorato viscoso, è effettuato da mucolitici.

  • Bromhexin: bevi 4 volte al giorno, 50 grammi.
  • Amroxol: bere 4 volte al giorno, 16 mg, ma nel primo trimestre di gravidanza.
  • Mukaltin: bevi 3 volte al giorno per 30 grammi.

Le inalazioni di tosse sono fatte con le seguenti erbe:

  • Con mummia e propoli, che devono essere prima sciolti in acqua minerale alcalina.
  • Con succo di piantaggine
  • Con tintura di calendula, menta, eucalipto.

Trattamento della bronchite durante la gravidanza con antibiotici

  • Cefalosporine - usate dal secondo trimestre.
  • Il gruppo di penicillina - flemossina solutab, ampicillina, amoxicillina - sono farmaci che non danneggiano lo sviluppo del feto.
  • temperatura elevata

Un trattamento corretto e tempestivo della bronchite durante la gravidanza assicura il completo recupero della futura mamma e la sicurezza del suo bambino. Ma se inizi la bronchite acuta, le conseguenze possono essere molto pericolose. Innanzitutto, quando la malattia diventa grave, c'è un alto rischio di infezione intrauterina del feto. In secondo luogo, quando una tosse soffocante vince su una donna, i suoi polmoni sono scarsamente ventilati, con il risultato che il bambino riceve una quantità insufficiente di ossigeno. Questo spesso causa l'ipossia. E, in terzo luogo, una forte tosse provoca una contrazione delle pareti dell'utero. Pertanto, la bronchite può portare a aborto spontaneo.

Nozioni di base sul trattamento

Il trattamento della bronchite durante la gravidanza deve avvenire a letto. In questo caso, una donna deve assolutamente consumare una grande quantità di fluido caldo. Per questo ideale:

  • infuso di rosa canina;
  • tè con miele e limone;
  • succo di frutta;
  • succhi di frutta;
  • acqua minerale.

Bere eccessivo facilita l'espettorazione e allevia la traspirazione in gola. Inoltre, il trattamento viene effettuato utilizzando l'inalazione di acqua minerale o soluzione di soda.

Nei primi tempi, la malattia si manifesta sotto forma di una tosse secca, con la quale un decotto denso di radice di Althea combatte efficacemente. Inoltre, in tutte le fasi della gravidanza, è possibile applicare una miscela di radice di liquirizia. Efedrina, aminofillina, o, a partire dal secondo trimestre, l'inalazione con ipratropio bromuro contribuirà ad alleviare il broncospasmo.

Combatti contro la tosse

Al fine di ridurre la densità dell'espettorato e facilitare la tosse durante la gravidanza, vengono prescritti farmaci espettoranti. Dato il principio della loro azione, questi farmaci possono essere suddivisi in due tipi:

Trattamento della bronchite cronica

  • secretomotoric;
  • mucolitici.

Il trattamento con agenti secretomotori promuove l'espettorazione. Con le droghe di questo gruppo, permesso durante la gravidanza, ci sono pozioni di ipecacuan e thermopsis. Mucolitici diluire la flemma, che è importante in modo che la bronchite non entri in una fase più grave. Questi farmaci includono Mukaltin e Bromhexin. Anche l'inalazione di chimotripsina è utile.

A volte, nel secondo e terzo trimestre di gravidanza, è consentito l'uso di farmaci espettoranti, che sono basati su Ambroxol. I medici li prescrivono se i benefici del trattamento superano il rischio per il feto.

Prescrizione antibiotica

Fondamentalmente, la bronchite acuta viene trattata senza l'uso di agenti antibatterici. Ma se la malattia è prolungata e ha acquisito segni di infezione purulenta, tali farmaci sono vitali. Nel primo trimestre di gravidanza sono prescritti antibiotici del gruppo aminopenicillina, nel secondo e nel terzo è consentito il trattamento di macroliti e cefalosporine con antibiotici. Il dosaggio di questi medicinali è determinato dal medico curante, in base alle condizioni del paziente.

Terapia vitaminica

Una fase importante nel trattamento è la terapia vitaminica. Le vitamine A, C ed E aiuteranno a proteggere il corpo durante la gravidanza e rappresentano insieme un complesso vitaminico che protegge il corpo dai radicali dannosi. Pertanto, il trattamento della bronchite con il suo aiuto è considerato più efficace. Queste vitamine si trovano in frutta e verdura verde, arancione e rossa, così come agrumi e legumi.

temperatura elevata

La bronchite acuta è solitamente accompagnata da un'alta temperatura corporea. Il paracetamolo è raccomandato per normalizzare la condizione. In nessun caso non usare l'aspirina. Questo farmaco ha un effetto estremamente negativo sul feto.

Ma abbattere la temperatura senza l'aiuto di sostanze chimiche aiuterà il lampone. Marmellata, moll o tè di queste bacche contribuiscono ad abbassare la temperatura e rafforzare il sistema immunitario. Tuttavia, non abusare di questo strumento. In grandi quantità, i lamponi possono danneggiare il feto.

In ogni caso, il trattamento della bronchite durante la gravidanza deve essere prescritto dal medico curante. Prendendo in considerazione le peculiarità delle condizioni del paziente, sceglierà il metodo ottimale che non danneggerà né la futura mamma né il suo bambino. Se una donna incinta si rivolge al medico ai primi sintomi della malattia, la probabilità che si riprenda presto diventa molto più alta. In questo caso, la bronchite può andare via in due settimane, senza lasciare conseguenze spiacevoli.

(votato: 1, voto: 5,00 su 5) Caricamento.

  • Prevenzione della bronchite

La gravidanza è una coppia meravigliosa, ma, sfortunatamente, non sempre si verifica senza infezioni respiratorie acute (ARI). E la probabilità di ottenere ARI è particolarmente aumentata nel periodo autunno-invernale, che è caratterizzato da tempo umido, freddo, instabile. L'ipotermia e una diminuzione generale dell'immunità durante la gravidanza aumentano anche le possibilità di contrarre il raffreddore. Una delle manifestazioni frequenti di ARI è la bronchite.

I sintomi della bronchite nelle donne in gravidanza

La bronchite inizia a svilupparsi quando un virus patogeno entra nel corpo, meno probabilità di avere un'eziologia batterica. I microrganismi attraversano le goccioline trasportate dall'aria sulla mucosa delle vie respiratorie, si moltiplicano, rilasciando i prodotti della loro attività vitale che causano infiammazione, gonfiore delle mucose e alterata circolazione sanguigna. A poco a poco, l'infiammazione si diffonde in basso - ai bronchi.

Di regola, si verifica nelle donne in gravidanza. I primi sintomi principali sono la congestione nasale (rinite) e la tosse. All'inizio della malattia, i sintomi della malattia possono essere insignificanti, ma progrediranno ogni giorno che passa.

Spesso, tutto inizia con mal di gola e secchezza dell'habiting senza espettorato, e il dolore nell'area del torace può iniziare a disturbare. A volte il corpo risponde alle infiammazioni causate da febbre, debolezza generale e malessere. Solo una settimana dopo, quando tossisci, una piccola quantità di espettorato inizia a risaltare, il che allevia leggermente la tosse. Un significativo gonfiore della mucosa bronchiale può causare broncospasmo, manifesta difficoltà nell'espirazione con tosse ossessiva. La bronchite acuta ha una durata da 1 a 4 settimane.

La gravidanza è un fattore di rischio per l'esacerbazione di qualsiasi malattia cronica, tra cui. I sintomi della malattia sono meno brillanti. È caratterizzato da tosse intermittente con una piccola quantità di espettorato, una condizione generale soddisfacente senza un aumento della temperatura corporea.

complicazioni

La malattia di bronchite durante la gravidanza il più delle volte non ha un effetto speciale sul suo corso, ma questo è soggetto a trattamento tempestivo e adeguato.

Informazioni In alcuni casi, la bronchite può ancora causare infezione intrauterina fetale, specialmente nei casi avanzati della malattia, ad esempio, con lo sviluppo di complicanze della bronchite con polmonite.

Inoltre, con la tosse costante derivante dall'irritazione dei bronchi con espettorato, c'è il rischio di aborto. Ciò accade a causa della tensione costante dei muscoli addominali quando si tossisce.

A causa dell'edema della mucosa bronchiale, vi è una violazione della normale ventilazione dei polmoni con l'aria, che porta a un apporto insufficiente di ossigeno al corpo della donna, e quindi al bambino. Esiste una minaccia di ipossia fetale.

Pertanto, anche alle prime manifestazioni di bronchite, a prima vista potrebbe non essere grave, si dovrebbe immediatamente iniziare il trattamento appropriato, naturalmente con il medico.

Trattamento della bronchite durante la gravidanza

Con l'apparizione dei primi sintomi di bronchite nelle donne in gravidanza, vengono mostrati riposo a letto e bevande calde e abbondanti. Di norma si consiglia il tè con lamponi, limone e miele, e latte caldo con aggiunta di burro e lo stesso miele è anche adatto. Tale consumo di alcol aiuta a "lavare" il microbo patogeno dal corpo, attenua le sensazioni spiacevoli nella gola e facilita l'espettorazione. È possibile l'inalazione di acqua minerale o soluzione di soda.

Nel caso di tosse secca, con espettorato scarsamente scorrevole, è consentito l'uso di farmaci dal gruppo di mucolitici (espettorato), come bromhexin, mukaltin.

Il più delle volte, il trattamento della bronchite fa a meno dell'uso di agenti antibatterici. Tuttavia, in caso di malattia grave, con segni di infezione purulenta, gli antibiotici non possono essere annullati. In questo caso, i farmaci antibatterici dal gruppo di macroliti, aminopenicilline o cefalosporine di 2a e 3a generazione sono approvati durante la gravidanza. Naturalmente, solo un medico può prescriverti un antibiotico.

prevenzione

  • Smettere di fumare (sia attivo che passivo);
  • Indurimento del corpo, aumentando la resistenza complessiva del corpo;
  • Vaccinazione antinfluenzale durante l'epidemia attesa (controindicata nel 1 ° trimestre);
  • Trattamento di focolai di infezione nel rinofaringe;
  • Evitare il contatto con persone malate.

Bronchite in gravidanza

Con l'inizio dell'autunno e dell'inverno, le epidemie di ARVI arrivano in città. Gli aggressori microscopici non risparmiano nessuno. Durante un'epidemia, tutte le categorie della popolazione soffrono della malattia: bambini e adulti, donne incinte e anziani. L'obiettivo per i virus è il sistema respiratorio e le sue vie aeree - i bronchi. L'ARI è spesso complicata da bronchite, anche nelle donne in gravidanza. Cosa succede se sviluppo una bronchite acuta durante la gravidanza?

Le future mamme hanno alcune domande:

  • Quali mezzi possono essere trattati per le donne incinte e cosa è meglio rifiutare?
  • Quanto sono sicuri i farmaci per il futuro bambino, che di solito trattano la bronchite?

Qual è la bronchite acuta?

La causa della bronchite acuta negli esseri umani è più spesso virus. Quando l'immunità è indebolita come agente causale, i batteri si uniscono ai virus. Sintomi che caratterizzano la bronchite acuta: tosse secca o produttiva, brividi, febbre, sudorazione, debolezza generale e talvolta mancanza di respiro.

Per curare la bronchite, utilizzare una varietà di farmaci: antivirali, antibatterici, espettoranti, antipiretici. Il trattamento della bronchite nelle donne in gravidanza ha caratteristiche dovute a maggiori requisiti per la sicurezza dei medicinali per il nascituro.

C'è una regola in tutto il mondo: nessuna medicina può essere utilizzata senza aver prima controllato su animali da esperimento i suoi effetti dannosi sul feto. Tuttavia, circa il 5% delle malformazioni congenite nei neonati sono associate all'assunzione di droghe da parte delle loro madri durante la gravidanza.

Quali sono le caratteristiche dell'uso di droghe nelle donne in gravidanza?

L'organismo della madre, la placenta e il feto esistono come un unico sistema. Per il trattamento della bronchite nelle donne in gravidanza è necessario considerare i seguenti fatti:

  • Nessuna medicina dovrebbe essere considerata completamente sicura per il bambino, perché la placenta consente alle sostanze con una massa fino a 1 mille Dalton e talvolta più grandi di passare attraverso. La permeabilità della placenta per i farmaci aumenta fino a 32-35 settimane di gravidanza e le situazioni stressanti e le tossicosi la rafforzano.
  • Il beneficio atteso del farmaco deve superare il danno stimato dal non prescrivere il farmaco o i suoi effetti collaterali sia per la madre che per il feto.
  • L'effetto terapeutico del farmaco in una donna incinta e nel feto può variare in modo significativo.
  • Alcuni farmaci hanno un effetto negativo sul feto a lungo termine.
  • La durata dell'effetto del farmaco sul feto, compresi gli effetti collaterali, è molto più lunga rispetto al corpo della madre.

Durante lo sviluppo intrauterino del feto, vengono identificati gli intervalli critici. Durante questi periodi di tempo, vi è un aumentato rischio di formazione di difetti e anomalie in risposta all'influenza di fattori nocivi.

Periodi critici di sviluppo prenatale del bambino:
  1. Il periodo precedente l'impianto della blastula nel muro dell'utero (1 settimana di gravidanza). Questo periodo di alto rischio di effetti dannosi delle droghe, che si manifesta con la morte dell'embrione per stabilire il fatto della gravidanza.
  2. Il periodo di sviluppo embrionale (2-4 settimane di gravidanza). In questa fase, i farmaci possono avere un effetto tossico sull'embrione.
  3. Il periodo che precede il parto. I farmaci prescritti a una donna incinta possono influenzare il decorso del travaglio e peggiorare l'adattamento del neonato alle nuove condizioni di vita al di fuori dell'utero.

Il trattamento della bronchite durante la gravidanza con farmaci dovrebbe tenere conto di queste caratteristiche di crescita e sviluppo del feto nell'utero.

Alcune informazioni sull'effetto degli antibiotici sul feto

La tosse dell'espettorato purulento - un segno della transizione di un'infezione virale alla bronchite purulenta, è un'indicazione per la nomina del trattamento antibatterico. Quali antibiotici possono trattare la bronchite nelle donne in gravidanza?

L'uso di grandi dosi di tetraciclina nel 3 ° trimestre di gravidanza può causare la distrofia gialla acuta del fegato fetale. L'uso di piccole dosi di tetracicline nel terzo trimestre di gravidanza provoca la colorazione dei denti del bambino in giallo, il loro sottosviluppo, oltre a rallentare la formazione dello scheletro osseo.

Anche le cefalosporine e penicilline penetrano nella placenta, ma non hanno un effetto tossico. Se sei allergico alle penicilline, la bronchite purulenta in una donna incinta viene trattata con farmaci macrolidi (eritromicina e suoi derivati).

Gli antibiotici - aminoglicosidi (streptomicina, kanamicina, gentamicina) attraversano rapidamente la placenta e possono avere un effetto tossico sul sistema nervoso e sull'organo dell'udito del feto, oltre a disturbare la formazione delle ossa scheletriche.

Non ci sono segnalazioni sull'effetto embriotossico del cloramfenicolo nella letteratura scientifica, ma dopo il suo uso nel 3 ° trimestre di gravidanza, un "collasso grigio" può svilupparsi nel neonato - una forte diminuzione della pressione sanguigna.

Nell'III trimestre di gravidanza, i sulfonamidi a lunga durata d'azione non possono essere utilizzati (Biseptolo, Trimetoprim). Questi farmaci sono strettamente connessi con le proteine ​​plasmatiche, spostando la bilirubina, che causa l'ittero nel neonato. Il cotrimossazolo interrompe il metabolismo dell'acido folico, responsabile della formazione del sangue sia nella madre che nel feto. Il metronidazolo e il biseptolo non vengono utilizzati all'inizio della gravidanza a causa dell'elevato rischio di azione embriotossica.

Quando si usano antidolorifici e farmaci antipiretici nel 3 ° trimestre di gravidanza, possono verificarsi complicazioni nella forma di gravidanza prolungata, sanguinamento nella madre e nel feto, chiusura prematura del dotto arterioso con formazione di ipertensione polmonare nel bambino. Il più spesso, questo effetto è mostrato da indomethacin e voltaren (diclofenac).

Farmaci che curano la bronchite nelle donne in gravidanza

Tutti i farmaci devono essere prescritti dai medici, prima di usare questo o quel farmaco, prima devi prima consultare il tuo medico!

Durante la gravidanza, penicilline, cefalosporine, nuovi macrolidi (josamicina, spiramicina, rovamicina), lincomicina, fuzidina sono prescritti per il trattamento dell'infiammazione suppurativa nei bronchi.

Se è necessario assumere farmaci antipiretici, si consiglia di utilizzare piccole dosi di farmaci per un breve periodo. Il paracetamolo e piccole dosi di acido acetilsalicilico sono considerati relativamente sicuri.

Come farmaci espettoranti, è meglio per le donne in gravidanza usare infusioni di erbe medicinali (eccetto il rosmarino selvatico) e bevande alcaline calde. Se la bronchite procede con la sindrome ostruttiva, allora le soluzioni di ipratropio (atrovent) e salbutamol per inalazione attraverso un nebulizzatore sono consentite per l'uso per eliminare la mancanza di respiro.

Come prevenire la bronchite?

Per non dover trattare la bronchite durante la gravidanza, deve cercare di evitare il contatto con pazienti con infezioni respiratorie acute, usare una barriera protettiva (maschera, spray "Nazaval"), applicare un ciclo di farmaci immunomodulatori (IRS-19) in anticipo. Consultare il proprio ostetrico-ginecologo e terapeuta per la selezione individuale delle misure di protezione contro l'infezione delle infezioni respiratorie acute.

Bronchite durante la gravidanza

Trattamento di gravidanza

Sfortunatamente, la bronchite durante la gravidanza non è così rara - specialmente in bassa stagione, quando la brezza estiva lascia il posto al vento autunnale e bagnare i piedi nelle pozzanghere è più facile che mai.

Il sovraraffreddamento del corpo crea tutte le condizioni per la penetrazione di batteri e virus patogeni nel corpo. Pertanto, la bronchite spesso non è sola, ma con gli stessi sgradevoli compagni - laringite (infiammazione della mucosa della laringe), tracheite (infiammazione della mucosa tracheale) e malattie respiratorie acute. Non c'è dubbio che la bronchite deve essere combattuta. Ma non tutti i trattamenti sono adatti per la futura mamma.

Le donne incinte spesso soffrono di bronchite acuta in primavera e in autunno in caso di clima freddo e umido, quando la resistenza del corpo si riduce e sono presenti prerequisiti per il disturbo della circolazione linfatica e sanguigna nella mucosa bronchiale. La malattia inizia con un raffreddore e una tosse. A poco a poco, la tosse aumenta, diventa doloroso, accompagnato da dolore al petto. La flemma è assente in un primo momento, quindi appare in quantità moderata, mucosa o mucopurulenta, è difficile da separare. La gravidanza non predispone alla malattia della bronchite, ma il gonfiore della mucosa bronchiale inerente al periodo di attesa del bambino rende difficile l'espettorazione.

Potresti essere interessato a:

  • Cosa bere durante la gravidanza

Bronchite: sintomi della malattia

Nei primi giorni della malattia possono verificarsi fluttuazioni della temperatura da 37 a 38 ° C, ma spesso la temperatura rimane normale. Appaiono debolezza e malessere. La malattia dura da 1 a 4 settimane. Durante il corso della gravidanza, la bronchite acuta non ha effetti significativi, ma è possibile l'infezione intrauterina del feto. Avverlo può solo trattamento tempestivo ed efficace della bronchite nella futura mamma. Se il bambino è ancora ferito, è determinato dopo la nascita dalla presenza di malattia vescicolare nel neonato (bolle della pelle), disturbi immunitari e, raramente, polmonite congenita (polmonite).

Trattamento della bronchite durante la gravidanza

Nel trattamento della bronchite acuta sono di grande importanza per alleviare la tosse. Questo, soprattutto, è una bevanda calda e frequente: tè caldo con miele o limone, lamponi, latte con soda o borzhom, tè al lime, succhi di frutta. Bere ammorbidisce il disagio nella gola e dietro lo sterno, facilita l'espettorazione.

Ma questi metodi di trattamento della bronchite di solito non possono essere limitati. C'è bisogno di farmaci espettoranti. Esse diluiscono l'espettorato, facilitano la sua rimozione dal tratto respiratorio, aumentano la formazione di tensioattivo nelle cellule bronchiali. Un tensioattivo è un tensioattivo che forma un film sulla superficie interna delle vescicole polmonari (alveoli) che impedisce loro di collassare quando si espira. Questa sostanza contribuisce alla rimozione dei microbi dagli alveoli e dai piccoli bronchi, mantiene la forma delle vescicole polmonari, prevenendo la violazione della presa d'aria nelle aree interessate del polmone. Tutti i processi patologici nei polmoni portano alla soppressione della produzione di tensioattivo.

espettoranti

I mezzi espettoranti appartengono a due gruppi.

Gli agenti di secrezione sono farmaci che aumentano la separazione dell'espettorato, come terpineidrato, sodio benzonato, termopsi, ammonio cloruro, sodio bicarbonato, oli essenziali (olio di canfora, timo, timo, ecc.), Inalazioni alcaline. Tutti questi strumenti sono utilizzati in qualsiasi fase della gravidanza, sono sicuri per la madre e il feto.

Durante la gravidanza, non è possibile utilizzare i seguenti strumenti: una miscela della radice di ipecac, ioduri di potassio e sodio. La miscela di radice di ipecac non solo aumenta la secrezione di espettorato, ma irrita anche la mucosa gastrica, causando nausea, che è indesiderabile in presenza di tossicosi precoce delle donne in gravidanza. Ioduri di potassio e sodio non sono prescritti alle donne in gravidanza, poiché i preparati di iodio hanno un effetto negativo sul feto.

I farmaci broncosecretolitici (mucolitici) sciolgono il muco e altri componenti dell'espettorato, contribuendo alla sua rimozione. Spesso sono più efficaci delle droghe del primo gruppo. Durante la gravidanza, è possibile utilizzare, ad esempio, mukaltina, Ambroxol, acetilcisteina e chimotripsina. Restrizioni per il trattamento della mucaltina e acetilcisteina non sono, questi farmaci possono essere utilizzati in qualsiasi fase della gravidanza. Ambroxol e chimotripsina sono prescritti a partire dal secondo trimestre di gravidanza. Quando si prendono questi fondi è importante attenersi al dosaggio prescritto dal medico, altrimenti l'effetto sarà insufficiente.

Va tenuto presente che entro il 4 ° giorno della malattia, la produzione di espettorato aumenta anche senza trattamento. Tuttavia, tosse frequente e tediosa con forze di espettorato separatrici difficili da ricorrere ai farmaci.

Per la soppressione della tosse dolorosa, si consiglia la decozione mucosa della radice di Altea. La codeina e la morfina cloridrato (dionina) sono controindicate per le donne incinte, poiché attraversano la placenta e inibiscono il centro respiratorio del feto. Con lo sviluppo di attacchi d'asma (broncospasmo), si può usare l'aminofillina.

Nella maggior parte dei casi, la bronchite acuta può essere eliminata senza l'uso di farmaci antibatterici. Se necessario (in presenza di una tosse forte e prolungata o sintomi pronunciati di intossicazione, inclusa la febbre), vengono prescritti antibiotici. Nel primo trimestre di gravidanza vengono utilizzati i preparati a base di penicillina (penicillina, ampicillina). Dal secondo trimestre di gravidanza, possono essere utilizzati antibiotici del gruppo delle cefalosporine (kefzol, ceporin, cefuroxime), farmaci sulfamidici, ma non a lunga durata d'azione (sulfalene, sulfadimetossina), poiché questi ultimi possono influire negativamente sul sistema nervoso centrale del feto.

Antibiotici come streptomicina, levomicetina (cloramfenicolo) e derivati ​​delle tetracicline sono controindicati durante la gravidanza e dopo il parto, poiché la streptomicina interrompe la funzione dell'equilibrio e dell'udito del feto, la levomicetina inibisce la formazione del sangue nel feto e le tetracicline violano la formazione dei denti da latte.

Dei metodi fisici dei cerotti e delle banche di senape più semplici ed efficaci. Questo tipo di trattamento migliora le difese naturali del corpo, migliora la circolazione del sangue negli organi e nei tessuti vicini, migliora i processi metabolici in essi e accelera il riassorbimento degli eventi infiammatori. Tosse secca causata da irritazione e mal di gola con una malattia fredda, può essere alleviata da inalazione di bere soda, alleviare la tosse spastica con bronchite e asma bronchiale, non causare allergie. L'inalazione può essere effettuata senza la prescrizione del medico.

Prevenzione della bronchite

Il più delle volte, la bronchite acuta è causata dagli stessi virus delle malattie catarrali, motivo per cui si verifica di solito contro il loro background. Lo sviluppo della bronchite acuta contribuisce alla fatica, al forte raffreddamento del corpo e al fumo. La prevenzione della bronchite sono attività che contribuiscono alla prevenzione delle malattie virali respiratorie acute. Si riducono all'indurimento del corpo, agli sport, alle passeggiate regolari, agli esercizi mattutini all'aperto o con una finestra aperta, asciugandosi il corpo con acqua fresca, un'anima fredda a breve termine. Tutto ciò aumenta il tono del corpo e la resistenza alle infezioni. Smettere di fumare è molto importante. Per proteggere il corpo è utile assumere vitamine per le donne incinte.

La malattia raramente dura più di due settimane. Nel caso del trattamento precoce della bronchite acuta, la prognosi è favorevole. La malattia scompare completamente e di solito non è pericolosa per lo sviluppo del feto.

FARMACIA DELLA RETE "I AM HEALTH"

495 732-00-19

  • QUALSIASI FARMACI SU ORDINAZIONE
  • GARANZIA DI QUALITÀ
  • SCONTI

Antibiotici per la bronchite durante la gravidanza

Dosaggio e somministrazione

La selezione per il trattamento della bronchite antibiotica si occupa del medico curante dopo aver condotto un esame approfondito, l'esame del paziente e aver preso conoscenza di tutte le analisi necessarie del paziente.

La bronchite è una malattia comune che colpisce bambini e adulti. Recentemente, la bronchite è abbastanza comune nella forma cronica. Negli adulti, la malattia viene rilevata per vari motivi, in base a determinati fattori. Pertanto, prima di iniziare a curare una malattia, il medico determina le cause della sua insorgenza.
Sfortunatamente, il più delle volte, i medici hanno fretta di prescrivere antibiotici senza un esame approfondito del paziente, e non conoscendo la ragione, credendo che non faranno male. Ma alcune forme di bronchite, al contrario, progrediscono con gli antibiotici.

Cosa bere antibiotici per la bronchite nelle donne in gravidanza?

Ma la bronchite causata da virus, perfettamente guarita senza l'uso di antibiotici, perché i virus non agiscono agenti antibatterici. Durante il trattamento di una malattia virale con antibiotici, l'immunità viene inibita, si osserva una disbatteriosi e compaiono reazioni allergiche. Inoltre, i batteri contribuiscono all'emergere della resistenza ai farmaci.
La forma acuta della bronchite contribuisce allo sviluppo del focus dell'infiammazione, poiché i virus e l'infezione penetrano nei bronchi. Se prima di una persona si ammalava di bronchite, nessun processo patologico si verificava nel suo corpo, quindi nel 95% dei casi la malattia era provocata da virus. In questo caso, non sono richiesti antibiotici.

Le persone con un forte sistema immunitario per il trattamento della bronchite, che ha causato infezioni da stafilococco, streptococco o pneumococco, devono essere trattate con farmaci sintomatici per un paio di settimane. Con l'indebolimento delle difese del corpo che assumono antibiotici è necessario.

Se una persona è malata di bronchite acuta, tosse forte, lamenta dolori al petto, la sua temperatura corporea aumenta. La maggior parte dei pazienti guarisce abbastanza velocemente (non più di due settimane) e talvolta continua a tossire per almeno un mese.

La forma cronica di bronchite passa quando compare durante l'anno più di una volta (quando una persona è malata per più di 90 giorni all'anno). La bronchite cronica è una tosse forte e dolorosa, che produce il muco.

La stessa tosse colpisce persone che lavorano in imprese con condizioni di lavoro dannose, persone che fumano, allergie, così come coloro che hanno contratto il tratto respiratorio superiore. Esacerbazioni e bronchiti ricorrenti sono trattati con farmaci antibatterici ed espettoranti.

Una categoria separata della malattia è la bronchite, la cui origine è la clamidia e il microplasma. Oggi la bronchite, che provoca la clamidia e i batteri del miplasma, è stata diagnosticata più frequentemente. In questo caso, la malattia si sviluppa lentamente, è accompagnata da intossicazione. Il decorso prolungato della bronchite è caratterizzato da recidive ed è difficile da trattare. Un malato è tormentato da una forte tosse, ha la febbre, la sua temperatura corporea sale forte, i suoi muscoli fanno male.

Sta prendendo antibiotici pericolosi durante la bronchite durante la gravidanza?

Una futura mamma dovrebbe essere particolarmente seria riguardo alla salute, perché qualsiasi malattia può causare varie (talvolta piuttosto gravi) complicazioni in un feto. Al primo sospetto di sviluppo di bronchite, la donna incinta dovrebbe immediatamente apparire dal medico.

Estrarre l'espettorato dai polmoni di una donna incinta è molto difficile, perché la mobilità del diaframma, che rimane elevata, è ridotta. Se il bronco ristagna l'espettorato a lungo termine, la malattia dura a lungo. Ed è molto dannoso per la futura madre e il suo bambino.
Il decorso della malattia per un paio di settimane indica una forma acuta di bronchite, ma a volte la malattia viene curata fino a più di un mese - questo indica la transizione della malattia alla forma cronica.

Nella bronchite acuta, non vi sono effetti avversi sullo sviluppo del feto e con una prolungata bronchite cronica può verificarsi un'infezione intrauterina del feto. È per questo motivo che è necessario esaminare con urgenza una donna incinta e, dopo aver confermato la diagnosi con i test, iniziare a curarla prima che la malattia progredisca o diventi cronica.

L'appuntamento di raggi X a donne incinte è indesiderabile, perciò, è possibile solo se il medico curante dubita della correttezza della diagnosi fatta da lui. Con la bronchite, le donne incinte si sentono molto male, ci possono essere varie complicazioni.

Molti medici trattano la bronchite con antibiotici, tuttavia, tali farmaci potenti non sono raccomandati per le donne in gravidanza, questo è particolarmente pericoloso nei primi tre mesi di gravidanza, quando sono esclusi tutti i farmaci.
Di solito, la prescrizione di antibiotici è estremamente rara per le donne incinte - solo quando c'è il rischio di complicazioni gravi. Se è impossibile curare la bronchite senza prendere un antibiotico, i medici prescrivono i preparati di penicillina che sono consentiti per il trattamento delle future mamme.

L'accettazione di penicillina non danneggia il nascituro. Se una donna incinta ha un secondo trimestre, è possibile utilizzare farmaci appartenenti al gruppo delle cefalosporine nel trattamento della bronchite.

È consentito applicare Bioporox in caso di bronchite acuta. Questo farmaco è un antibiotico locale per inalazione. L'azione del farmaco si verifica solo nel tratto respiratorio, che elimina la sua penetrazione attraverso la placenta e non danneggia il nascituro.
Quali antibiotici dovrebbero essere usati per le persone con bronchite?

Per la bronchite, le aminopenicilline sono indicate:

  • Amoxiclav.
  • Amoxicillina.
  • Arleta.
  • Aumentina.

Con l'aiuto di questi antibiotici, i batteri vengono distrutti. I farmaci sono finalizzati a combattere esclusivamente con microrganismi dannosi e quindi non danneggiano il corpo del paziente stesso. Ma i farmaci non sono privi di inconvenienti: le penicilline possono provocare la comparsa di una forte reazione allergica.
L'uso di macrolidi (macropene, sumamed) non consente ai germi di moltiplicarsi, poiché contribuiscono all'interruzione della produzione di proteine ​​cellulari.

Con la somministrazione frequente di fluorochinoloni (ofloxacina, levofloxacina, moxifloxacina), antibiotici, che hanno un ampio spettro d'azione, il tratto gastrointestinale può essere disturbato e può verificarsi la disbacteriosi.
Con l'aiuto di cefalosporine (ceftriaxone, cefazolina, cefalexina), antibiotici ad ampio spettro, è possibile influenzare i microrganismi che sono resistenti ai preparati di penicillina. Questi farmaci sono ben tollerati dai pazienti, solo occasionalmente l'insorgenza di reazioni allergiche.