Quale antibiotico per la BPCO scegliere

La broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) è una malattia complessa delle vie respiratorie che colpisce non solo i bronchi (come nella bronchite ostruttiva), ma anche il tessuto polmonare e i vasi sanguigni. I cambiamenti in corso nella struttura dei tessuti delle vie respiratorie (semplificazione, degenerazione, distruzione) portano ad una significativa diminuzione dell'immunità locale. I pazienti con BPCO sono predisposti a malattie infiammatorie dei bronchi e dei polmoni causate da vari batteri. Durante i periodi di esacerbazione, è indicata la terapia antibiotica. Di fondamentale importanza è la decisione sul rilascio di antibiotici nella BPCO con il minor numero di effetti collaterali.

Il valore degli antibiotici per la BPCO

Nel 50% delle esacerbazioni della malattia polmonare ostruttiva hanno una causa batterica. I principali patogeni:

  • Bacchetta emofilica;
  • Streptococcus pneumoniae;
  • Moraxella.

Questi batteri vivono nel tratto respiratorio superiore, sulle mucose della bocca e del naso nell'80% delle persone. Con l'immunità normale, un simile quartiere non è pericoloso. Tuttavia, a causa del suo declino, i batteri vengono attivati ​​e provocano una sorta di infiammazione.

Nei pazienti con BPCO, la resistenza delle vie respiratorie è ridotta. L'ipotermia normale è sufficiente per garantire che il processo cronico vada in una fase di aggravamento.
Usando antibiotici senza prescrizione medica, va ricordato che l'infiammazione della BPCO può essere causata, oltre ai batteri, da virus (30%) e da cause non infettive (20%). Nel primo caso è necessaria la terapia antivirale. Nel secondo - l'esclusione del fumo, prendendo alcuni farmaci. Tuttavia, i virus e tutte le altre cause portano comunque a una diminuzione dell'immunità locale delle vie respiratorie e all'attivazione di agenti patogeni batterici. Di conseguenza, in un momento o nell'altro, sarà necessaria una terapia antibatterica. Ecco perché gli antibiotici sono i principali farmaci per le esacerbazioni acute della BPCO.

Indicazioni per la nomina di antibiotici

Sintomi classici di esacerbazione dell'ostruzione cronica dei polmoni:

  • Aumento della dispnea;
  • espettorato aumentato;
  • un aumento della componente purulenta dell'espettorato.

La terapia antibiotica è indicata in presenza di 2 segni allo stesso tempo, così come per eventuali riacutizzazioni che richiedono ventilazione meccanica.

Tipi di antibiotici per BPCO

Gruppi di antibiotici e farmaci usati per l'infiammazione, sono mostrati nella Tabella 1.

Tabella 1. Gruppi farmacologici di antibiotici e farmaci corrispondenti utilizzati nelle esacerbazioni acute della BPCO.

Antibiotici per polmonite, bronchite e broncopolmonite

I dottori sono sbalorditi! FLU E PROTEZIONE!

È necessario solo prima di coricarsi.

Gli antibiotici per la bronchite e la polmonite, così come la broncopolmonite rimangono il trattamento più efficace se la natura della malattia è batterica. Tuttavia, la chiave per un trattamento efficace senza danni inutili all'organismo è la scelta del farmaco giusto, il più adatto per il paziente e la malattia.

Per determinare il tipo di agente patogeno e la sua sensibilità ai farmaci, di norma vengono eseguiti esami generali del sangue e delle urine, nonché l'esame dell'espettorato (batterioscopia e coltura).

Quando si sceglie un farmaco, è necessario prendere in considerazione controindicazioni, tossicità farmacologica, idiosincrasia, spettro d'azione, efficacia. Nella broncopolmonite è importante anche il tasso di accumulo della dose necessaria nelle lesioni.

Contro la bronchite

Va ricordato che la forma acuta della bronchite è spesso causata non solo da un'infezione batterica, ma anche da virus. In questo caso, viene applicato un trattamento antivirale e gli agenti antibatterici causano solo danni.

"Amoxicillina" tratta l'infiammazione delle mucose dei bronchi

Il trattamento con antibiotici bronchi infiammazione del tessuto mucoso eseguita seguenti farmaci - "amoxicillina", "clavulanato" "Levofloxacina", "Moxifloxacina" "Ciprofloxacina", "Eritromicina". farmaci di scelta - "doxiciclina", "Claritromicina", "Azitromicina".

Di regola, i bambini con bronchite, se possibile, cercano di non usare antibiotici a causa dei loro effetti collaterali. Se non ci sono farmaci antibatterici non possono fare, è prescritto da un medico, l'ultima generazione di farmaci con la più mite - "Erespal", "Ceftazidime".

Con il trattamento della forma cronica della malattia, i farmaci con un antibiotico non possono essere evitati. Applicare penicilline polisintetiche ( "Ampioks"), cefalosporine ( "cefotaxime"), aminoglicosidi ( "amikacina", "Gentamicina"), i macrolidi ( "oleandomicina", "Eritromicina"), tetracicline azione prolungata ( "doxiciclina", "metaciclina").

Con polmonite

Il trattamento della polmonite comprende necessariamente l'uso di farmaci antibatterici, così come la loro combinazione. Usato "Amoxicillina", "acido clavulanico", "ampicillina", "aksetil", "penicillina", "Doksitsillin", "levofloxacina" macrolidi "Sulbactam" "Ceftriaxone", "cefotaxime", "Cefuroxime."

Nei casi più gravi, i farmaci sono combinati e possono anche essere somministrati per iniezione.

Contro la broncopolmonite

Bronchopneumonia (polmonite focale) - infiammazione di alcune piccole aree del polmone. Poiché la malattia è multivariata, la natura del trattamento può anche essere diversa.

In caso di broncopolmonite, i patogeni della malattia possono anche essere non solo batteri, ma virus e funghi. Pertanto, è importante condurre uno studio qualitativo per determinare il trattamento più efficace.

Terapia senza ricovero broncopolmonite usa "fluorochinoloni", "aminopenicillini" "Claritromicina", "doxiciclina" (a media e leggera forma della malattia), "azitromicina", "ceftriaxone", "Cefotaxime" (se grave).

Il trattamento in un ospedale implica l'uso di antibiotici di prima linea - "Ceftazidime" "Cefepime", "Amoxicillina", "penicillina". farmaci alternativi (in caso di ipersensibilità) - "ticarcillina" "ciprofloxacina", "cefotaxime". Inoltre, su prescrizione medica, può essere utilizzata una combinazione di diversi farmaci.

Quando inefficienza (polmonite grave, combinato patogeno) vengono utilizzati farmaci di seconda linea - meropenem '' ticarcillina '' fluorochinoloni".

Nomi e dosaggi di antibiotici per il tratto respiratorio superiore

Le infezioni del tratto respiratorio superiore sono un gruppo di malattie del tratto respiratorio che colpiscono le cavità paranasali e le mucose nasali, il nasofaringe e la laringe. Per un processo infiammatorio acuto, indipendentemente dal luogo, sarà caratterizzato: la comparsa di intossicazione generale (debolezza, perdita di appetito, dolore muscolare) e un aumento della temperatura corporea.

I sintomi specifici principali dipendono dal livello della lesione e dalla natura dell'agente patogeno. Con il coinvolgimento nel processo infettivo delle basse vie respiratorie si unisce alla clinica: laringiti, tracheiti, bronchiti e polmoniti.

Malattie leggere e non complicate di eziologia virale sono soggette a:

  • terapia antivirale (efficace solo nei primi tre giorni dall'inizio della malattia);
  • trattamento sintomatico (ricevimento di agenti antipiretici e desensibilizzanti, eliminazione di sintomi di ubriachezza generale, uso di multivitaminici con un contenuto aumentato di acido ascorbico, antitosse e gocce nasali vasocostrittori).

tonsillite

L'angina è una malattia infettiva, solitamente associata a streptococchi o pneumococchi di gruppo A, accompagnata da sintomi di intossicazione generale, febbre alta, linfonodi sottomandibolari e cervicali ingrossati, mal di gola e versamento purulento nelle lacune o nei follicoli.

Il meccanismo di trasmissione è in volo. Periodo di incubazione: da alcune ore a diversi giorni.

In generale, gli esami del sangue sono caratterizzati da: ESR accelerata, leucocitosi alta e neutrofilia.

Utilizzare il metodo per determinare il titolo di antistreptolysin - O.

In un tampone della faringe staphylo, streptococco o pneumococchi vengono seminati su microflora.

Penicilline protette, macrolidi e cefalosporine sono prescritti come terapia etiotropica.

Per il trattamento dell'orofaringe utilizzare l'irrigazione Hexoral, clorexidina, benzidamina (Tandum Verde).

Quando la temperatura corporea supera i 38,0 ºC, si raccomandano ibuprofene e nimesulide.

Un passo importante nel trattamento della tonsillite è la prevenzione delle complicanze secondarie. Per questi scopi, dopo la fine del trattamento, si somministra iniezione intramuscolare:

  1. Bitsillin-3: somministrato una volta alla settimana, durante il mese:
    - pazienti in età prescolare e con un peso corporeo inferiore a 25 kg - 600 mila unità ciascuno;
    - per gli scolari e i bambini di peso superiore a 25 kg - 1,2 milioni di euro ciascuno;
    - per gli adulti - 1,5 milioni di unità.
  2. Bitsillin-5: (1,5 milioni di UI una volta).

sinusite

La malattia si verifica con danni alla mucosa e allo strato sottomucoso dei seni paranasali, nei casi gravi il processo infiammatorio interessa il periostio e le pareti ossee dei seni.

Clinicamente distinto:

- la respirazione nasale è difficile o impossibile;
- non c'è odore;
Le complicanze intracraniche e intraoculari sono più comuni di altre sinusiti.

Etmoidite e sfenoidite sono raramente isolate, spesso combinate con sinusite o sinusite frontale.

Cause della sconfitta dei seni paranasali:

  • eziologia da naso di stafilococco, pneumococco o streptococco, possibile natura virale dell'infiammazione (influenza, parainfluenza, adenovirus);
  • patologia dentale, denti cariati, cisti suppurative, periostite;
  • adenoidi;
  • lesioni, curvatura post-traumatica del setto;
  • rinite allergica frequente e non trattata;
  • immunità ridotta;
  • polipi, corpi estranei.

Principi di base della terapia sinusite

Un antibiotico per infezioni del tratto respiratorio superiore di eziologia batterica è la base del trattamento.

Per il corso di 7-10 giorni, viene data preferenza ai farmaci a base di penicillina e cefalosporina, macrolidi. Con un decorso intenso e la presenza di complicanze, vengono utilizzati fluorochinoloni e carbapenemi.

Parallelamente alla terapia antibiotica sistemica, vengono prescritte gocce vasocostrittrici nasali (Nazivin, Afrin), antistaminici (Telfast, Loratadina), gocce e aerosol con antibiotici (Bioparox, Polydex, Isofra) e muco assottigliato (Sinuforte). Uso efficace di grandi dosi di acido ascorbico.

A temperature elevate, febbre e forti dolori, è consigliabile prescrivere farmaci anti-infiammatori non steroidei (Nise, Nimesulide, Diclofenac sodico).

In caso di sinusite odontogena, si raccomanda l'eliminazione immediata della fonte di infezione.

Per ridurre il dolore alla gola, con sintomi di adesione di faringite e tonsillite, applicare antibatterica e antinfiammatoria irrigazione spray gola (Ingalipt, Bioparox, Tantum Verde), tavolette, lecca-lecca, per ridurre l'irritazione della mucosa e la riduzione del dolore (Isla, Faringosept, Septefril, Lizobakt ).

Antibiotici per la gola e le vie respiratorie superiori

carbapenemi

Hanno un ampio spettro di azione e un'elevata attività antimicrobica contro anaerobi, flora gram-positiva e gram-negativa. Agiscono su batteri resistenti a cefalosporine di terza e quarta generazione, penicilline protette e fluorochinoloni.

Isolato dal antipsevdomonadnoy carbapenemi attività (Imipenem, meropenem, Doripenem) e senza antipsevdomonadnoy attività (Ertapenem, Faropenem).

Caratteristiche dell'applicazione:

Applicare solo per la somministrazione parenterale. Ben distribuito e crea alte concentrazioni terapeutiche nei tessuti, penetrando la barriera emato-encefalica. Efficace nel caso di unire complicanze intracraniche (infiammazione delle meningi).

L'eccezione è l'imipenema, hanno successo nelle complicanze intraoculari, ma non sono usati per trattare la meningite. A differenza di altri carbapenemi, possono essere prescritti dal periodo neonatale. Meropenem ed Ertapenem non vengono utilizzati per un massimo di tre mesi di vita. Doripenem - vietato fino a 18 anni.

Effetti collaterali
  • con l'uso prolungato, vi è la possibilità di sviluppare la diarrea associata agli antibiotici;
  • rischio di convulsioni a causa di neurotossicità;
  • ematotossicità, con soppressione del germe piastrinico e aumentato rischio di sanguinamento (meropenem);
  • accompagnato da disbiosi intestinale, candidosi della bocca e della vagina, vaginite batterica (anche con un uso breve);
  • con la rapida introduzione aumenta il rischio di flebiti;
  • nelle persone anziane può esserci una compromissione della funzionalità epatica e un aumento degli enzimi epatici nelle analisi biochimiche.

Thienam non è prescritto a pazienti con insufficienza renale.

Ertapenem può produrre eosinofilia e trombocitosi in un esame del sangue generale.

Per carbapenemi sono tipiche reazioni di cross-allergiche ai beta-lattamici, per cui è vietato l'uso in pazienti intolleranti di penicilline e cefalosporine nella storia.

L'uso durante la gravidanza è consentito solo nei casi in cui i benefici dell'uso superano il possibile rischio. Quando si prescrive di allattare le donne, si raccomanda di sospendere l'allattamento al seno.

Il trattamento viene effettuato rigorosamente sotto la supervisione di un medico e gli indicatori di controllo degli esami del sangue generali e biochimici!

I regimi di combinazione beta-lattamici sono proibiti.

Dosaggio e frequenza di somministrazione

Con un lungo corso del processo infiammatorio nei seni paranasali e in condizioni di ridotta immunità, la generalizzazione del processo di infezione è possibile, con danni ad altri organi e sistemi. Le complicanze più comuni sono la bronchite e la polmonite.

Altre complicanze della sinusite:

Nomi antibiotici per le vie respiratorie superiori e inferiori

    1. Penicillina: amoxicillina (Flemoxin), una combinazione di amoxicillina-clavulanato (Augmentin, Panklav);
    2. Macrolidi: Sumamed, Azithromycin, Klacid;
    3. Cefalosporine: Sorcef, Cefoperazone, Cefotaxime, Ceftriaxone, Cefoperazone / Sulbactam.

Gli antibiotici per le prime vie respiratorie di ultima generazione per i bambini possono essere prescritti a partire dai due mesi di età.

  • fluorochinoloni (Tarivid, Ofloksin, Tsiprobay, Tsiprinol, Aveloks);
  • carbapenemi (Thienam, Invans).

Bronchite acuta

Infiammazione acuta nei bronchi che dura fino a un mese, con frequenti colpi di tosse, aumento della secrezione, separazione dell'espettorato, violazione delle condizioni generali. In caso di bronchiolite, si unisce dispnea.

La diagnosi si basa sui sintomi clinici e le eccezioni: vari polmonite, tubercolosi, malattia polmonare ostruttiva cronica, corpo estraneo, neoplasie e metastasi.

Sul roentgenogram, le modifiche sono assenti o visualizzate:

  • espansione dell'ombra delle radici dei polmoni;
  • aumento del pattern polmonare dovuto all'edema peribronchiale.

Gli esami del sangue possono rilevare: stab neutrofilia e una leggera accelerazione del tasso di sedimentazione degli eritrociti, la comparsa di proteina C-reattiva.

La terapia antibatterica è indicata in caso di segni della natura batterica della bronchite:

  • la durata della malattia è di dieci giorni, con la progressione dei sintomi cinici e il rilascio di espettorato denso, viscoso, in alcuni casi, purulento;
  • sospetto di infezione da clamidia e micoplasma;
  • aggiunta di sintomi di pertosse (tosse spastica, accompagnata da stridore inspiratorio, ripresa, che termina con un attacco di vomito, peggio di notte).


La scelta del farmaco si basa su patogeni di natura batterica. Per la terapia empirica è necessario utilizzare macrolidi e fluorochinoloni respiratori (terza generazione: Levofloxacina, Sparfloxacina).

Con un tipo consolidato di agente patogeno e la sua sensibilità, viene utilizzato il trattamento patogenetico:

Trattamento generale

L'uso di farmaci antivirali (Rimantadina, Arbidol) è consigliabile solo nei primi tre giorni della malattia, inoltre, questi farmaci non sono efficaci. La terapia è prescritta per un periodo di cinque giorni.

I pazienti nel periodo acuto consigliavano riposo a letto, un sacco di drink. È importante isolare il paziente da pazienti freschi. Il ricovero è indicato per i bambini più piccoli, con la minaccia di ostruzione e sintomi di insufficienza respiratoria. Adulti, in caso di bronchite, sullo sfondo di grave influenza.

  1. Ad alte temperature e dolori muscolari e articolari, è consigliabile utilizzare farmaci anti-infiammatori non steroidei (Neise, Nimesulide).
  2. Uso efficace di antistaminici per ridurre le manifestazioni essudative (diazolina, loratadina).
  3. Per la tosse secca viene utilizzato l'Omnitus. Con l'abbondante espettorato di escrezione si prescrive ambroxolo.
  4. Nei bambini, lo sviluppo di ostruttiva Ascoril componente utilizzato (comprende due mucolitico e salbutamolo, aiuta ad eliminare broncocostrizione e facilita l'espettorazione).
  5. A proposito di broncospasmo pronunciato e sintomi di ostruzione, viene prescritta l'inalazione con ventolina.
  6. Per accelerare il processo di recupero dei complessi multivitaminici raccomandati.

polmonite

malattia Polietiologic, preferibilmente di origine batterica, ostrovospalitelnym caratterizzato lesione polmonare reparto respiratorio, e la presenza obbligatoria del componente essudativa entro gli alveoli.

I cambiamenti infiltrativi nel tessuto polmonare sono visualizzati mediante esame a raggi X degli organi del torace.

Differenze da altre malattie delle vie respiratorie:

  • esordio acuto, febbre alta, gravità dei sintomi di intossicazione generale;
  • esame del sangue: leucocitosi, velocità di sedimentazione accelerata degli eritrociti;
  • accorciamento del suono della percussione durante l'esame fisico;
  • all'auscultazione, la massa del soffio leggero e medio, il crepitare dei reni (può essere assente all'inizio della malattia);
  • l'aggiunta di insufficienza respiratoria, pallore, cianosi del triangolo naso-labiale, aumento della frequenza respiratoria;
  • cambiamenti infiltrativi caratteristici sulla radiografia.

Principi della terapia antibiotica per la polmonite

Gli antibiotici per la polmonite costituiscono la base della terapia. Ma nonostante l'ampia gamma di antimicrobici, ogni anno si registra un aumento dell'incidenza della polmonite, il numero di esiti avversi della malattia aumenta. Ciò rende urgente il problema della selezione degli antibiotici per le infezioni batteriche del tratto respiratorio superiore e inferiore.

Prescrizione di antibiotici primari

Il trattamento antibiotico per la polmonite deve essere iniziato il più presto possibile. Questo riduce significativamente il rischio di complicanze. Di regola, il medico prescrive la preparazione iniziale senza dati batteriologici. Quando si sceglie quale antibiotico è meglio utilizzato per le infezioni delle vie respiratorie inferiori, il medico si basa su queste linee guida:

  • gravità della polmonite;
  • esame clinico e dati radiografici;
  • malattie associate;
  • situazione epidemiologica.

Prima della prima introduzione dell'antibiotico, al paziente viene somministrato un test allergico. Una goccia di preparazione antimicrobica viene applicata sulla superficie dell'avambraccio, pretrattata con alcol. Aghi sterili per graffi superficiali corti. Se rossore, gonfiore e prurito si verificano nel sito di graffi in mezz'ora, la preparazione non è adatta.

Corso facile della malattia

Il trattamento di pazienti adulti con polmonite lieve viene eseguito su base ambulatoriale, i farmaci sono prescritti in compresse. Prendono in considerazione quali agenti antibatterici la persona ha bevuto per tre mesi prima della malattia. Se non sono stati presi antibiotici, sono prescritti preparati di aminopenicillina, in particolare amoxicillina (Flemoxin Soluteb). I farmaci non vengono distrutti nell'ambiente acido del succo gastrico, vengono rapidamente assorbiti dall'intestino e distribuiti uniformemente nel corpo.

Un antibiotico distrugge la parete cellulare dei microbi e li dissolve.

Negli adolescenti e negli adulti, si verificano spesso infezioni del tratto respiratorio inferiore con patogeni atipici (clamidia, micoplasmi). La polmonite atipica ha sintomi obliterati: ci sono solo piccoli cambiamenti nell'immagine a raggi X e nell'analisi del sangue. In questo caso, il trattamento iniziale viene effettuato con preparati macrolidici, come azitromicina e claritromicina. I macrolidi penetrano bene nei tessuti e nelle cellule, effetto dannoso sui microrganismi atipici. I farmaci sono abbastanza sicuri, hanno pochi effetti collaterali, possono essere trattati da adulti e bambini.

Terapia per la malattia concomitante

Se, durante un'indagine paziente, è stato rivelato che era stato recentemente ammalato e stava assumendo agenti antibatterici, allora la polmonite è meglio trattata con penicilline con acido clavunalico:

L'acido protegge l'antibiotico dall'azione distruttiva degli enzimi da pneumococco. Per una maggiore efficacia, le penicilline protette possono essere combinate con macrolidi.

Quando la condizione dei pazienti adulti è complicata da patologia di fondo, ad esempio, insufficienza cardiaca, diabete, malattie del fegato, l'uso di fluorochinoloni, chiamato respiratorio, è accettabile:

  • levofloxacina;
  • gemifloxacina;
  • moxifloxacina.

Il trattamento con macrolidi e fluorochinoloni negli adulti può essere effettuato in modo graduale. Al primo stadio della terapia, gli antibiotici vengono somministrati sotto forma di iniezioni e, dopo la stabilizzazione del benessere, è possibile assumere lo stesso farmaco, ma sotto forma di compresse. Questo metodo è più facilmente tollerato, riduce il tempo trascorso in ospedale e il costo del trattamento.

I pazienti con insufficienza renale non sono raccomandati a prendere carbapenemi e aminoglicosidi, che hanno un effetto tossico sui reni. Pertanto, la scelta viene interrotta su ciprofloxacina e cefoperazone. In caso di insufficienza cardiaca e obesità, le sostanze medicinali circolano a lungo nel sangue, aumenta la probabilità di effetti collaterali, quindi viene data preferenza agli antibiotici con un breve periodo di liquidazione.

Grave polmonite

Nei casi gravi di infezione nel tratto respiratorio inferiore, il medico prescrive il trattamento con cefalosporine di terza generazione, che non hanno attività contro il bastone piocianico. La somministrazione endovenosa di ceftriaxone e cefoxime viene talvolta utilizzata in combinazione con macrolidi.

Negli adulti con un sistema immunitario indebolito, dopo una terapia ormonale a lungo termine, può svilupparsi una polmonite acquisita in ospedale, causata da Pseudomonas aeruginosa. In questo caso, è più efficace trattare un'infezione delle vie respiratorie con farmaci che hanno un effetto antiparassitario: ciprofloxacina o piperacillina.

È altamente indesiderabile utilizzare antibiotici di riserva antibiotici di riserva come farmaco iniziale.
I mezzi sono utilizzati esclusivamente in ospedale per indicazioni severe:

  • grimipenem;
  • sparfloxacina;
  • Timentin;
  • vancomicina;
  • meropenem;
  • ceftazidima.

Test di laboratorio

Con l'aiuto della ricerca batteriologica, è possibile stabilire quali farmaci saranno più adatti al paziente. Per l'analisi, utilizzare l'espettorato, separato dalla tosse. Il paziente deve pre-risciacquare la cavità orale con acqua bollita in modo che nessun campione proveniente dal tratto respiratorio superiore entri nel campione. Materiale patologico viene seminato su terreni nutritivi e monitora la crescita delle colonie microbiche.

Le colonie più sospette vengono sottoposte a sottocolture su substrati separati e impongono dischi di carta inumiditi con una soluzione antibiotica. La mancanza di crescita delle colonie microbiche attorno al disco indica l'efficacia del farmaco. Esistono diverse varianti del metodo, ma hanno tutti un inconveniente: la durata dello studio. I primi risultati possono essere ottenuti solo in 4-6 giorni.

Regole antibiotiche

È possibile valutare l'efficacia del farmaco antibatterico per 3-4 giorni dall'inizio del trattamento. A questo punto, la temperatura corporea dovrebbe essere normalizzata, le manifestazioni di intossicazione dovrebbero diminuire. Non puoi continuare a prendere il farmaco se i sintomi della malattia stanno progredendo, compaiono nuove lesioni nei polmoni. Questa situazione richiede un cambio di antibiotico.

Durata del trattamento

Il trattamento antibiotico deve essere continuato per altri 3-5 giorni dopo una costante diminuzione della temperatura. Nei casi lievi, il corso generale della terapia è di circa 7-10 giorni. Nella polmonite atipica, il trattamento dei pazienti adulti dura da 2 a 3 settimane. Il decorso della malattia richiede una terapia prolungata per almeno 20 giorni.

Dopo l'abolizione degli antibiotici, il tessuto polmonare non ritorna immediatamente alla normalità. Qualche volta il focolaio visibile di gonfiore sulla radiografia, udì un respiro sibilante nei polmoni.

Gli effetti residui sono trattati con antinfiammatorio e tonico, non usano più i farmaci antibatterici. Il trattamento antibiotico prolungato può portare all'attivazione della microflora del tratto respiratorio superiore, aumentando gli effetti tossici del farmaco.

auto-trattamento

È impossibile modificare il dosaggio e la frequenza di assunzione dei farmaci senza consultare un medico. È pericoloso prescrivere antibiotici per l'infiammazione dei polmoni. Sfortunatamente, la saturazione del mercato farmacologico con farmaci antimicrobici e vendita da banco da parte delle loro farmacie crea tutti i prerequisiti per l'auto-trattamento.

Spesso le persone usano antibiotici per le infezioni virali del tratto respiratorio superiore. Tuttavia, i virus sono insensibili all'azione degli agenti antimicrobici e le dosi di farmaci creano un onere aggiuntivo per il corpo. La questione dell'opportunità di prescrivere un antibiotico dovrebbe essere decisa esclusivamente da un medico.

Antibiotici per la polmonite negli adulti: nome

✓ Articolo verificato da un medico

La polmonite, o polmonite, è una malattia grave e molto pericolosa. L'infiammazione del tessuto polmonare porta a compromissione del metabolismo dell'ossigeno nei tessuti del corpo e la malattia nella sua forma avanzata può portare a sepsi e altre condizioni potenzialmente letali. Poiché la polmonite è causata da microrganismi patogeni, gli agenti che agiscono direttamente sull'agente causativo della malattia vengono solitamente utilizzati per combatterlo. Gli antibiotici sono una parte molto importante del trattamento della polmonite, e l'efficacia del trattamento e le condizioni del paziente in futuro dipendono dalla scelta corretta dei farmaci.

Antibiotici per la polmonite negli adulti: nome

Come scegliere un antibiotico?

I sintomi principali della polmonite sono febbre, tosse con espettorato di espettorato giallo o marrone, mancanza di respiro e malessere generale. Il medico ascolta i polmoni del paziente e, se si sospetta un processo infiammatorio, lo indirizza a una radiografia e a test appropriati. A seconda dei risultati e delle caratteristiche del corpo del paziente, viene prescritta la terapia. Come primo soccorso, gli antibiotici sono prescritti empiricamente (i cosiddetti farmaci di prima linea), quindi il paziente deve passare attraverso tutti gli studi il più presto possibile, in particolare, superare un esame espettorato che determinerà l'agente eziologico della malattia.

In circa il 60% dei casi, la polmonite è causata da microrganismi chiamati pneumococchi, ma in aggiunta, i seguenti agenti possono scatenare la malattia:

  • streptococchi;
  • stafilococchi;
  • bacillo di hemophilus;
  • clamidia;
  • micoplasma;
  • Legionella;
  • enterobatteri;
  • Klebsiella;
  • escherichia;
  • funghi del genere Candida.

Cos'è la polmonite

Ognuno dei suddetti tipi di batteri ha una sensibilità verso una sostanza specifica, cioè, per la massima efficacia della terapia, è molto importante determinare la causa alla radice della malattia. In media, il trattamento dura da 7 a 10 giorni, a seconda dell'età e delle condizioni della persona, così come le caratteristiche del decorso della malattia. L'assunzione di antibiotici in modo indipendente è severamente sconsigliata, in quanto non solo non danno l'effetto desiderato, ma possono causare gravi danni all'organismo.

Regole di base per la prescrizione di antibiotici

Come con qualsiasi altro farmaco, la terapia antibiotica deve essere eseguita in conformità con una serie di regole.

  1. Nella polmonite viene solitamente utilizzata una combinazione di diversi farmaci (2-3 articoli).
  2. Gli antibiotici di prima linea, cioè quelli che sono stati prescritti prima di identificare l'agente eziologico della malattia, devono essere assunti regolarmente per mantenere il dosaggio appropriato del principio attivo nel sangue.
  3. Dopo aver condotto la ricerca necessaria dovrebbe iniziare a prendere l'ultima generazione di farmaci.
  4. Con sintomi di polmonite atipica causata da clamidia, legionella, micoplasmi, ecc. È necessario usare medicine antibatteriche.
  5. Una grave polmonite, oltre alla terapia farmacologica, richiede inalazioni di ossigeno e altre attività simili.
  6. Gli antibiotici per l'infiammazione dei polmoni sono generalmente somministrati ai pazienti per via intramuscolare o orale (la maggior parte dei farmaci della nuova generazione sono disponibili sotto forma di compresse), e per le forme complesse della malattia e per ottenere un effetto rapido, i farmaci possono essere somministrati per via endovenosa.

Statistiche di polmonite

In polmonite, l'uso di rimedi popolari è possibile, ma non si dovrebbe rifiutare la medicina tradizionale. Inoltre, è necessario monitorare rigorosamente le condizioni del paziente e monitorare le possibili reazioni allergiche.

Quali antibiotici sono usati per la polmonite?

Oggi, per il trattamento della polmonite, non vengono utilizzate penicilline semplici e altri preparati simili, poiché ci sono preparazioni più efficaci e sicure dell'ultima generazione. Hanno un ampio spettro di azione, un piccolo numero di controindicazioni, possono essere utilizzati in piccole dosi e non hanno quasi alcun effetto tossico su fegato, reni e altri organi.

Quando si prescrivono antibiotici per il trattamento della polmonite, è molto importante prestare attenzione alla compatibilità di farmaci specifici. Non è consigliato assumere farmaci dello stesso gruppo contemporaneamente, e anche combinare alcuni farmaci ("Neomicina" con "Monomitsin" e "Streptomicina", ecc.).

Come prendere gli antibiotici?

Come accennato in precedenza, gli antibiotici sono potenti farmaci e pertanto richiedono la conformità a determinate condizioni di somministrazione.

  1. Seguire le istruzioni e le raccomandazioni del medico. Alcuni antibiotici sono più efficaci se assunti con i pasti, altri devono essere bevuti prima o dopo i pasti.
  2. Mantenere intervalli uguali tra le dosi. È necessario assumere farmaci alla stessa ora del giorno a intervalli regolari.
  3. Osservare il dosaggio raccomandato. Il dosaggio durante l'assunzione di antibiotici deve essere osservato molto rigorosamente, poiché l'eccesso può portare a gravi effetti collaterali e una diminuzione della formazione di ceppi di microrganismi resistenti ai farmaci.
  4. Non interrompere il corso del trattamento. Affinché la terapia dia l'effetto desiderato, è necessaria una certa concentrazione del principio attivo nel sangue del paziente. Ecco perché l'assunzione di antibiotici dovrebbe essere esattamente come prescritto dal medico. Non è possibile interrompere un corso anche dopo lo scarico.
  5. Per lavare le compresse solo con acqua pulita. Si raccomanda di bere qualsiasi antibiotico con acqua eccezionalmente pulita e non gassata. Tè, caffè, latte o prodotti caseari non possono essere utilizzati per questi scopi.
  6. Prendi i probiotici. Poiché gli antibiotici distruggono non solo batteri patogeni, ma anche benefici. Al fine di evitare problemi con il tratto gastrointestinale, mentre si assumono tali farmaci, si consiglia di bere i probiotici (Linex, Narine, ecc.), Che ripristinano la microflora intestinale naturale.

Tutte le regole sopra riportate non solo contribuiscono al rapido recupero, ma riducono anche gli effetti collaterali dell'assunzione di antibiotici e dei loro effetti tossici sul corpo.

Come iniettare antibiotici?

Le infusioni intramuscolari sono considerate un metodo terapeutico più efficace rispetto alla somministrazione orale, poiché in questo caso i farmaci vengono assorbiti più rapidamente nel sangue e iniziano ad agire. Le iniezioni di antibiotici possono essere fatte a casa, ma è molto importante rispettare alcune norme e standard.

  1. Le forme di dosaggio che vengono vendute sotto forma di polvere devono essere diluite immediatamente prima dell'iniezione. Per fare questo, usare acqua sterile per iniezione e talvolta lidocaina o novocaina per ridurre il dolore (in assenza di reazioni allergiche a questi farmaci).
  2. Prima di fare un'iniezione di un antibiotico, è necessario eseguire un test cutaneo. Sul lato interno della superficie dell'avambraccio, fare un piccolo graffio con un ago sterile e applicare la soluzione finita del preparato su di esso. Attendere 15 minuti e osservare la reazione del corpo - se c'è rossore e prurito nella zona del graffio, il farmaco non può essere iniettato. In questo caso, dovrebbe essere sostituito con un altro farmaco. Se questa condizione non viene soddisfatta, il paziente può avere uno shock anafilattico.
  3. Per ogni iniezione viene utilizzata una siringa sterile e, quando il medicinale viene iniettato, è necessario seguire le regole del trattamento antisettico del sito di iniezione.
  4. Dopo l'introduzione di antibiotici, spesso rimangono nei tessuti dolorose infiltrati. Per evitare questo spiacevole fenomeno, è necessario inserire l'ago rigorosamente perpendicolare e nel sito di iniezione per disegnare la griglia di iodio.

Dove mettere il gluteo

Se il medico prescrive antibiotici per via endovenosa al paziente, è meglio invitare una persona con un'educazione medica per eseguire la procedura, in quanto è fortemente sconsigliato collocare contagocce senza un'adeguata conoscenza.

Altri farmaci per il trattamento della polmonite

Poiché il trattamento della polmonite dovrebbe essere complesso, oltre agli antibiotici, comporta l'assunzione di altri farmaci, in particolare di agenti antivirali e mucolitici.

  1. Se la polmonite è di origine virale, devono essere presi appropriati farmaci antivirali. Questi includono "Acyclovir", "Arbidol", "Valaciclovir", ecc.

Farmaco antivirale aciclovir

Forma rilascio droga Spiriva

A seconda delle caratteristiche del decorso e della gravità della malattia, i farmaci per alleviare la febbre e contro la rinite, gli immunomodulatori e gli anestetici per eliminare il mal di testa e i dolori muscolari possono essere inclusi nel corso terapeutico.

Raccomandazioni generali per i pazienti

Nel trattamento della polmonite, i pazienti devono aderire al riposo a letto, usare molti liquidi e seguire una dieta (minestre leggere, verdure, frutta, latticini). In assenza di alte temperature, puoi fare esercizi di respirazione, massaggiare il torace e la schiena - questo faciliterà la diluizione e lo scarico dell'espettorato. Per prevenire la moltiplicazione di microrganismi dannosi, la pulizia con acqua deve essere effettuata regolarmente nella stanza in cui si trova il paziente. L'umidità nella stanza (specialmente nel periodo acuto della malattia) dovrebbe essere del 50-60%. Poiché la polmonite è spesso associata a una diminuzione dell'immunità e la terapia antibiotica può anche avere un effetto negativo sul sistema immunitario del paziente, il trattamento deve essere combinato con l'assunzione di complessi vitaminici.

Video - Trattamento della polmonite a casa

Quando è meglio andare in ospedale?

La maggior parte dei pazienti con diagnosi di polmonite preferiscono essere trattati in regime ambulatoriale, cioè a casa. Questo può essere fatto nei casi in cui il paziente ha meno di 60 anni, non ha patologie associate (diabete, insufficienza cardiaca, ecc.) E il decorso della malattia non è complicato. Se il paziente ha più di 60 anni, ha malattie che possono complicare le sue condizioni, o se ci sono indicazioni sociali (questa categoria include persone con disabilità, persone singole e persone che vivono in condizioni difficili), è meglio essere d'accordo con la proposta di andare in ospedale.

Con la giusta scelta di antibiotici e la stretta aderenza alle raccomandazioni del medico, anche le forme complesse di polmonite rispondono bene alla terapia e possono essere curate senza alcuna conseguenza per il corpo.

Antibiotici per la polmonite

Il trattamento di qualsiasi forma di polmonite è quasi impossibile senza antibiotici. A causa del fatto che oggi è possibile vedere una gamma abbastanza ampia di questo tipo di farmaco, i medici possono scegliere la medicina giusta per ogni singolo caso. Ma gli antibiotici per la polmonite a volte portano un effetto negativo sul corpo, soprattutto se è sbagliato prenderli.

Indicazioni per l'uso di antibiotici per la polmonite

Per curare la polmonite, i medici prescrivono spesso antibiotici con un effetto antimicrobico. Ma dovrebbe essere chiaro che l'uso di tali farmaci dovrebbe essere sotto la supervisione di uno specialista. È anche necessario ricordare alcune importanti regole per l'uso di antibiotici. Innanzitutto, se hai già iniziato il corso, devi completarlo. Che cosa è importante per rispettare esattamente la dose che hai scritto il medico. Le indicazioni per l'uso di antibiotici per la polmonite dipendono completamente dalla gravità della malattia, nonché dal tipo di microbi o batteri che l'hanno provocata. Oggi, gli antibiotici con una vasta gamma di azione sono molto popolari. Possono essere suddivisi nei seguenti tipi:

  1. Penicillina: oxacillina, penicillina, augmentina, ampicillina, amoxicillina).
  2. Specie di cefalosporine: cefexim, cefalexina, cefilim.
  3. Macrolide: claritromicina, eritromicina.
  4. Aminoklikozid: azitromicina, kanamicina, gentamicina.
  5. Tipo di tetraciclina: minociclina, doxiciclina, tetraciclina.
  6. Fluoroquinolo: ciprofloxacina, levofloxacina.

Solo dopo aver stabilito la causa dell'infezione, lo specialista può prescrivere un ciclo di trattamento.

Modulo di rilascio

La forma di rilascio di antibiotici per la polmonite può essere completamente diversa. Ad oggi, produrre antibiotici sotto forma di polvere, compresse, capsule, soluzioni per iniezioni. A seconda della gravità della polmonite, oltre a ciò che ha causato esattamente tale infiammazione, vengono prescritti diversi farmaci. I più popolari negli ultimi tempi sono le soluzioni iniettabili, che non sono troppo gradite ai pazienti stessi. Quest'ultimo può essere spiegato dal fatto che il trattamento antibiotico è di solito sette giorni. Le polveri vengono rapidamente assorbite dall'organismo, pertanto entro le prime 24 ore dall'assunzione il paziente può provare un significativo sollievo, ma non deve interrompere il trattamento o ridurre la dose dell'insieme di polveri da parte del medico. Le compresse e le capsule non hanno azioni così rapide come soluzioni e polveri. Sono prescritti per gli stadi lievi della polmonite quando il paziente viene curato a casa.

farmacodinamica

Gli antibiotici per la polmonite sono diversi farmaci che vengono prescritti in una varietà di casi. La loro farmacodinamica può differire l'una dall'altra. Abbiamo deciso di mostrarti le proprietà di base dei farmaci di questo tipo sull'esempio dell'antibiotico popolare "Ceftriaxone".

Questo farmaco appartiene agli antibiotici semisintetici delle cefalosporine della terza generazione. Grazie alla sua struttura chimica, è caratterizzato da un'elevata efficienza in relazione ai batteri gram-positivi e gram-negativi. L'antibiotico inibisce rapidamente la sintesi della membrana nelle cellule.

farmacocinetica

La farmacocinetica di diversi antibiotici, utilizzati nell'infiammazione dei polmoni, può essere completamente diversa. Pertanto, lo consideriamo sull'esempio del popolare farmaco Ceftriaxone.

Dopo l'iniezione intramuscolare, questo antibiotico viene rapidamente assorbito dal corpo. La sua maggiore quantità nel plasma sanguigno è notevole 90 minuti dopo la somministrazione. Mezzo escreto in otto ore. Questo periodo aumenta nei bambini e raggiunge i giorni. Per le prossime 24 ore, un'alta concentrazione battericida del farmaco rimane nel sangue. Penetra molto rapidamente e facilmente nel tessuto, in piccole quantità visibili sulle mucose. Due giorni dopo l'iniezione, parzialmente (50%) viene escreto con l'urina.

Uso di antibiotici per la polmonite durante la gravidanza

Nonostante sia una malattia abbastanza grave, con la corretta selezione di antibiotici e altri farmaci, la polmonite è rapidamente e senza complicazioni trattate durante la gravidanza. È molto importante ricordare che non tutti gli antibiotici possono essere tranquillamente usati dalle future mamme. Certamente, i farmaci leggeri che trattano i primi stadi della malattia non danneggiano le donne in gravidanza. Di solito non hanno nemmeno effetti collaterali. Nella polmonite grave, gli antibiotici possono essere prescritti solo quando c'è un rischio per la vita della madre.

Controindicazioni

Alcuni tipi di antibiotici usati per trattare la polmonite possono avere controindicazioni. Questo è il motivo per cui è molto importante parlare di questo con il proprio medico prima di impostare un corso. Tipicamente, gli antibiotici per la polmonite hanno controindicazioni come: una reazione allergica ai componenti del farmaco, insufficienza renale o epatica, età infantile, gravidanza. Informazioni più specifiche sono sempre disponibili nel volantino.

Effetti collaterali

Alcuni antibiotici non hanno gravi effetti collaterali. Occasionalmente, i pazienti manifestano eruzioni cutanee, gonfiore del viso, mal di testa, vertigini, attacchi di panico, insonnia, diarrea, nausea o vomito. Se ha provato una di queste condizioni, deve interrompere immediatamente l'assunzione di antibiotici e contattare il medico per cambiare il corso del trattamento.

Nomi di antibiotici per la polmonite

Tutto dipende dal grado di polmonite. Nella polmonite ospedaliera, quando il paziente deve semplicemente rimanere in ospedale sotto la supervisione dei medici, vengono solitamente prescritti i seguenti antibiotici.

amoxicillina. Antibiotico con effetto antibatterico, che è una penicillina semi-sintetica. È indicato per l'uso in polmonite grave. A causa della sua elevata resistenza agli acidi, viene assorbito nell'intestino piuttosto rapidamente e senza conseguenze. Prima di prescrivere, il medico deve scoprire se la persona è sensibile ad esso. Per questa analisi speciale viene effettuata. La dose viene solitamente impostata individualmente e dipende da molti fattori. Assegna adulti e bambini dopo dieci anni. Tra i principali effetti collaterali c'è quello di evidenziare le possibili reazioni allergiche (principalmente orticaria), rinite, angioedema, febbre, congiuntivite. Il farmaco è controindicato nei pazienti con eritema, mononucleosi infettiva. Inoltre non raccomandato per le donne incinte.

ticarcillina. Questo antibiotico è anche una penicillina semisintetica. Ha un effetto antibatterico contro un gran numero di batteri gram-positivi e gram-negativi. Il farmaco non è raccomandato per essere assunto durante la gravidanza, così come coloro che hanno alterata funzione renale. L'antibiotico viene solitamente venduto sotto forma di soluzione iniettabile. Il corso del trattamento dipende dal paziente. Tra gli effetti collaterali ci sono: ipopotassiemia, vomito con nausea, diarrea, reazioni allergiche sulla pelle. Durante l'introduzione del farmaco nel corpo, c'è una sensazione di bruciore, dolore, arrossamento può verificarsi.

Se lo schema originale non ha portato i risultati attesi, utilizzare tali antibiotici per la polmonite.

Cefepime. È un forte agente antibatterico. Aiuta a curare la polmonite, che è stata causata da batteri gram-positivi, gram-negativi, così come quelli che hanno già una resistenza ai farmaci di terza generazione. Molto rapidamente entra nella cellula interessata. Combatte efficacemente molte malattie infettive. Di solito viene prodotto come iniezione e viene somministrato per via endovenosa o intramuscolare (a seconda della situazione individuale). La caratteristica principale del farmaco è il fatto che può essere somministrato ai bambini piccoli e persino ai bambini da due mesi. Il corso del trattamento dura in genere da sette a dieci giorni. Gli effetti collaterali del farmaco non sono stati praticamente osservati, in quanto è ben tollerato. Non può essere prescritto a pazienti con reazioni allergiche alle principali sostanze dell'antibiotico.

Nella polmonite acquisita in comunità, quando il paziente può essere curato a casa, vengono prescritti questi antibiotici.

azitromicina. Il farmaco ha un ampio spettro di azione. Di regola, è scaricato ai pazienti per forme lievi di polmonite. Prima che il medico ti prescriva un antibiotico, è necessario analizzare la sensibilità del tuo corpo. Viene assunto a stomaco vuoto (è possibile prima dei pasti o due ore dopo i pasti). Disponibile in forma di pillola. Il farmaco può essere prescritto a bambini con un peso corporeo non inferiore a 10 kg. Tra i principali effetti collaterali è quello di evidenziare la possibile diarrea, vomito, nausea, eruzioni allergiche. Il farmaco non può essere assunto durante la gravidanza e durante l'allattamento. La cautela è prescritta a pazienti con funzione renale inappropriata.

claritromicina. Farmaco antibatterico piuttosto forte. Di solito è prescritto per curare una varietà di processi infettivi che sono stati causati da batteri. Disponibile sotto forma di compresse che possono essere prese indipendentemente dall'uso del cibo. È molto importante completare l'intero ciclo di trattamento prescritto da un medico. In genere, la durata del trattamento dipende dalla gravità della malattia ed è di 4-12 giorni. Gli effetti collaterali principali dovrebbero essere evidenziati: eruzioni cutanee di tipo allergico, stomatite, nausea e vomito, glossite, alterazioni del gusto, vertigini, cefalea, insonnia, tachicardia, ipoglicemia. Non prendere bambini sotto i dodici anni e quelli che potrebbero essere allergici al farmaco.

Antibiotici per la polmonite in pillole

Tra i principali antibiotici per la polmonite in pillole è quello di fornire:

  1. ciprofloxacina. Un antibiotico sotto forma di compresse, che agisce su una vasta gamma di batteri diversi. Molto spesso prescritto per la polmonite. Più veloce assorbito se assunto a stomaco vuoto. Il corso standard di trattamento è da cinque a quindici giorni, a seconda della gravità della malattia. L'antibiotico è ben tollerato. In alcuni casi, possibili reazioni allergiche, dolore addominale, gonfiore del viso, alterazione della voce, nausea, mancanza di appetito. Il farmaco è controindicato nei pazienti con epilessia, durante la gravidanza e l'allattamento, durante l'infanzia.
  2. doxiciclina. Un farmaco antibatterico appartenente alle tetracicline semisintetiche. Differisce in un ampio spettro di azione. È usato per trattare infezioni causate da batteri sensibili ai componenti del farmaco. Disponibile sotto forma di compresse o capsule che è necessario bere dopo un pasto. È molto importante lavare la droga con abbondante liquido. Di solito il ciclo di assunzione del farmaco dura fino a quattordici giorni. Dopo aver preso l'antibiotico, alcuni pazienti hanno avuto nausea, mal di testa, vomito, diarrea, allergie, gonfiore, prurito. Il farmaco non può essere assunto nella seconda metà della gravidanza, durante l'allattamento. È vietato nominare bambini fino a nove anni, pazienti con leucopenia, insufficienza epatica e porfiria.

Antibiotici per polmonite sotto forma di iniezioni

Tra i principali antibiotici sotto forma di iniezioni, che sono usati per trattare la polmonite, può essere identificato:

  1. penicillina. Un antibiotico che viene spesso prescritto ai pazienti per la polmonite. Ha una vasta gamma di effetti sulla maggior parte dei batteri che possono causare polmonite. Di solito è prescritto per gravi malattie. È prodotto sotto forma di polvere, con l'aiuto di cui viene fatta una soluzione di iniezione. Durante la gravidanza, è prescritto solo se la vita della madre è minacciata da una forma grave di polmonite. Tra gli effetti collaterali emettono reazioni allergiche, eosinofilia, rash, gonfiore, vomito e nausea, mal di testa. Il corso del trattamento è strettamente individuale.
  2. ceftriaxone. L'antibiotico è disponibile sotto forma di polvere, che viene utilizzato per preparare una soluzione iniettabile. Di solito somministrato per via intramuscolare, dopo di che è molto ben assorbito. A volte in singoli casi somministrati per via endovenosa. Gli effetti collaterali non sempre si verificano, in quanto il farmaco è molto ben tollerato dai pazienti. In alcuni casi, ci possono essere vomito, nausea, mal di testa o diarrea. Si verificano anche reazioni cutanee allergiche. Il corso del trattamento viene assegnato in base alla gravità della malattia. A volte la candidosi può svilupparsi. Il farmaco non può essere assunto durante la gravidanza o con insufficienza epatica.

Antibiotici per la polmonite negli adulti

La base di base per qualsiasi trattamento di polmonite è la prescrizione di antibiotici. Gli antibiotici per la polmonite negli adulti possono essere trattati per circa sette-dieci giorni. In questo caso, è molto importante assumere esattamente la stessa quantità di farmaci prescritti dal medico. La durata del corso di solito dipende da molti fattori: la forma della malattia, quanto è debole il sistema immunitario del paziente, qual è la sua condizione generale. Di norma, per curare la polmonite negli adulti, viene utilizzato il seguente regime di trattamento:

  1. In primo luogo, vengono scritti gli antibiotici, che differiscono in una gamma piuttosto ampia di azione su vari batteri (ceftriaxone o suprax). Finché non viene rilevato l'agente causale esatto dell'infezione, è molto importante che una piccola quantità di questi farmaci antibatterici sia costantemente presente nel corpo. In conformità con questo corso individuale è selezionato.
  2. Se il paziente ha sintomi simili alle cosiddette infezioni atipiche, è necessario scrivere immediatamente antibiotici speciali (claritromicina, sumamed). Allo stesso tempo, non è necessario rifiutare farmaci che sono stati precedentemente prescritti.
  3. Per ottenere un risultato efficace vengono spesso prescritte combinazioni intere di farmaci diversi. I più popolari negli ultimi tempi sono: sumamed e suprax, ceftriaxone e claritromicina (o viceversa).
  4. A volte l'infiammazione inizia a progredire, passando ad altri segmenti dei polmoni. In questo caso, l'opzione migliore sarebbe tale combinazioni: amikacina e ceftriaxone o augmentin con suprax.
  5. Allo stesso tempo, gli antibiotici sono prescritti per gli adulti, che aiutano ad alleviare l'espettorato ed eliminare l'infiammazione alveolare (ad esempio, Ambroxol) più velocemente.
  6. Se la polmonite è accompagnata da febbre, è anche necessario usare farmaci antipiretici.

Antibiotici per la polmonite nei bambini

La polmonite batterica nei bambini richiede l'uso obbligatorio di antibiotici. Prima che i risultati dei test per i tipi di batteri che hanno causato la malattia sono ottenuti, vengono utilizzati antibiotici di una gamma più ampia di azione (sumamed, augmentin, cefazolin, ceftriaxone). Inoltre, è importante determinare il tipo clinico della malattia al fine di prescrivere un altro farmaco, a seconda di esso (immunitario o beroduale). Prima di prescrivere farmaci, è necessario assicurarsi che il bambino non sia allergico ai loro componenti. Gli antibiotici per la polmonite nei bambini sono presi non più di dieci giorni. Anche se il respiro sibilante e la febbre sono scomparsi, è necessario continuare a prendere il farmaco per altri due o tre giorni.

Metodi di utilizzo e dosi di antibiotici per la polmonite

Di solito, i metodi di somministrazione e le dosi di antibiotici per la polmonite sono prescritti individualmente, a seconda delle condizioni del paziente, della gravità della malattia e dei sintomi associati. A volte il corso può durare anche fino a 15 giorni. Ma ricorda, se non hai notato un miglioramento in tre o quattro volte dopo aver iniziato a prenderlo, è meglio cambiare il corso del trattamento.