Quale è meglio: ceftriaxone o azitromicina?

La compatibilità di Azitromicina e Ceftriaxone è tollerata è una domanda che interessa la maggior parte dei pazienti a cui sono stati prescritti tali farmaci. Tuttavia, non tutti i tipi di malattie possono essere curati con un solo antibiotico, pertanto, per tali scopi, usano la terapia combinata per potenziare l'azione battericida.

descrizione

Ceftriaxone è un antibiotico semi-sintetico della 3a generazione, ha una vasta gamma di applicazioni. Il farmaco inibisce rapidamente la sintesi delle membrane cellulari dei patogeni.

L'azitromicina è un farmaco antibatterico macrolide derivato dall'eritromicina. L'azione del farmaco consente di bloccare la produzione di proteine ​​specifiche necessarie per il funzionamento dei batteri. Dopo l'uso, il farmaco viene rapidamente distribuito a tutti i tessuti del corpo umano, la maggior parte viene escreto nelle urine e nelle feci.

Questo strumento ha una resistenza significativa rispetto al suo predecessore. Questo perché il farmaco non collassa sotto l'influenza di acidi e succo gastrico.

La combinazione di Azitromicina con Ceftriaxone viene spesso prescritta, tuttavia, i pazienti sono preoccupati per il possibile effetto negativo sul corpo della terapia antibatterica avanzata. In alcune malattie, tale trattamento consente di ottenere risultati efficaci.

testimonianza

Ceftriaxone è prescritto per le seguenti deviazioni:

  • infezione dei genitali;
  • la meningite;
  • malattie respiratorie, inclusa polmonite acquisita in comunità, bronchite;
  • infiammazione del tratto gastrointestinale;
  • infezioni del sistema osseo;
  • malattie sessualmente trasmissibili come la sifilide e la gonorrea;
  • malattie del sistema urinario;
  • ridotta funzione immunitaria;
  • come profilassi dopo l'intervento chirurgico.

Indicazioni per l'uso Azithromycin:

  • malattie del tratto respiratorio superiore e inferiore;
  • infezioni polmonari;
  • sconfitta della pelle;
  • otite media;
  • sinusite;
  • scarlattina;
  • infezioni urinarie.

A volte insieme ad Azitromicina, Ceftriaxone viene prescritto per forme gravi di polmonite, quando sono richiesti forti effetti antibatterici. Farmaci e farmaci vengono usati quando le lesioni ulcerative dello stomaco e del duodeno vengono trascurate in combinazione con una terapia di combinazione.

Per determinare quale sia il migliore Ceftriaxone o Azitromicina in ogni caso può solo un medico. Prima della nomina della terapia è una diagnosi approfondita.

Rilasciare forma e regime

Per i pazienti adulti, la dose giornaliera totale di Ceftriaxone non deve superare i 4 g. Più spesso, non più di 2 g è prescritto per vari raffreddori, 1 volta al giorno. Per i bambini piccoli, la dose raccomandata è fino a 80 mg.

La soluzione viene utilizzata per iniezioni intramuscolari e endovenose. La durata totale della terapia varia da 4 a 12 giorni, a seconda della gravità dei sintomi.

L'azitromicina è disponibile sotto forma di capsule, compresse, sospensioni. La dose giornaliera del farmaco per un adulto è di 500 mg, la durata del trattamento è di 4-5 giorni. Il medico può aumentare o diminuire il dosaggio a seconda del grado di manifestazione dei sintomi della malattia.

In alcuni casi, viene utilizzata una combinazione con un farmaco come la doxiciclina. Spesso tale terapia mostra efficacia nel decorso prolungato delle malattie veneree.

È impossibile confrontare Azitromicina con Ceftriaxone e determinare quale rimedio funziona meglio con i batteri. Il loro uso nel complesso consente di neutralizzare i microrganismi che hanno sviluppato resistenza ad altri antibiotici.

Controindicazioni

Ceftriaxone e Azithromycin hanno le seguenti controindicazioni:

  • allattamento durante la gravidanza;
  • prima infanzia (dopo la nomina di uno specialista);
  • insufficienza renale acuta e insufficienza cardiaca;
  • intolleranza individuale.

Questi due farmaci insieme possono essere usati dopo aver consultato un medico. Perché il sovradosaggio causerà gravi conseguenze per la salute.

Trovato un errore? Selezionalo e premi Ctrl + Invio

Analoghi del farmaco Azitromicina - proprietà, indicazioni per l'uso

Dalla classe dei farmaci antibatterici macrolidici, l'azitromicina è più spesso utilizzata nella pratica clinica. Questo farmaco ha una serie di caratteristiche farmacologiche che lo rendono quasi indispensabile in molte situazioni. Ha anche una bassa tossicità, quindi è prescritto durante la gravidanza e il primo anno di vita del bambino.

Tuttavia, ci sono situazioni in cui è necessario trovare rapidamente un analogo efficace di azitromicina, dal momento che non può essere utilizzato. Ciò si verifica quando il paziente presenta ipersensibilità al farmaco, resistenza alla microflora o nessun antibiotico.

Proprietà di Azithromycin

L'azitromicina ha un marcato effetto batteriostatico. Le sue molecole, quando penetrate nel sito dell'infiammazione, sono in grado di bloccare le subunità ribosomali dei batteri, il che porta all'incapacità della sintesi proteica e all'ulteriore riproduzione. Inoltre, la microflora patogena diventa più sensibile alle reazioni immunitarie del corpo.

L'antibiotico mostra la sua efficacia contro molti agenti patogeni batterici: stafilococchi, streptococchi, pneumococchi, meningococchi, emofilici ed Escherichia coli, bordetella, legionella, neyseria, clostridium, micoplasma. Allo stesso tempo, l'azitromicina non ha assolutamente alcun effetto su funghi e virus, quindi è inutile prescriverlo per le malattie causate dalla flora non batterica.

Secondo studi recenti, il numero di resistenze agli antibiotici è a livelli bassi.

Una proprietà farmacologica molto importante del farmaco è la sua capacità di accumularsi nei tessuti infiammati del corpo. Gli studi hanno dimostrato che la concentrazione di azitromicina in essi contenuta può essere 10-15 volte superiore alla quantità di antibiotico nel plasma sanguigno. Ciò è possibile a causa del fatto che le molecole del farmaco penetrano nelle cellule immunitarie con le quali migrano. Per questo motivo, la concentrazione terapeutica di azitromicina nel fuoco del processo patologico viene mantenuta per 72 ore dopo l'ultima dose.

La somministrazione orale dell'antibiotico ha mostrato un'alta biodisponibilità. Pertanto, l'azitromicina è disponibile sotto forma di compresse, capsule e sciroppo per i bambini piccoli.

Tra le indicazioni per l'uso di antibiotici, si dovrebbe notare quanto segue:

  • faringite;
  • tonsilliti;
  • bronchiti;
  • polmonite acquisita in comunità senza lo sviluppo di complicazioni (da sole o in combinazione con cefalosporine);
  • sinusite;
  • otite batterica acuta (infiammazione dell'orecchio medio);
  • scarlattina;
  • ulcera allo stomaco o ulcera duodenale (come componente della terapia di eradicazione);
  • patologia batterica dei tessuti molli (dermatosi, impentigine, erisipela);
  • cistite;
  • pielonefrite acuta o cronica.

L'azitromicina è spesso definita uno degli antibiotici più sicuri. Ma, tuttavia, il suo uso a volte porta allo sviluppo di effetti collaterali.

In primo luogo - disturbi dispeptici dell'apparato digerente (nausea, vomito, dolore doloroso allo stomaco, sensazione di pesantezza nell'addome, diarrea).

Sono comuni anche reazioni allergiche di diversa gravità (dall'eruzione cutanea allo shock anafilattico). Sono descritti casi di sintomi di intossicazione da parte del sistema nervoso centrale (mal di testa, vertigini, tinnito, sonnolenza). Sono stati riscontrati casi occasionali di astenia, riduzione delle prestazioni generali e coordinamento dei movimenti.

La principale controindicazione alla nomina di azitromicina è la presenza di un paziente nei precedenti casi di reazioni allergiche a uno qualsiasi dei macrolidi. Con cura, è necessario utilizzare un antibiotico per patologie croniche dei reni o del fegato con funzionalità ridotta. È anche impossibile prescrivere il farmaco in presenza di aritmie cardiache, poiché il farmaco può rallentare la conduzione degli impulsi nel miocardio. In tali situazioni, è meglio dare un vantaggio agli analoghi dell'azitromicina.

Analoghi di azitromicina

claritromicina

Il secondo uso più comune della classe dei farmaci antibatterici macrolidici è la claritromicina. Lui, come l'azitromicina, ha un'azione batteriostatica, che è causata dal blocco della subunità ribosomiale della cellula microbica. L'antibiotico si accumula anche nella membrana mucosa dei tessuti, che prolunga la sua azione.

Il farmaco viene utilizzato principalmente in situazioni in cui non vi è azitromicina, o il paziente ha un'allergia specifica a questo farmaco. La claritromicina è utilizzata in polmonite batterica, pleurite, bronchite, faringite, tonsillite, otite e laringite.

Tuttavia, questo antibiotico è più efficace nel trattamento dell'ulcera gastrica o dell'ulcera duodenale, causata dall'infezione da Helicobacter pylori.

Pertanto, in tutte le ultime raccomandazioni, la claritromicina è inclusa nella prima linea di terapia per questa patologia.

La claritromicina è disponibile in compresse e sciroppo per uso orale.

Il principale effetto collaterale dell'antibiotico sono i disturbi dispeptici. I sintomi di intossicazione sono anche possibili in caso di funzionalità renale compromessa, poiché è proprio in questo modo che il farmaco viene rimosso dal corpo.

A volte c'è una depressione dell'ematopoiesi con l'aggiunta di un'infezione secondaria, un aumentato rischio di emorragia. Gli aumenti transitori della concentrazione degli enzimi epatici sono spesso registrati, il che indica un effetto tossico su questo organo. Di solito scompare alcuni giorni dopo il completamento della terapia.

amoxicillina

L'amoxicillina è un farmaco semi-sintetico dal gruppo di antibiotici penicillina. Abbastanza spesso è prescritto in combinazione con l'acido clavulanico inibitore della penicillinasi, come un analogo dell'azitromicina. Ciò consente di aumentare la sensibilità dei ceppi patogeni al farmaco.

L'amoxicillina ha un marcato effetto battericida su molti patogeni batterici. Il suo meccanismo d'azione è il seguente: le molecole del farmaco attaccano e interrompono l'integrità della membrana cellulare, che porta alla lisi dei batteri. Staphylococcus, streptococco, neisseriya, hemophilus bacillus, salmonella, shigella, proteus e altri sono sensibili all'amoxicillina.

L'antibiotico può essere prescritto in presenza di reazioni allergiche all'azitromicina.

Tuttavia, prima del primo utilizzo, è indispensabile verificare la presenza di ipersensibilità al farmaco.

La gamma di uso di amoxicillina più ampia. Oltre alle patologie batteriche del sistema respiratorio, agli organi ENT e ai tessuti molli, è anche prescritto per:

  • leptospirosi;
  • borreliosi;
  • patologie infiammatorie delle vie biliari (colangite, colecistite);
  • preparazione per operazioni sulla cavità pelvica o addominale;
  • gonorrea;
  • endocardite infettiva;
  • infezioni batteriche intestinali.

Il principale svantaggio del farmaco è il fatto che ogni anno aumenta la resistenza della microflora ad esso. Pertanto, molto spesso il suo appuntamento non dà i risultati attesi.

Tra gli effetti collaterali più comuni vi sono i disturbi dispeptici e le reazioni allergiche. Viene anche descritto lo sviluppo della colite pseudomembranosa. La diagnosi di questa patologia richiede l'interruzione immediata del farmaco e un'ulteriore terapia antibiotica. A volte, specialmente se combinato con altri farmaci, si osserva epatite tossica, nefrite o ematopoiesi.

E 'vietato prescrivere l'amoxicillina in caso di sospetta mononucleosi infettiva, poiché ciò porta a una caratteristica eruzione cutanea.

ceftriaxone

L'azitromicina può essere sostituita con cefalosporine. Il più spesso nella pratica clinica moderna di questo gruppo di medicine usano l'antibiotico ceftriaxone di terza generazione.

È un farmaco moderno con un'efficace azione battericida contro streptococchi, stafilococchi, bacilli emofilici, moraxellas, Neisseria, Salmonella, spirochete e batteri patogeni anaerobici. Un vantaggio significativo di ceftriaxone è la sua sicurezza, oltre a una buona permeabilità attraverso la barriera emato-encefalica. Ciò consente l'uso di un antibiotico per molte meningiti di eziologia batterica.

Ceftriaxone viene visualizzato dopo 8-12 ore dall'applicazione, il che rende necessario il doppio della somministrazione del farmaco al giorno. La concentrazione terapeutica dell'antibiotico è registrata nella maggior parte dei tessuti e dei fluidi corporei. È derivato quasi invariato dai reni, così come dalla bile.

Ceftriaxone ha una gamma più ampia di applicazioni rispetto all'azitromicina.

Oltre alle indicazioni standard per l'antibiotico macrolidico, è anche prescritto per le seguenti patologie:

  • Malattia di Lyme;
  • gonorrea;
  • patologia batterica in pazienti con neutropenia;
  • salmonellosi;
  • la sifilide;
  • patologie anaerobiche dei tessuti molli (compresa gangrena gassosa);
  • meningite e meningoencefalite;
  • flemmone, ascesso;
  • complicanze chirurgiche del diabete;
  • sepsi;
  • peritonite;
  • complicanze batteriche postoperatorie, e anche per la loro prevenzione.

Ceftriaxone è disponibile solo sotto forma di flacone di polvere per la preparazione di iniezioni per via intramuscolare o endovenosa. Ciò è dovuto al basso tasso di assorbimento del farmaco nel tratto digestivo.

Il principale effetto collaterale del ceftriaxone, come nelle penicilline, è l'insorgenza di reazioni allergiche. Allo stesso tempo, se un paziente ha ipersensibilità a uno qualsiasi dei farmaci beta-lattamici, non può essere usato. Prima del primo utilizzo di ceftriaxone, è richiesto un test speciale.

A volte quando si utilizza un antibiotico, la depressione transitoria dell'ematopoiesi, si osserva un aumento della concentrazione di enzimi epatici, creatinina e urea.

Abbastanza spesso, disturbi dispeptici.

levofloxacina

La levofloxacina è un farmaco efficace dal gruppo dei fluorochinoloni, che viene spesso usato al posto dell'azitromicina. L'essenza del meccanismo d'azione di questo antibiotico è cardinalmente diversa: le sue molecole bloccano l'attività degli enzimi topoisomerasi e DNA girasi.

Con questo, la levofloxacina interrompe la replicazione di una cellula batterica, che porta alla sua lisi e morte. L'effetto battericida del farmaco è caratteristico di molti batteri: stafilococchi, streptococchi, enterococchi, cleblyellas, legionella, moraxcell, bacilli di hemophilus, clamidia.

Come l'azitromicina, la levofloxacina è molto ben assorbita nel tratto digestivo. La massima concentrazione dell'antibiotico si osserva nei polmoni e nel tratto respiratorio. Inoltre è quasi completamente escreto dal sistema urogenitale, che gli consente di essere utilizzato per patologie batteriche di questi organi.

Tra le indicazioni per l'uso del farmaco deve essere notato quanto segue:

  • esacerbazione di bronchite cronica o bronchiectasie;
  • polmonite acquisita in comunità in pazienti a rischio o in assenza di efficacia dal trattamento di penicilline, cefalosporine o macrolidi;
  • prostatite cronica nella fase acuta;
  • nella complessa terapia della tubercolosi;
  • sinusite acuta;
  • carbonchio ematico;
  • pielonefrite acuta o cronica;
  • cistite.

La levofloxacina è generalmente considerata un trattamento di seconda linea. È usato in situazioni in cui la ricezione di altri antibiotici è controindicata, o il loro trattamento non ha prodotto il risultato positivo atteso.

Va inoltre tenuto presente che durante la gravidanza, la levofloxacina può essere prescritta solo per motivi di salute. Se possibile, non usare questo antibiotico durante l'infanzia e durante l'allattamento.

L'effetto collaterale principale della levofloxacina è l'epatotossicità. Vengono descritti i casi di sviluppo dell'epatite e lo sviluppo di insufficienza epatica acuta durante la terapia. Inoltre, il farmaco aumenta il rischio di sviluppare crisi epilettiche, quindi i pazienti affetti da questa patologia devono raccogliere un altro farmaco antibatterico.

C'è un aumento nella frequenza delle esacerbazioni della miastenia. Questo effetto collaterale è dovuto al fatto che la levofloxacina riduce la gravità dell'azione di specifici farmaci che vengono utilizzati in questa patologia.

video

Il video racconta come curare rapidamente un raffreddore, influenza o ARVI. Opinione esperto medico.

Quando il seno, quale antibiotico è meglio

Gli antibiotici uccidono i batteri e ne impediscono la crescita.

Sono usati in molte infezioni, compresa la sinusite. Il termine "sinusite" è chiamato infiammazione dei seni paranasali. La domanda dei pazienti: "Quando la sinusite - quale antibiotico è meglio?" Non è così semplice. La sinusite può essere causata da virus, batteri come cocchi, clamidia e micoplasmi. La corretta selezione di un antibiotico dipende dal tipo di agente patogeno.

Cos'è la sinusite

Quando l'infezione del seno colpisce il cosiddetto seno mascellare - due piccole cavità su entrambi i lati del naso. Lo scopo di questi seni nel corpo è quello di ritardare l'infezione e pulire il naso da muco e corpi estranei.

I seni sono direttamente collegati alla cavità nasale. I microrganismi ostili, moltiplicandosi nella membrana mucosa, causano una reazione protettiva dei seni - iniziano a secernere una grande quantità di muco. C'è gonfiore. Il corpo reagisce all'attacco dei microbi aumentando la temperatura. I dotti sono ostruiti. Una persona non può respirare dal suo naso. L'infezione grave causa suppurazione nei seni.

Una situazione simile si verifica spesso in autunno e in inverno, quando il sistema immunitario delle persone è indebolito da una mancanza di vitamine e luce solare. In questo momento, vengono attivate varie malattie respiratorie. Le epidemie influenzali spesso lasciano delle complicazioni sotto forma di sinusite.

Quando l'infezione del seno colpisce i cosiddetti seni mascellari - due piccole cavità su entrambi i lati del naso

Di per sé, l'antritis non è solo dolorosa, ma anche una condizione pericolosa. Dopo tutto, l'infezione progredisce e passa agli organi vicini - occhi, orecchie, cervello. Ci sono casi di ipoacusia e infiammazione del cervello, sviluppati a causa di sinusite non trattata.

Sinusite: trattamento antibiotico

Il trattamento della sinusite nella maggior parte dei casi richiede l'uso di antibiotici - in pillole o iniezioni. Quando la sinusite è importante da ricordare:

  • La durata del trattamento dipende dallo stato generale di salute, dal grado di sviluppo della malattia e dal tipo di antibiotico;
  • Se la condizione non migliora entro 3-5 giorni, è necessario modificare il farmaco;
  • Per migliorare la condizione possono anche essere prescritti farmaci contro edema e agenti diluenti;
  • Nella sinusite cronica, l'attenzione è rivolta a quali farmaci sono stati utilizzati nel corso precedente del trattamento. Se non funzionano, prendi un nuovo strumento;
  • Un ruolo importante nella selezione degli antibiotici è giocato dal tipo di infezione: virus, cocchi o clamidia;
  • Tutti i medicinali, comprese le gocce nasali, devono essere prescritti da un medico. Gli antibiotici sono uno dei farmaci più allergenici in medicina, ed è molto pericoloso sceglierli da soli.

Sinusite: sintomi, trattamento antibiotico

La sinusite è causata da batteri o virus. Il trattamento è diverso in entrambi i casi, anche se i sintomi possono essere simili.

aumento della temperatura corporea a 39 gradi

In caso di qualsiasi infezione, la persona avverte i seguenti sintomi:

  • Il naso è costantemente imbottito a causa della copiosa secrezione di muco;
  • La faccia ai lati del naso si gonfia;
  • Quando viene premuto, il dolore può essere sentito sulla sinistra e sulla destra del naso;
  • La temperatura sale a 39 °;
  • Mal di testa;
  • Ci può essere una secrezione purulenta dai passaggi nasali.

Il medico prescrive antibiotici non immediatamente, ma solo se il trattamento locale non aiuta. In caso di secrezione purulenta, gli antibiotici sono indispensabili.

Ma i virus non sono influenzati da penicilline e macrolidi. La sinusite virale, di regola, passa da sola quando il virus lascia la fase attiva.

L'infiammazione batterica di solito non è causata da un tipo di batterio, ma da diversi in una volta (da 2 a 6). Questi possono essere:

  • Streptococco da polmonite;
  • Bacchetta emofilica;
  • Staphylococcus aureus;
  • Moraxella;
  • Enterobacteriaceae.

Il medico prescrive antibiotici non immediatamente, ma solo se il trattamento locale non aiuta.

Il medico determina il tipo di infezione in base alla natura del decorso della malattia. La diagnosi di laboratorio è raramente necessaria, soprattutto se si sospetta la clamidia.

Gli antibiotici non sono prescritti per la forma allergica della malattia. La forma allergica differisce in sintomatologia - non c'è temperatura alta, non ci sono scarichi purulenti, i seni sono bloccati a causa di edema severo.

Antibiotici per sinusite negli adulti

La sinusite si sviluppa sia negli adulti che nei bambini. La sinusite non trattata nel tempo diventa cronica, aggravata dall'infezione o dall'ipotermia. La domanda - quali antibiotici prendere per il seno non è difficile ai nostri tempi. Il trattamento della sinusite è stato a lungo sviluppato e si differenzia solo nella gravità della malattia o nella presenza di allergie.

Il rimedio classico è l'amoxicillina. Studi recenti hanno dimostrato la sua bassa efficienza. Pertanto, gli adulti, specialmente con la forma cronica della malattia, non prescrivono amoxicillina. Viene utilizzata la sua forma con acido clavulonic.

Antibiotici per compresse di sinusite - "Amoxiclav", "Augmentin", "Amoxicillina + acido clavulonico".
Le persone che soffrono di allergie alle penicilline vengono prescritte macrolidi. Il più popolare è Azithromycin. Uccide tutti i tipi di batteri che scatenano la sinusite. Questo farmaco è prescritto anche per le donne in gravidanza con sinusite grave. Il medico può prescrivere compresse "Sumamed" - hanno la stessa formula di Azitromicina.

Viene anche usata la claritromicina. Questo farmaco non è prescritto a bambini o donne in gravidanza. La migliore versione di Clarithromycin è Klacid.

Quale antibiotico per sinusite negli adulti è prescritto, se penicilline e macrolidi non aiutano? Questa situazione non è rara, e la scelta è fatta solo da un medico. Non sono stati sviluppati schemi chiari, quindi l'otorinolaringoiatra sceglierà uno dei farmaci di seconda o terza generazione. Le pillole più popolari: "Zinnat", "Supraks", "Ceftriaxone", "Alfacet".

Ben combattuto con i batteri fluorochinolonici. Questi farmaci sono adatti per le allergie, così come le persone che soffrono di asma bronchiale. Nelle farmacie si possono trovare farmaci fluorochinolonici: "Levolet", "Glevo", "Tsiprolet", "Tsifran", "Aveloks".

La domanda è: quali antibiotici bere per il seno e quali sono più adatti per l'iniezione? Le iniezioni sono prescritte per la forma grave, quando l'infiammazione acquisisce il carattere di suppurazione, aumenti di temperatura elevata, c'è il pericolo di infezione degli organi vicini.

Il medico può prescrivere iniezioni se i farmaci non aiutano in forma di compresse. Queste sono solitamente iniezioni intramuscolari di Ceftriaxone o Cefaxone. In una certa misura, i colpi sono meglio delle pillole. Il farmaco non influisce sulla flora dello stomaco e dell'intestino, agisce più velocemente. Le iniezioni per l'infiammazione dei seni mascellari sono prescritte solo per gli adulti.

Trattamento antibatterico topico

L'impatto sui batteri dovrebbe anche essere con l'aiuto di mezzi esterni. In medicina, gocce usate, spray e mezzi speciali per inalazione. La loro proprietà non è solo quella di distruggere i microrganismi ostili, ma anche di aprire i blocchi dei condotti, diluendo le scariche spesse. Gocce popolari nel naso con un antibiotico per sinusite - "Isofra", "Bioparox", "Polydex". Questi fondi sono disponibili sotto forma di spray e "Bioparox" può essere usato attraverso il naso o attraverso la bocca. Per inalazione usando un nebulizzatore, è inteso "Fluimucil".

Effetti collaterali del trattamento antibatterico

La terapia antibatterica per l'infiammazione dei seni mascellari, di regola, è sicura ed efficace. La maggior parte delle persone guarisce in 5-7 giorni. Ma tutti i farmaci hanno effetti collaterali. Dovresti chiedere al medico o al farmacista di loro prima di acquistare medicine. Va ricordato che:

  • I benefici del farmaco sono solitamente più importanti degli effetti collaterali minori;
  • Gli effetti collaterali scompaiono rapidamente dopo la fine del trattamento;
  • Se ci sono sintomi spiacevoli, è necessario informare il medico su di loro: ridurrà la dose del farmaco o lo sostituirà con un altro.

È necessario chiamare un'ambulanza se si verificano tali fenomeni:

  • Gonfiore del viso, della bocca, della gola;
  • È difficile respirare;
  • Ci sono eruzioni cutanee, punture di insetti come noi;
  • Sono svenuta;
  • Fortemente vertigini;
  • Disturbi gastrointestinali gravi (vomito, diarrea).

La terapia antibatterica per l'infiammazione dei seni mascellari è solitamente sicura ed efficace.

Cosa è importante quando si assumono antibiotici

È importante seguire le regole della terapia antibiotica:

1) È necessario prendere tutte le medicine prescritte dal medico. Anche se lo stato di salute è significativamente migliorato, è necessario continuare il trattamento fino alla fine del corso prescritto. Ciò è particolarmente importante nell'infiammazione dei seni mascellari, poiché gli antibiotici non penetrano facilmente nelle cavità nasali e nei dotti.

2) Il medico sceglie l'antibiotico più efficace contro i batteri. Se la condizione non migliora, prendere un tampone dal naso per determinare quali microrganismi hanno causato l'infiammazione.

3) La terapia antibiotica con qualsiasi mezzo richiede da 7 a 10 giorni. Quindi i batteri producono resistenza a questa sostanza.

4) Gli agenti antibatterici in compresse e sciroppi possono causare disbiosi e infezioni fungine.

5) Durante l'assunzione di antibiotici non è possibile bere alcolici, anche deboli.

6) Informi il medico delle allergie alle penicilline o ai fluorochinoli.

7) Le donne in gravidanza o in allattamento devono informare il medico della loro situazione in modo che possa prescrivere farmaci sicuri per il bambino. Lo stesso vale per le donne che pianificano una gravidanza.

8) Cercando di imparare dalla letteratura e da Internet cosa assumere per l'antrite, quale antibiotico è meglio, tutti dovrebbero ricordare che l'automedicazione è pericolosa.

9) prescrive farmaci terapeutici, la durata e il dosaggio del loro uso solo dal medico curante.

Prendendo la medicina, una persona previene i futuri problemi di salute. Ma qualsiasi strumento utile può trasformarsi in veleno se viene usato in modo errato.

Gli antibiotici per la bronchite non sono sempre una panacea! Quando e quali farmaci antibatterici sono indicati durante il trattamento?

Molti di noi non amano essere trattati, e ancora di più per consultare un medico. Naso che cola, mal di gola, tosse - quanto spesso non prestiamo attenzione a questi sintomi! Nel frattempo, una tosse banale causata dall'irritazione della mucosa, in condizioni favorevoli, si trasforma in infiammazione dei bronchi. E certamente ha bisogno di essere trattato. E le medicine preferite di dottori interni - gli antibiotici - con bronchite non sono sempre mostrate. Ma sfortunatamente, molti pazienti e persino più triste, alcuni dottori ignorano questa informazione o non la possiedono affatto.

Prima di continuare a leggere: Se stai cercando un metodo efficace per liberarti da raffreddore, faringite, tonsillite, bronchite o raffreddore, assicurati di controllare questa sezione del sito dopo aver letto questo articolo. Questa informazione ha aiutato così tante persone, speriamo che possa aiutarti anche tu! Quindi, ora torniamo all'articolo.

Proviamo a capire gradualmente cos'è la bronchite e perché gli agenti antibatterici non sono una panacea per questa malattia. E allo stesso tempo, scopri quando e quali antibiotici sono indicati per la bronchite.

Cos'è la bronchite?

Quindi, la bronchite è chiamata infiammazione bronchiale - le vie aeree che si estendono dalla trachea. A livello della quarta e della quinta vertebra, la trachea è divisa in due bronchi principali, che si diramano ulteriormente in una rete di bronchi e bronchioli più piccoli. Visivamente, questa immagine è molto simile a un albero, che si riflette nel nome dell'intero complesso sistema bronchiale.

La bronchite acuta si manifesta con una tosse che dura meno di tre settimane. È la durata e la gravità della tosse che accompagna il processo infiammatorio, che diventa la ragione principale per cui i medici non possono astenersi dal prescrivere antibiotici per la bronchite acuta.

La bronchite acuta è la quinta ragione per cui gli adulti cercano aiuto medico. La malattia raggiunge 44 persone su 1000 e nell'82% dei casi si verifica nel periodo autunno-invernale. Secondo stime approssimative, nel 4% dei pazienti la bronchite acuta diventa cronica. Gli esperti dicono che queste cifre, molto eloquenti, non riflettono pienamente la realtà. Molti pazienti con bronchite preferiscono tossire a casa, condannando le loro vie respiratorie per un'infiammazione prolungata, che può provocare polmonite.

La bronchite cronica è una tosse accompagnata da espettorato e dura tre mesi o più. Nel processo di bronchite cronica, si verificano importanti cambiamenti nella struttura della mucosa bronchiale. A poco a poco ha iniziato la malattia entra nella fase più pericolosa, ostruttiva, che causa ancora più problemi. Tuttavia, la bronchite cronica è più spesso causata da condizioni ambientali avverse e fumo, e gli antibiotici non sono mostrati affatto in questa patologia. Pertanto, oggi parleremo principalmente di bronchite acuta in bambini e adulti.

E iniziamo con il fatto che la bronchite acuta dovrebbe essere trattata. è corretto Ed è qui che molti medici e pazienti affrontano sottigliezze e difficoltà. Trattarli aiuterà le informazioni sui patogeni della malattia.

Cause di bronchite acuta

La causa più comune di bronchite acuta sono i virus respiratori banali. Tra i microrganismi "popolari" vi sono i virus dell'influenza A e B, la parainfluenza, il virus respiratorio sinciziale, il coronavirus.

Più raramente, la bronchite acuta si sviluppa a seguito di un'infezione batterica. Tra i microbi che più comunemente colpiscono l'albero bronchiale sono i micoplasmi, la Chlamydia pneumoniae, la clamidia, la moraxella, lo pneumococco (Streptococcus pneumoniae). Solo nel caso di un'infezione batterica il trattamento antibiotico sarà efficace per la bronchite.

Per non parlare dell'umore crescente nell'ambiente genitore contro la vaccinazione. A causa dell'elevato numero di bambini che non sono stati vaccinati contro la pertosse in modo tempestivo, l'infezione di Bordetella pertussis, l'agente causale della pertosse, sta diventando sempre più la causa della bronchite acuta.

sintomi

Insieme con la manifestazione più comune della malattia - tosse - nella bronchite acuta può essere:

  • febbre.
    Un aumento della temperatura in caso di bronchite è un motivo per consultare immediatamente un medico. Un sintomo può indicare una complicazione della bronchite - polmonite, che richiede un trattamento immediato con antibiotici o che accompagna l'influenza;
  • nausea e vomito;
  • malessere generale, dolore toracico (nei casi più gravi);
  • dispnea e cianosi (colorazione cianotica della pelle).
    Queste manifestazioni sono più caratteristiche della bronchite cronica ostruttiva, accompagnata dal deterioramento della funzione polmonare;
  • mal di gola;
  • naso che cola e congestione nasale;
  • mal di testa e / o dolore muscolare;
  • affaticamento.

Aggiungiamo che la tosse che dura cinque o più giorni parla di bronchite acuta. L'espettorato spesso di varie tonalità è uno dei segni più importanti della malattia. La bronchite acuta di solito dura per tre settimane e nei casi più gravi dura fino a due mesi.

Trattamento di bronchite acuta: disposizioni generali

Il trattamento della bronchite acuta mira principalmente ad alleviare i sintomi. I farmaci di prima scelta sono i mucolitici e gli espettoranti, che aiutano a rimuovere efficacemente l'espettorato. Una quantità sufficiente di ossigeno, necessaria per i pazienti, è fornita dalla regolare aerazione della stanza. È altrettanto importante controllare l'umidità dell'aria. L'aria secca dei quartieri invernali contribuisce alla penetrazione dell'infezione nel tratto respiratorio inferiore e allo sviluppo di una terribile complicazione: la polmonite.

Quando si tossisce, accompagnato da mancanza di respiro e difficoltà respiratorie, vengono prescritti broncodilatatori, ad esempio Salbutamolo.

Pertanto, il trattamento standard della bronchite acuta non implica l'uso di antibiotici. Quando è consuetudine deviare da un regime di trattamento esclusivamente sintomatico?

Antibiotici per la bronchite negli adulti: quando sono giustificati?

Ci sono pochissimi dati sull'opportunità di prescrivere farmaci antibatterici per la bronchite acuta negli adulti con una normale risposta immunitaria. Come conferma la pratica, l'uso di antibiotici non influenza significativamente i sintomi dell'infiammazione dei bronchi. Nel frattempo, gli effetti collaterali dei farmaci non più sicuri si sviluppano indipendentemente dall'efficacia.

Lo statistico dà numeri spaventosi: circa il 65-80% dei pazienti con bronchite acuta ha ancora antibiotici, con risultati positivi del trattamento osservati in casi isolati. Perché i farmaci antibatterici quasi non funzionano nella bronchite acuta?

Ricordiamo le informazioni sui patogeni: nella maggior parte dei casi, i virus causano la malattia. Ma gli antibiotici sono completamente inefficaci con un'infezione virale. Casi isolati di infezione batterica, che è la causa della bronchite acuta, e forniscono dati campione medi sull'effetto positivo degli agenti antibatterici.

Le ultime raccomandazioni dei più importanti specialisti mondiali di pneumologia, i medici del National Institutes of Health, Regno Unito, puntano sulla i. Dicono che il trattamento della bronchite acuta con antibiotici non è raccomandato, tranne nei casi di rischio di complicanze gravi. Di solito questa possibilità esiste nei pazienti adulti con comorbidità.

Quindi, cercheremo di elencare le situazioni in cui la prescrizione di antibiotici per la bronchite acuta non è solo giustificata, ma anche l'unica vera:

  • in pazienti di età superiore ai 65 anni con tosse acuta, se sono stati ospedalizzati durante l'anno precedente o soffrono di diabete, insufficienza cardiaca e assumono anche farmaci steroidei (ormonali);
  • in pazienti con esacerbazione acuta di bronchite cronica. I dati clinici hanno confermato che in questi casi gli antibiotici danno risultati eccellenti, compresa la riduzione della mortalità.

Bronchite acuta: gli antibiotici sono necessari per l'infiammazione dei bronchi nei bambini?

I bambini soffrono di bronchite acuta più spesso rispetto agli adulti. Ci sono due picchi di età tra i pazienti bronchi con infiammazione: i primi due anni di vita e 9-15 anni. È a questa età che la probabilità di ammalarsi di bronchite acuta è la più alta. Secondo le statistiche, circa il 20-28% dei bambini durante l'anno subisce la tosse, che porta all'infiammazione dei bronchi.

La bronchite nei bambini viene trattata secondo lo stesso schema degli adulti. Garantire una sufficiente ossigenazione, cioè il controllo sull'erogazione della quantità necessaria di ossigeno, rimane la direzione più importante della terapia.

Inoltre, sono stati condotti numerosi studi clinici su larga scala sui bambini. Negli esperimenti, è stata studiata la necessità di introdurre antibiotici nella pratica pediatrica nella bronchite acuta. Studi controllati con placebo utilizzando antibiotici ad ampio spettro - doxiciclina, eritromicina - e biseptol sulfanilamide non hanno mostrato miglioramenti significativi dopo l'introduzione di un agente antibatterico nel regime.

Nel 2001-2010, il più grande centro di ricerca americano ha condotto un esperimento su larga scala che ha dimostrato un'efficacia ancora più bassa degli antibiotici per la bronchite nei bambini rispetto agli adulti. Questo studio traccia una linea nella serie di prove del ruolo molto limitato degli agenti antibatterici in pediatria nella bronchite acuta.

Tuttavia, la terapia antibiotica è ancora indicata in diversi casi, vale a dire:

  • nei bambini con tosse cronica bagnata che persiste per 2-4 settimane;
  • con un netto peggioramento dei sintomi - la comparsa di una grave tosse con espettorato purulento, febbre, debolezza, sudorazione.

Pertanto, nella maggior parte dei casi, la risposta alla domanda se gli antibiotici siano necessari per i bambini con bronchite è negativa.

Quali antibiotici sono più spesso presi per la bronchite?

Quindi, abbiamo scoperto che gli agenti antibatterici per la bronchite sono prescritti in casi quasi isolati. Pertanto, la selezione di un particolare farmaco dovrebbe essere affrontata attentamente, in base allo spettro di azione. Quali antibiotici sono più spesso utilizzati per la bronchite acuta?

Secondo le raccomandazioni degli specialisti per il trattamento della bronchite nei pazienti a gruppi a rischio, compresi i bambini, prescrivere:

  • penicilline ad ampio spettro;
  • penicilline protette;
  • macrolidi;
  • cefalosporine;
  • fluorochinoloni.

Consideriamo in dettaglio ogni gruppo di farmaci.

Serie di penicilline

Tra i farmaci antibatterici più noti e diffusi di un ampio spettro d'azione - le penicilline - il complesso dell'amossicillina e dell'amossicillina con acido clavulanico è usato per il trattamento della bronchite acuta.

L'amoxicillina, un parente stretto dell'ampicillina, ha un ampio spettro d'azione, compresi molti microrganismi gram-positivi e gram-negativi. Il farmaco è in grado di bloccare ingegnosamente gli enzimi della membrana cellulare, che porta alla distruzione della membrana e alla morte dei batteri.

I patogeni sensibili all'amossicillina includono:

  • Aerobi Gram-positivi: molti tipi di stafilococchi e streptococchi, enterococchi, listeria, alcuni tipi di corinebatteri e altri;
  • Aerobi gram-negativi: bacilli intestinali e emofilici, Helicobacter, leptospira, Proteus, Salmonella, Shigella, Campylobacter e altri.

Selezioniamo microrganismi che non sono suscettibili all'azione antibatterica di Amoxicillina: streptococchi e stafilococchi, producendo beta-lattamasi, micoplasmi, rickettsia, batterioidi, moracsells, klebsiella, pseudomonadi.

A differenza dell'ampicillina, amoxicillina ha un'eccellente biodisponibilità, raggiungendo il 92%.

Nella bronchite, amoxicillina viene prescritta agli adulti alla dose di 500-1000 mg due volte al giorno per 7-10 giorni. Il dosaggio esatto varia a seconda della gravità dell'infezione. I bambini vengono trattati con 125-250 mg due o tre volte al giorno, a seconda dell'età.

L'amoxicillina è senza dubbio uno degli antibiotici più sicuri che può essere prescritto a quasi tutte le categorie di pazienti. Tuttavia, il punto debole del farmaco è la sua completa inefficienza quando infettata da ceppi di batteri che producono beta-lattamasi, che distrugge l'antibiotico. In questi casi, viene data preferenza alle penicilline protette.

Tra gli analoghi dell'amoxicillina nel mercato russo evidenzieremo:

  • Flemoxin Soljutab, Dutch Dispersible Tablets;
  • Amoxicillin Sandoz, una società farmaceutica tedesca Sandoz;
  • Ospamox prodotto dalla società austriaca Biochemi;
  • Hikontsil, amoxicillina slovacca, KRKA.

Amoxicillina e acido clavulanico

L'acido clavulanico inibisce la beta-lattamasi e quindi resiste efficacemente alla distruzione dell'antibiotico. Pertanto, insieme ai microrganismi sensibili all'amossicillina, i complessi protetti sono anche efficaci nell'infezione di agenti patogeni resistenti alle penicilline, in particolare allo stafilococco aureo, allo streptococco epidermico e molti altri.

Insieme ad un ampio spettro di azione, i complessi di Amoxicillina con acido clavulanico hanno un elevato profilo di sicurezza. Gli antibiotici sono approvati per l'uso nelle bronchiti nei bambini da 0 mesi, così come nelle donne in gravidanza e in allattamento (categoria B).

Le penicilline protette rappresentano un'ottima alternativa per i pazienti con allergie o intolleranza ai macrolidi. Tuttavia, in tali casi, va tenuto presente che l'amoxicillina non funziona in relazione a micoplasmi e legionelle.

La dose per adulti di antibiotici penicillina protetti per la bronchite acuta varia a seconda della gravità della malattia e della storia del paziente. La dose media può variare da 500 a 1000 mg da due a tre volte al giorno per sette o dieci giorni.

Tra i farmaci antibatterici più popolari e di alta qualità contenenti amoxicillina e acido clavulanico utilizzati nella bronchite sono inclusi:

  • Augmentin prodotto dalla britannica Glaxo;
  • Amoxiclav, compagnia farmaceutica slovacca Lek;
  • Flemoklav Soljutab, compresse dispersibili, prodotte dalla società olandese Astellas.

Antibiotici macrolidi

Tra i farmaci di scelta per la bronchite acuta sono agenti antibatterici dal gruppo di macrolidi.

L'azitromicina blocca completamente la sintesi delle proteine ​​necessarie per la costruzione dell'RNA batterico. L'antibiotico è efficace contro molti microrganismi, tra cui stafilococchi, streptococchi, batteriosi, clostridi, clamidia, micoplasmi, ureaplasma e altri.

Allo stesso tempo, l'azitromicina non è efficace contro i patogeni della pertosse e della paracoclosi Bordetella pertussis, Bordetella parapertussis. Questa circostanza dovrebbe essere presa in considerazione quando si prescrivono antibiotici per la bronchite a lungo termine nei bambini non vaccinati contro la pertosse.

Il dosaggio per gli adulti è 0,25-1 grammi al giorno, e per i bambini - 5-10 mg per libbra di peso.

Tra i farmaci antibatterici più famosi l'azitromicina usata per la bronchite sono:

  • Sumamed, la droga originale della compagnia croata Pliva;
  • Azitromicina Zentiva prodotta nella Repubblica Ceca;
  • Hemomitsin, Serbia, Hemofarm;
  • Zetamax retard, forma prolungata prodotta dal gigante americano Pfizer.

Macrolide noto, che è ampiamente utilizzato nelle infezioni batteriche, compresa la bronchite batterica acuta - Claritromicina. Lo spettro d'azione è identico all'azitromicina.

La mancanza di macrolidi - sia l'azitromicina che la claritromicina - è la mancanza di prove a conferma della sicurezza di questi antibiotici durante l'esacerbazione della bronchite cronica nelle donne in gravidanza e in allattamento. Questa categoria di pazienti è preferibile prescrivere fondi di penicillina.

Il dosaggio di Claritromicina per gli adulti è di 250-500 mg due volte al giorno e, per i bambini, 7,5 mg del farmaco per chilogrammo del peso corporeo del bambino. Il corso medio del trattamento dura 7-10 giorni.

In Russia sono stati registrati numerosi preparati di claritromicina, tra cui:

  • Klacid, la medicina originale prodotta dalla società italiana Abbott;
  • Clarithromycin Teva, società israeliana Teva;
  • Fromilid, droga slovacca, KRKA.

Cefalosporine per il trattamento della bronchite

Nonostante la biodisponibilità relativamente bassa delle cefalosporine orali, continuano ad essere utilizzate nella terapia antibiotica, anche nei pazienti con bronchite.

I preparati di Cefuroxime sono efficaci contro gli stafilococchi e gli streptococchi, compresi i ceppi resistenti, così come i bacilli di hemophilus, Klebsiell, moraxell e altri microrganismi. I patogeni intracellulari - micoplasma, clamidia - sono resistenti a tutte le cefalosporine, inclusa la cefuroxima.

Il dosaggio è 125-500 mg due volte al giorno, il corso del trattamento dura fino a 10 giorni.

Le compresse di cefuroxime più famose chiamate Zinnat sono prodotte dalla società britannica Glaxo. Inoltre, nelle farmacie puoi trovare l'analogo cipriota Aksetin e molti altri generici.

La biodisponibilità di cefpoxime orale è bassa e non supera il 50%. Lo spettro di attività è standard per le cefalosporine e comprende microrganismi gram-positivi e gram-negativi. Ceppi di batteri che producono penicillinasi possono essere resistenti a cefpodoxime. In relazione a questa probabilità, vengono prodotte forme protette dall'acido clavulanico.

Il dosaggio dell'antibiotico per acuta o esacerbazione della bronchite cronica è 200, raramente 400 mg ogni 12 ore. Il farmaco non è prescritto al neonato. Attualmente, in Russia, solo un farmaco, cefpodoxime, è registrato in combinazione con acido clavulanico, che viene iniettato.

Gruppo fluorochinolone

I fluorochinoloni, che hanno il più ampio spettro di azione antibatterica, sono usati per trattare la bronchite cronica acuta o esacerbata negli adulti. Un serio svantaggio degli antibiotici di questo gruppo è l'effetto sulla formazione di tessuto cartilagineo nei bambini e negli adolescenti, in relazione al quale i fluorochinoloni sono vietati per l'uso in pazienti di età inferiore ai 18 anni.

I preparati di levofloxacina sono attivi contro gli stafilococchi, compresi ceppi sensibili alla meticillina aggressivi, streptococchi, compresi multiresistenti, nonché molti altri microrganismi gram-positivi e gram-negativi.

Il dosaggio medio di Levofloxacina può variare da 250 a 750 mg una volta al giorno.

I farmaci Levofloxacin includono:

  • Tavanic - la medicina originale della preoccupazione francese Sanofi;
  • Levofloxacina Teva, ditta israeliana Teva;
  • Generici indiani Glevo, Levolet R, Sinnicef ​​e altri.

Fluoroquinolone altamente efficace, usato come farmaco antibatterico nella bronchite grave in pazienti con una risposta immunitaria ridotta.

Si tenga presente che la moxifloxacina non è efficace se infettata da ceppi di Staphylococcus aureus, stafilococchi coagulasi-negativi e pseudomonadi.

Nell'acuto e in esacerbazione della bronchite cronica, l'antibiotico moxifloxacina viene prescritto 400 mg una volta al giorno per 5 giorni. La più famosa moxifloxacina produce preoccupazione per Bayer chiamato Aveloks.

Esacerbazione acuta della bronchite cronica: quando sono necessari gli antibiotici?

Un'altra indicazione per l'uso di antibiotici è una esacerbazione acuta dell'infiammazione cronica dei bronchi, che è poco meno della metà dei casi ha una natura batterica. In questi casi, il trattamento viene prescritto in base alla gravità dei sintomi clinici, che viene valutata mediante tre parametri: mancanza di respiro, quantità di espettorato e comparsa di secrezioni purulente. Gli antibiotici sono indicati solo per un decorso moderato della malattia, che è caratterizzato dalla presenza di due sintomi su tre, così come nella fase grave, quando il paziente ha tutte e tre le manifestazioni.

A proposito, lo scolorimento dell'espettorato e la comparsa di secrezione purulenta sono considerati un chiaro segno di un'infezione batterica. I microrganismi batterici sono secreti in modo affidabile molto più spesso nell'espettorato di colore verde e giallo rispetto alla secrezione tracheobronchiale trasparente o biancastra.

Lieve riacutizzazione della bronchite cronica

Con un decorso moderato della malattia e / o la presenza di uno o più fattori aggiuntivi, inclusi quelli con meno di 65 anni, l'assenza di malattie cardiache e meno di tre esacerbazioni di bronchite all'anno, vengono prescritti:

  • Azitromicina 500 mg il primo giorno e poi 250 mg al giorno per i successivi 4 giorni o
  • Claritromicina 250-500 mg compresse per una o due settimane o
  • Cefuroxime 250-500 mg ogni 12 ore per dieci giorni o
  • Cefpodoxime 200 mg compresse ogni 12 ore, la durata del trattamento fino a 10 giorni.

Se negli ultimi tre mesi il paziente ha già assunto antibiotici, il farmaco viene selezionato da un gruppo alternativo. Ad esempio, dopo il trattamento con Azitromicina, vengono prescritte cefalosporine, piuttosto che macrolidi (Claritromicina).

Grave esacerbazione della bronchite cronica

Con grave esacerbazione dell'infiammazione cronica dei bronchi e / o la presenza di uno o più fattori concomitanti: età superiore a 65 anni, malattie cardiovascolari nella storia, più di tre complicazioni durante l'anno, utilizzare uno dei seguenti mezzi:

  • Amoxicillina con acido clavulanico (875 mg / 125 mg) 1 compressa al giorno per 7-10 giorni;
  • Levofloxacina 500 mg al giorno almeno per una settimana;
  • Moxifloxacina alla dose di 400 mg al giorno per cinque giorni.

Inoltre, nella maggior parte dei casi, il medico offrirà al paziente di essere ricoverato in ospedale - andare in ospedale. Non dovresti rifiutare questa opportunità, perché il rischio di complicazioni in un tale ciclo di bronchite è piuttosto alto e il controllo degli specialisti per l'assunzione di antibiotici e conta ematica ti aiuterà a recuperare rapidamente, evitando complicazioni.

Se i medici sospettano un'infezione con pseudomonadi, viene eseguita la coltura dell'espettorato. Se le paure sono confermate, la ciprofloxacina viene prescritta alla dose di 500-750 mg per una o due settimane.

E l'ultimo Proprio come con moderata esacerbazione della bronchite, è necessario prescrivere una diversa classe alternativa di antibiotici, se i farmaci antibatterici sono prescritti più spesso di una volta ogni tre mesi.

Quali antibiotici danno un bambino con la bronchite?

Come abbiamo detto, nella pratica dei bambini con bronchite, i farmaci antibatterici sono prescritti quasi fino all'ultimo. Di regola, non portano a una cura, ma, al contrario, possono ritardare l'inizio della terapia corretta. Tuttavia, in alcuni casi, si applicano gli antibiotici. Quindi, vediamo quale tipo di antibiotici è meglio somministrato per la bronchite acuta in un bambino.

Amoxicillina con acido clavulanico

Sono prescritte penicilline protette, compresi i neonati. Il dosaggio del farmaco è calcolato in base all'età:

  • bambini fino a tre mesi - 30 mg per chilogrammo di peso corporeo, suddivisi in due dosi;
  • per i bambini da tre mesi - in casi lievi, 25 mg (20 mg) per chilogrammo in due dosi, e nei casi più gravi, il dosaggio è aumentato a 40-45 mg per un chilogrammo di peso corporeo in due o tre dosi.
  • i bambini che pesano più di 40 kg (di solito oltre i 12 anni) sono prescritti compresse con una dose di 500 mg due volte al giorno o 250 mg - tre volte, cioè quasi in un dosaggio adulto.

La durata del trattamento è di sette o dieci giorni.

Le preparazioni di azitromicina sono disponibili in forme di dosaggio per bambini molto convenienti progettate per diversi pesi. Il dosaggio medio per un bambino è di 5-10 mg per chilogrammo di peso corporeo. L'azitromicina da bambini è disponibile in polvere per la preparazione di sospensioni. Alcune delle saggezze inerenti alla preparazione delle forme di dosaggio di azitromicina da bambini, abbiamo discusso in dettaglio nell'articolo su questo farmaco.

Ho bisogno di antibiotici per iniezioni per la bronchite?

L'affetto invidiabile dei terapisti e dei pediatri domestici sulle forme di dosaggio iniettabili rende necessario considerare più in dettaglio un altro argomento. Quando avete bisogno di iniezioni di antibiotici per via parenterale per l'infiammazione dei bronchi e sono necessari?

Prima di rispondere a questa domanda, ricordiamo due aspetti. In primo luogo, la necessità di antibiotici per la bronchite acuta è trascurabile. E in secondo luogo, alcuni moderni agenti antibatterici orali, cioè interni, hanno una biodisponibilità che non è inferiore ai farmaci per iniezione. E in tutto il mondo civilizzato, gli antibiotici iniezioni vengono utilizzati solo per infezioni estremamente gravi e, di regola, in ospedale.

Pertanto, quando un medico ti prescrive un antibiotico cefalosporino per le iniezioni nella bronchite acuta (lo stesso Ceftriaxone popolare), pensaci. Procedendo da uno scopo così crudele, devi rimanere in un letto d'ospedale in uno stato semi-incosciente. Se non hai perso l'equilibrio del potere e stai all'ospedale di casa, ci saranno indubbiamente una dozzina di farmaci orali che non sono meno efficaci in questi casi rispetto al ceftriaxone.

Quando gli antibiotici per via intramuscolare vengono prescritti a livello ambulatoriale (cioè durante il trattamento domiciliare) per la bronchite infantile, questo è un motivo indubbio per consultare almeno un altro pediatra. Ricorda che il trattamento del bambino deve essere efficace, sicuro e non traumatico quando possibile. E ci sono parecchie alternative agli antibiotici iniettabili oggi.

Sicurezza degli antibiotici nelle nostre mani

Infine, ancora una volta vorrei richiamare l'attenzione sull'assoluta inammissibilità dell'autoterapia con gli antibiotici. Dopo aver letto l'articolo, penso che tu abbia visto quante insidie ​​sono piene di ogni droga. Pertanto, per scegliere l'antibiotico "giusto", è necessario avere conoscenze. Inoltre, la conoscenza non riguarda solo la malattia stessa, ma anche le caratteristiche del farmaco e i suoi effetti sul corpo.

L'antibiotico erroneamente scelto può causare danni reali al nostro corpo. Invece del sollievo tanto atteso, il processo di infezione continuerà e, inoltre, i progressi. Per prevenire un tale sviluppo di eventi, non correre mai rischi. Anche armati di informazioni tratte dalle fonti più rispettate, una persona media senza istruzione medica non è in grado di valutare tutte le sfumature della terapia antibiotica e di selezionare correttamente un medicinale per qualsiasi malattia infettiva (e anche per la bronchite).

La salute non ha prezzo Fidati dei professionisti, e per il tempo speso a cercare un dottore, a chiamare il terapeuta distrettuale o anche ad aspettare il tuo turno in clinica, il tuo corpo dirà sicuramente "grazie".

L'articolo sopra e i commenti scritti dai lettori sono solo a scopo informativo e non richiedono auto-trattamento. Parla con uno specialista dei tuoi sintomi e malattie. Quando si trattano con qualsiasi medicinale, si consiglia di utilizzare sempre le istruzioni contenute nel pacchetto insieme a quelle del medico, come linea guida principale.

Per non perdere le nuove pubblicazioni sul sito, è possibile riceverle per e-mail. Sottoscrivi.

Vuoi sbarazzarti di naso, gola, polmoni e raffreddori? Quindi assicurati di dare un'occhiata qui.

Potresti essere interessato a più articoli sull'argomento: