Drenaggio della cavità pleurica

Drenaggio della cavità pleurica è l'introduzione di un tubo in esso attraverso un'incisione chirurgica. Il metodo viene utilizzato dopo l'operazione del mediastino.

È necessario per la compressione profilattica dei polmoni, per la rimozione delle secrezioni eccessive. Adatto per un numero di gravi malattie degli organi interni della regione toracica.

Set di strumenti di base per drenaggio:

  • medicazione sterile e guanti;
  • siringa anestetica;
  • un bisturi;
  • filo di seta;
  • forbici;
  • porta-aghi;
  • morsetti;
  • cateteri;
  • contenitori con acqua disinfettata (secondo il metodo di Bulau).

Campionatura a puntura

L'implementazione del drenaggio è simile al principio dello scarico del sifone. Per l'uscita dell'aria, il drenaggio è fissato nella posizione più alta sulla cavità pleurica - il secondo spazio intercostale nella linea centrale della clavicola. Nel caso della formazione di un massiccio empiema della pleura, è posto in fondo - dalla quinta alla settima convergenza intercostale nella sezione medio-ascellare.

Secondo la tecnica di implementazione, è previsto l'uso di due installazioni contemporaneamente attraverso gli slot. Quando si scopre che un tubo fornirà aria e il secondo per visualizzare il contenuto liquido. Lo stesso metodo può essere utilizzato per irrigare e sterilizzare la cavità interna spazzando una preparazione liquida.

Ma prima di fare qualsiasi manipolazione, inizialmente viene presa una puntura pleurica. La sua analisi determinerà di cosa sono pieni i polmoni e cosa deve essere fatto per migliorare le condizioni del paziente.

Un assistente è coinvolto per più abilità. Il paziente si siede sulla toeletta e appende le gambe, mettendo i piedi su un supporto speciale. Da un lato, verrà eseguita una foratura, l'altro poggia su una sedia con un rivestimento morbido (cuscino, tela arrotolata, ecc.). La mano dal lato libero è ritratta sull'avambraccio opposto.

Il dottore indossa guanti sterili e una maschera di garza. Quindi prende una siringa con l'anestesia e, dopo aver disinfettato il sito di puntura sotto il dispositivo, lo interrompe con la preparazione, avendo elaborato la pelle, il muscolo tra le costole e i tessuti superiori sotto la pelle.

Dopo la fine dell'ago della siringa viene sostituito con uno sterile. Un po 'sopra il bordo superiore della costola usando la stessa siringa è perforato. Allo stesso tempo, l'ago viene inserito correttamente fino a quando il passaggio attraverso i tessuti intercostali è completo (questo può essere compreso dalla sensazione a mano quando l'ago perde resistenza sotto pressione).

La cosa principale è osservare rigorosamente la posizione della puntura. In caso contrario, è possibile danneggiare l'arteria. Dopodiché, il riempimento della cavità con il liquido viene controllato scaricando il pistone della siringa, come un set del farmaco dall'ampolla.

Ora la cavità deve essere controllata per aria. Puntura ripetuta dell'ago sterile. Un manometro è collegato all'ugello. In condizioni normali, la sua scala dovrebbe dare una pressione al di sotto dell'atmosfera (da 0,98 a 1,5 kPa). Con gli indicatori positivi, il paziente e lo strumento sono preparati per il drenaggio.

Recentemente, ho letto un articolo che racconta lo strumento Intoxic per il ritiro dei parassiti dal corpo umano. Con questo farmaco è possibile SEMPRE sbarazzarsi di raffreddori, problemi con il sistema respiratorio, stanchezza cronica, emicrania, stress, irritabilità costante, patologia del tratto gastrointestinale e molti altri problemi.

Non ero abituato a fidarmi di nessuna informazione, ma ho deciso di controllare e ordinare la confezione. Ho notato i cambiamenti una settimana dopo: i vermi hanno letteralmente cominciato a volar via da me. Ho sentito un'ondata di forza, ho smesso di tossire, il costante mal di testa mi ha lasciato andare e dopo 2 settimane sono scomparsi completamente. Mi sento come se il mio corpo si stesse riprendendo dall'esaurimento parassitario debilitante. Provalo e tu, e se qualcuno è interessato, allora il link all'articolo qui sotto.

Bulau drenaggio pleurico

Se dopo aver estratto un liquido dalla camera nella siringa, si deposita, una piccola incisione con un bisturi viene effettuata nel sito di iniezione, con una larghezza non superiore a 1 cm.

Dopo l'inserimento, lo stiletto viene rimosso, un tubo (catetere) viene lanciato nella manica del trocar, bloccato sul lato posteriore con una clip per eliminare il flusso d'aria. Si passa attraverso il tubo con un'estremità tagliata, al di sopra del quale sono realizzate due aperture laterali asimmetriche, in modo che la puntura superiore non cada nella cavità pleurica.

Per impedire che la camera della pleura si riempia di aria, tutte le operazioni descritte sopra vengono eseguite rapidamente e il set strumentale completo, insieme al drenaggio, deve essere sterilizzato e in uno stato preparato sulla griglia dello strumento vicino alla tabella di ravvivatura.

Inserendo un catetere alla profondità richiesta, una cucitura a forma di U viene posta sul tessuto circostante con la sua pressatura, che assicurerà la tenuta al punto di inserimento. Inoltre, il tubo viene rimosso lentamente, mentre il tubo aderisce per mantenere la posizione. Apparso nel liquido catetere indica la correttezza delle azioni eseguite.

L'installazione di aspirazione è collegata. Come usato:

  • aspirazione elettrica con alimentazione dell'acqua;
  • sistema a tre ossa di vasi comunicanti di Subbotin-Perthes.

Tutte le connessioni sono sigillate con nastro adesivo. Il drenaggio del Bulau consente di mantenere una pressione ridotta all'interno della cavità pleurica. Se l'anestesia finisce, l'anestetico viene reiniettato.

I punti sono allentati, ma non completamente rimossi. Il paziente trattiene il respiro: il drenaggio viene espulso lentamente. Con l'aiuto di una cucitura indebolita, la zona d'impatto viene stretta e viene applicata una benda di fissaggio.

Drenaggio della cavità pleurica con pneumotorace

Il pneumotorace progredisce principalmente tra i giovani a causa della rottura degli alveoli nei lobi superiori dei polmoni. Nella vecchia generazione, ha un effetto collaterale nello sviluppo dell'enfisema. Lo sviluppo della malattia può essere preceduto da un trauma della regione toracica, in particolare da una frattura delle costole, ottenuta in una situazione domestica.

Il bisogno di drenaggio si verifica quando i sintomi intensi, come: enfisema, attacchi di fame di ossigeno. La procedura viene eseguita esclusivamente con enfisema e accumulo di essudato - queste sono le indicazioni chiave. Spesso viene utilizzato come misura postoperatoria per il pompaggio finale del fluido, mantenendo bassa pressione.

Se i polmoni non sono interessati durante l'operazione principale, inserire un catetere perforato lungo l'asse medio ascellare, sotto il diaframma. Se il polmone è ferito o parte di esso viene rimosso, vengono forniti 2 scarichi.

L'ordine di manipolazione

Due tubi sintetici o di gomma sono preparati con diverse aperture e un taglio obliquo ad una estremità e una lunghezza di 40 cm. Mezz'ora prima del processo, il paziente viene sottoposto a premedicazione con oppiacei. Deve essere seduto inclinando leggermente il corpo in avanti. Per fissare la posizione è necessario sostituire un supporto (sedia, tavolo, ecc.).

Il luogo di introduzione nel 4 ° spazio intercostale è segnato. La puntura viene raccolta. In base alla sua consistenza, viene selezionata la larghezza del tubo:

  • grande - per estrarre pus, coaguli di sangue;
  • medio - attraverso esso viene rimosso il liquido di muco;
  • piccolo - tira l'aria.

Il catetere viene passato alla camera del torace, arricciato con una sutura e fissato sul torace con una benda. L'altra estremità viene abbassata nel serbatoio dell'acqua attraverso l'aspirazione. Per controllare l'installazione viene scattata una foto nell'ufficio del radiologo.

Se il volume dell'assegnazione giornaliera è inferiore a 100 ml, l'estremità esterna del catetere, precedentemente bloccata, viene trasferita in un contenitore con acqua pulita per raddrizzare i polmoni.

Dopo questo, il paziente prende una inspirazione massima e una espirazione completa graduale, in cui il tubo viene estratto dalla fessura. La zona di impianto è ricoperta da una garza imbevuta di olio.

Drenaggio attivo della cavità pleurica

Il drenaggio attivo è un ulteriore effetto per un deflusso più efficiente degli accumuli all'interno della pleura.

Il principio di funzionamento è basato sull'instaurarsi di una pressione inferiore alla pressione intrapleurica alla fine del sistema escretore. Grazie al pompaggio forzato, l'intero essudato viene estratto.

1-2 cateteri di silicone e polivinilcloruro con fori stenotici vengono inseriti nella cavità attraverso un'incisione separata. Viene fornita la sigillatura delle cuciture con tessuti. L'altra estremità è collegata a una camera chiusa, all'interno della quale viene scaricata la pressione. Poiché è utilizzato come manuale ("fisarmonica" o contenitore di plastica) e dispositivi automatici (getto d'acqua, apparecchi elettronici).

Metodi di drenaggio della cavità pleurica

Per operazioni di drenaggio più efficienti in tempi diversi, i metodi ausiliari sono stati testati e approvati da specialisti di diversi paesi. Il loro impatto semplifica enormemente il compito dei medici, riduce la durata della procedura.

  1. Il metodo del vuoto di Redon. L'acqua riscaldata ad ebollizione è sigillata in una bottiglia medica con un tappo di gomma. Durante il raffreddamento, si forma un vuoto all'interno della nave. Collegandolo al tubo di uscita è possibile sollevare fino a 180 ml di cluster intrapleurici.

Metodo Subbotin. Vengono preparati due recipienti sigillati, che sono fissati uno sopra l'altro in una stretta connessione tra il tubo. L'acqua dall'alto sotto l'influenza dell'attrazione si riversa, mentre aumenta la quantità di spazio libero. Allo scarico creato nel serbatoio superiore, l'aria che manca per la normalizzazione della pressione viene estratta dal basso.

E in fondo c'è una temporanea diminuzione della pressione al momento del pompaggio dell'aria. Il catetere proveniente dal drenaggio viene fornito a uno dei serbatoi, che garantisce la sua pneumostimolazione fino alla fine della trasfusione di acqua.

  • Metodo del vuoto (chiuso). È selezionata una fiala a chiusura ermetica (capacità da alcool, soluzione fisiologica, ecc.). La siringa di Jane pompò fuori l'aria. Quindi il tubo viene portato nel contenitore. L'applicazione è disponibile solo quando si garantisce la tenuta di una cavità.
  • Tra tutti questi metodi, l'aspirazione attiva è la più efficace. Oltre a pompare fuori risparmi in eccesso, contribuisce anche al rapido restringimento della ferita tecnologica. Con l'aspirazione attiva dalla cavità pleurica, un tubo di vetro corto è collegato a un tubo flessibile che conduce a una pompa a getto d'acqua. Quando la pressione viene monitorata con un manometro, viene pompata una pompa. Lo scarico è determinato dal getto d'acqua e corrisponde a 10-40 cm della sua lunghezza. Per lo scarico dosato nella cavità della pleura, vengono utilizzate le elettropompe.
  • ai contenuti ↑

    Indicazioni e controindicazioni

    Il drenaggio pleurico viene eseguito solo quando il medico ne stabilisce il bisogno. Indipendentemente dal metodo utilizzato, esistono tolleranze e limitazioni generali.

    L'uso è consentito per pneumotorace spontaneo / traumatico, che ha causato il collasso del polmone più di un quarto del volume, nonché con la rapida progressione. È obbligatorio in caso di insufficienza respiratoria o condizioni anormali nello scambio di gas.

    Il drenaggio è necessario per un versamento massivo / ricorrente di una formazione benigna che non viene escreta mediante toracocentesi. È indicato per accumuli fluidi e purulenti a causa delle effusioni di tumori maligni, indipendentemente dalla chemioterapia.

    Il drenaggio della pleura dovrebbe essere pulito e un po 'traumatico. Una cura speciale richiede l'installazione sul corpo del paziente con una coagulazione del sangue problematica.

    Quando si introduce un tubo di drenaggio, sono probabili difficoltà associate ad aderenze e ispessimento pleurico marcato. In alcuni casi, il drenaggio insufficiente è accompagnato dalla presenza di accumuli di coaguli o gelatinosi, dal blocco o dall'aspetto di una curva del tubo.

    Complicazioni importanti includono emorragia da incisione, enfisema sottocutaneo, posizionamento errato del tubo, infezione di terze parti o dolore. Per prevenire un collasso prolungato, un polmone espanso può gonfiarsi a causa del fluido dei capillari.

    Drenaggio della cavità pleurica (drenaggio pleurico): set, tecnica, dispositivo, indicazioni, metodi

    Il drenaggio deve essere nella cavità pleurica solo se continua a rilasciare aria o fluido.

    Il rischio di infezione ascendente aumenta nel tempo. Gli antibiotici profilattici di solito non sono mostrati.

    testimonianza

    Le indicazioni per la puntura terapeutica e diagnostica e il drenaggio della cavità pleurica sotto guida ecografica sono:

    1. piccola quantità di versamento;
    2. pleurite limitata;
    3. l'incapacità di mettere il paziente (in primo luogo, questo riguarda i pazienti di rianimazione sottoposti a ventilazione artificiale dei polmoni).

    Drenaggio della cavità pleurica: attrezzatura

    • Medicazione sterile, biancheria operatoria, camice, guanti.
    • Anestetico locale, siringa da 10 ml, aghi con padiglione verde (18G) e arancione (25G).
    • Bisturi con lama numero 11 per incisione cutanea; 2 pacchetti di seta per la sutura (1-0).
    • 2 clip, forbici, porta-ago.
    • Se possibile, utilizzare nuovi cateteri per drenaggio toracico come Seldinger, in particolare con pneumotorace.
    • Scatole di drenaggio con acqua sterile per il drenaggio secondo Bulau.

    Drenaggio della cavità pleurica: prestazioni tecnologiche

    L'assistenza è richiesta per la procedura.

    Il paziente è in posizione seduta, leggermente inclinato in avanti e appoggiato allo schienale di una sedia o di un tavolo. Se possibile, prescrivi oppiacei 30 minuti prima della procedura.

    Segnare il punto di drenaggio nella linea medio-ascellare; questo è solitamente il quinto spazio intercostale durante il drenaggio del pneumotorace e al di sotto del livello del liquido durante l'idrotorace. Trattare la pelle con antisettico.

    Scegliere un tubo di drenaggio: dimensioni ridotte (24G) per il drenaggio dell'aria, dimensioni medie (28G) per il drenaggio del fluido sieroso e di grandi dimensioni (32-36G) per il drenaggio del sangue e del pus. Rimuovere il trocar. Controllare la prontezza del drenaggio secondo Bulau.

    Infiltrare la pelle con 15-20 ml di lidocaina all'1%. Creare un piccolo tunnel sottocutaneo per il tubo di drenaggio prima di introdurlo nella cavità pleurica. Il periostio del bordo superiore della costola è anestetizzato. Sono convinti che sia possibile aspirare liquidi o aria dalla cavità pleurica.

    Effettuare un'incisione cutanea orizzontale nel sito di anestesia. Spingere stupidamente lo strato sottocutaneo e i muscoli intercostali con una clip per formare un foro sufficiente a tenere un dito.

    Con il drenaggio applicato al torace del paziente, viene determinato quanto deve essere iniettato in profondità nella cavità pleurica. La fine del drenaggio dovrebbe raggiungere la parte superiore del pneumotorace; durante il drenaggio dell'idrotorace, l'apertura più prossimale del tubo deve trovarsi nella cavità pleurica ad una profondità di almeno 2 cm.

    Indossare due cuciture, allo stesso tempo fissare un drenaggio. È necessario fissare le cuciture non strettamente intorno al tubo e non stringere - la ferita sarà cucita con queste cuciture dopo che il drenaggio è stato soppresso.

    Rimuovere il trocar. Metti un morsetto all'estremità del tubo e spingilo delicatamente nella cavità pleurica. Ruotando la pinza di 180 °, dirigere il drenaggio verso l'alto del pneumotorace. L'aspetto di condensa (o liquido) nel drenaggio conferma la correttezza della sua posizione nella cavità pleurica. Assicurarsi che tutti i fori di drenaggio si trovino nella cavità pleurica e collegarlo al drenaggio di Bulau.

    Stringere leggermente le cuciture della pelle, ma non serrare eccessivamente il tubo. Il drenaggio deve essere fissato con diversi punti aggiuntivi e nastro adesivo, altrimenti potrebbe essere rimosso accidentalmente. Isolare la giunzione del drenaggio e il tubo di collegamento usando una benda adesiva. Assegnare un'adeguata analgesia dopo la cessazione degli anestetici.

    Drenaggio della cavità pleurica: informazioni utili

    Drenaggio offset. I raggi X degli organi del torace vengono eseguiti immediatamente dopo il drenaggio della cavità pleurica e quindi quotidianamente per valutare la posizione del drenaggio e le condizioni del tessuto polmonare.

    Se si verifica un irrigidimento del drenaggio, si verifica una perdita d'aria e il paziente può manifestare enfisema sottocutaneo. Idealmente, il drenaggio deve essere rimosso e drenato nuovamente in un nuovo punto; il rischio di un'infezione ascendente aumenta quando la parte esterna non sterile del drenaggio viene trasportata in profondità nella cavità pleurica.

    • Se il drenaggio è penetrato troppo profondamente nella cavità pleurica, il paziente può provare disagio, anche a causa dell'interazione del drenaggio con organi vitali (ad esempio, la parte toracica dell'aorta). Stringere il tubo alla distanza richiesta e fissare le cuciture.

    Ostruzione del drenaggio Si controlla se la colonna d'acqua nella vaschetta di drenaggio si muove in modo sincrono con la respirazione del paziente. Con l'ostruzione del tubo, la colonna smette di muoversi.

    • Controllare se il drenaggio è schiacciato e piegato.
    • Il drenaggio può bloccare coaguli di sangue o fibrina. Devono essere accuratamente rimossi "arrendendosi".
    • Se il polmone della radiografia rimane collassato, riorganizzare il nuovo drenaggio in un nuovo punto.

    Il polmone non si sta rompendo. Ciò può essere dovuto a ostruzione del sistema di drenaggio o perdita d'aria continuata (ad esempio, durante una fistola tracheobronchiale).

    • Se il drenaggio continua a scaricare l'aria, collegare il drenaggio all'apparato di aspirazione attiva per accelerare l'espansione del tessuto polmonare. Considerare la necessità di installare un secondo drenaggio o correzione chirurgica delle perdite d'aria.

    Se c'è un'ostruzione del drenaggio pleurico, sostituirlo con uno nuovo.

    Rimozione del drenaggio pleurico

    • Non pizzicare il drenaggio.
    • Rimuovere la benda adesiva e indebolire le cuciture senza spostare il drenaggio. Non rimuovere le cuciture sul sito dell'incisione cutanea: una ferita verrà suturata dopo la rimozione del drenaggio.
    • Tirare delicatamente su se stessi, rimuovere il drenaggio, trattenendo il respiro (test di Valsap'y).
    • Stringere le cuciture sulla pelle. Dovrebbero essere rimossi e la benda cambiata.
    • Se il pneumotorace si ripresenta, la quantità di terapia dipenderà dai sintomi clinici.

    Drenaggio della cavità pleurica: complicazioni

    • Sanguinamento (danneggiare vasi intercostali, lesioni ai polmoni, fegato, milza).
    • Edema polmonare (a causa di un raddrizzamento troppo veloce).
    • Empiema.
    • Enfisema sottocutaneo.
    • Pneumotorace ricorrente o idrotorace (dislocazione o ostruzione del drenaggio pleurico).

    complicazioni

    Una puntura a ultrasuoni della cavità pleurica, di regola, non è accompagnata da complicanze, soprattutto se si usano gli aghi di Chiba. Una rara complicazione è il danneggiamento dell'arteria intercostale, se la traiettoria dell'ago o il complesso pleurocano passa bruscamente verso l'alto lungo il bordo inferiore della costola.

    Drenaggio della cavità pleurica: metodi e tecniche

    L'accumulo di liquido nella cavità pleurica mette sotto pressione i polmoni, interrompendo il loro lavoro. La terapia prevede la rimozione artificiale dell'effusione. Il drenaggio della cavità pleurica ha le sue caratteristiche, pertanto, è nominato secondo le indicazioni.

    Indicazioni per il drenaggio pleurico

    Il drenaggio della cavità pleurica è indicato se il fluido si accumula in esso. Può essere un effusione naturale, sangue, linfa, essudato purulento. La comparsa di liquidi è dovuta allo sviluppo di un processo infiammatorio prolungato o di lesioni al torace. La puntura aiuta a ridurre il volume della cavità pleurica e la pressione sui polmoni, facilitando le condizioni del paziente.

    La procedura è indicata per emoracex, idrotessia e pleurite purulenta. Prima dell'inizio della manipolazione, la presenza di liquido o aria nella cavità pleurica viene stabilita mediante ultrasuoni o radiografia. Viene prescritto dopo l'intervento chirurgico nell'area polmonare, prevenendo lo sviluppo del processo infiammatorio.

    Nella fase acuta della malattia, quando una persona ha bisogno di un aiuto di emergenza, il drenaggio della cavità pleurica aiuta a ripristinare il processo di respirazione e il pieno funzionamento dei polmoni. Nelle malattie croniche, la procedura è periodica, quando l'accumulo di liquidi non può essere evitato, ma deve essere rimosso.

    Con una corretta manipolazione puoi salvare la vita di una persona. Se il drenaggio della cavità pleurica con pneumotorace viene eseguito in modo errato, si sviluppa un esito letale. A causa della complessità della manipolazione e del pericolo delle sue conseguenze, la nomina ad essa viene data esclusivamente da uno specialista, ed è prodotta da una persona con esperienza e conoscenze rilevanti.

    Kit di drenaggio pleurico monouso

    Quali sono i metodi di drenaggio

    Il drenaggio Bulau della cavità pleurica è il metodo più comune, che prevede l'introduzione di un tubo di scarico attraverso una foratura nel torace nella regione delle costole. Il metodo è minimamente traumatico, ma richiede destrezza e monitoraggio costante.

    Ci sono due modi per rimuovere il fluido e l'aria dalla cavità pleurica:

    1. Secondo Monaldi, è usato esclusivamente per il pneumotorace, non gravato dall'accumulo di sangue. Il drenaggio viene introdotto attraverso il secondo spazio intercostale lungo l'asse medio-clavicembalo (accesso ventrale).
    2. Con Bulau - il drenaggio viene eseguito attraverso il seno costiero e diaframmatico (accesso laterale). Consente di rimuovere sangue, linfa, pus e altri fluidi misti creando una pressione negativa.

    Il secondo metodo è utilizzato ai fini della disinfezione, quando l'accumulo di liquidi viene attivato dallo sviluppo del processo infiammatorio.

    Se c'è un grande accumulo di aria, il catetere viene inserito nella parte superiore del rigonfiamento. Se il fluido si è accumulato nella cavità, oltre all'aria, il secondo catetere viene posizionato a 5-7 cm sotto il primo.

    La manipolazione viene eseguita utilizzando un set per il drenaggio, che include tali strumenti:

    • guanti spogliatoio e sterili;
    • tubi di plastica elastici;
    • morsetti, porta-aghi e forbici;
    • bisturi e filo per cucire il sito dell'incisione;
    • contenitore con acqua sterile;
    • soluzioni disinfettanti;
    • siringhe.

    Tutte le manipolazioni sono dolorose, quindi, eseguite in anestesia locale.

    Kit di drenaggio

    Come prendere una puntura?

    Preparare la sala di manipolazione, osservando le condizioni di sterilità. Il paziente è seduto su una sedia e un tavolo con un rullo è posto davanti al petto. La mano, dove verrà eseguito il sito della puntura, viene avvolta sulla spalla dell'altra mano, dando libero accesso alla regione costale.

    Il sito di puntura viene disinfettato, quindi tagliato con anestetici per ridurre il dolore. Dopo 10-15 minuti, è possibile iniziare la manipolazione principale.

    Una siringa sterile viene inserita nello spazio intercostale, perforando delicatamente lo strato esterno della pleura. Dopodiché, lo stantuffo della siringa viene lentamente allontanato e il liquido accumulato fuoriesce.

    Se si sospetta un accumulo d'aria, la siringa viene accuratamente scollegata dall'ago, collegandola al monometro. Se la pressione all'interno della cavità è inferiore a quella atmosferica, allora non c'è aria. Quando gli indicatori scompaiono, e l'esame microbiologico della puntura mostra la presenza di un processo infiammatorio, viene effettuato il drenaggio.

    Dopo aver rimosso l'ago, il sito di puntura viene trattato con un antisettico, applicando una medicazione sterile. Dopo aver indebolito l'anestesia locale, può verificarsi disagio, quindi il medico prescrive analgesici.

    Puntura della cavità pleurica

    Come viene eseguito il drenaggio?

    L'intervento minimamente invasivo viene eseguito in anestesia locale o generale. Tutte le manipolazioni devono essere eseguite il più rapidamente e accuratamente possibile in modo che molta aria non entri nella cavità pleurica, il che aggraverà la situazione.

    Attraverso lo spazio intercostale con un bisturi sterile, viene realizzato un taglio di circa 1 cm di lunghezza. Un trocar viene inserito in esso fino a quando non si sente lo strumento ha fallito. Lo strumento è fisso e un tubo di drenaggio viene inserito attraverso la sua manica con l'estremità tagliata verso l'interno. L'estremità esterna del tubo è bloccata con un morsetto per eliminare la scarica prematura del fluido e l'ingresso di aria nella cavità.

    Nello spazio intercostale con un bisturi sterile fare un taglio di circa 1 cm di lunghezza

    Dopo di ciò, il trocar viene rimosso e il tessuto attorno al tubo di drenaggio viene suturato con la lettera "P". Ciò consente di ridurre l'ingresso di aria nella pleura e di fissare saldamente il drenaggio. Un liquido specifico appare nel tubo, causato dall'effetto di pressione negativa sviluppato da Bulau.

    Il sistema è altamente efficiente, ma il principio principale della manipolazione di successo è l'alta velocità e la precisione dei movimenti del medico. Se ci sono complicazioni nel paziente e problemi con la coagulazione del sangue, l'operazione deve essere accompagnata da un team di specialisti e rifornimento di sangue in caso di necessità di trasfusione.

    Un trocar viene inserito nell'incisione.

    Dopo aver installato e rimosso il drenaggio, viene eseguita la radiografia per monitorare le condizioni della cavità pleurica. La durata del drenaggio dipende dalla quantità di fluido e dal grado di danno al polmone. Il tubo viene rimosso solo dopo completa espansione del polmone.

    Rimozione del drenaggio

    Dopo aver rimosso tutto il fluido, i tubi vengono rimossi. Per fare ciò, prima scollegare il sistema, quindi rilassare le giunture circonferenziali. Resti di filo utilizzati per la cucitura finale della ferita. Se necessario, lavare la cavità pleurica attraverso le speciali soluzioni antisettiche iniettate con il tubo, che sono derivate secondo lo schema di cui sopra.

    La rimozione del tubo viene eseguita alla scadenza, poiché la procedura provoca irritazione delle terminazioni nervose e dolore. Al paziente viene chiesto di trattenere il respiro per alcuni secondi, quindi vengono applicati i punti.

    Posizionare la sutura è trattata con antisettico e imporre una medicazione sterile. Se è necessario ripetere la procedura, le cuciture non vengono imposte e il drenaggio viene cambiato ogni 2-3 giorni.

    Possibili complicazioni

    Non sempre la manipolazione ha successo. Questo è ostacolato dai seguenti fattori:

    • pleura fibrosa spessa, che è difficile da perforare;
    • scarsa coagulazione del sangue, che sviluppa sanguinamento interno;
    • sviluppo di shock da dolore in assenza della dose necessaria di anestesia;
    • violazione del prelievo di effusione dovuto a cluster purulenti e formazioni gelatinose;
    • la presenza di un grosso grasso corporeo complica il processo.

    La ferita vicino al drenaggio può essere infiammata e i punti divergeranno. Pertanto, si raccomanda al paziente di rispettare il riposo a letto e di muoversi con attenzione.

    Le complicazioni più pericolose per la vita sono:

    • danno alle principali navi, fegato, milza, polmoni;
    • infezioni ascendenti;
    • attorcigliamento e blocco del tubo di drenaggio;
    • emorragia interna.

    La presenza di dolore nel sito dell'incisione è la norma. I punti vengono elaborati più volte al giorno. In presenza di ostruzione del tubo di drenaggio, che è accompagnato dall'assenza di scarico del fluido dalla cavità pleurica, viene sostituito.

    Il drenaggio è un intervento minimamente invasivo, ma richiede il rispetto di tutte le norme e i regolamenti. Se ci sono complicazioni, la chirurgia può essere ritardata e avere un risultato imprevedibile. In situazioni critiche, utilizzare l'anestesia generale. In presenza di patologie, il drenaggio può durare 1-2 settimane.

    DRENAGGIO DELLA CAVITÀ PLAURALE IN BULLAU

    indicazioni:

    · Rimozione del contenuto liquido dalla cavità pleurica (essudato infiammatorio, pus, sangue);

    · Rimozione dell'aria dalla cavità pleurica.

    Viene utilizzato dopo operazioni su polmoni e organi mediastinici per la prevenzione della compressione dei polmoni con aria e la rimozione dell'essudato della ferita, pneumotorace spontaneo o traumatico, idro- ed emoracex, pleurite purulenta.

    Il metodo si basa sul drenaggio a lungo termine secondo il principio del sifone.

    Per rimuovere l'aria, il drenaggio è installato nel punto più alto della cavità pleurica - nel 2 ° spazio intercostale lungo la linea della clavicola centrale, con l'empiema totale della pleura nel punto più basso (5-7 spazio intercostale lungo la linea medio-ascellare). Per il drenaggio di cavità limitate, il drenaggio viene introdotto nella sua proiezione. Due scarichi possono essere installati contemporaneamente: uno per rimuovere l'aria, l'altro - il contenuto liquido. Oppure attraverso un liquido di drenaggio viene iniettato e attraverso un altro scorre.

    Il drenaggio della cavità pleurica deve essere preceduto dalla sua perforazione, che consente di accertare la presenza di contenuto pleurico e la sua natura.

    Il paziente si siede sulla toeletta, penzolando le gambe e appoggiandole su un supporto.

    Dal lato opposto alla puntura, l'enfasi è posta sul corpo (alzando la testata del pannello del tavolo, o mettendo uno sgabello coperto con un cuscino con un lenzuolo, o appoggiando il paziente). Il braccio sul lato del petto da drenare viene lasciato cadere su una cintura della spalla sana. Un dottore in guanti sterili e una maschera tratta il sito di drenaggio come un'operazione. Pelle anestetizzata, tessuto sottocutaneo e muscoli intercostali. Dopo aver sostituito l'ago, la stessa siringa perfora la cavità pleurica leggermente al di sopra del bordo superiore della costola scelta, in modo da non danneggiare l'arteria intercostale. L'ingresso nella cavità pleurica è determinato dalla sensazione di fallimento. Stringendo lo stantuffo della siringa per assicurarsi che il contenuto si trovi nella cavità pleurica. Dopodiché, l'ago viene rimosso e in questo punto viene praticata un'incisione cutanea lunga fino a 1 cm.

    L'ulteriore inserimento del tubo di drenaggio nella cavità pleurica può essere eseguito attraverso un trocar o con un morsetto (Fig. 13.17).

    Fig. 13.17. Introduzione del drenaggio nella cavità pleurica attraverso il trocar (a) e usando il morsetto (b)

    Se viene utilizzato un trocar, esso viene inserito nella cavità pleurica attraverso un'incisione precedentemente eseguita con movimenti rotazionali (fino a quando appare una sensazione di cedimento). Quindi il residuo viene rimosso e un tubo di drenaggio bloccato nella cavità pleurica viene inserito nella cavità pleurica attraverso la guaina del trocar (Fig. 13.18).

    Fig. 13.18. Trocar per il drenaggio della cavità pleurica

    Questo viene fatto rapidamente, in modo che il minimo possibile di aria entri nella cavità pleurica, che porta al collasso del polmone. Il drenaggio è preparato in anticipo. La fine del drenaggio, inteso per l'introduzione nella cavità pleurica, tagliata obliquamente. 2-3 cm da esso sono 2-3 fori laterali. 4-10 cm sopra l'orifizio laterale superiore, che dipende dallo spessore del torace ed è determinato durante la puntura pleurica, una legatura è strettamente legata attorno al drenaggio. Questo viene fatto per controllare la posizione del drenaggio in modo che la sua ultima apertura si trovi nella cavità pleurica e il drenaggio non si piega. Dopo aver rimosso il rivestimento, il tubo viene stretto delicatamente dalla cavità pleurica fino a quando non appare una legatura di controllo.

    Attorno al tubo impone una cucitura a forma di U, sigillando la cavità pleurica. La cucitura è legata con un fiocco sulle palle (Fig. 13.19). Il tubo è fissato alla pelle con 1-2 punti di sutura. Prestare attenzione alla tenuta delle giunture intorno al tubo - dovrebbe essere strettamente coperto con tessuti molli, non lasciando entrare aria quando si tossisce e si tende.

    Fig. 13.19. Fissazione alla pelle del tubo che drena la cavità pleurica

    L'introduzione del morsetto del tubo di drenaggio può essere eseguita in diversi modi.

    Un metodo prevede il controllo con le dita della penetrazione nella cavità pleurica. Per fare ciò, in anestesia locale nello spazio intercostale (un bordo sotto il sito di drenaggio previsto), viene praticata un'incisione della pelle lunga fino a 2 cm. Gli imballatori lunghi con rami chiusi sopra la costola soprastante penetrano nella cavità pleurica. Le ganasce della pinza si aprono delicatamente, espandono il canale sottocutaneo. Il morsetto viene quindi rimosso e un dito in un guanto sterile viene inserito nel canale. Le esistenti aderenze tra polmone e pleura sono recise, se ci sono coaguli di sangue, vengono rimosse. Assicurano che la cavità pleurica penetri attraverso la sensazione di un gonfiore dei polmoni durante l'inalazione. Un tubo di drenaggio viene inserito nella cavità pleurica. La cavità pleurica è sigillata, come quando la si scarica con un trocar (Fig. 13.20).

    Fig. 13.20. Drenaggio della cavità pleurica con penetrazione del controllo delle dita in esso

    In un altro metodo, il drenaggio viene inserito nella cavità pleurica alla cieca. Tuttavia, la probabilità di danni ai polmoni è improbabile, poiché il drenaggio è installato nella cavità in cui non è presente tessuto polmonare (il polmone è nascosto). In questo metodo, un tubo di drenaggio viene inserito attraverso l'incisione della pelle e del tessuto sottocutaneo nella cavità pleurica, fissata con la punta del morsetto con ganasce affilate. Dopo aver avvertito un senso di cedimento, il morsetto si apre leggermente e il drenaggio con l'altra mano viene spinto fino alla profondità richiesta (segno di riferimento). Il morsetto viene quindi chiuso e rimosso con cura, mantenendo il tubo al livello richiesto (Fig. 13.17-b).

    Dopo l'introduzione e la sigillatura del drenaggio, l'essudato pleurico viene pompato attraverso di esso con una siringa. All'estremità esterna del tubo di drenaggio, una valvola di sicurezza è fissata - un dito da un guanto di gomma con una fessura lunga 1,5-2 cm (Fig. 13.21).

    Questa valvola a guanti è completamente immersa in una lattina - una collezione con una soluzione antisettica (furatsilin, rivanol). Il tubo è fissato al banco in modo tale che la valvola non compaia e sia sempre in soluzione. La valvola protegge contro l'ingresso di aria e il contenuto della raccolta può nella cavità pleurica. Durante l'inalazione, a causa della pressione negativa nella cavità pleurica, i bordi cadenti della valvola impediranno alla soluzione di risucchiarla. Quando espiri, il contenuto della cavità pleurica scorrerà senza ostacoli attraverso la valvola nel contenitore per raccogliere la scarica (Fig. 13.22).

    Fig. 13.22. La posizione della valvola nel contenitore di raccolta durante il drenaggio della cavità pleurica secondo Bulau

    La parte esterna del sistema di drenaggio deve essere di lunghezza sufficiente in modo che quando la posizione del corpo del paziente viene cambiata, il drenaggio non venga rimosso dalla fiala con un antisettico. In effetti, il drenaggio funziona se la banca di raccolta si trova a 50 cm sotto la superficie del corpo del paziente.

    Prima di rimuovere il tubo di drenaggio, la giuntura a forma di U è slegata, al paziente viene chiesto di trattenere il respiro, la cucitura a forma di U viene rimossa e riaggiustata in questo momento, ma già completamente a 3 nodi e senza palla.

    Quando si prende in carico il drenaggio pleurico secondo Buhl, è necessario assicurarsi che non vi sia alcuna violazione della sua tenuta. Cause di depressurizzazione della cavità pleurica possono essere: perdita parziale del tubo di drenaggio prima della comparsa di uno dei fori laterali sopra la pelle, violazione dell'integrità del tubo, estrazione della valvola a guanti con la sua posizione al di sopra del livello della soluzione antisettica nella bottiglia, rottura della giuntura a forma di U.

    Nel pneumotorace, la cavità pleurica viene drenata nel secondo spazio intercostale lungo la linea clavicolare centrale. Questo viene fatto con un ago spesso attraverso il quale viene inserito un tubo di drenaggio con un diametro di 2-3 mm attraverso il lume. Quando l'aria si accumula costantemente, un tubo viene inserito attraverso il trocar fino a 5 mm di diametro.

    Il drenaggio passivo può essere combinato con il lavaggio periodico (frazionato) della cavità pleurica. È più efficace farlo in presenza di due scarichi: attraverso, più sottile, viene introdotto un liquido di lavaggio, attraverso un altro, di diametro più ampio, scorre. Il lavaggio può essere eseguito con una siringa o con una connessione di sistema IV. La quantità di soluzione somministrata una volta dipende dal volume della cavità.

    Data di inserimento: 2014-12-14; Visualizzazioni: 15286; LAVORO DI SCRITTURA DELL'ORDINE

    Drenaggio della cavità pleurica (drenaggio pleurico)

    Drenaggio della cavità pleurica o chirurgia toracocentesi è una procedura medica che viene eseguita perforando la parete toracica e rimuovendo l'aria o contenuti patologici dalla cavità pleurica. Questo metodo di trattamento è usato per complicate malattie polmonari e della pleura.

    Le cavità pleuriche sono spazi simili a fessure delimitati da foglie della pleura parietale (parete) e viscerale (organo). La base della toracocentesi è una puntura della cavità pleurica, che ha non solo un significato medico, ma anche un significato diagnostico. Durante la procedura, l'aria accumulata, l'essudato e il sangue vengono aspirati.

    Indicazioni per il drenaggio pleurico

    La puntura della parete toracica con la successiva aspirazione del contenuto della cavità pleurica è una manipolazione invasiva, che è associata al probabile sviluppo di complicanze, quindi la sua implementazione dovrebbe essere strettamente giustificata. Le indicazioni per il drenaggio pleurico sono le seguenti condizioni patologiche:

    • pneumotorace (riempiendo la cavità con aria);
    • gemotorace (accumulo di sangue);
    • empiema della pleura (essudato purulento nel seno pleurico);
    • ascesso polmonare (limitato accumulo di pus nel tessuto polmonare).

    La causa più comune della necessità di toracocentesi è lo pneumotorace. Nella pratica clinica, isolati (primari, secondari), traumatici (trauma toracico penetrante o contusivo) e iatrogeni (durante manipolazioni mediche diagnostiche o terapeutiche) sono isolati. Uno pneumotorace teso si sviluppa con un grande volume d'aria nella cavità ed è un'indicazione assoluta per la puntura pleurica seguita dal drenaggio.

    Attrezzatura richiesta

    L'installazione del drenaggio pleurico viene effettuata nella sala procedurale dell'ospedale chirurgico, unità di terapia intensiva e terapia intensiva. Se il paziente non è trasportabile, la manipolazione viene effettuata dove si trova. Attrezzatura necessaria per la toracentesi:

    • set di vestiti sterili per il dottore e l'assistente (berretto, maschera, occhiali, guanti);
    • materiale sterile monouso (tovaglioli, pannolini);
    • forbici;
    • un bisturi;
    • trequarti;
    • morsetto emostatico;
    • tubo di drenaggio;
    • siringhe;
    • materiale di sutura, aghi;
    • cerotto adesivo;
    • sistema di drenaggio sotto vuoto;
    • soluzione anestetica locale;
    • antisettico.

    Anestesisti, reanimatologi, chirurghi e neonatologi possono condurre la manipolazione. Gli strumenti necessari sono collocati in un vassoio sterile o su un tavolo operatorio. Inoltre, potresti aver bisogno di tubi in cui l'aspirato dalla cavità è posto per l'analisi.

    Nota: con pneumotorace valvolare, il drenaggio viene effettuato in quelle condizioni e con gli strumenti disponibili al momento della diagnosi. Il conto continua per minuti, quindi i requisiti per la sterilità e le attrezzature possono essere trascurati. L'opzione più semplice: forare il petto con un coltello con l'installazione nell'incisione di un puntone adatto. Successivamente, il paziente viene portato urgentemente all'ospedale chirurgico.

    Tecnica di

    Inizialmente, il sito di puntura (puntura) viene determinato sulla base di metodi di esame manuale (percussione, auscultazione), radiografia e ultrasuoni. Successivamente, determinare la posizione (seduta, sdraiata) del paziente, a seconda delle sue condizioni. La tecnica della toracentesi consiste nei seguenti passaggi:

    1. Trattamento antisettico del sito di incisione.
    2. Infiltrazione di strato della pelle e del tessuto sottostante con una soluzione anestetica (Novocaina, Lidocaina).
    3. L'incisione della pelle e la separazione dei tessuti molli fino alle costole in modo netto.
    4. L'introduzione del trocar nella cavità toracica (sentita dal fallimento).
    5. Rimuovere lo stiletto e installare il tubo di scarico.
    6. Fissaggio del sistema con punti o nastro adesivo.
    7. Controllo a raggi X.
    8. Sutura.
    9. Evacuazione dei contenuti per ottenere una pressione negativa.
    10. Collegamento di un aspiratore a vuoto.

    Per rimuovere il liquido dalla cavità pleurica, una puntura viene effettuata nel 7-9 ° spazio intercostale lungo la linea scapolare o ascellare (posteriore). La puntura avviene rigorosamente lungo il bordo costale superiore in modo da non danneggiare il fascio neurovascolare.

    Bulau drenaggio pleurico

    Con un grande accumulo di aria o pus nella cavità pleurica, una delle opzioni per rimuovere il contenuto è l'aspirazione passiva di Bulau. Questo metodo si basa sul principio dei vasi comunicanti. Il fluido o l'aria attraverso il drenaggio passa passivamente nel serbatoio, situato al di sotto del piano del polmone. La valvola all'estremità del tubo impedisce il flusso inverso di sostanze.

    Per evacuare l'aria, la toracocentesi viene eseguita nel secondo spazio intercostale lungo la linea ascellare ascellare o medioclavicolare (a destra) e per rimuovere l'essudato nella parte inferiore del torace. Se necessario, il tubo di drenaggio viene esteso attraverso l'adattatore. Una valvola in guanto di gomma sterile è montata all'estremità esterna. È possibile utilizzare due varianti di valvole: un semplice taglio della punta del "dito" e con un distanziale. Questa estremità del tubo viene abbassata in un contenitore con una soluzione antisettica.

    Questa tecnica è più spesso utilizzata nel trattamento del pneumotorace se non è attivo un sistema di aspirazione del vuoto elettrico in cui la pressione e, di conseguenza, il tasso di evacuazione del contenuto della cavità pleurica sono regolati. Con abbondante e denso essudato, il sistema di drenaggio diventa rapidamente intasato dal pus e diventa inutilizzabile.

    Il drenaggio con pneumotorace è indicato con un grande accumulo di aria nella cavità (più di ¼ di volume), spostamento mediastinico. Se il paziente è sdraiato, la puntura viene eseguita nel 5-6 ° spazio intercostale. La posizione del paziente su un lato sano, la mano opposta viene ributtata dietro la testa. La toracocentesi viene eseguita sulla linea media ascellare. Quando si è seduti, la puntura viene eseguita nella parte superiore del torace.

    In condizioni asettiche, la toracentesi viene eseguita in anestesia locale e un tubo di drenaggio viene inserito nella cavità pleurica. La sua estremità esterna è collegata a un sistema di aspirazione attivo o passivo. L'aspetto delle bolle nel liquido dell'aspiratore indica il flusso di aria attraverso lo scarico. Con la rimozione attiva della pressione dell'aria è impostata su 5-10 mm di acqua. Art. Questo scarterà rapidamente il polmone precaricato.

    Possibili complicazioni dopo il drenaggio

    Lo sviluppo di complicanze dipende dall'esperienza dello specialista nello svolgimento di questa procedura, dalla correttezza nel determinare l'area del focus patologico (con essudato, ascesso), dalle caratteristiche anatomiche e dall'età del paziente, dalla presenza di patologia concomitante. Tra le possibili complicazioni del drenaggio ci sono:

    • danno polmonare;
    • danno ai vasi sanguigni e alle fibre nervose;
    • puntura del diaframma;
    • ferimento degli organi addominali (fegato, intestino, reni);
    • infezione della cavità pleurica e area di puntura;
    • peritonite;
    • sanguinamento.

    Le ragioni per il drenaggio non riuscito possono essere la posizione errata dell'ago di puntura o trocar sopra il livello del liquido, la penetrazione nel tessuto polmonare, il coagulo di fibrina, la penetrazione nella cavità addominale.

    Rimozione del drenaggio pleurico

    Il drenaggio pleurico viene rimosso dopo che è stata ottenuta la risoluzione del processo patologico. Un giorno prima della sua estrazione, il drenaggio viene bloccato e le condizioni del paziente vengono monitorate. In assenza di cambiamenti patologici, il drenaggio viene rimosso.

    Il primo passo è rimuovere la benda di fissazione e il dispositivo di fissaggio del tubo di drenaggio, che viene accuratamente rimosso dalla cavità pleurica. Nei pazienti adulti, questo movimento viene eseguito con la trattenuta del respiro (i polmoni sono raddrizzati). Il sito di puntura viene trattato con un antisettico e cucito, è possibile l'imposizione di strisce di serraggio. Una medicazione sterile viene applicata sopra.

    Drenaggio della cavità pleurica su bulau

    BULLAU DRAINAGE (G. Bulau, medico tedesco, 1835-1900, Syn. Sifone drenaggio sott'acqua) è un metodo per rimuovere il fluido e l'aria dalla cavità pleurica. Descritto nel 1890 come metodo per il trattamento dell'empiama pleurico nei bambini. Per l'introduzione nella cavità toracica del tubo di drenaggio Bulau usava il trocar. H.N. Petrov suggerì di installare una valvola all'estremità del drenaggio per prevenire l'aspirazione accidentale dell'aria atmosferica nella cavità toracica.

    A partire dagli anni '60, il B. d ha un uso limitato, poiché con la congestione nella cavità pleurica dell'essudato, la sua costante aspirazione con l'aiuto dei sistemi a vuoto è più efficace (vedi Drenaggio dell'aspirazione). Pertanto, il drenaggio del sifone viene solitamente mostrato come un evento temporaneo o forzato. In chirurgia polmonare, B. d. Viene utilizzato dopo la pneumonectomia. Questo metodo può essere utilizzato anche con pneumotorace teso (spontaneo o traumatico) (Fig.).

    attrezzatura

    Nell'area del drenaggio previsto in anestesia locale, viene eseguita una puntura pleurica. In caso di empiema totale, l'ottavo spazio intercostale lungo la linea ascellare posteriore è il punto più conveniente. Dopo aver ricevuto il liquido durante la puntura, l'ago viene rimosso, viene praticata una piccola incisione cutanea e la parete toracica viene perforata con un trocar. Lo stiletto viene rimosso, un tubo di drenaggio con diversi orifizi laterali viene inserito attraverso la cannula del trocar nella cavità pleurica ad una profondità di 4-10 cm. Il trocar viene rimosso, il drenaggio viene fissato sulla pelle con 1-2 cuciture. L'essudato pleurico viene aspirato con una siringa e quindi l'estremità periferica del tubo viene posta insieme alla valvola di sicurezza in un recipiente con liquido antisettico. Nei casi in cui la cavità pleurica viene drenata per rimuovere l'aria, un luogo tipico per l'inserimento del tubo è il secondo spazio intercostale nella linea medio-clavicola.

    Il metodo di drenaggio Bulau presenta diversi svantaggi, il principale dei quali è lo svuotamento lento e passivo della cavità pleurica dall'essudato. Il pus e la fibrina spesso ostruiscono facilmente il tubo di drenaggio. La presenza di una camera di equilibrio nel drenaggio può interferire con il suo funzionamento. Con la presenza a lungo termine di drenaggio nella cavità toracica, specialmente nei bambini, attorno ad esso spesso c'è un'infiammazione flemma- nica della parete toracica. In caso di spazi intercostali stretti, il tubo può essere incagliato tra le costole.

    Indicazioni per il drenaggio della cavità pleurica

    Il drenaggio della cavità pleurica è una procedura medica in cui la cavità pleurica viene perforata con un tubo speciale inserito attraverso una piccola incisione. Molto spesso, il drenaggio viene utilizzato come primo soccorso per le lesioni di una cellula difficile, ma può anche essere eseguito dopo operazioni ai polmoni. Si consiglia di lasciare il drenaggio nella cavità pleurica solo se la fuoriuscita di aria o fluido continua dalla cavità. Il rischio di unire l'infezione aumenta con una lunga permanenza del tubo nella cavità pleurica. Per gli scopi profilattici, gli antibiotici di solito non sono prescritti.

    testimonianza

    Il drenaggio pleurico è indicato se c'è eccessivo accumulo di aria o liquido nei polmoni. Per varie ragioni, sangue, pus o essudato possono accumularsi nell'area pleurica. Tale manipolazione è necessaria dopo l'intervento chirurgico sui polmoni o sugli organi adiacenti. È obbligatorio eseguirlo con pneumotorace diagnosticato. Il drenaggio è necessario per la pleurite purulenta, l'emotorace e l'idrotorace. Pre-paziente sottoposto ad ecografia del torace.

    Per eseguire il drenaggio secondo Bulau, è necessario preparare strumenti e materiali speciali:

    • Guanti sterili e varie medicazioni.
    • Siringa monouso e farmaco per l'anestesia.
    • Bisturi sterili e filamenti avvolti.
    • Clip di diverse dimensioni, porta-aghi e forbici.
    • Tubi di drenaggio
    • Capacità con acqua isotonica.

    Un set di strumenti medici è preparato dal medico in anticipo. Tutto deve essere sterile. I fili di seta sono presi per cucire.

    Per il drenaggio pleurico, è consigliabile utilizzare cateteri di tipo Seldinger, soprattutto se al paziente viene diagnosticato un pneumotorace.

    Modalità di attuazione

    L'essenza della tecnica ricorda il drenaggio a sifone. Quando l'aria si accumula nella cavità pleurica, viene inserito un tubo nel punto più alto, solitamente lo spazio tra la prima e la seconda costola. Se vi è un grande accumulo di sangue o di pus nei polmoni, il tubo viene posizionato molto più in basso, tra la 5a e la 7a costola.

    Con una tale tecnica di drenaggio, vengono utilizzate contemporaneamente due apparecchiature. Un catetere viene utilizzato per la scarica dalla cavità dell'aria e il secondo per la scarica del fluido. C'è un'altra opzione per la procedura. In questo caso, un liquido di risciacquo viene fornito attraverso un tubo e viene pompato attraverso il secondo. Inizialmente, il medico fa una puntura della cavità pleurica. Questa operazione aiuta a rivelare la natura del contenuto.

    Il drenaggio della cavità pleurica viene sempre eseguito solo dopo aver chiarito la diagnosi!

    Come prendere una puntura

    Il paziente è comodamente seduto sulla toletta. Le gambe del paziente devono essere appese al tavolo e appoggiate su un supporto speciale. Su un lato del paziente, un piccolo sgabello è posto sul tavolo, sul quale mettono un cuscino e lo coprono con un lenzuolo - questo sarà l'enfasi per il paziente. Il paziente, che si trova sul lato della puntura, getta il paziente sulla spalla opposta. Per comodità dell'operazione, un assistente dovrebbe assistere il medico.

    Il medico deve prima indossare un camice sterile e una maschera. Dopo questo, il sito di puntura viene trattato con un antisettico, come per l'operazione abituale, ed è tagliato con un analgesico. Va notato che non solo la pelle, ma anche i muscoli, così come il tessuto sottocutaneo sono soggetti a trattamento. Dopo l'introduzione dell'anestesia, la siringa usata è in ritardo. Il medico ne prende uno nuovo e esegue una puntura della cavità pleurica. La puntura fa un piccolo margine superiore delle costole selezionate.

    Se il medico sentiva il fallimento, allora l'ago penetrava come prescritto. La manipolazione dovrebbe essere fatta molto attentamente, in quanto vi è una possibilità di danneggiare l'arteria. Successivamente, il medico deve assicurarsi che ci sia davvero qualcosa nella regione pleurica. Per fare questo, è sufficiente tirare il pistone della siringa verso di sé, come quando si recluta una soluzione da un'ampolla.

    Durante la procedura e la procedura, la cavità viene controllata anche per verificare la presenza di aria. Per fare ciò, l'ago è collegato al manometro, se la pressione interna è inferiore a quella atmosferica, allora è tutto a posto. Se durante la procedura si trova liquido o aria nella cavità pleurica, è necessario il drenaggio. Viene eseguito in conformità con tutte le regole asettiche.

    Dopo aver prelevato la puntura dalla regione pleurica, il sito di puntura viene macchiato con un antisettico e sigillato con un cerotto.

    Come viene eseguito il drenaggio

    Il drenaggio polmonare è una procedura per rimuovere il fluido e l'aria in eccesso dalla cavità polmonare. Se durante la puntura è stata confermata la presenza di liquido, eseguire una semplice operazione, il cosiddetto drenaggio della cavità pleurica secondo Bulau.

    L'area dell'incisione desiderata viene preparata come prima dell'operazione standard. Quindi fai un taglio non più largo di un centimetro. Quindi il dottore prende il trocar e lo fa ruotare nell'incisione fino a quando appare una sensazione di fallimento. Dopodiché, lo stiletto viene rimosso e un tubo viene spinto attraverso il manicotto del trocar, che viene bloccato con una clip speciale.

    Il medico deve eseguire tutte le operazioni molto rapidamente in modo che molta aria non penetri nella regione pleurica. Tutti gli strumenti, compresi i tubi di drenaggio, devono essere preparati in anticipo. Il tubulo viene inserito nella parte tagliata. Diversi fori dovrebbero essere fatti ai lati dello scarico. Quando il drenaggio della cavità pleurica dell'ultima apertura laterale non deve entrare nella cavità pleurica.

    Dopo che il tubo è stato inserito alla profondità richiesta. Attorno ad esso, il tessuto viene suturato alla profondità desiderata. La cucitura assomiglia alla lettera P. La cannuccia deve essere ricoperta il più possibile dai tessuti in modo che l'aria non penetri. Dopo questo, il trocar viene rimosso, se dopo che un liquido è apparso nel tubo, significa che si può concludere che l'operazione è stata eseguita correttamente. Dopo questo, al sistema viene aggiunto un sistema di drenaggio Bulau. Tutti i composti sono sigillati ermeticamente con un cerotto sterile. Il set per un tale drenaggio include un sistema a tre canali, aiuta a fare pressione negativa nella cavità pleurica. Allo stesso modo, viene eseguito il drenaggio posturale dei bronchi.

    Dopo che gli antidolorifici cessano il loro effetto terapeutico, il medico prescrive altri analgesici.

    Rimozione del drenaggio

    Se il drenaggio non è più necessario, allora viene rimosso, i tubi non vengono pizzicati. Le cuciture si indeboliscono leggermente. Ma i fili non vengono rimossi, quindi verranno utilizzati per la successiva cucitura della ferita. Il tubo di drenaggio viene rimosso con cura, mentre il paziente è in qualche modo senza fiato. Dopo questa manipolazione, le suture vengono serrate e viene applicata una medicazione sterile.

    Il drenaggio della cavità pleurica viene effettuato con cautela a persone che hanno problemi di coagulazione del sangue.

    Possibili complicazioni

    Nel caso in cui la pleura sia molto spessa, potrebbero esserci problemi con l'introduzione del tubo. Occasionalmente, vi è un accumulo di sangue nella cavità pleurica. I prodotti gelatinosi possono accumularsi nella cavità. Quale intaserà i tubi e interromperà il drenaggio.

    Un grande pericolo può derivare da un grave sanguinamento dalla ferita. A volte il paziente avverte un forte dolore durante l'esecuzione del drenaggio.

    Il drenaggio della cavità pleurica secondo Bulau deve essere eseguito da uno specialista esperto. Per questa manipolazione prendi una serie di strumenti medici sterili. Prima di impostare il drenaggio, è necessaria una puntura per determinare il contenuto della cavità pleurica. Durante la procedura, vengono osservate tutte le regole asettiche, altrimenti potrebbero esserci gravi complicanze.