Cos'è la broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO)?

La broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) è una malattia polmonare in cui una persona ha difficoltà a respirare. Ciò è dovuto a danni ai polmoni nel corso degli anni, di solito causati dal fumo.

La broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) è una malattia polmonare in cui una persona ha difficoltà a respirare. Ciò è dovuto a danni ai polmoni nel corso degli anni, di solito causati dal fumo.

La BPCO è spesso una combinazione di due malattie:

  1. Bronchite cronica Nella bronchite cronica, le vie aeree attraverso cui l'aria entra nei polmoni (bronchi) sono in uno stato di infiammazione, con un sacco di muco costantemente prodotto. Le pareti dei bronchi sono ispessite, che può essere la causa del restringimento del lume (ostruzione) delle vie respiratorie. In questo stato, è estremamente difficile per una persona respirare.
  2. Enfisema. Nell'enfisema dei polmoni, le pareti degli alveoli sono danneggiate e perdono la loro elasticità. Di conseguenza, l'area utile dei polmoni per lo scambio di gas (ossigeno e anidride carbonica) tra il sangue e l'aria inalata è ridotta. Il risultato di insufficiente apporto di ossigeno al sangue è la mancanza di respiro, che la persona sente come una mancanza d'aria.

Nel tempo, la BPCO tende a diventare più difficile. Una volta iniziato il processo di danno ai tessuti polmonari, è impossibile fermarlo. Ma puoi prendere misure per rallentare il processo di distruzione degli alveoli nei polmoni e per migliorare il benessere di una persona che soffre di BPCO.

Qual è la causa della BPCO?

Nella maggior parte dei casi, la BPCO è causata dal fumo. Nel corso degli anni, l'inalazione del fumo di tabacco irrita le vie aeree e distrugge le fibre elastiche negli alveoli dei polmoni. Anche il fumo passivo è molto dannoso. Altri fattori che possono causare BPCO includono l'inalazione di vapori chimici, polvere e aria inquinata per un lungo periodo di tempo. Di solito, il processo di distruzione del tessuto polmonare richiede molti anni, prima che compaiano i primi sintomi della malattia, quindi la BPCO è più comune tra le persone con più di 60 anni.

Inoltre, la probabilità di sviluppare BPCO è aumentata se una persona ha avuto molte gravi malattie polmonari infettive durante la sua vita, ma è particolarmente importante se queste malattie si sono verificate durante l'infanzia. Individui con diagnosi di enfisema polmonare all'età di 30 o 40 anni possono avere un'anomalia ereditaria della proteina alfa-1-antitripsina. Ma, fortunatamente, questa patologia è rara.

Principali sintomi della BPCO

  • Tosse lunga (cronica).
  • Espettorato che appare quando si tossisce.
  • Mancanza di respiro, che aumenta con lo sforzo fisico.

Cosa sta succedendo

Nel tempo, la BPCO progredisce e la dispnea in una persona appare anche con un leggero sforzo fisico. Diventa più difficile per il paziente mangiare o fare semplici esercizi fisici. In questo caso, la respirazione richiede un notevole dispendio di energia. I pazienti con BPCO spesso perdono peso e diventano molto più deboli nelle abilità fisiche.

A un certo punto, i sintomi della BPCO possono improvvisamente intensificarsi, portando a un deterioramento della salute fisica. Questo è chiamato un esacerbazione della BPCO. Le esacerbazioni della BPCO possono variare da un grado minore a condizioni potenzialmente letali. Più lunga è la durata della BPCO, più difficili saranno tali epidemie.

Come viene diagnosticata la BPCO?

Per scoprire se una persona ha la BPCO, è necessario consultare un pneumologo (un medico dei polmoni) che effettuerà un esame fisico e ascolterà i polmoni.

Farà quindi domande sulle malattie sofferte in passato. Chiedi se fumi o sei in contatto con altre sostanze chimiche che possono irritare i tuoi polmoni.

Successivamente, il medico condurrà test per la valutazione funzionale della respirazione esterna (ad esempio la spirometria). I risultati della spirometria mostreranno quanto bene funzionano i polmoni.

Un medico può ordinare una radiografia del torace e altri test per escludere altri problemi che potrebbero causare gli stessi sintomi.

È importante identificare la BPCO il prima possibile. Ciò prenderà provvedimenti per rallentare il danno ai polmoni.

Trattamento della BPCO

Il modo migliore per rallentare la progressione della BPCO è smettere di fumare! Questa è la cosa più importante e necessaria da fare. Indipendentemente dalla durata del fumo e dal grado di BPCO, smettere di fumare può rallentare in modo significativo la distruzione dei polmoni. Il medico prescriverà un trattamento che aiuterà ad alleviare i sintomi della malattia e migliorare il benessere, il che migliora significativamente la qualità della vita. I farmaci possono aiutare ad alleviare la respirazione, alleviare o ridurre la mancanza di respiro.

Nel trattamento della BPCO utilizzato:

  • farmaci broncodilatatori che causano l'espansione dei bronchi, principalmente a causa del rilassamento della muscolatura liscia delle loro pareti (fenoterolo, atrovent, salbutamolo),
  • i farmaci mucolitici portano alla diluizione del muco e facilitano la sua evacuazione dai bronchi (Bromhexine, Ambroxol)
  • gli antibiotici sono un componente necessario della terapia farmacologica per l'esacerbazione della malattia (penicilline, cefalosporine)
  • inibitori di mediatori o recettori proinfiammatori che inibiscono l'attivazione di sostanze responsabili del processo infiammatorio (Erespal).
  • glucocorticosteroidi (prednisone), farmaci ormonali utilizzati nelle esacerbazioni della malattia, per il sollievo di un attacco di insufficienza respiratoria grave.

La maggior parte dei broncodilatatori viene prescritta sotto forma di inalazioni, che consente al medicinale di passare direttamente nei polmoni. È molto importante usare l'inalatore rigorosamente secondo le istruzioni del medico curante.

C'è un programma di riabilitazione per le malattie polmonari che ti aiuta a imparare come gestire le convulsioni. Gli specialisti in questo programma consigliano e addestrano i pazienti nella tecnica della respirazione corretta nella BPCO - al fine di facilitare la respirazione, mostrano quale esercizio può e deve essere fatto e come mangiare correttamente.

Con la progressione della malattia, potrebbe essere necessario per alcuni pazienti seguire corsi di ossigenoterapia.

Prevenzione delle malattie infettive delle vie respiratorie nella BPCO.

Un posto speciale è occupato dalla prevenzione delle malattie infettive delle vie respiratorie. Le persone con BPCO sono più suscettibili alle infezioni polmonari. Tali pazienti sono mostrati vaccinazione antinfluenzale annuale. Inoltre, l'uso del vaccino pneumococcico può ridurre la frequenza delle esacerbazioni della BPCO e lo sviluppo di polmonite acquisita in comunità, a questo proposito, la vaccinazione è raccomandata per i pazienti di età superiore ai 65 anni e per i pazienti con BPCO grave, indipendentemente dall'età. Se, tuttavia, un paziente con BPCO sviluppa polmonite, quindi nei pazienti vaccinati, la polmonite è molto più facile.

Mentre sei a casa, dovresti seguire alcune regole che aiuteranno a prevenire le esacerbazioni e la progressione della BPCO:

  • evitare il contatto con varie sostanze chimiche che possono irritare i polmoni (fumo, gas di scarico, aria inquinata). Inoltre, un attacco può provocare aria fredda o secca;
  • in casa è meglio usare l'aria condizionata o il filtro dell'aria;
  • durante la giornata lavorativa è necessario fare pause di riposo;
  • esercitare regolarmente per rimanere in forma il più a lungo possibile;
  • mangiare bene, in modo da non essere carente di sostanze nutritive. Se la perdita di peso si verifica ancora, quindi è necessario consultare un medico o un nutrizionista che aiuterà nella scelta di una dieta per ricostituire il dispendio energetico quotidiano del corpo.

Cos'altro dovresti sapere?

Con un aumento della gravità della BPCO, gli attacchi di asma diventano più frequenti e più gravi, mentre i sintomi aumentano rapidamente e restano più a lungo. È importante sapere cosa fare quando si verificano attacchi soffocanti. Il medico ti aiuterà a scegliere i farmaci che ti aiuteranno con tali attacchi. Ma in caso di attacchi molto gravi, potrebbe essere necessario chiamare una brigata di ambulanza. Il ricovero in un reparto di pneumologia specializzato è ottimale, ma se è assente o completo, il paziente può essere ricoverato in ospedale per fermare la riacutizzazione e prevenire le complicazioni della malattia.

In questi pazienti, depressione e ansia si manifestano spesso nel tempo a causa della consapevolezza della malattia, che sta peggiorando. Mancanza di respiro e difficoltà di respirazione contribuiscono anche all'ansia. In questi casi, dovresti assolutamente parlare con il tuo medico di quali tipi di trattamento puoi scegliere per alleviare i problemi respiratori durante gli attacchi di dispnea.

Prognosi per la BPCO

La malattia ha un corso progressivamente progressivo che porta alla disabilità. La prognosi per il recupero è sfavorevole. La valutazione della prognosi è caratterizzata dai seguenti parametri: la capacità di eliminare i fattori provocatori, l'aderenza al trattamento da parte del paziente, le condizioni socio-economiche.

Segni prognostici sfavorevoli: gravi malattie concomitanti, insufficienza cardiaca e respiratoria, pazienti anziani.

Malattia polmonare ostruttiva cronica (BPCO): cause, sintomi, trattamento

La broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) è una malattia progressiva dei bronchi e dei polmoni associata ad una maggiore risposta infiammatoria di questi organi all'azione di fattori nocivi (polveri e gas). È accompagnato da una violazione della ventilazione dei polmoni a causa del deterioramento della pervietà dei bronchi.

Nel concetto di BPCO, i medici comprendono la bronchite cronica e l'enfisema polmonare. La bronchite cronica viene diagnosticata mediante sintomi: la presenza di tosse con espettorato per almeno 3 mesi (non necessariamente in fila) negli ultimi 2 anni. Enfisema dei polmoni - il concetto di morfologico. Questa è un'estensione del tratto respiratorio oltre le sezioni terminali dei bronchi, associata alla distruzione delle pareti delle bolle respiratorie, degli alveoli. Nei pazienti con BPCO, queste due condizioni sono spesso combinate, il che determina le caratteristiche dei sintomi e il trattamento della malattia.

La prevalenza della malattia e la sua importanza socio-economica

La BPCO è riconosciuta come un problema mondiale di medicina. In alcuni paesi, ad esempio, in Cile, ogni quinto adulto soffre. Nel mondo, la prevalenza media della malattia tra le persone oltre i 40 anni è di circa il 10% e gli uomini sono ammalati più spesso delle donne.

In Russia, questi tassi di incidenza dipendono in larga misura dalla regione, ma in generale sono vicini ai livelli mondiali. La prevalenza della malattia aumenta con l'età. Inoltre, è quasi il doppio rispetto a coloro che vivono nelle zone rurali. Così, in Russia, ogni uomo di oltre 70 anni che vive in un villaggio soffre di BPCO.

Nel mondo, questa malattia è la quarta nella lista delle principali cause di morte. La mortalità per BPCO sta aumentando molto rapidamente, specialmente tra le donne. Fattori che aumentano il rischio di morire di questa malattia sono aumento di peso, broncospasmo grave, bassa resistenza, grave mancanza di respiro, frequenti esacerbazioni della malattia e ipertensione polmonare.

Grandi e costi per curare la malattia. La maggior parte di questi si verifica nel trattamento ospedaliero delle esacerbazioni. La terapia per la BPCO costa allo stato più del trattamento dell'asma bronchiale. Anche la frequente disabilità di questi pazienti, sia temporanei che permanenti (disabilità) è importante.

Cause e meccanismo di sviluppo

La causa principale della BPCO è il fumo, attivo e passivo. Il fumo di tabacco danneggia i bronchi e il tessuto polmonare stesso, provocando l'infiammazione. Solo il 10% dei casi di malattia associati all'influenza dei rischi professionali, inquinamento atmosferico permanente. Anche fattori genetici possono essere coinvolti nello sviluppo della malattia, causando il fallimento di alcune sostanze che proteggono la luce.

Fattori predisponenti allo sviluppo della malattia in futuro sono il basso peso corporeo alla nascita, così come le frequenti malattie respiratorie patite durante l'infanzia.

All'inizio della malattia, il trasporto mucociliare dell'espettorato viene interrotto, che cessa di essere rimosso nel tempo dal tratto respiratorio. Il muco ristagna nel lume dei bronchi, creando le condizioni per la riproduzione di microrganismi patogeni. Il corpo reagisce con una reazione difensiva - infiammazione, che diventa cronica. Le pareti dei bronchi sono impregnate di cellule immunocompetenti.

Le cellule immunitarie secernono molti mediatori dell'infiammazione, danneggiando i polmoni e innescando il "circolo vizioso" della malattia. L'ossidazione e la formazione di radicali liberi dell'ossigeno, danneggiando le pareti delle cellule polmonari, si sta intensificando. Di conseguenza, vengono distrutti.

La violazione della pervietà dei bronchi è associata a meccanismi reversibili e irreversibili. Reversibile comprendono spasmo dei muscoli dei bronchi, gonfiore delle mucose, aumento della secrezione di muco. Irreversibile causato da infiammazione cronica e accompagnato dallo sviluppo di tessuto connettivo nelle pareti dei bronchi, la formazione di enfisema (gonfiore dei polmoni, in cui perdono la capacità di ventilare adeguatamente).

Lo sviluppo di enfisema è accompagnato da una diminuzione dei vasi sanguigni, attraverso le cui pareti si verifica lo scambio di gas. Di conseguenza, la pressione nella rete vascolare dei polmoni aumenta - si verifica ipertensione polmonare. L'aumento della pressione crea un sovraccarico per il ventricolo destro che costringe il sangue ai polmoni. L'insufficienza cardiaca si sviluppa con la formazione di un cuore polmonare.

sintomi

La BPCO si sviluppa gradualmente e scorre a lungo senza manifestazioni esterne. I primi sintomi della malattia sono la tosse con espettorato leggero o mancanza di respiro, specialmente al mattino e frequenti raffreddori.

Tosse peggiore durante la stagione fredda. La dispnea aumenta gradualmente, apparendo prima con l'esercizio, poi con l'attività normale e poi a riposo. Si verifica circa 10 anni dopo la tosse.

Esacerbazioni periodiche si verificano, che dura diversi giorni. Sono accompagnati da tosse aumentata, mancanza di respiro, comparsa di respiro sibilante, dolore pressorio al petto. Ridotta tolleranza all'esercizio.

La quantità di espettorato aumenta o diminuisce bruscamente, il suo colore, la viscosità cambia, diventa purulenta. La frequenza delle esacerbazioni è direttamente correlata all'aspettativa di vita. Le esacerbazioni della malattia sono più comuni nelle donne e riducono notevolmente la loro qualità di vita.

A volte è possibile soddisfare la divisione dei pazienti in base al tratto predominante. Se la clinica è importante infiammazione dei bronchi, in questi pazienti prevale la tosse, la mancanza di ossigeno nel sangue, causando una tinta blu delle mani, delle labbra e poi dell'intera pelle (cianosi). L'insufficienza cardiaca si sta sviluppando rapidamente con la formazione di edema.

Se l'enfisema è più importante, si manifesta con una grave mancanza di respiro, quindi di solito non c'è cianosi e tosse o compaiono negli ultimi stadi della malattia. Questi pazienti sono caratterizzati da una progressiva perdita di peso.

In alcuni casi, esiste una combinazione di BPCO e asma bronchiale. In questo caso, il quadro clinico acquisisce le caratteristiche di entrambe queste malattie.

Differenze tra BPCO e asma bronchiale

Nella BPCO sono registrati una varietà di sintomi extrapolmonari associati a un processo infiammatorio cronico:

diagnostica

La diagnosi di BPCO si basa sui seguenti principi:

  • conferma del fatto di fumare, attivo o passivo;
  • ricerca obiettiva (ispezione);
  • conferma strumentale.

Il problema è che molti fumatori negano la loro malattia, considerando tosse o mancanza di respiro a causa di una cattiva abitudine. Spesso cercano aiuto anche nei casi avanzati quando diventano disabili. È già impossibile curare una malattia o rallentarne la progressione in questo momento.

Nelle prime fasi della malattia, un esame esterno non rivela cambiamenti. In futuro, viene determinata l'espirazione attraverso le labbra chiuse, il torace della canna, la partecipazione alla respirazione di ulteriori muscoli, l'inalazione dell'addome e gli spazi intercostali inferiori durante l'inalazione.

Durante l'auscultazione, il respiro sibilante secco è determinato, con il suono a percussione.

Dai metodi di laboratorio, è richiesto un esame emocromocitometrico completo. Ci possono essere segni di infiammazione, anemia o coaguli di sangue.

L'esame citologico dell'espettorato consente di escludere una neoplasia maligna, oltre a valutare l'infiammazione. Per la selezione degli antibiotici è possibile utilizzare la coltura dell'espettorato (esame microbiologico) o analizzare il contenuto bronchiale, che si ottiene con la broncoscopia.
Viene eseguita una radiografia del torace, che consente di escludere altre malattie (polmonite, cancro ai polmoni). Con la stessa broncoscopia prescritta. L'elettrocardiografia e l'ecocardiografia sono utilizzate per valutare l'ipertensione polmonare.

Il metodo principale per diagnosticare la BPCO e valutare l'efficacia del trattamento è la spirometria. Viene effettuato da solo, e quindi dopo l'inalazione di broncodilatatori, come il salbutamolo. Tale studio aiuta a identificare l'ostruzione bronchiale (riduzione delle vie aeree) e la sua reversibilità, cioè la capacità dei bronchi di tornare alla normalità dopo l'uso di droghe. Nella BPCO, si osserva spesso un'ostruzione bronchiale irreversibile.

Con una diagnosi già confermata di BPCO, la misurazione del flusso di picco può essere utilizzata per controllare il decorso della malattia con la determinazione del picco del flusso espiratorio.

trattamento

L'unico modo per ridurre il rischio di una malattia o rallentarne lo sviluppo è smettere di fumare. Non fumare con i bambini!

Prestare attenzione alla purezza dell'aria circostante, protezione respiratoria quando si lavora in condizioni pericolose.

Il trattamento farmacologico si basa sull'uso di farmaci che espandono i bronchi - broncodilatatori. Sono usati principalmente per inalazione. I mezzi combinati più efficaci.

Il medico può prescrivere i seguenti gruppi di farmaci, a seconda della gravità della malattia:

  • M-holinoblockers a breve durata d'azione (ipratropio bromuro);
  • M-holinoblokatory long-acting (tiotropium bromuro);
  • beta-adrenomimetici a lunga durata d'azione (salmeterolo, formoterolo);
  • beta-adrenomimetica a breve durata d'azione (salbutamolo, fenoterolo);
  • teofillina a lunga durata d'azione (theotard).

Con inalazione moderata e grave, può essere eseguita utilizzando un nebulizzatore. Inoltre, nebulizzatori e distanziatori sono spesso utili nelle persone anziane.

Inoltre, nei casi gravi della malattia, vengono prescritti glucocorticosteroidi per via inalatoria (budesonide, fluticasone), solitamente in combinazione con beta-adrenomimetici a lunga durata d'azione.

I mucolitici (diluenti per flemma) sono indicati solo per alcuni pazienti con muco denso e con scarsa tossicità. Per l'uso a lungo termine e la prevenzione delle esacerbazioni, si raccomanda solo l'acetilcisteina. Gli antibiotici sono prescritti solo nel periodo di malattia acuta.

In casi estremamente gravi, i pazienti ricevono ossigenoterapia costante, progettata per ridurre le manifestazioni di insufficienza respiratoria. In alcuni casi, viene eseguito un trapianto di polmone. A volte si eseguono anche operazioni palliative, ad esempio la rimozione di tori (vesciche) durante l'enfisema, che riduce la mancanza di respiro.

In qualsiasi stadio della malattia, gli esercizi di fisioterapia sono indicati per aumentare la tolleranza all'esercizio, riducendo la mancanza di respiro.

I pazienti con BPCO devono sempre essere vaccinati contro l'influenza, oltre a ricevere la vaccinazione contro lo pneumococco. Questa misura non solo previene l'esacerbazione della malattia, ma è in grado di salvare la vita del paziente in caso di una malattia infettiva, come la polmonite.

Quale dottore contattare

La malattia polmonare ostruttiva cronica viene curata da un terapista e il pneumologo consiglia il paziente in caso di esacerbazioni o fallimento del trattamento. Se si sviluppa una malattia concomitante, sarà necessario esaminare un cardiologo, un reumatologo, un neurologo e un ematologo.

BPCO - in dettaglio sulla malattia e il suo trattamento

La broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) è una malattia mortale. Il numero di morti all'anno in tutto il mondo raggiunge il 6% del numero totale di decessi.

Questa malattia, che si verifica con molti anni di danno polmonare, è attualmente considerata incurabile, la terapia può solo ridurre la frequenza e la gravità delle esacerbazioni e ridurre il livello di morti.
La BPCO (malattia polmonare ostruttiva cronica) è una malattia in cui il flusso d'aria è limitato nelle vie aeree, che è parzialmente reversibile. Questa ostruzione progredisce costantemente, riducendo il funzionamento dei polmoni e portando a insufficienza respiratoria cronica.

Chi è malato di BPCO

La BPCO (malattia polmonare ostruttiva cronica) si sviluppa principalmente in persone con molti anni di esperienza nel fumo. La malattia è diffusa in tutto il mondo, tra uomini e donne. Il più alto tasso di mortalità è nei paesi con un basso tenore di vita.
[wpmfc_short code = "immuniti"]

Origine della malattia

Con molti anni di irritazione dei polmoni con gas nocivi e microrganismi, l'infiammazione cronica si sviluppa gradualmente. Il risultato è un restringimento dei bronchi e la distruzione degli alveoli dei polmoni. Inoltre, tutte le vie aeree, i tessuti ei vasi sanguigni dei polmoni sono colpiti, portando a patologie irreversibili che causano una mancanza di ossigeno nel corpo. La BPCO (malattia polmonare ostruttiva cronica) si sviluppa lentamente, progredendo costantemente nel corso degli anni.

Le principali cause della malattia

  • Il fumo è la causa principale del 90% dei casi;
  • fattori professionali - lavoro in produzione pericolosa, inalazione di polvere contenente silicio e cadmio (minatori, costruttori, ferrovieri, lavoratori in metallurgici, cellulosa e carta, grano e imprese di lavorazione del cotone);
  • fattori ereditari - una rara carenza congenita di α1-antitripsina.
ai contenuti ↑

I principali sintomi della malattia

  • La tosse è il sintomo più antico e spesso sottovalutato. In primo luogo, la tosse è periodica, quindi diventa quotidiana, in rari casi appare solo di notte;
  • espettorato - appare nelle prime fasi della malattia sotto forma di una piccola quantità di muco, di solito al mattino. Con lo sviluppo della malattia, l'espettorato diventa purulento e sempre più abbondante;
  • mancanza di respiro - rilevato solo 10 anni dopo l'insorgenza della malattia. Inizialmente, si manifesta solo con gravi sforzi fisici. Inoltre, la sensazione di mancanza di aria si sviluppa con gesti minori, in seguito vi è grave insufficienza respiratoria progressiva.
ai contenuti ↑

Classificazione della BPCO


La malattia è classificata in base al grado di gravità:

Lieve - con disfunzione lievemente pronunciata dei polmoni. Appare un leggero colpo di tosse. In questa fase, la malattia viene diagnosticata molto raramente.

Gravità moderata: aumento dei disturbi ostruttivi nei polmoni. Appare mancanza di respiro con fisico. carichi. La malattia viene diagnosticata quando i pazienti sono trattati a causa di esacerbazioni e mancanza di respiro.

Pesante - vi è una significativa limitazione della presa d'aria. Le esacerbazioni frequenti iniziano, la mancanza di respiro aumenta.

Estremamente pesante - con grave ostruzione bronchiale. Lo stato di salute si sta deteriorando, gli aggravamenti diventano minacciosi, si sviluppa la disabilità.

Metodi diagnostici

Assunzione della storia - analisi dei fattori di rischio. I fumatori stimano l'indice del fumatore (IC): il numero di sigarette fumate giornalmente viene moltiplicato per il numero di anni di fumo e diviso per 20. IR maggiore di 10 indica lo sviluppo della BPCO.
La spirometria viene utilizzata per valutare la funzione polmonare. Mostra la quantità di aria durante l'inspirazione e l'espirazione e la velocità di entrata e di uscita dell'aria.

Test con broncodilatatore - mostra la probabilità di reversibilità del processo di restringimento del bronco.

Esame a raggi X: imposta la gravità dei cambiamenti polmonari. Viene anche eseguita la diagnosi di sarcoidosi polmonare.

Analisi dell'espettorato - per determinare i microbi nella esacerbazione e selezione di antibiotici.

Diagnosi differenziale

La BPCO è spesso differenziata dall'asma per la natura della mancanza di respiro. Nell'asma, la mancanza di respiro dopo lo sforzo fisico appare per qualche tempo, nella BPCO, immediatamente.

Se necessario, la BPCO è differenziata dai raggi x da insufficienza cardiaca, bronchiectasie.

Tosse e mancanza di respiro ti infastidiscono? Possono essere sintomi di una malattia pericolosa e contagiosa: la tubercolosi. Ottenere una diagnosi di tubercolosi per evitare la diffusione della malattia!

La maggior parte delle malattie gravi dell'apparato respiratorio inizia con la bronchite ordinaria. Puoi saperne di più su cosa è la bronchite qui.

Come trattare una malattia

Regole generali

  • Fumo - si ferma sempre per sempre. Con il fumo continuo, nessun trattamento per la BPCO sarà efficace;
  • l'uso di dispositivi di protezione individuale per l'apparato respiratorio, riducendo il più possibile il numero di fattori dannosi nell'area di lavoro;
  • razionale, buona nutrizione;
  • diminuzione del peso corporeo normale;
  • esercizio regolare (esercizi di respirazione, nuoto, camminata).

Trattamento farmacologico

Il suo obiettivo è ridurre la frequenza delle esacerbazioni e la gravità dei sintomi, per prevenire lo sviluppo di complicanze. Con il progredire della malattia, il volume del trattamento aumenta solo. I principali farmaci nel trattamento della BPCO:

  • I broncodilatatori sono i principali farmaci che stimolano l'espansione dei bronchi (atrovent, salmeterolo, salbutamolo, formoterolo). Preferibilmente somministrato per inalazione. I preparativi di azione corta sono usati quando è necessario, lungo - costantemente;
  • glucocorticoidi inalatori - usati per gradi gravi della malattia, con esacerbazioni (prednisone). In caso di insufficienza respiratoria grave, gli attacchi vengono bloccati dai glucocorticoidi sotto forma di compresse e iniezioni;
  • vaccini - la vaccinazione contro l'influenza può ridurre la mortalità in metà dei casi. Condurlo una volta a ottobre - inizio novembre;
  • mucolitici: assottigliare il muco e facilitarne l'eliminazione (carbocisteina, bromexina, ambroxolo, tripsina, chimotripsina). Utilizzato solo in pazienti con espettorato viscoso;
  • gli antibiotici sono utilizzati solo in caso di esacerbazione della malattia (possono essere utilizzate penicilline, cefalosporine, fluorochinoloni). Si applicano compresse, iniezioni, inalazioni;
  • Gli antiossidanti, in grado di ridurre la frequenza e la durata delle esacerbazioni, vengono utilizzati in corsi fino a sei mesi (N-acetilcisteina).

Trattamento chirurgico

  • Bullectomia - la rimozione di grandi tori può ridurre la mancanza di respiro e migliorare la funzionalità polmonare;
  • diminuzione del volume polmonare con l'intervento chirurgico - è in fase di studio. L'operazione consente di migliorare le condizioni fisiche del paziente e ridurre la percentuale di mortalità;
  • trapianto polmonare - migliora in modo efficace la qualità della vita, il funzionamento dei polmoni e le prestazioni fisiche del paziente. L'applicazione è ostacolata dal problema della selezione dei donatori e dal costo elevato dell'operazione.

Ossigenoterapia

L'ossigenoterapia viene effettuata per la correzione dell'insufficienza respiratoria: a breve termine - con esacerbazioni, a lungo termine - con il quarto grado di BPCO. Con un corso stabile prescritto ossigenoterapia continua a lungo termine (almeno 15 ore al giorno).

L'ossigenoterapia non viene mai prescritta ai pazienti che continuano a fumare o soffrono di alcolismo.

Trattamento di rimedi popolari

Infusi alle erbe Si preparano preparando un cucchiaio di raccolta con un bicchiere di acqua bollente, e ciascuno viene preso in 2 mesi:

√ 1 parte di salvia, 2 parti di camomilla e malva;

√ 1 parte di semi di lino, 2 parti di eucalipto, fiori di tiglio, camomilla;

√ 1 parte di camomilla, malva, trifoglio, bacche di anice, liquirizia e radici di althea, 3 parti di semi di lino.

  • Ravanello per infusione Barbabietole nere e barbabietole di medie dimensioni per grattugiare, mescolare e versare acqua bollente. Lasciare per 3 ore. Bere tre volte al giorno durante il mese, 50 ml.
  • Nettles. Radici di ortica macinare in poltiglia e mescolare con lo zucchero in un rapporto di 2: 3, insistono 6 ore. Lo sciroppo rimuove il catarro, allevia l'infiammazione e allevia la tosse.
  • latte:

√ Un bicchiere di latte per preparare un cucchiaio di Cetraria (muschio islandese), bere durante il giorno;

√ Bollire per 10 minuti in un litro di latte 6 cipolle tritate e uno spicchio d'aglio. Bere mezzo bicchiere dopo un pasto.

inalazione

√ decotti di erbe (menta, camomilla, aghi, origano);

√ cipolle;

√ oli essenziali (eucalipto, conifere);

√ patate lesse;

√ soluzione di sale marino

Metodi di prevenzione

primario

  • smettere di fumare - pieno e per sempre;
  • neutralizzazione dell'impatto di fattori ambientali nocivi (polveri, gas, vapori).

La polmonite frequente in un bambino può successivamente innescare lo sviluppo della BPCO. Pertanto, ogni madre dovrebbe sicuramente conoscere i segni della polmonite nei bambini!

Episodi di tosse ti tengono sveglio la notte? Potresti avere la tracheite. Puoi saperne di più su questa malattia in questa pagina.

  • esercizio fisico, regolare e misurato, mirato ai muscoli respiratori;
  • vaccinazione annuale contro i vaccini antinfluenzali e pneumococcici;
  • uso regolare di farmaci prescritti e controlli regolari presso il pneumologo;
  • uso corretto di inalatori.
ai contenuti ↑

prospettiva

La BPCO ha una prognosi condizionatamente sfavorevole. La malattia sta progredendo lentamente ma costantemente, portando alla disabilità. Il trattamento, anche il più attivo, può solo rallentare questo processo, ma non eliminare la patologia. Nella maggior parte dei casi, un trattamento per tutta la vita, con dosi di farmaci sempre più elevate.

La BPCO incurabile e mortale chiama semplicemente le persone a smettere di fumare per sempre. E per le persone a rischio, c'è un solo consiglio: se trovi segni di malattia in te stesso, contatta immediatamente un pneumologo. Dopo tutto, prima si rileva la malattia, minore è la probabilità di morte prematura.

Malattia polmonare ostruttiva cronica

La broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) è attualmente intesa come una malattia progressiva caratterizzata da una componente infiammatoria, una violazione della pervietà bronchiale a livello dei bronchi distali e cambiamenti strutturali nel tessuto polmonare e nei vasi. La malattia ostruttiva cronica oggi è isolata come malattia polmonare indipendente e si distingue da numerosi processi cronici dell'apparato respiratorio che si verificano con la sindrome ostruttiva (bronchite ostruttiva, enfisema polmonare secondario, asma bronchiale, ecc.).

Malattia polmonare ostruttiva cronica

La broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) è attualmente intesa come una malattia progressiva caratterizzata da una componente infiammatoria, una violazione della pervietà bronchiale a livello dei bronchi distali e cambiamenti strutturali nel tessuto polmonare e nei vasi. La malattia ostruttiva cronica oggi è isolata come malattia polmonare indipendente e si distingue da numerosi processi cronici dell'apparato respiratorio che si verificano con la sindrome ostruttiva (bronchite ostruttiva, enfisema polmonare secondario, asma bronchiale, ecc.).

Secondo dati epidemiologici, la BPCO colpisce più spesso uomini di età superiore a 40 anni, occupa una posizione di primo piano tra le cause di disabilità e il 4 ° posto tra le cause di mortalità della parte attiva e abile della popolazione.

Cause e meccanismi di sviluppo della BPCO

Tra le cause dello sviluppo della malattia polmonare ostruttiva cronica, il 90-95% è destinato al fumo. Tra gli altri fattori (circa il 5%), vi sono rischi professionali (inalazione di gas e particelle nocivi), infezioni respiratorie dell'infanzia, patologia concomitante di broncopolmonare, stato ecologico. In meno dell'1% dei pazienti, la BPCO è basata su una predisposizione genetica, manifestata in una carenza di alfa1 - antitripsina, che si forma nei tessuti del fegato e protegge i polmoni dai danni dell'enzima elastasi. Tra i rischi professionali, i contatti con cadmio e silicio, la lavorazione dei metalli e il ruolo dannoso dei prodotti formati durante la combustione del carburante sono tra le cause dello sviluppo della BPCO. La BPCO è una malattia professionale dei minatori, dei lavoratori delle ferrovie, dei costruttori in contatto con il cemento, dei lavoratori delle industrie della pasta e della carta e della metallurgia, e dei lavoratori agricoli impegnati nella lavorazione del cotone e del grano.

I fattori ambientali e la predisposizione genetica causano danni infiammatori cronici al rivestimento interno dei bronchi, portando alla distruzione dell'immunità bronchiale locale. Ciò aumenta la produzione di muco bronchiale, aumenta la sua viscosità, creando così condizioni favorevoli per la riproduzione di batteri, compromissione della pervietà bronchiale, alterazioni del tessuto polmonare e degli alveoli. La progressione della BPCO porta alla perdita di un componente reversibile (edema della mucosa bronchiale, spasmo muscolare liscio, secrezione di muco) e un aumento dei cambiamenti irreversibili che portano allo sviluppo di fibrosi peribronchiale ed enfisema. Le complicanze batteriche possono portare a progressiva insufficienza respiratoria nella BPCO, portando a infezioni polmonari ricorrenti.

Il decorso della BPCO è aggravato da un disturbo dello scambio gassoso, manifestato da una diminuzione di O2 e da un ritardo della CO2 nel sangue arterioso, da un aumento della pressione nel letto dell'arteria polmonare e dalla formazione di un cuore polmonare. Il cuore polmonare cronico causa insufficienza circolatoria e morte nel 30% dei pazienti con BPCO.

BPCO: cause, classificazione, diagnosi, come trattare e prevenire

La BPCO (malattia polmonare ostruttiva cronica) è una malattia che si sviluppa a seguito di una reazione infiammatoria a determinati stimoli ambientali, con lesioni dei bronchi distali e enfisema sviluppato, e che si manifesta come una progressiva diminuzione della velocità del flusso d'aria nei polmoni, un aumento dell'insufficienza respiratoria e altre lesioni autorità.

La BPCO è la seconda tra le malattie croniche non trasmissibili e la quarta tra le cause di morte, e questa cifra è in costante aumento. A causa del fatto che questa malattia è inevitabilmente progressiva, occupa uno dei primi posti tra le cause della disabilità, in quanto porta a una violazione della funzione principale del nostro corpo - la funzione della respirazione.

Il problema della BPCO è davvero globale. Nel 1998, un gruppo di iniziativa di scienziati ha creato l'iniziativa globale per la malattia polmonare ostruttiva cronica (Iniziativa globale per la malattia polmonare ostruttiva cronica - GOLD). Gli obiettivi principali di GOLD sono l'ampia diffusione di informazioni su questa malattia, la sistematizzazione dell'esperienza, la spiegazione delle cause e le misure preventive corrispondenti. L'idea di base che i medici vogliono trasmettere all'umanità: la BPCO può essere prevenuta e curata, questo postulato è persino inserito nella moderna definizione operativa della BPCO.

Cause della BPCO

La BPCO si sviluppa quando una combinazione di fattori predisponenti e agenti provocatori dell'ambiente.

Fattori predisponenti

  1. Predisposizione ereditaria È già stato dimostrato che una deficienza congenita di alcuni enzimi predispone allo sviluppo della BPCO. Questo spiega la storia familiare di questa malattia, così come il fatto che non tutti i fumatori, anche con grande esperienza, si ammalano.
  2. Sesso ed età. Gli uomini di età superiore ai 40 anni soffrono di BPCO in più, ma ciò può essere spiegato sia dall'invecchiamento del corpo che dalla durata dell'esperienza di fumare. Ci sono dati che ora il tasso di incidenza tra uomini e donne è quasi uguale. La ragione di ciò può essere la diffusione del fumo tra le donne, così come la maggiore sensibilità del corpo femminile al fumo passivo.
  3. Eventuali effetti negativi che influenzano lo sviluppo del sistema respiratorio del bambino nel periodo prenatale e nella prima infanzia, aumentano il rischio di BPCO in futuro. Di per sé, il sottosviluppo fisico è anche accompagnato da una diminuzione del volume polmonare.
  4. L'infezione. Infezioni respiratorie frequenti durante l'infanzia, nonché maggiore suscettibilità a loro in età avanzata.
  5. Iperreattività bronchiale. Sebbene l'iperreattività bronchiale sia il principale meccanismo per lo sviluppo dell'asma, questo fattore è anche considerato un fattore di rischio per la BPCO.

Fattori di stimolazione

  • Fumo. Il 90% di tutti i pazienti affetti da BPCO sono fumatori. Pertanto, è sicuro dire che il fumo è la causa principale dello sviluppo di questa malattia. Questo fatto deve essere trasmesso al numero massimo di persone, poiché il fumo è l'unico fattore controllabile nella prevenzione della morbilità e della mortalità. Una persona non può influenzare i suoi geni, è improbabile che sia in grado di chiarire l'aria intorno a lui, ma può sempre smettere di fumare.
  • Pericoli professionali: polvere organica e inorganica, fumo, impurità chimiche. I minatori, i costruttori (polveri di cemento), i lavoratori metallurgici, i produttori di cotone, i lavoratori di essiccatoi per cereali e la produzione di carta sono i più a rischio. Quando esposti a questi fattori avversi, sia i fumatori che i non fumatori sono ugualmente sensibili alla malattia.
  • Saturazione dell'aria ambiente con prodotti di combustione di biocarburanti (legna, carbone, letame, paglia). Nelle aree a bassa civiltà, questo fattore porta all'incidenza della BPCO.

Patogenesi della BPCO

L'esposizione al fumo di tabacco e ad altre sostanze irritanti porta individui predisposti al manifestarsi di infiammazioni croniche nelle pareti dei bronchi. La chiave è la sconfitta delle loro parti distali (cioè, più vicino al parenchima polmonare e agli alveoli).

Come conseguenza dell'infiammazione, c'è una violazione della normale secrezione e scarico del muco, il blocco dei piccoli bronchi, l'infezione si unisce facilmente, l'infiammazione si diffonde agli strati sottomucoso e muscolare, le cellule muscolari muoiono e vengono sostituite dal tessuto connettivo (rimodellamento bronchiale). Allo stesso tempo, il parenchima del tessuto polmonare e i ponti tra gli alveoli vengono distrutti - si sviluppa l'enfisema, cioè il tessuto polmonare ipersonico. I polmoni, come se fossero gonfiati con l'aria, riducono la loro elasticità.

I piccoli bronchi all'espirazione non vanno bene - l'aria sfugge a fatica dal tessuto enfisematoso. Lo scambio di gas normale è disturbato, poiché anche il volume di inalazione diminuisce. Di conseguenza, il sintomo principale di tutti i pazienti con BPCO si pone - mancanza di respiro, soprattutto aggravato da movimenti, a piedi.

L'ipossia cronica diventa una conseguenza dell'insufficienza respiratoria. Ne soffre tutto il corpo. L'ipossia prolungata porta a un restringimento del lume dei vasi polmonari - si verifica l'ipertensione polmonare, che porta all'espansione del cuore destro (cuore polmonare) e all'adesione dello scompenso cardiaco.

Perché la BPCO è isolata in una nosologia separata?

La consapevolezza di questo termine è così bassa che molti pazienti già affetti da questa malattia non sanno di soffrire di BPCO. Anche se tale diagnosi viene fatta in cartelle cliniche, le abituali "bronchiti croniche" e "enfisema" prevalgono ancora nella vita di tutti i giorni sia dei pazienti che dei medici.

I componenti principali nello sviluppo della BPCO sono infatti l'infiammazione cronica e l'enfisema. Allora perché la BPCO è evidenziata in una diagnosi separata?

Nel nome di questa nosologia, vediamo il principale processo patologico - l'ostruzione cronica, cioè il restringimento del lume delle vie aeree. Ma il processo di ostruzione è presente anche in altre malattie.

La differenza tra BPCO e asma è che l'ostruzione è quasi o completamente irreversibile nella BPCO. Ciò è confermato dalle misurazioni spirometriche usando broncodilatatori. In caso di asma bronchiale, dopo l'applicazione di broncodilatatori, c'è un miglioramento degli indicatori FEV1 e PSV di oltre il 15%. Tale ostruzione è considerata reversibile. Nella BPCO, questi numeri cambiano leggermente.

La bronchite cronica può precedere o accompagnare la BPCO, ma è una malattia indipendente con criteri ben definiti (tosse secrezione prolungata ed escrezione dell'espettorato), e il termine stesso coinvolge solo i bronchi. Quando la BPCO colpisce tutti gli elementi strutturali dei polmoni - i bronchi, gli alveoli, i vasi, la pleura. La bronchite cronica non è sempre accompagnata da disturbi ostruttivi. D'altra parte, non c'è sempre un aumento espettorato nella BPCO. Cioè, in altre parole, ci può essere bronchite cronica senza BPCO, e la BPCO non rientra completamente nella definizione di bronchite.

Malattia polmonare ostruttiva cronica

Quindi, la BPCO ora è una diagnosi separata, ha i suoi criteri e in nessun caso sostituisce altre diagnosi.

Criteri diagnostici per la BPCO

Si può sospettare di BPCO se c'è una combinazione di tutti o più segni, se si verificano in persone di età superiore a 40 anni:

  1. Mancanza di respiro Dispnea nella BPCO - graduale aumento, aggravata dall'attività fisica. È la dispnea che di solito è la prima ragione per andare da un medico, sebbene in realtà ciò significhi un processo patologico di vasta portata e irreversibile.
  2. Tosse. La tosse con BPCO è cronica, di solito con espettorato, ma può essere improduttiva. La tosse di solito appare alcuni anni prima rispetto alla mancanza di respiro, è spesso sottovalutata dai pazienti, è considerata un luogo comune nei fumatori. Tuttavia, va notato che la BPCO può verificarsi senza tossire.
  3. La combinazione di dispnea progressiva e tosse con l'influenza di fattori aggressivi: fumo, rischi professionali, fumo da stufe per riscaldamento domestico. Esiste un indice di fumo: il numero di sigarette fumate al giorno è moltiplicato per 12. Quando questo indicatore è superiore a 160, il paziente è tranquillamente incluso nel gruppo a rischio per la BPCO.
  4. La combinazione di sintomi con una storia ereditaria.
  5. Wheezing e sentito sibili. Questo sintomo è intermittente e non ha un valore diagnostico come nell'asma bronchiale.
  6. Se sospetti di avere la BPCO, viene eseguito un esame spirometrico.

Una conferma affidabile della BPCO è un indicatore spirometrico del rapporto del volume espiratorio forzato per 1 secondo rispetto alla capacità vitale forzata dei polmoni (FEV1 / FVC) condotta 10-15 minuti dopo l'uso di broncodilatatori (beta simpatomimetici di salbutamolo, berotec o 35-40 minuti dopo anticolinergici a breve durata d'azione -Pratropio bromuro). Il valore di questo indicatore

I rimanenti indicatori di spirometria - picco di flusso espiratorio, così come la misurazione del FEV1 senza un test con broncodilatatori possono essere eseguiti come esame di screening, ma non confermano la diagnosi di BPCO.

Tra gli altri metodi prescritti per la BPCO, oltre al solito minimo clinico, possiamo notare la radiografia del torace, la pulsossimetria (determinazione della saturazione dell'ossigeno nel sangue), lo studio dei gas ematici (ipossiemia, ipercapnia), broncoscopia, TC del torace, esame dell'espettorato.

Classificazione della BPCO

Esistono diverse classificazioni della BPCO per fasi, gradi di gravità, opzioni cliniche.

La classificazione dello stadio tiene conto della gravità dei sintomi e dei dati della spirometria:

  • Stadio 0. Gruppo di rischio. L'impatto di fattori avversi (fumo). Nessun reclamo, la funzionalità polmonare non è compromessa.
  • Fase 1. Facile per la BPCO.
  • Stadio 2. Moderato per BPCO.
  • Fase 3. Corrente pesante.
  • Stadio 4. Estremamente grave.

Nell'ultimo report GOLD (2011) è stato proposto di escludere la classificazione per fasi, la classificazione per gradi di gravità rimane, in base agli indicatori FEV1:

Nei pazienti con FEV1 / FZHEL

La terapia farmacologica per la BPCO ha lo scopo di eliminare i sintomi, prevenire le riacutizzazioni e rallentare la progressione dell'infiammazione cronica. È impossibile fermare completamente o curare i processi distruttivi nei polmoni con i farmaci esistenti oggi.

I principali farmaci usati per trattare la BPCO sono:

  • Broncodilatatori.
  • Ormoni corticosteroidi.
  • Espettoranti.
  • Inibitori della fosfodiesterasi-4.
  • Immunomodulatori.

broncodilatatori

I broncodilatatori utilizzati per il trattamento della BPCO, rilassa la muscolatura liscia dei bronchi, espandendo così la loro clearance e facilitando il passaggio dell'aria sull'esagono. È stato dimostrato che tutti i broncodilatatori aumentano la tolleranza all'esercizio fisico.

I farmaci broncodilatatori includono:

  1. Stimolanti beta a breve durata d'azione (salbutamolo, fenoterolo).
  2. Stimolanti beta a lunga durata d'azione (salmoterolo, formoterolo).
  3. Anticolinergici a breve durata d'azione (ipratropio bromuro - atrovent).
  4. Cholinolitici a lunga durata d'azione (tiotropium bromuro - spirito).
  5. Xantina (aminofillina, teofillina).

Quasi tutti i broncodilatatori esistenti vengono utilizzati in forma inalatoria, che è un modo più preferibile rispetto all'ingestione. Esistono diversi tipi di inalatori (aerosol dosato, inalatori di polveri, inalatori attivati ​​per inalazione, forme liquide per inalazione nebulizzante). Nei pazienti gravi, così come nei pazienti con disturbi intellettivi per inalazione, è meglio passare attraverso un nebulizzatore.

Questo gruppo di farmaci è il principale nel trattamento della BPCO, utilizzato in tutte le fasi della malattia come monoterapia o (più spesso) in combinazione con altri farmaci. Per la terapia continua, è preferibile l'uso di broncodilatatori a lunga durata d'azione. Se è necessario l'appuntamento con broncodilatatori a breve durata d'azione, viene data preferenza a una combinazione di fenoterolo e ipratropio bromuro (beroduale).

Le xantine (aminofillina, teofillina) sono utilizzate sotto forma di compresse e iniezioni, hanno molti effetti collaterali, non sono raccomandate per il trattamento a lungo termine.

Ormoni glucocorticosteroidi (GCS)

GCS è un potente agente anti-infiammatorio. Utilizzato in pazienti con grave ed estremamente grave, così come nominato da corsi brevi per riacutizzazioni nella fase moderata.

La migliore forma di applicazione è GCS inalato (beclometasone, fluticasone, budesonide). L'uso di tali forme di corticosteroidi riduce al minimo il rischio di effetti collaterali sistemici di questo gruppo di farmaci che si presentano inevitabilmente quando vengono assunti per via orale.

La monoterapia con GCS non è raccomandata per i pazienti con BPCO, più spesso sono prescritti in combinazione con beta-agonisti a lunga durata d'azione. La combinazione principale di farmaci: formoterolo + budesonide (simbicort), salmoterolo + fluticasone (seretide).

Nei casi gravi, così come nel periodo di esacerbazione, può essere prescritto un GCS -prednisolone sistemico, desametasone, kenalog. La terapia a lungo termine con questi agenti è gravata dallo sviluppo di gravi effetti collaterali (lesioni erosive e ulcerative del tratto gastrointestinale, sindrome di Itsenko-Cushing, diabete steroideo, osteoporosi e altri).

Broncodilatatori e GCS (o più spesso la loro combinazione) sono i principali farmaci disponibili che sono prescritti per la BPCO. Il medico seleziona il regime di trattamento, le dosi e le combinazioni singolarmente per ciascun paziente. Nella scelta del trattamento, non contano solo gli schemi GOLD raccomandati per i diversi gruppi clinici, ma anche lo stato sociale del paziente, il costo dei farmaci e la sua disponibilità per un particolare paziente, la capacità di apprendere, la motivazione.

Altri farmaci usati nella BPCO

Mucolitici (agenti che assottigliano l'espettorato) sono prescritti in presenza di espettorato viscoso, difficile da tossire.

L'inibitore della fosfodiesterasi-4 roflumilast (Daxas) è un farmaco relativamente nuovo. Ha un effetto antinfiammatorio prolungato, è una specie di alternativa a SCS. È usato in compresse da 500 mg una volta al giorno in pazienti con BPCO grave ed estremamente grave. La sua alta efficacia è stata dimostrata, ma il suo uso è limitato a causa dell'elevato costo del farmaco, così come una percentuale piuttosto elevata di effetti collaterali (nausea, vomito, diarrea, mal di testa).

Esistono studi che il fenspiride farmaco (Erespal) ha un effetto anti-infiammatorio simile a GCS e può anche essere raccomandato per tali pazienti.

Dai metodi di trattamento fisioterapeutici, si diffonde il metodo di ventilazione a percussione intrapolmonare dei polmoni: uno speciale apparato genera piccoli volumi di aria che vengono introdotti nei polmoni con rapidi sobbalzi. Da tale pneumomassage migliorano i tubi bronchiali disintegranti e la ventilazione dei polmoni.

Trattamento della riacutizzazione della BPCO

Lo scopo del trattamento delle riacutizzazioni è il massimo sollievo possibile dell'attuale riacutizzazione e prevenzione della loro insorgenza in futuro. A seconda della gravità, le riacutizzazioni possono essere trattate in regime ambulatoriale o stazionario.

Principi di base del trattamento delle esacerbazioni:

  • È necessario valutare correttamente la gravità delle condizioni del paziente, eliminare le complicazioni che possono mascherare nelle esacerbazioni della BPCO e inviare tempestivamente al ricovero in situazioni potenzialmente letali.
  • Con l'esacerbazione della malattia, l'uso di broncodilatatori a breve durata d'azione è preferibile a lungo termine. Le dosi e la frequenza di amministrazione, di regola, aumentano rispetto al solito. Si consiglia di utilizzare distanziatori o nebulizzatori, soprattutto nei pazienti pesanti.
  • Con insufficiente effetto dei broncodilatatori, viene aggiunta la somministrazione endovenosa di aminofillina.
  • Se la monoterapia è stata precedentemente utilizzata, viene utilizzata una combinazione di beta-stimolanti con anticolinergici (anche a breve durata d'azione).
  • In presenza di sintomi di infiammazione batterica (il cui primo segno è la comparsa di espettorato purulento), vengono prescritti antibiotici ad ampio spettro.
  • Connessione della somministrazione endovenosa o orale di glucocorticosteroidi. Un'alternativa all'uso sistemico di GCS è considerata l'inalazione di pulmicort tramite un nebulizzatore, 2 mg due volte al giorno dopo l'inalazione di berodual.
  • Ossigenoterapia somministrata nel trattamento di pazienti in ospedale tramite catetere nasale o maschera Venturi. Il contenuto di ossigeno nella miscela inalata è del 24-28%.
  • Altre attività - mantenimento del bilancio idrico, anticoagulanti, trattamento delle malattie associate.

Cura per i pazienti con BPCO grave

Come già accennato, la BPCO è una malattia progressivamente progressiva e porta inevitabilmente allo sviluppo dell'insufficienza respiratoria. La velocità di questo processo dipende da molte cose: il rifiuto del paziente di fumare, l'aderenza al trattamento, le risorse materiali del paziente, le sue capacità mentali e la disponibilità di cure mediche. A partire da un grado moderato di BPCO, i pazienti vengono indirizzati a MSEC per ricevere un gruppo di disabili.

Con un grado estremamente grave di insufficienza respiratoria, il paziente non è in grado di eseguire anche il normale carico di lavoro domestico, a volte non può fare neanche qualche passo. Tali pazienti hanno bisogno di cure costanti. L'inalazione dei malati viene effettuata solo con l'aiuto di un nebulizzatore. Facilita notevolmente lo stato di molte ore di ossigenoterapia a flusso ridotto (più di 15 ore al giorno).

A tale scopo sono stati sviluppati speciali concentratori di ossigeno portatili. Non richiedono il rabbocco con ossigeno puro, ma concentrano l'ossigeno direttamente dall'aria. L'ossigenoterapia aumenta l'aspettativa di vita di tali pazienti.

Prevenzione della BPCO

La BPCO è una malattia prevenibile. È importante che il livello di prevenzione della BPCO dipenda molto poco dalla professione medica. Le misure principali dovrebbero essere prese dalla persona stessa (smettere di fumare) o dallo stato (leggi anti-tabacco, miglioramento ambientale, propaganda e promozione di uno stile di vita sano). È stato dimostrato che la prevenzione della BPCO è economicamente vantaggiosa riducendo l'incidenza e riducendo la disabilità della popolazione attiva.