I primi segni di cancro ai polmoni

Il cancro del polmone è una malattia grave, in via di sviluppo per lo più dai tessuti dei bronchi, così come le ghiandole bronchiali e che colpisce il polmone umano.

Gli uomini che fumano principalmente ne sono soggetti (secondo vari studi statistici - 80-90%), con la parte del leone dei casi - persone dai 45 agli 80 anni, ma a volte il cancro ai polmoni si verifica anche nei giovani.

Tipi di cancro ai polmoni

Nota: le cellule del cancro del polmone si dividono molto rapidamente, diffondendo il tumore in tutto il corpo e distruggendo altri organi. Pertanto, un punto importante è la diagnosi tempestiva della malattia. Quanto prima viene rilevato un cancro ai polmoni e viene avviato il trattamento, maggiori sono le possibilità di estendere la vita del paziente.

Nel sessanta percento dei casi, la patologia si sviluppa nel polmone superiore. Molto probabilmente, questo è dovuto al fatto che è in questa sezione che il fumo di tabacco e l'aria contenente agenti cancerogeni si attardano più a lungo.

Il cancro emanato dal bronco è chiamato centrale, dal tessuto polmonare - periferico. Nell'80% dei casi, la malattia si forma nella zona centrale e nella porta del polmone.

Il tumore centrale (radice) è diviso in:

In una fase iniziale, il tumore sembra un polipo o una placca. Inoltre, può crescere in diversi modi. Inoltre, distinguono il tipo di canale mediale, che è caratterizzato da un piccolo tumore e una rapida crescita.

A seconda dei cambiamenti istologici, è stata adottata una classificazione nel nostro paese, evidenziando:

  • carcinoma polmonare non a piccole cellule;
  • forme di piccole cellule.

Carcinoma polmonare non a piccole cellule

Questa è una delle forme più comuni di tumore polmonare maligno, caratterizzata dalla seguente sottospecie:

  • Carcinoma a cellule squamose - cellule rinate del tessuto epiteliale che rivestono i bronchi. Si diffonde lentamente, è facile da diagnosticare, ha una buona prognosi per il trattamento.
  • adenocarcinoma - un tipo di cancro le cui cellule sono formate dal tessuto ghiandolare dei piccoli bronchi. Le metastasi tumorali nel tessuto del polmone controlaterale, formano nuovi focolai nelle immediate vicinanze del nodo primario. Più spesso è caratteristico per le donne, praticamente non dipende dal fumo, cresce a dimensioni enormi. Ha l'aspetto di un nodulo bianco-grigiastro, al centro è il tessuto sclerosato, i lobuli sono visibili nel tumore. A volte il tumore è coperto di muco, foci visibili di necrosi umida, sanguinamento dai vasi sanguigni. L'adenocarcinoma si manifesta con sintomi bronchiali - atelettasia e broncopolmonite.
  • Carcinoma a grandi cellule - cellule anaplastiche anormalmente grandi, la cui crescita è solitamente visibile nella parte centrale dell'albero bronchiale. Il tumore è aggressivo, non ha un quadro clinico tipico. In una fase successiva, c'è una tosse con espettorato, che ha striature di sangue. I pazienti sono esausti. Su sezioni istologiche - necrosi ed emorragia.
  • Forme miste - tumori in cui sono presenti cellule di diversi tipi di cancro. I sintomi della malattia e la prognosi dipendono dalla combinazione di tipi di neoplasie e il grado di predominanza di alcune cellule.

Carcinoma polmonare a piccole cellule

Questo è uno dei tipi più aggressivi di cancro. Esternamente, assomiglia ad un infiltrato morbido, giallo chiaro con foci di necrosi intervallati, le cellule assomigliano a chicchi d'avena. È caratterizzato da una rapida crescita e formazione di metastasi regionali e distanti. Il 99% dei pazienti con questa forma sono fumatori.

Come è noto, l'immagine istologica di una parte del tumore può differire da un'altra. Una diagnosi accurata del tumore consente di fare una prognosi per lo sviluppo della malattia e selezionare il regime di trattamento più efficace.

Fasi del cancro del polmone

La medicina moderna distingue diverse fasi della malattia.

Cancro ai polmoni

Cancro polmonare - un tumore maligno, originato dai tessuti dei bronchi o dal parenchima polmonare. I sintomi del carcinoma polmonare possono essere subfebrillari, tosse con espettorato o striature di sangue, mancanza di respiro, dolore toracico, perdita di peso. Forse lo sviluppo di pleurite, pericardite, sindrome della vena cava superiore, emorragia polmonare. Una diagnosi accurata richiede la radiografia e la TC dei polmoni, la broncoscopia, l'espettorato e l'essudato pleurico, una biopsia del tumore o dei linfonodi. I trattamenti radicali per il cancro del polmone comprendono interventi di resezione in un volume dettato dall'incidenza del tumore, combinato con la chemioterapia e la radioterapia.

Cancro ai polmoni

Carcinoma polmonare: neoplasia maligna di origine epiteliale, che si sviluppa dalle mucose dell'albero bronchiale, delle ghiandole bronchiali (cancro bronchogenico) o del tessuto alveolare (cancro polmonare o pneumogenico). Il cancro del polmone conduce alla struttura della mortalità da tumori maligni. La mortalità nel carcinoma polmonare è pari all'85% del numero totale di casi, nonostante il successo della medicina moderna.

Lo sviluppo del cancro del polmone non è lo stesso per i tumori di diversa struttura istologica. Il carcinoma a cellule squamose differenziali è caratterizzato da un decorso lento, il cancro indifferenziato si sviluppa rapidamente e produce ampie metastasi. Il tumore polmonare a piccole cellule ha il decorso più maligno: si sviluppa in modo celere e rapido, metastatizza precocemente, ha una prognosi infausta. Più spesso si verifica un tumore nel polmone destro - nel 52%, nel polmone sinistro - nel 48% dei casi.

Il cancro è prevalentemente localizzato nel lobo superiore del polmone (60%), meno frequentemente nel centro o nella parte inferiore (30% e 10% rispettivamente). Ciò è spiegato da uno scambio d'aria più potente nei lobi superiori, nonché dalle caratteristiche della struttura anatomica dell'albero bronchiale, in cui il principale bronco del polmone destro continua direttamente la trachea, e la sinistra nella zona della biforcazione forma un angolo acuto con la trachea. Pertanto, le sostanze cancerogene, i corpi estranei, le particelle di fumo, che si riversano in zone ben areate e rimangono a lungo in esse, causano la crescita dei tumori.

La metastasi del cancro del polmone è possibile in tre modi: linfogena, ematogena e implantare. La più frequente è la metastasi linfogena del carcinoma polmonare nei linfonodi broncopolmonari, polmonari, paratracheali, tracheobronchiali, biforcazione, paraesofagei. Il primo di metastasi linfogene colpisce i linfonodi polmonari nella zona di divisione del bronco lobare in rami segmentali. Quindi i linfonodi broncopolmonari lungo il bronco lobare sono coinvolti nel processo metastatico.

In futuro, metastasi nei linfonodi della radice polmonare e delle vene non appaiate, linfonodi tracheobronchiali. I successivi sono coinvolti nel processo dei linfonodi pericardici, paratracheali e perioesofagei. Le metastasi a distanza si verificano nei linfonodi del fegato, nel mediastino, nella regione sopraclavicolare. Metastasi del cancro del polmone da parte di ematogeni si verifica quando un tumore cresce nei vasi sanguigni, mentre l'altro polmone, reni, fegato, ghiandole surrenali, cervello, colonna vertebrale sono più spesso colpiti. La metastasi dell'impianto del cancro del polmone è possibile sulla pleura in caso di tumore che lo invade.

Cause di cancro ai polmoni

I fattori di occorrenza e i meccanismi di sviluppo del cancro del polmone non differiscono dall'eziologia e dalla patogenesi di altri tumori polmonari maligni. Nello sviluppo del cancro del polmone, il ruolo principale è giocato da fattori esogeni: il fumo, l'inquinamento atmosferico con sostanze cancerogene, gli effetti delle radiazioni (specialmente il radon).

Classificazione del cancro polmonare

Secondo la struttura istologica, si distinguono 4 tipi di tumore polmonare: squamoso, grande cellula, piccola cellula e ghiandolare (adenocarcinoma). La conoscenza della forma istologica del cancro del polmone è importante in termini di scelta del trattamento e prognosi della malattia. È noto che il carcinoma polmonare a cellule squamose si sviluppa in modo relativamente lento e solitamente non fornisce metastasi precoci. L'adenocarcinoma è anche caratterizzato da uno sviluppo relativamente lento, ma è caratterizzato da una prima disseminazione ematogena. Le piccole cellule e altre forme indifferenziate di cancro ai polmoni sono transitorie, con metastasi ematogene lunghe e linfatiche estese. Si noti che più basso è il grado di differenziazione di un tumore, più il suo corso è maligno.

Per localizzazione rispetto ai bronchi, il tumore polmonare può essere centrale, si verifica nei grandi bronchi (principale, lobare, segmentale) e periferico, che si irradiano dai bronchi subsegmentali e dai loro rami, nonché dal tessuto alveolare. Il carcinoma polmonare centrale è più comune (70%), periferico - molto meno spesso (30%).

La forma del carcinoma polmonare centrale è endobronchiale, nodulare peribronchiale e ramificata peribronchiale. Il cancro periferico può svilupparsi sotto forma di cancro "sferico" (tumore rotondo), cancro simile alla polmonite, cancro dell'apice polmonare (Pancost). La classificazione del cancro del polmone secondo il sistema TNM e le fasi del processo è riportata in dettaglio nell'articolo "Tumori polmonari maligni".

Sintomi del cancro del polmone

La clinica del cancro del polmone è simile alle manifestazioni di altri tumori polmonari maligni. I sintomi tipici sono la tosse persistente con espettorato mucopurulento, mancanza di respiro, febbre bassa, dolore al petto, emottisi. Alcune differenze nella clinica del cancro del polmone sono dovute alla localizzazione anatomica del tumore.

Carcinoma polmonare centrale

Un tumore canceroso, localizzato nel grande bronco, dà sintomi clinici precoci a causa di irritazione della mucosa bronchiale, interruzione della sua pervietà e ventilazione del segmento corrispondente, lobo o polmone intero.

L'interesse della pleura e dei tronchi nervosi provoca l'insorgenza di dolore, pleurite da cancro e disturbi nelle aree di innervazione dei corrispondenti nervi (diaframmatico, vagante o ricorrente). La metastasi del cancro del polmone agli organi distanti causa sintomi secondari degli organi colpiti.

La germinazione di un tumore del bronco provoca tosse con espettorato e spesso con sangue. In caso di ipoventilazione e quindi atelettasia di un segmento o di un lobo del polmone, la polmonite si unisce alla malattia, manifestata dall'aumento della temperatura corporea, dall'aspetto di espettorato purulento e mancanza di respiro. La polmonite tumorale risponde bene alla terapia anti-infiammatoria, ma ricorre nuovamente. La polmonite tumorale è spesso accompagnata da pleurite emorragica.

La germinazione o compressione del nervo vago da parte di un tumore provoca la paralisi dei muscoli vocali e si manifesta nella raucedine. La sconfitta del nervo frenico porta alla paralisi del diaframma. La germinazione di un cancro nel pericardio provoca la comparsa di dolore nel cuore, la pericardite. L'interesse della vena cava superiore comporta un drenaggio venoso e linfatico alterato dalla metà superiore del corpo. La cosiddetta sindrome della vena cava superiore si manifesta con gonfiore e gonfiore del viso, iperemia con una tonalità cianotica, gonfiore delle vene sulle braccia, collo, torace, mancanza di respiro, nei casi gravi - mal di testa, disturbi della vista e disturbi della coscienza.

Cancro polmonare periferico

Il cancro polmonare periferico nelle prime fasi del suo sviluppo è asintomatico, perché non ci sono recettori del dolore nel tessuto polmonare. Man mano che il sito del tumore cresce, il bronco, la pleura e gli organi vicini vengono coinvolti nel processo. I sintomi locali del cancro del polmone periferico comprendono tosse con espettorato e striature di sangue, compressione della vena cava superiore, raucedine. La germinazione del tumore nella pleura è accompagnata da cancro della pleurite e compressione del polmone mediante versamento pleurico.

Lo sviluppo del cancro del polmone è accompagnato da un aumento dei sintomi comuni: intossicazione, mancanza di respiro, debolezza, perdita di peso, aumento della temperatura corporea. Nelle forme avanzate di cancro del polmone, le complicanze derivano dagli organi colpiti da metastasi, dalla disintegrazione del tumore primitivo, dai fenomeni di ostruzione bronchiale, da atelettasia, da profonde emorragie polmonari. Le cause di morte nel cancro del polmone sono spesso metastasi estese, polmonite da cancro e pleurite, cachessia (grave esaurimento del corpo).

Diagnosi del cancro del polmone

La diagnosi per sospetta neoplasia polmonare include:

Trattamento del cancro al polmone

Leader nel trattamento del cancro del polmone sono un metodo chirurgico in combinazione con radioterapia e chemioterapia. L'intervento è eseguito da chirurghi toracici.

Se ci sono controindicazioni o inefficacia di questi metodi, viene effettuato un trattamento palliativo per alleviare le condizioni del paziente terminale. I metodi di trattamento palliativo comprendono anestesia, ossigenoterapia, disintossicazione, operazioni palliative: tracheotomia, gastrostomia, enterostomia, nefrostomia, ecc.). In caso di polmonite da cancro, viene effettuato un trattamento antinfiammatorio, in caso di pleurite da cancro - pleurocentesi, in caso di emorragie polmonari - terapia emostatica.

Prognosi e prevenzione del cancro ai polmoni

La peggiore prognosi è statisticamente osservata nel carcinoma polmonare non trattato: quasi il 90% dei pazienti muore 1-2 anni dopo la diagnosi. Con il trattamento chirurgico non combinato del cancro del polmone, la sopravvivenza a cinque anni è di circa il 30%. Il trattamento del cancro del polmone allo stadio I dà un tasso di sopravvivenza a cinque anni dell'80%, a II - 45%, a III - 20%.

Auto-radioterapia o chemioterapia fornisce il 10% di sopravvivenza a cinque anni per i pazienti con cancro ai polmoni; con il trattamento combinato (chirurgico + chemioterapia + radioterapia), il tasso di sopravvivenza per lo stesso periodo è del 40%. Metastasi prognosticamente sfavorevoli del cancro del polmone ai linfonodi e agli organi distanti.

Le questioni relative alla prevenzione del cancro del polmone sono rilevanti in relazione all'alto tasso di mortalità della popolazione derivante da questa malattia. Gli elementi più importanti nella prevenzione del cancro del polmone sono l'educazione sanitaria attiva, la prevenzione dello sviluppo di malattie polmonari infiammatorie e distruttive, l'individuazione e il trattamento di tumori polmonari benigni, la cessazione del fumo, l'eliminazione dei rischi professionali e l'esposizione quotidiana a fattori cancerogeni. Il passaggio della fluorografia almeno una volta ogni 2 anni consente di rilevare il cancro del polmone nelle fasi iniziali e prevenire lo sviluppo di complicanze associate a forme avanzate del processo tumorale.

Carcinoma polmonare: cause, sintomi, fasi, trattamento

Video di cancro al polmone

Quanto spesso si verifica il cancro del polmone?

Il cancro al polmone è una delle principali cause di mortalità sulla terra. In media, per 100 casi riportati di questa malattia, 72 persone muoiono entro il primo anno dopo la diagnosi. Secondo le statistiche, ogni 14 persona ha sperimentato o vivrà questa malattia nella sua vita. Il cancro al polmone è più spesso affetto da persone anziane. Circa il 70% di tutti i casi di cancro è osservato nelle persone di età superiore a 65 anni. Le persone sotto i 45 anni raramente soffrono di questa malattia, la loro quota nella massa totale dei malati di cancro è solo del 3%.

Quali sono i tipi di cancro ai polmoni?

Il cancro del polmone è diviso in due tipi principali: carcinoma polmonare a piccole cellule (SCLC) e carcinoma polmonare a grandi cellule (NSCLC). Questi tipi di cancro si diffondono, crescono e vengono trattati in modi diversi, quindi determinare il tipo di cancro è un compito importante.

- Il tumore a piccole cellule rappresenta circa il 20% del numero totale di casi di cancro. Questo tipo di cancro è il più pericoloso perché si moltiplica rapidamente e in modo aggressivo. Il cancro del polmone a piccole cellule è quasi sempre causato dal fumo, solo l'1% delle persone non fumatori ha questo tipo di cancro. Il carcinoma polmonare a piccole cellule si diffonde molto rapidamente in tutto il corpo e viene rilevato molto spesso quando molti organi sono già colpiti.

- Il carcinoma a grandi cellule è più comune, si verifica nell'80% dei casi. Il carcinoma a grandi cellule è classificato in 3 tipi: adenocarcinoma, squamoso, indifferenziato. La classificazione è basata sul tipo di cellule tumorali e sulla loro posizione.

- L'adenocarcinoma è il tipo più comune di cancro, rappresentando circa il 50% dei casi. Questo tipo è più comune nei non fumatori. La maggior parte degli adenocarcinomi si verificano nella regione esterna o periferica dei polmoni.

- Carcinoma a cellule squamose Questo tumore rappresenta circa il 20% di tutti i tumori polmonari. Questo tipo di cancro si sviluppa più spesso nella parte centrale del torace o dei bronchi. In precedenza, il carcinoma a cellule squamose era più comune nell'adenocarcinoma, ma negli ultimi decenni la situazione è cambiata.

-Il cancro indifferenziato, il tipo più raro di cancro, rappresenta solo il pochi percento di tutti i tumori.

Quali sono i segni e i sintomi del cancro del polmone?

I sintomi del cancro del polmone dipendono dalla posizione del tumore e dalla dimensione della lesione polmonare. Inoltre, a volte il cancro del polmone si sviluppa in modo asintomatico, il che complica notevolmente la sua diagnosi.

In circa il 25% dei casi, il cancro del polmone viene rilevato nel corso di una fluorografia pianificata. Di solito queste persone credono che i loro polmoni siano completamente sani. Nella foto, il cancro ai polmoni sembra una moneta bloccata nei polmoni. Molto spesso, un decorso asintomatico della malattia si manifesta nelle prime fasi.

Man mano che i tessuti cancerosi crescono, i pazienti sviluppano problemi respiratori, dolore al petto e tosse con il sangue. Se le cellule tumorali colpiscono i nervi, allora può causare dolore alla spalla, lasciando il posto al braccio. Con la sconfitta delle corde vocali si verifica raucedine. Danni all'esofago possono causare difficoltà a deglutire. La diffusione delle metastasi ossee provoca dolore lancinante in esse. La metastasi al cervello di solito causa una riduzione della vista, mal di testa e perdita di sensibilità in alcune parti del corpo.

Un altro segno di cancro è la produzione di sostanze simili agli ormoni da parte delle cellule tumorali, che aumentano il livello di calcio nel corpo.

Oltre ai suddetti sintomi per il cancro del polmone, così come per altri tipi di cancro, il paziente perde peso, si sente debole e costantemente stanco. Anche la depressione e gli sbalzi d'umore sono abbastanza comuni.

Come viene diagnosticato il cancro del polmone?

I seguenti metodi sono usati per diagnosticare il cancro ai polmoni:

Radiografia del torace. Questa è la prima cosa che si fa se si sospetta il cancro ai polmoni. In questo caso, scatta una foto non solo dal davanti, ma anche dal lato. I raggi X possono aiutare a scoprire le aree problematiche nei polmoni, ma non possono mostrare con precisione il cancro o qualcos'altro. Una radiografia del torace è una procedura abbastanza sicura, poiché il paziente è esposto a una piccola frazione della radiazione.

Tomografia computerizzata Se i raggi X rivelano aree problematiche, viene prescritta la tomografia computerizzata. Con l'aiuto di un tomografo computerizzato, scatta foto del torace, ma anche dell'addome e del cervello. Tutto questo è fatto per determinare se ci sono metastasi in altri organi. Lo scanner CT è più sensibile ai noduli polmonari. A volte, per un rilevamento più accurato delle aree problematiche, gli agenti di contrasto vengono iniettati nel sangue del paziente.

La scansione computerizzata di solito avviene senza effetti collaterali, ma l'introduzione di mezzi di contrasto a volte provoca prurito, eruzioni cutanee e orticaria.

Oltre alle radiografie del torace, la tomografia computerizzata trova solo problemi con un posto, ma non consente di dire esattamente se il cancro è o qualcos'altro. Sono necessari ulteriori studi per confermare una diagnosi di cancro.

Imaging a risonanza magnetica. Questo tipo di ricerca viene utilizzato quando sono necessari dati più accurati sulla posizione del tumore. Utilizzando questo metodo, è possibile ottenere immagini di altissima qualità, che consente di determinare i minimi cambiamenti nei tessuti. La risonanza magnetica utilizza il magnetismo e le onde radio e pertanto non ha effetti collaterali. La risonanza magnetica non viene utilizzata se una persona ha un pacemaker, impianti metallici, valvole cardiache artificiali e altre strutture impiantate, poiché esiste il rischio che il loro spostamento sia sotto l'influenza del magnetismo.

Tomografia ad emissione di positroni. Questo metodo si basa sull'uso di preparati radioattivi a decadimento rapido. Una sostanza radioattiva viene iniettata nel corpo umano e quindi, usando una scansione, viene determinato in quali luoghi viene osservata la sua alta concentrazione. La concentrazione in alcuni tessuti dipende direttamente dalla droga.

L'essenza di questo metodo può essere dimostrata dall'esempio dell'input di sostanze radioattive con glucosio. Le cellule tumorali hanno bisogno di una grande quantità di glucosio, poiché crescono rapidamente, quindi si osserverà un aumento dell'attività radioattiva in queste aree. La dose di radiazioni che utilizza questo metodo è parecchie volte superiore rispetto a uno studio radiologico convenzionale, ma non è pericolosa per la vita.

Scansione ossea radioisotopica. Questo metodo viene utilizzato per determinare se il cancro delle metastasi polmonari nell'osso. L'essenza del metodo è l'introduzione di una piccola quantità di materiale radioattivo, che si accumula poi nelle ossa. La concentrazione di materiale radioattivo viene quindi determinata utilizzando uno scanner speciale.

Esame citologico di espettorato. La diagnosi di cancro ai polmoni deve sempre essere confermata mediante esame citologico. I dati ottenuti con l'aiuto di un tomografo computerizzato e immagini a raggi X non sono sufficienti. La flemma viene esaminata al microscopio. Questo metodo è il più sicuro, facile e poco costoso, ma la precisione di questo metodo è limitato perché le cellule tumorali non sono sempre presenti nello sputo. Inoltre, alcune cellule possono a volte subire cambiamenti in risposta a infiammazione o lesioni, che li fa apparire come le cellule tumorali.

Broncoscopia. L'essenza del metodo risiede nell'acqua nel tratto respiratorio di una sonda a fibra ottica sottile. La sonda viene inserita attraverso il naso o la bocca. Il metodo consente di prelevare tessuti per la ricerca sulla presenza di cellule tumorali. La broncoscopia dà buoni risultati quando un tumore si trova nelle aree centrali dei polmoni. La procedura è molto dolorosa e viene eseguita in anestesia. La broncoscopia è considerata un metodo di indagine relativamente sicuro. Dopo la broncoscopia, una tosse con sangue viene solitamente osservata entro 1-2 giorni. Complicazioni più gravi come forti emorragie, aritmie cardiache e livelli ridotti di ossigeno sono rari. Dopo la procedura, sono possibili anche gli effetti collaterali causati dall'uso dell'anestesia.

Biopsia polmonare. Questo metodo viene utilizzato quando è impossibile raggiungere l'area interessata dei polmoni con l'aiuto della broncoscopia. La procedura viene eseguita sotto il controllo di un tomografo computerizzato o di un ultrasuono. La procedura dà buoni risultati quando l'area interessata si trova sugli strati superiori dei polmoni. Il metodo consiste in acqua attraverso l'ago petto e succhiare il tessuto epatico, che successivamente esaminato al microscopio. La biopsia viene eseguita in anestesia locale. Una biopsia consente di determinare con precisione il cancro del polmone, ma solo nel caso in cui si è riusciti a prendere con precisione le cellule dalla zona interessata.

Pleurocentosi (biopsia per puntura). L'essenza del metodo consiste nel prendere per l'analisi del fluido dalla cavità pleurica. A volte le cellule tumorali si accumulano lì. Questo metodo viene anche eseguito con un ago e con anestesia locale.

Rimozione del tessuto chirurgico. Se nessuno dei metodi sopra elencati non può essere applicato, in questo caso ricorrere alla chirurgia. L'intervento chirurgico è di due tipi: mediastinoscopia e toracoscopia. Per la mediastinoscopia utilizzare uno specchio con LED integrato. Usando questo metodo, viene eseguita una biopsia del linfonodo e vengono esaminati gli organi e i tessuti. Quando la toracoscopia è l'apertura della raccolta del torace e del tessuto per la ricerca. Questa procedura viene anche utilizzata per rimuovere una parte del polmone o dell'esofago.

Esami del sangue Gli esami del sangue di routine da soli non possono diagnosticare il cancro, ma rivelano anormalità biochimiche o metaboliche nel corpo che accompagnano il cancro. Ad esempio, livelli elevati di enzimi di calcio, fosfatasi alcalina.

Quali sono le fasi del cancro del polmone?

Le fasi del cancro sono stabilite in base alle sue dimensioni, alla presenza di metastasi nei linfonodi e in altri organi. La corretta determinazione della fase del cancro del polmone è molto importante, poiché ogni fase ha i suoi metodi di trattamento. Inoltre, lo stadio del cancro è cruciale nel valutare la prognosi. Più alto è il livello del cancro, peggiore è la prognosi.

Fasi del cancro:

Fase 1 Il cancro colpisce un segmento del polmone. La dimensione dell'area interessata non supera i 3 cm.

Fase 2 La diffusione del cancro è limitata al torace. La dimensione dell'area interessata non supera i 6 cm.

Fase 3 La dimensione dell'area interessata è superiore a 6 cm. La diffusione del cancro è limitata al torace. C'è un danno esteso ai linfonodi.

Fase 4. Le metastasi si sono diffuse ad altri organi.

Il tumore a piccole cellule è talvolta diviso in due soli stadi.

Processo localizzato del tumore La diffusione del cancro è limitata al torace.

Una forma comune del processo tumorale. Le metastasi si sono diffuse ad altri organi.

Come viene trattato il cancro ai polmoni?

Il trattamento del cancro del polmone può includere la rimozione chirurgica del cancro, la chemioterapia e le radiazioni. Di regola, tutti questi tre tipi di trattamento sono combinati. La decisione su quale terapia utilizzare dipende dalla posizione e dalle dimensioni del tumore, nonché dalle condizioni generali del paziente.

Così come il trattamento di altri tipi di cancro, il trattamento è diretto o la rimozione completa delle aree cancerose o nei casi in cui è impossibile per alleviare il dolore e la sofferenza.

Chirurgia. L'intervento chirurgico viene principalmente applicato solo durante il primo o il secondo stadio del cancro. L'intervento chirurgico è accettabile in circa il 10-35% dei casi. Sfortunatamente, la chirurgia non sempre dà un risultato positivo, molto spesso le cellule tumorali sono già entrate in altri organi. Dopo l'intervento chirurgico, circa il 25-45% delle persone vive più di 5 anni. La chirurgia non è possibile se il tessuto interessato è vicino alla trachea o se il paziente ha una grave cardiopatia. La chirurgia è molto raramente prescritta per il carcinoma a piccole cellule, perché in casi estremamente rari, tale tumore è localizzato solo nei polmoni.

Il tipo di intervento chirurgico dipende dalla dimensione e dalla posizione del tumore. Quindi, una parte del lobo del polmone, un lobo del polmone o l'intero polmone può essere rimosso. Insieme alla rimozione del tessuto polmonare, i linfonodi interessati vengono rimossi.

Dopo la chirurgia polmonare, i pazienti hanno bisogno di cure per diverse settimane o mesi. Le persone che hanno subito un intervento chirurgico di solito hanno difficoltà a respirare, mancanza di respiro, dolore e debolezza. Inoltre, ci possono essere complicazioni dopo l'intervento chirurgico a causa di sanguinamento.

La radioterapia. La radioterapia viene utilizzata per trattare entrambi i tipi di tumore (a piccole cellule e a grandi cellule). L'essenza di questo metodo è l'uso delle radiazioni per distruggere le cellule tumorali. Molto spesso, la radioterapia è combinata con la chemioterapia e la chirurgia.

La brachiterapia è anche usata nel cancro ai polmoni. Quando si utilizza questo metodo, piccoli granuli con una sostanza radioattiva vengono posti direttamente nell'area infiammata o nelle vie aeree vicino al tumore. Questo di solito è fatto attraverso un broncoscopio.

La radioterapia viene utilizzata quando una persona rifiuta l'intervento chirurgico, se il tumore si è diffuso ai linfonodi o l'operazione è impossibile. La radioterapia solitamente riduce il tumore o ne limita la crescita, ma nel 10-15% dei casi alla remissione a lungo termine. Le persone che hanno malattie polmonari diverse dal cancro di solito non ricevono radioterapia, poiché le radiazioni possono ridurre la funzionalità polmonare.

La radioterapia non presenta rischi come con un intervento chirurgico serio, ma può avere spiacevoli effetti collaterali, tra cui affaticamento, mancanza di energia, riduzione del numero di globuli bianchi (la persona è più suscettibile all'infezione) e bassa conta piastrinica nel sangue (la coagulazione è disturbata).

Inoltre, potrebbero esserci problemi con gli organi digestivi esposti alle radiazioni.

La chemioterapia. Questo metodo e la radioterapia sono applicabili a qualsiasi tipo di cancro. La chemioterapia si riferisce al trattamento che arresta la crescita delle cellule tumorali, le uccide e impedisce loro di dividersi.

La chemioterapia è il principale metodo di trattamento per il carcinoma polmonare a piccole cellule, poiché copre tutti gli organi. Senza la chemioterapia, solo la metà delle persone con tumore a piccole cellule vive per più di 4 mesi.

I farmaci chemioterapici possono essere pillole o somministrati per via endovenosa. La chemioterapia viene di solito eseguita in regime ambulatoriale. La chemioterapia viene effettuata in cicli di diverse settimane o mesi, con intervalli tra i cicli. Purtroppo, i farmaci utilizzati nella chemioterapia, di solito rompono processo di divisione cellulare nel corpo, porta a spiacevoli effetti collaterali (aumento della suscettibilità alle infezioni, sanguinamento, ecc). Altri effetti collaterali includono stanchezza, perdita di peso, perdita di capelli, nausea, vomito, diarrea e ulcere alla bocca. Gli effetti collaterali di solito scompaiono dopo la fine del trattamento.

Qual è la prognosi per il trattamento del cancro del polmone?

La prognosi del trattamento del cancro dipende da molti fattori, ma principalmente dal suo tipo. La prognosi più sfavorevole per il cancro del polmone a piccole cellule. Il 50% delle persone con questa malattia muore entro 2-4 mesi dalla diagnosi. L'uso della chemioterapia aumenta questo periodo di 4-5 volte. Il precedente tumore a piccole cellule è stato diagnosticato, più tempo una persona sarà in grado di vivere con questa malattia. Il tumore a piccole cellule è abbastanza ben trattato con la chemioterapia, ma nonostante questo, solo il 5-10% dei pazienti rimane in vita dopo 5 anni.

Le proiezioni per il carcinoma polmonare a grandi cellule sono migliori, ma anche non confortanti. Se un paziente ha subito un'operazione chirurgica, le sue possibilità di vivere per più di 5 anni sono del 25%, in altri casi solo il 16% dei pazienti può sopravvivere a 5 anni.

Il tasso di sopravvivenza del cancro del polmone è il più basso di tutti i tipi di cancro, per esempio, il 65% della popolazione vive con più di cinque anni, cancro del colon, cancro al seno, 89% per il cancro alla prostata del 99%.

Cancro ai polmoni

Il cancro del polmone è una neoplasia maligna che si sviluppa dalle ghiandole e dalla membrana mucosa del tessuto polmonare e dei bronchi. Nel mondo moderno, il cancro del polmone tra tutte le malattie oncologiche occupa la prima linea. Secondo le statistiche, questa oncologia colpisce gli uomini otto volte più spesso delle donne, e si è notato che più è vecchia l'età, maggiore è il tasso di incidenza. Ad esempio, gli uomini nella fascia di età da sessanta a settanta anni di cancro ai polmoni soffrono sessanta volte più spesso che fino a quaranta anni. Gli uomini di colore sono particolarmente a rischio.

Carcinoma polmonare - cause

Le cause di questa malattia sono molto diverse, ma tutte possono essere suddivise in indipendenti e dipendenti direttamente dalla persona.

I fattori indipendenti (immutati) includono: la presenza di neoplasie tumorali di altri organi nel paziente, la presenza di cancro ai polmoni nei parenti più prossimi (predisposizione genetica). Oltre a fattori indipendenti includono la presenza di malattia polmonare cronica negli esseri umani (tubercolosi, bronchite cronica, cicatrizzazione del tessuto polmonare, polmonite), età superiore a cinquanta anni, varie malattie endocrine (più spesso nelle donne).

I fattori dipendenti o modificabili includono principalmente il fumo, che è la principale causa confermata di cancro ai polmoni. Le sostanze cancerogene velenose che causano il cancro vengono rilasciate durante la combustione del tabacco e comprendono circa 4000 specie (le più pericolose sono nafthlamina, toluidina, benzpirene, composti nitroso e metalli pesanti: stronzio e nichel). Entrando nei polmoni con fumo di sigaretta per inalazione, tutti i composti di cui sopra sono depositati sulla superficie della mucosa bronchiale, bruciandolo e distruggendo così le cellule viventi, che porta alla morte dello strato mucoso (epitelio ciliato); in seguito, questi composti vengono assorbiti attraverso i vasi sanguigni nel sangue, che li trasporta già in tutto il corpo, portando a cambiamenti simili negli organi interni, nel cervello, nei reni e nel fegato.

Inalato con il fumo di sigaretta, tutti i composti nocivi non vengono portati fuori e non si dissolvono, ma si depositano permanentemente nei polmoni, formando grappoli che coprono lentamente i polmoni con una specie di fuliggine nera. Per fare un confronto: i polmoni di una persona sana hanno una struttura porosa morbida e un colore rosa tenue, ei polmoni di un fumatore hanno un tessuto anelastico grossolano blu o nero o completamente nero.

Il cancerogeno più pericoloso è il benzpirene, che ha un effetto dannoso diretto sulla membrana mucosa dei bronchi e anche in piccole dosi provoca la degenerazione delle cellule normali. Fumare passivamente non è meno pericoloso, dal momento che il fumatore stesso assume una parte piuttosto insignificante del fumo, espirando circa l'80% del fumo nell'aria circostante. Un ruolo importante nel rischio di sviluppare il cancro ai polmoni è giocato dall'esperienza del fumo. Quando fuma più di due pacchetti al giorno e con un'esperienza di oltre dieci anni, il rischio di sviluppare questa oncologia aumenta di 25 volte.

Inoltre, i fattori che aumentano il rischio di cancro ai polmoni comprendono varie esposizioni professionali, tra cui:

- Lavori connessi all'estrazione del carbone, all'industria della gomma, alle miniere di radon

- Lavori di fabbro relativi alla produzione di amianto e alla macinazione di prodotti in metallo

- Lavori sulla produzione di biancheria, cotone e feltro

- Lavoro che comporta uno stretto contatto con sostanze chimiche tossiche e metalli pesanti (alluminio, nichel, cromo, arsenico)

Inoltre, un fattore importante è l'inquinamento dell'aria ambiente. I residenti di megalopoli quotidianamente inalano migliaia di agenti cancerogeni che vengono rilasciati nell'aria a causa della combustione dei carburanti e del funzionamento di molte fabbriche e impianti. Inalazione di tali composti porta infine al fatto che la mucosa delle vie respiratorie rinasce

Cancro polmonare - sintomi

Il sospetto cancro del polmone può essere sintomi che sono suddivisi in generali e specifici. I sintomi più comuni includono debolezza, perdita di appetito, perdita di peso, leggero aumento irragionevole della temperatura, sudorazione.

Sintomi specifici del cancro del polmone:

- Tosse debilitante che si verifica in modo irragionevole (accompagna il cancro dei bronchi). Monitorando attentamente la loro salute, il paziente è in grado di vedere da sé la natura mutata della tosse - diventa dipendente e più frequente, la natura dell'espettorato cambia. Se la tosse si verifica in modo parossistico senza alcuna ragione, dovuta allo sforzo fisico o all'inalazione di aria fredda, ciò indica un'irritazione della mucosa dell'albero bronchiale dovuta al tumore che cresce nel lume. Se si sviluppa un carcinoma polmonare centrale, appare l'espettorato giallo verdastro, causato dalla presenza di concomitanti eventi infiammatori nel tessuto polmonare.

- Forse il sintomo più caratteristico del cancro del polmone è l'emottisi (con espettorato, il sangue viene secreto), in cui il sangue può essere sia sotto forma di grumi scuri o spumoso, rosso vivo. In alcuni casi, il sanguinamento prolungato e intenso delle vie respiratorie porta alla morte dei pazienti. Tuttavia, non dobbiamo dimenticare che l'emottisi può essere sintomatica di tali malattie polmonari come bronchiectasie e tubercolosi polmonare.

- A causa dei continui cambiamenti nel tessuto polmonare, una persona può sperimentare una frequente mancanza di respiro. Se il tumore cresce nei grandi bronchi, sono possibili atelettasia dell'intero polmone e il successivo arresto completo.

- L'aspetto del dolore al petto. Ciò si verifica in concomitanza con la germinazione del tumore della pleura (rivestimento sieroso dei polmoni), che ha molte desinenze dolorose, come pure a causa di concomitanti alterazioni infiammatorie nei polmoni e della germinazione del tumore nel plesso nervoso maggiore e nelle ossa del torace

Nelle fasi iniziali del cancro del polmone, il dolore è assente, il dolore intenso persistente è caratteristico degli stadi avanzati avanzati del tumore.

Forme cliniche radiologiche di cancro ai polmoni:

- Cancro dei bronchi (carcinoma centrale). Si sviluppa nel lume dei bronchi segmentari, lobari e centrali. Un tumore può germinare sia nel lume del bronco che nel tessuto polmonare che circonda il bronco. Nelle fasi iniziali, questa neoplasia non si manifesta affatto e molto spesso non è visibile su raggi X e fluorografia (l'ombra del tumore si fonde con i vasi e il cuore). La presenza di un tumore può essere sospettata solo dalla presenza sul roentgenogram di segni indiretti: la formazione di eventi infiammatori ripetuti nello stesso luogo. Le manifestazioni caratteristiche sono mancanza di respiro, tosse, emottisi e, in casi particolarmente avanzati, alta temperatura corporea e dolore toracico

- Cancro periferico. Si sviluppa nello spessore del tessuto polmonare. La sintomatologia è completamente assente, quindi è sempre rilevata completamente per caso con lo sviluppo di complicanze o come risultato di un sondaggio. Senza mostrarsi, un tumore maligno può raggiungere dimensioni molto grandi. Spesso, tali pazienti, citando una mancanza di sintomi, rifiutano il trattamento.

- Il tumore al polmone in alto è un tipo di cancro periferico. Questa neoplasia è caratterizzata dalla germinazione nei nervi e nei vasi del cingolo scapolare. Nella maggior parte dei casi, tali pazienti vengono trattati da un medico generico o da un neuropatologo con una diagnosi di osteocondrosi o plessite per un periodo piuttosto lungo e raggiungono un oncologo con uno stadio già molto avanzato della malattia.

- Il cancro addominale (la cavità si trova al centro del tumore) è anche un tipo di cancro del polmone periferico. L'occorrenza nella cavità tumorale si verifica a causa della disintegrazione della parte centrale del tumore, che si verifica a causa della mancanza di nutrizione nel processo di crescita. I tumori addominali possono raggiungere dieci o più centimetri e sono facilmente confusi con altri processi infiammatori - cisti polmonari, tubercolosi con disintegrazione, ascessi. Questi malintesi portano spesso al fatto che a causa di una diagnosi errata, il cancro continua a progredire senza controllo senza ricevere un trattamento adeguato.

- Cancro simile alla polmonite. In termini di sintomi, è molto simile alla polmonite, quindi, i pazienti che ricevono un trattamento dal terapeuta per un periodo piuttosto lungo e solo dopo la mancanza di effetto dopo il trattamento con antibiotici, si suggerisce che sia presente un tumore. Il cancro simile alla polmonite è una crescita accelerata e richiede uno o più lobi del polmone

- Le forme atipiche di cancro ai polmoni (cerebrali, ossee, epatiche, ecc.) Sono associate a sintomi di metastasi e non al tumore maligno del polmone stesso. Per una forma cerebrale, una clinica per ictus è tipica (perdita di coscienza si verifica, la parola è disturbata, gamba e braccio smettono di funzionare sul lato opposto della lesione, sono possibili fenomeni convulsi, visione doppia e mal di testa). La forma ossea del cancro è caratterizzata da dolore alla colonna vertebrale, alle ossa degli arti e al bacino; abbastanza spesso ci sono fratture spontanee. La forma epatica si manifesta con alterazioni del sangue, ittero, pesantezza nell'ipocondrio destro e aumento del fegato

- I tumori metastatici sono screening dal tumore principale di qualsiasi altro organo (secondo polmone, prostata, intestino, seno, ecc.) E hanno la struttura del tumore originale, così come la capacità di crescere, interrompendo in tal modo l'adeguato funzionamento dell'organo. A volte le metastasi raggiungono dimensioni molto grandi (dieci o più centimetri), che possono portare alla morte dei pazienti da anomalie degli organi interni (insufficienza respiratoria ed epatica, aumento della pressione intracranica, ecc.) O come risultato di avvelenamento da prodotti vitali del tumore. Molto spesso le metastasi derivano da tumori del secondo polmone, della mammella e dell'intestino, a causa della specificità della circolazione sanguigna dell'organo (una rete vascolare molto sviluppata e molto piccola, le cellule tumorali del sangue si depositano e iniziano a crescere formando metastasi nel tempo). Un tumore maligno da qualsiasi organo può metastatizzare ai polmoni

Cancro polmonare - tipi

Il cancro del polmone è diviso in due tipi (a seconda del tipo di cellule): piccola cellula e cellula non piccola.

Il carcinoma a piccole cellule (meno comune) è una neoplasia molto aggressiva, poiché può diffondersi molto rapidamente in tutto il corpo metastatizzando verso altri organi. Come regola generale, il cancro a piccole cellule si verifica nei fumatori e, nel momento in cui viene formulata la diagnosi, si verifica una diffusa metastasi nel 60% dei pazienti.

Il carcinoma polmonare non a piccole cellule è molto più comune, relativamente lento da sviluppare e diviso in tre tipi: carcinoma polmonare a grandi cellule, carcinoma polmonare a cellule squamose (cresce lentamente e si sviluppa da cellule piatte) e adenocarcinoma (si sviluppa da cellule produttrici di muco)

Carcinoma polmonare - fasi

Sulla base del grado di cancro nel tessuto polmonare circostante e in altri organi, ci sono quattro fasi del cancro del polmone.

Fase 1 Il tumore maligno è piccolo e non si è diffuso ai linfonodi. Questo stadio è diviso in 1A e 1B. Allo stadio 1A, il tumore raggiunge non più di tre centimetri nel diametro maggiore. A questo stadio del cancro, il tasso di sopravvivenza per cinque anni è di circa il 40% per il carcinoma a piccole cellule e del 55-75% per il carcinoma a piccole cellule. Allo stadio 1B, il tumore ha da tre a cinque centimetri nel diametro maggiore, mentre non si diffonde ad altre parti del corpo e ai linfonodi. In questa fase del cancro, il tasso di sopravvivenza per cinque anni è di circa il 20% per il carcinoma a piccole cellule e del 45-60% per il carcinoma a piccole cellule.

Fase 2 Anche suddiviso in 2A e 2B. Allo stadio 2A, il tumore raggiunge da cinque a sette centimetri nel diametro maggiore, mentre non si diffonde ai linfonodi; o ha meno di cinque centimetri di diametro, mentre colpisce i linfonodi più vicini al polmone. A questo stadio del cancro, il tasso di sopravvivenza nell'arco di cinque anni è di circa il 40% per il carcinoma a piccole cellule e del 35-45% per il carcinoma a piccole cellule. Allo stadio 2B, il tumore di diametro raggiunge sette centimetri, mentre non si diffonde ai linfonodi; oppure può avere un diametro fino a cinque centimetri, mentre cresce nei linfonodi più vicini. In questa fase, il tasso di sopravvivenza nell'arco di cinque anni è di circa il 20% con carcinoma a piccole cellule e del 25-35% con carcinoma a piccole cellule

Fase 3 Suddiviso in 3A e 3B. Allo stadio 3A, il tumore raggiunge un diametro superiore a sette centimetri e si estende alla formazione più vicina (diaframma, pleura, ecc.) E ai linfonodi. Inoltre, il tumore può diffondersi ai linfonodi situati vicino al cuore. In questa fase, il tasso di sopravvivenza nell'arco di cinque anni è del 15% per il carcinoma a piccole cellule e del 20-25% per il carcinoma a piccole cellule. Nello stadio 3B, il tumore si diffonde ai linfonodi polmonari opposti del torace, al diaframma, al centro del torace e al rivestimento del cuore. In questa fase, il tasso di sopravvivenza nell'arco di cinque anni è del 10% per il carcinoma a piccole cellule e del 6-10% per il carcinoma a piccole cellule

Fase 4. In questa fase del cancro del polmone, il tumore si metastatizza ad altri organi. In questa fase, il tasso di sopravvivenza nell'arco di cinque anni è dell'1% per il carcinoma a piccole cellule e dal 2% al 15% per il carcinoma a piccole cellule

Cancro polmonare - diagnosi

La diagnosi di questa neoplasia maligna è una vera sfida, dal momento che i tumori possono molto spesso essere mascherati come altre malattie polmonari (tubercolosi, ascessi, polmonite). Questo è il motivo per cui oltre il cinquanta per cento dei tumori del polmone viene rilevato già in fasi inutilizzabili (trascurate). All'inizio del loro sviluppo, i tumori non si manifestano e possono essere rilevati solo per caso o con lo sviluppo di complicanze. Per diagnosticare tempestivamente questa malattia, tutte le persone vengono mostrate almeno una volta all'anno per sottoporsi all'esame radiologico dei polmoni.

Se si sospetta un cancro ai polmoni, vengono eseguiti i seguenti test:

- Fluorografia e radiografia dei polmoni

- Tomografia a raggi X a strati del sito polmonare sospetto

- Risonanza magnetica o tomografia computerizzata del torace effettuata con mezzo di contrasto per via endovenosa

- Broncoscopia. Questo metodo viene utilizzato per identificare i tumori dell'albero bronchiale.

- Indicatori di espettorato e tumore

- Toracoscopia e biopsia tumorale

A causa della mancanza di un metodo di esame universale che consenta di distinguere un tumore polmonare maligno da altre malattie del 100%, viene eseguito l'intero complesso di esami sopra menzionato. Se la diagnosi rimane poco chiara anche dopo un esame completo, al fine di prevenire l'omissione di un tumore maligno, viene mostrata un'operazione diagnostica.

Cancro polmonare - trattamento

La tattica del trattamento del cancro del polmone dipende dal tipo di tumore (cellula piccola / cellula non piccola), dallo stadio della progressione della malattia e dalle condizioni generali del paziente. Per il trattamento di questa oncologia, ci sono tre metodi principali che possono essere utilizzati singolarmente o in combinazione: trattamento chirurgico, radioterapia e chemioterapia. Tuttavia, il metodo principale che dà speranza per il recupero è la chirurgia.

Il trattamento chirurgico del cancro del polmone, a seconda della prevalenza del cancro, è un intervento chirurgico per rimuovere il tumore, lobo / polmone intero. Di regola, il trattamento chirurgico viene effettuato nel carcinoma polmonare non a piccole cellule, dal momento che una piccola cellula, a causa di un decorso più aggressivo, richiede altri metodi di trattamento (chemioterapia, radioterapia). Inoltre, l'operazione non è raccomandata nei casi in cui vi siano gravi comorbilità, il tumore colpisce la trachea o si è diffuso ad altri organi. Per la distruzione delle cellule tumorali, che spesso rimangono ancora dopo l'intervento chirurgico, vengono prescritti corsi di radioterapia e chemioterapia.

Radioterapia - irradiazione di un tumore, sospensione della crescita o morte di cellule cancerose. Questo metodo di trattamento è efficace nei tumori polmonari a piccole cellule e non a piccole cellule. La radioterapia è prescritta in caso di presenza di varie controindicazioni all'operazione o durante la diffusione ai linfonodi. Molto spesso, per ottenere la massima efficacia del trattamento, è indicata la combinazione della radioterapia con la chemioterapia.

La chemioterapia. Questo metodo di trattamento del cancro del polmone si basa sull'assunzione di farmaci speciali che uccidono o sospendono la crescita e la riproduzione delle cellule tumorali (Docetaxel, Doxorubicina, Bevacizumab, ecc.). La chemioterapia è ugualmente adatta per il trattamento del carcinoma polmonare a piccole cellule e non a piccole cellule. Anche se questo tipo di terapia è uno dei metodi più utilizzati, in alcuni casi non porta a una cura completa per questa neoplasia maligna. Tuttavia, la chemioterapia può prolungare significativamente la vita del paziente anche negli stadi molto avanzati del cancro.

Il metodo più significativo per la prevenzione del cancro del polmone è la completa cessazione del fumo. Inoltre, ove possibile, dovrebbero essere evitate condizioni di lavoro dannose (contatto diretto con amianto, carbone, nichel e altre sostanze nocive). È obbligatorio che una volta all'anno si raccomanda a tutti gli adulti di sottoporsi all'esame a raggi X dei polmoni (fluorografia). Il precedente tumore polmonare è stato rilevato, maggiori sono le possibilità di una persona per un trattamento efficace, che porterà al recupero.

Cancro polmonare - sintomi e primi segni, cause, diagnosi, trattamento

Il carcinoma polmonare è la localizzazione più comune del processo oncologico, caratterizzato da un decorso piuttosto latente e dalla comparsa precoce di metastasi. L'incidenza del cancro del polmone dipende dall'area di residenza, dal grado di industrializzazione, dalle condizioni climatiche e lavorative, dal sesso, dall'età, dalla predisposizione genetica e da altri fattori.

Cos'è il cancro ai polmoni?

Il cancro del polmone è una neoplasia maligna che si sviluppa dalle ghiandole e dalla membrana mucosa del tessuto polmonare e dei bronchi. Nel mondo moderno, il cancro del polmone tra tutte le malattie oncologiche occupa la prima linea. Secondo le statistiche, questa oncologia colpisce gli uomini otto volte più spesso delle donne, e si è notato che più è vecchia l'età, maggiore è il tasso di incidenza.

Lo sviluppo del cancro del polmone non è lo stesso per i tumori di diversa struttura istologica. Il carcinoma a cellule squamose differenziali è caratterizzato da un decorso lento, il cancro indifferenziato si sviluppa rapidamente e produce ampie metastasi.

Il decorso più maligno ha un carcinoma polmonare a piccole cellule:

  • si sviluppa segretamente e rapidamente
  • metastatizza presto
  • ha una prognosi sfavorevole.

Più spesso si verifica un tumore nel polmone destro - nel 52%, nel polmone sinistro - nel 48% dei casi.

Il gruppo principale di casi è costituito da fumatori a lungo termine di età compresa tra i 50 e gli 80 anni, questa categoria costituisce il 60-70% di tutti i casi di cancro ai polmoni e il tasso di mortalità è del 70-90%.

Secondo alcuni ricercatori, la struttura dell'incidenza di varie forme di questa patologia a seconda dell'età è la seguente:

  • fino al 45-10% di tutti i casi;
  • da 46 a 60 anni - il 52% dei casi;
  • da 61 a 75 anni -38% dei casi.

Fino a poco tempo fa il cancro del polmone era considerato prevalentemente una malattia maschile. Attualmente, vi è un aumento dell'incidenza delle donne e una diminuzione nell'età del rilevamento primario della malattia.

A seconda della posizione del tumore primario emettono:

  • Cancro centrale. Si trova nei bronchi principali e lobare.
  • Aeriferichesky. Questo tumore si sviluppa dai piccoli bronchi e bronchioli.
  1. Il carcinoma a piccole cellule (meno comune) è una neoplasia molto aggressiva, poiché può diffondersi molto rapidamente in tutto il corpo metastatizzando verso altri organi. Come regola generale, il cancro a piccole cellule si verifica nei fumatori e, nel momento in cui viene formulata la diagnosi, si verifica una diffusa metastasi nel 60% dei pazienti.
  2. Cellula non piccola (80-85% dei casi) - ha una prognosi negativa, combina diverse forme di tipi morfologicamente simili di cancro con una struttura cellulare simile.
  • centrale - colpisce i bronchi principale, lobare e segmentale;
  • periferica - danno all'epitelio dei bronchi più piccoli, dei bronchioli e dell'alvelol;
  • massiccio (misto).

La progressione di una neoplasia passa attraverso tre fasi:

  • Biologico - il periodo tra l'apparizione di una neoplasia e la manifestazione dei primi sintomi.
  • Asintomatici - i segni esterni del processo patologico non appaiono affatto, diventano visibili solo sul roentgenogram.
  • Clinico - un periodo in cui ci sono sintomi evidenti nel cancro, che diventa un incentivo a correre dal dottore.

cause di

Le principali cause del cancro del polmone:

  • fumo, compreso passivo (circa il 90% di tutti i casi);
  • contatto con sostanze cancerogene;
  • inalazione di fibre di radon e di amianto;
  • predisposizione genetica;
  • categoria di età superiore a 50 anni;
  • l'influenza di fattori produttivi nocivi;
  • esposizione alle radiazioni;
  • la presenza di malattie croniche dell'apparato respiratorio e patologie endocrine;
  • cambiamenti cicatriziali nei polmoni;
  • infezioni virali;
  • inquinamento atmosferico.

La malattia si sviluppa segretamente per un lungo periodo. Il tumore comincia a formarsi nelle ghiandole, le membrane mucose, ma molto rapidamente la metastasi cresce in tutto il corpo. I fattori di rischio per neoplasie maligne sono:

  • inquinamento atmosferico;
  • il fumo;
  • infezioni virali;
  • cause ereditarie;
  • condizioni di produzione nocive.

Nota: le cellule tumorali che colpiscono i polmoni si dividono molto rapidamente, diffondendo il tumore in tutto il corpo e distruggendo altri organi. Pertanto, un punto importante è la diagnosi tempestiva della malattia. Quanto prima viene rilevato un cancro ai polmoni e viene avviato il trattamento, maggiori sono le possibilità di estendere la vita del paziente.

I primi segni di cancro ai polmoni

I primi sintomi del cancro del polmone spesso non hanno una connessione diretta con il sistema respiratorio. I pazienti per molto tempo si rivolgono a diversi specialisti di un profilo diverso, vengono esaminati per un lungo periodo e, di conseguenza, ricevono un trattamento sbagliato.

  • febbre di basso grado, che non si esaurisce con i farmaci ed estremamente esaurisce il paziente (durante questo periodo il corpo è soggetto a intossicazione interna);
  • debolezza e stanchezza al mattino;
  • prurito con sviluppo di dermatiti e, eventualmente, comparsa di escrescenze sulla pelle (causate dall'effetto allergico delle cellule maligne);
  • debolezza dei muscoli e aumento del gonfiore;
  • disturbi del sistema nervoso centrale, in particolare, vertigini (fino a svenimento), alterata coordinazione dei movimenti o perdita di sensibilità.

Quando compaiono questi sintomi, si assicuri di consultare un pneumologo per la diagnosi e il chiarimento della diagnosi.

palcoscenico

Di fronte al cancro del polmone, molti non sanno come determinare lo stadio della malattia. In oncologia, quando si valuta la natura e l'entità della malattia del cancro del polmone, vengono classificate 4 fasi dello sviluppo della malattia.

Tuttavia, la durata di ogni stadio è puramente individuale per ciascun paziente. Dipende dalle dimensioni della neoplasia e dalla presenza di metastasi, nonché dalla velocità del decorso della malattia.

  • Stadio 1 - il tumore è inferiore a 3 cm Situato all'interno dei confini del segmento polmonare o di un bronco. Non ci sono metastasi. I sintomi sono difficili da distinguere o per niente.
  • 2 - tumore fino a 6 cm, situato entro i confini del segmento del polmone o del bronco. Singole metastasi nei singoli linfonodi. I sintomi sono più pronunciati, emottisi, dolore, debolezza, perdita di appetito.
  • 3 - il tumore supera i 6 cm, penetra in altre parti del polmone o nei bronchi adiacenti. Numerose metastasi I sintomi includono sangue nell'espettorato mucopurulento, mancanza di respiro.

Come si manifesta l'ultimo stadio 4 del carcinoma polmonare?

In questa fase del cancro del polmone, il tumore si metastatizza ad altri organi. Il tasso di sopravvivenza nell'arco di cinque anni è dell'1% per il carcinoma a piccole cellule e dal 2% al 15% per il carcinoma a piccole cellule

Il paziente ha i seguenti sintomi:

  • Dolore costante durante la respirazione, che è difficile da vivere.
  • Dolore al petto
  • Perdita di peso e appetito
  • Coaguli di sangue lentamente, si verificano spesso fratture (metastasi nelle ossa).
  • La comparsa di attacchi di tosse grave, spesso con il rilascio di espettorato, a volte con sangue e pus.
  • La comparsa di forti dolori al petto, che indica direttamente il danno ai tessuti circostanti, in quanto non vi sono recettori del dolore nei polmoni stessi.
  • Tra i sintomi del cancro si annoverano anche respirazione grave e mancanza di respiro: se i linfonodi cervicali sono colpiti, si avvertono difficoltà di linguaggio.

Per il carcinoma polmonare a piccole cellule, che si sviluppa rapidamente ea breve termine colpisce il corpo, solo 2 fasi di sviluppo sono caratteristiche:

  • stadio limitato, quando le cellule tumorali sono localizzate in un polmone e i tessuti situati nelle immediate vicinanze.
  • fase estesa o estesa quando il tumore si metastatizza nell'area al di fuori del polmone e degli organi distanti.

Sintomi del cancro del polmone

Le manifestazioni cliniche del cancro del polmone dipendono dalla posizione primaria della neoplasia. Nella fase iniziale, il più delle volte la malattia è asintomatica. Negli stadi successivi possono comparire segni generali e specifici di cancro.

I primi, primi sintomi del cancro del polmone non sono specifici, e di solito non causano ansia, questi includono:

  • stanchezza immotivata
  • perdita di appetito
  • potrebbe verificarsi una leggera perdita di peso
  • tosse
  • sintomi specifici di tosse con espettorato "arrugginito", mancanza di respiro, emottisi si uniscono nelle fasi successive
  • la sindrome del dolore indica l'inclusione nel processo di organi e tessuti vicini

Sintomi specifici del cancro del polmone:

  • Tosse - senza causa, parossistica, debilitante, ma non dipendente dallo sforzo fisico, a volte con espettorato verdastro, che può indicare la posizione centrale del tumore.
  • Mancanza di respiro La mancanza di aria e mancanza di respiro appare prima in caso di sforzo, e con lo sviluppo di un tumore, il paziente è disturbato anche in posizione supina.
  • Dolore al petto Quando il processo tumorale colpisce la pleura (rivestimento del polmone), dove si trovano le fibre nervose e le terminazioni, il paziente sviluppa un dolore lancinante al petto. Sono acuti e doloranti, costantemente disturbanti o dipendenti dalla respirazione e dallo sforzo fisico, ma il più delle volte si trovano sul lato del polmone colpito.
  • Emottisi. Di solito, la riunione del medico e del paziente avviene dopo che l'espettorato dalla bocca e dal naso inizia a sanguinare. Questo sintomo suggerisce che il tumore iniziò a infettare i vasi sanguigni.
  • tosse secca;
  • la debolezza;
  • perdita di appetito;
  • malessere generale;
  • aumento della temperatura;
  • mal di testa.
  • emottisi;
  • respiro affannoso mentre si respira;
  • perdita di peso;
  • febbre;
  • tosse aumentata;
  • dolori al petto;
  • debolezza.
  • aumento della tosse umida;
  • sangue, pus nell'espettorato;
  • difficoltà a respirare;
  • mancanza di respiro;
  • difficoltà a deglutire;
  • tosse con sangue;
  • drammatica perdita di peso;
  • epilessia, linguaggio alterato, con forma di piccole cellule;
  • dolore intenso

Segni di cancro ai polmoni negli uomini

  • La tosse esaustiva e frequente è uno dei primi segni di cancro ai polmoni. Successivamente, appare l'espettorato, il suo colore potrebbe diventare giallo-verdastro. Quando il travaglio fisico o l'ipotermia tosse si aggravano.
  • Quando respira appare fischiare, mancanza di respiro;
  • Il dolore appare nell'area del torace. Può essere considerato un segno di oncologia in presenza dei primi due sintomi.
  • Quando si tossisce, oltre all'espettorato, può comparire uno scarico sotto forma di coaguli di sangue.
  • Attacchi di apatia, aumento della perdita di forza, aumento della fatica;
  • Con una nutrizione normale, il paziente perde peso in modo brusco;
  • In assenza di processi infiammatori, raffreddori, la temperatura corporea aumenta;
  • La voce diventa rauca, è collegata al danno al nervo della laringe;
  • Da parte della neoplasia, può apparire dolore alla spalla;
  • Problemi con la deglutizione. Ciò è dovuto alla sconfitta delle pareti del tumore dell'esofago e del tratto respiratorio;
  • Debolezza muscolare I pazienti di solito non prestano attenzione a questo sintomo;
  • vertigini;
  • Disturbo del ritmo cardiaco

Cancro al polmone nelle donne

I segni importanti di cancro ai polmoni nelle donne sono disagio al petto. Appaiono in intensità variabile a seconda della forma della malattia. Il disagio diventa particolarmente forte se i nervi intercostali sono coinvolti nel processo patologico. Praticamente non risponde all'arresto e non lascia il paziente.

Le sensazioni spiacevoli sono dei seguenti tipi:

Insieme con i sintomi comuni, ci sono segni di cancro ai polmoni nelle donne:

  • cambiamenti nel timbro della voce (raucedine);
  • linfonodi ingrossati;
  • violazione della funzione di deglutizione;
  • dolore alle ossa;
  • fratture frequenti;
  • ittero - con metastasi al fegato.

La presenza di uno o più segni caratteristici di una singola categoria di malattie degli organi respiratori dovrebbe essere la causa di un ricorso immediato a uno specialista.

Una persona che osserva i sintomi di cui sopra deve informare il medico su di loro o integrare le informazioni che raccoglie con le seguenti informazioni:

  • attitudine al fumo con sintomi polmonari;
  • la presenza di cancro nei parenti di sangue;
  • intensificazione graduale di uno dei suddetti sintomi (è un'aggiunta preziosa, poiché indica un lento insorgere della malattia caratteristica dell'oncologia);
  • esacerbazione acuta dei sintomi sullo sfondo del malessere anteriore cronico, debolezza generale, perdita di appetito e peso corporeo - questa è anche una variante della carcinogenesi.

diagnostica

Come viene determinato il cancro ai polmoni? Fino al 60% delle lesioni polmonari oncologiche vengono rilevate durante la fluorografia profilattica, a diversi stadi di sviluppo.

  • Allo stadio 1, sono registrati solo il 5-15% dei pazienti con carcinoma polmonare.
  • Dal 2 al 20-35%
  • Nella fase 3 -50-75%
  • 4 - più del 10%

La diagnosi per sospetta neoplasia polmonare include:

  • esami clinici generali del sangue e delle urine;
  • esame del sangue biochimico;
  • esame citologico dell'espettorato, arrossamento dai bronchi, essudato pleurico;
  • valutazione di dati fisici;
  • raggi X dei polmoni in 2 proiezioni, tomografia lineare, TC dei polmoni;
  • broncoscopia (fibrobronchoscopia);
  • puntura pleurica (con versamento);
  • toracotomia diagnostica;
  • biopsia del linfonodo.

La diagnosi precoce dà speranza per una cura. Il modo più affidabile in questo caso è una radiografia dei polmoni. Specificare la diagnosi mediante broncografia endoscopica. Con il suo aiuto, è possibile determinare la dimensione e la posizione del tumore. Inoltre, necessariamente effettuato esame citologico - biopsia.

Trattamento del cancro al polmone

La prima cosa che voglio dire è che il trattamento viene eseguito solo da un medico! Nessun trattamento autonomo! Questo è un punto molto importante. Dopo tutto, prima cerchi l'aiuto di uno specialista, maggiore è la possibilità di un esito favorevole della malattia.

La scelta di una strategia di trattamento specifica dipende da molti fattori:

  • Stadio della malattia;
  • Struttura istologica del carcinoma;
  • La presenza di patologie concomitanti;
  • La combinazione di tutti i precedenti fatkorov.

Ci sono diversi trattamenti complementari per il cancro del polmone:

  • Intervento chirurgico;
  • Radioterapia;
  • La chemioterapia.

Trattamento chirurgico

L'intervento chirurgico è il metodo più efficace, che viene mostrato solo negli stadi 1 e 2. Condividi questi tipi:

  • Radicale: rimuovere il sito del tumore primitivo e i linfonodi regionali;
  • Palliative - mirate a mantenere le condizioni del paziente.

chemioterapia

Quando si rileva il carcinoma a piccole cellule, la chemioterapia è il metodo di trattamento principale, poiché questa forma del tumore è più sensibile ai metodi conservativi di trattamento. L'efficacia della chemioterapia è piuttosto elevata e consente di ottenere un buon effetto per diversi anni.

La chemioterapia può essere dei seguenti tipi:

  • curativo - per ridurre le metastasi;
  • adiuvante - usato come misura preventiva per prevenire le ricadute;
  • inadeguato - immediatamente prima dell'intervento chirurgico per ridurre i tumori. Aiuta anche a identificare il livello di sensibilità cellulare al trattamento farmacologico e a stabilirne l'efficacia.

Radioterapia

Un altro metodo di trattamento è la radioterapia: è usato per tumori non resecabili dei polmoni dello stadio 3-4, che consente di ottenere buoni risultati nel carcinoma a piccole cellule, specialmente in combinazione con la chemioterapia. Il dosaggio standard per il trattamento con radiazioni è di 60-70 grigi.

L'uso della radioterapia nel cancro del polmone è considerato un metodo separato se il paziente ha rifiutato di usare la chimica e la resezione non è possibile.

prospettiva

Per fare previsioni accurate per il cancro del polmone, forse, non si assumerà alcun dottore esperto. Questa malattia può comportarsi in modo imprevedibile, in gran parte dovuto alla diversità delle varianti istologiche della struttura dei tumori.

Tuttavia, la cura del paziente è ancora possibile. Di norma, l'uso di una combinazione di chirurgia e radioterapia porta a un esito positivo.

Quante persone vivono con il cancro ai polmoni?

  • In assenza di trattamento, quasi il 90% dei pazienti dopo aver identificato la malattia non vive più di 2-5 anni;
  • con il trattamento chirurgico, il 30% dei pazienti ha la possibilità di vivere più di 5 anni;
  • Con una combinazione di chirurgia, radioterapia e chemioterapia, un altro 40% dei pazienti ha la possibilità di vivere per più di 5 anni.

Non dimenticare la prevenzione, includi:

  • stile di vita sano: corretta alimentazione ed esercizio fisico
  • evitando le cattive abitudini, specialmente il fumo

prevenzione

La prevenzione del cancro del polmone include le seguenti raccomandazioni:

  • Rifiuto delle cattive abitudini, prima di tutto dal fumo;
  • Mantenere uno stile di vita sano: una corretta alimentazione ricca di vitamine e l'esercizio quotidiano, passeggiate all'aria aperta.
  • In tempo per curare le malattie dei bronchi, in modo che non ci sia passaggio alla forma cronica.
  • In onda la stanza, pulizia giornaliera umida dell'appartamento;
  • È necessario ridurre al minimo il contatto con sostanze chimiche dannose e metalli pesanti. Durante il lavoro, assicurarsi di utilizzare dispositivi di protezione: respiratori, maschere.

Se hai i sintomi descritti in questo articolo, assicurati di consultare il tuo medico per una diagnosi accurata.