Classificazione della polmonite secondo l'OMS

La polmonite è una malattia che è accompagnata da processi infiammatori nei polmoni e di solito ha un'eziologia batterica. La malattia ha anche il nome di "polmonite".

Cause di polmonite secondo l'OMS

Nel corso della vita, gli organi respiratori sono esposti a microbi e infezioni. L'immunità è solitamente abbastanza forte per far fronte a tali attacchi. Ma a volte si indebolisce, che è condizioni favorevoli per lo sviluppo della malattia.

Secondo l'OMS, ci sono alcuni fattori che contribuiscono alla comparsa della malattia:

  • infanzia e neonato (sottosviluppo dell'immunità);
  • vecchiaia (depressione del riflesso della tosse responsabile dello spasmo della glottide);
  • condizioni che portano alla perdita di coscienza (epilessia, intossicazione, effetti di droghe e farmaci ipnotici);
  • malattie degli organi respiratori (enfisema e altri);
  • fumo (l'esposizione al fumo di tabacco negli organi respiratori comporta il rischio di polmonite);
  • malattie associate che riducono l'immunità (leucemia acuta, infezione da HIV, infarto, iga-nefropatia, ecc.);
  • lunga permanenza in posizione prona;
  • condizioni familiari e sociali sfavorevoli, cattiva alimentazione.

Caratteristiche fisiopatologiche

La patofisiologia della polmonite considera la malattia come la risposta del corpo umano all'azione dei patogeni (legionella, micoplasma e altri). Vale la pena notare che la presenza di agenti patogeni non significa sempre la diagnosi di "polmonite". Anche nei pazienti con ventilazione meccanica, i patogeni sono spesso rilevati in quantità accettabili, ma la malattia è assente. La fisiopatologia chiama questa colonizzazione di stato.

La causa della polmonite sono vari patogeni. Quindi, dal tessuto di persone che sono morte da questa malattia, è possibile a volte isolare circa 100 microrganismi di vario tipo. La fisiopatologia considera come causa dello sviluppo del processo infiammatorio che si verifica nei polmoni, una diminuzione dei meccanismi protettivi del corpo umano, così come un gran numero di agenti patogeni.

La fisiopatologia afferma che non esiste un singolo microrganismo, sebbene non molto tempo fa si credesse che una certa forma di polmonite si sviluppasse a seguito dell'esposizione allo streptococco.

Ora si è saputo che non lo è. Lo streptococco è la causa più comune della malattia, ma il corpo umano è esposto ad altri patogeni, che sono patofisiologia.

La fisiopatologia rileva che il fattore principale che contribuisce allo sviluppo della polmonite è la riduzione dell'immunità. Spesso questo si verifica in presenza di varie malattie: leucemia acuta, diabete mellito, sospetto infarto, iga-nefropatia, quando si osserva l'intossicazione del corpo. Per determinare la diagnosi, viene utilizzata la diagnosi differenziale. Per combattere la malattia si utilizza il trattamento etiotropico, l'omeopatia, la ventilazione meccanica. Il calcio sotto forma di gluconato viene utilizzato attivamente.

Tipi di polmonite secondo l'OMS

La medicina moderna è in continuo sviluppo. I microrganismi migliorati compaiono ogni giorno, vengono prodotti vari farmaci e la fisiopatologia fornisce nuovi risultati di ricerca. A questo proposito, anche la classificazione della malattia secondo l'OMS ei risultati degli studi condotti dalla fisiopatologia, subiscono cambiamenti.

Ad oggi, ci sono diversi tipi di polmonite, che corrispondono all'eziologia del patogeno, alle condizioni di sviluppo, alle manifestazioni cliniche e ad altre caratteristiche.

In termini di aspetto e forme

A seconda dei tempi e delle forme di manifestazione, c'è la seguente classificazione di polmonite secondo l'OMS:

  • fuori dall'ospedale - i sintomi sono osservati a casa o durante due giorni in ospedale (differisce in una prognosi relativamente favorevole, la mortalità è bassa);
  • ospedale - i sintomi si manifestano entro due giorni dalla degenza in una struttura medica o quando un paziente è stato trattato per i precedenti 3 mesi con una durata di 2 o più giorni;
  • forma di aspirazione - le manifestazioni cliniche della malattia risultano dalla deglutizione del contenuto dell'orofaringe in grandi quantità, mentre i pazienti sono incoscienti, hanno una disfunzione della deglutizione, un riflesso della tosse indebolito;
  • la malattia appare a causa dell'immunodeficienza - possono essere primarie (sindrome di Bruton) o secondarie (infezione da HIV).

Secondo i moderni protocolli dell'OMS, la forma ospedaliera o nosocomiale della malattia include pazienti affetti da polmonite associata a ventilazione. Tali pazienti sono di solito in ventilazione meccanica per un lungo periodo di tempo (mancanza di respiro).

Inoltre, questa categoria comprende persone provenienti da case di cura che hanno una diagnosi di polmonite. Questa forma della malattia comporta un decorso grave, la presenza di comorbidità (infarto, iga-nefropatia, leucemia, ecc.) E un alto tasso di mortalità. L'esito fatale è possibile nel 40% dei casi.

L'infiammazione dei polmoni della forma di aspirazione è spesso osservata in pazienti con lesioni cerebrali traumatiche, intossicazione da alcool, e questa categoria include anche persone che hanno un sospetto infarto.

Da agente patogeno

L'infiammazione dei polmoni, a seconda dell'agente causale, è classificata dall'OMS in batteri, virali, fungini, misti, causati dai vermi.

La forma batterica della malattia si verifica a seguito dell'esposizione ai batteri (stafilococco, legionella e altri). Una variante tipica dello sviluppo della malattia comprende sintomi sotto forma di febbre, tosse produttiva, in cui foglie di escreato purulento (o "arrugginite"). In alcuni casi, ci sono sensazioni dolorose nello sterno, i linfonodi sono ingranditi. I sintomi includono anche debolezza, mal di testa, mancanza di respiro, perdita o completa perdita di appetito. Per stabilire la diagnosi, viene applicata la diagnosi differenziale. Viene prescritta l'auscultazione dei polmoni. Il trattamento prevede l'uso di farmaci antibatterici, antisettici, calcio gluconato e altri mezzi di ventilazione meccanica, se necessario.

La polmonite virale è causata da virus parainfluenzali, influenza, rinovirus, adenovirus. Raramente gli agenti patogeni sono virus di pertosse, rosolia, morbillo. I sintomi della malattia - dolore al petto, respirazione con respiro affannoso, tosse con espettorato purulento, in cui a volte ci sono impurità del sangue. La temperatura aumenta, appare la debolezza. Per stabilire la malattia, viene utilizzata la diagnosi differenziale. Per l'ascolto del respiro sibilante è prescritta l'auscultazione dei polmoni. Il trattamento consiste nell'uso di agenti antimicotici, immunomodulatori, farmaci destabilizzanti, multivitaminici, calcio gluconato. Spesso, questa forma di infiammazione si sviluppa in pazienti con disturbi del sangue maligni (leucemia acuta). Spesso i pazienti hanno linfonodi ingrossati. La malattia fungina può comparire durante la post-radioterapia, ventilazione meccanica.

La diagnosi di "polmonite mista" è stabilita in presenza di agenti patogeni batterici e virali. Quando si infettano con i vermi, oltre ai segni comuni, i sintomi compaiono sotto forma di dolore addominale, nausea e persino vomito, intossicazione del corpo. Le principali raccomandazioni terapeutiche sono rivolte alla lotta contro l'elminto e al ripristino delle funzioni polmonari.

La gravità della polmonite

L'infiammazione dei polmoni secondo l'OMS può verificarsi in forma lieve, moderata, grave ed estremamente grave. Lieve gravità è accompagnata da sintomi lievi. Segni di intossicazione - un leggero aumento della temperatura corporea, mancanza di respiro è assente, la pressione sanguigna è normale, la respirazione è calma, senza evidente respiro affannoso. I linfonodi sono normali o leggermente ingrossati. Per identificare la malattia, viene utilizzata la diagnosi differenziale. Un esame a raggi X mostra piccole lesioni. La terapia prevede l'uso di farmaci anti-infiammatori, farmaci per rafforzare il sistema immunitario. L'omeopatia viene utilizzata attivamente. La necessità di ventilazione meccanica di solito non si presenta.

La malattia è di gravità moderata. Questi includono sudorazione, una leggera diminuzione della pressione sanguigna, tachicardia, temperatura corporea elevata. A volte i linfonodi sono ingranditi, la respirazione diventa difficile.

Se la diagnosi differenziale determina la polmonite, una diagnosi accurata viene effettuata dopo un esame a raggi X.

Nei casi più gravi, i sintomi sono pronunciati. I pazienti sono preoccupati per la pressione, ridotti a 100 battiti al minuto e più, alta temperatura corporea, coscienza annebbiata. Respirare è troppo difficile, ci sono persino attacchi di soffocamento. I linfonodi possono essere chiaramente ingranditi a causa della concomitante leucemia.

La diagnosi differenziale viene utilizzata per determinare la polmonite. La diagnosi viene stabilita in base all'immagine radiografica. Questa forma di polmonite dà spesso complicazioni. Il trattamento deve essere rapido.

L'omeopatia in questo caso non viene utilizzata. Le droghe usate di azione forte, spesso richiedono ventilazione meccanica.

Varietà di flusso

A seconda del decorso della malattia, secondo l'OMS, esiste la seguente classificazione di polmonite:

  1. Acuta. Ha sintomi pronunciati (febbre, tosse) e un decorso progressivo. Può essere presente sullo sfondo di altre malattie (diabete, attacco cardiaco) se esposte a patogeni (micoplasma, legionella, funghi e altri). Se la malattia concomitante è la leucemia acuta, i linfonodi possono essere ingranditi. Viene utilizzata la diagnosi differenziale e il trattamento etiotropico. Disintossicazione e terapia infusionale (gluconato di calcio, ecc.), A volte viene utilizzata la ventilazione meccanica.
  2. Protratta. È caratterizzato da un lungo ciclo, oltre a sintomi moderati (i linfonodi sono leggermente aumentati, la tosse che non attraversa a lungo, la temperatura raggiunge 38 ° C). Gli agenti patogeni sono tutti la stessa legionella e altri microrganismi. Quando viene fatta la diagnosi differenziale, la malattia viene determinata. Inoltre, ci sono altre malattie che possono dare complicazioni (possibile infarto, leucemia). La terapia viene effettuata utilizzando calcio gluconato, antinfiammatorio e altri farmaci, ventilazione meccanica, se necessario.
  3. Cronica. Questa forma di polmonite si sviluppa spesso se una malattia acuta non è stata completamente guarita. È caratterizzato da periodi di esacerbazione e remissione. Le azioni sono le stesse delle due forme precedenti: diagnosi differenziale, terapia di disintossicazione (gluconato di calcio, ecc.) In base alla causa dell'evento.

Ognuna di queste forme è semplice o complicata.

Distribuzione clinica e morfologica

Secondo l'OMS, esiste una classificazione della polmonite per caratteristiche cliniche e morfologiche. È parenchimale e interstiziale. La malattia parenchimale è cistica, focale, segmentaria. La malattia grossa ha sintomi pronunciati, che si manifestano come infiammazione iperidica. La malattia di solito copre l'intero organo, spesso diffondendosi alla pleura.

L'infiammazione della forma focale è accompagnata dall'accumulo di muco negli alveoli. Uno o più segmenti polmonari sono interessati. A volte i fuochi si fondono, risultando in uno grande.

Polmonite segmentale - il processo infiammatorio cattura un intero segmento. La malattia ha un decorso prolungato.
Per quanto riguarda il processo infiammatorio stesso, è unilaterale e bilaterale.

La polmonite interstiziale è spesso causata da virus. Spesso la malattia è causata da funghi e altri agenti patogeni. La diagnosi viene stabilita con grande responsabilità, dal momento che la polmonite interstiziale è in grado di manifestarsi sullo sfondo di varie patologie, tra cui infarto, linfosi acuta, iga-nefropatia e altre.

A questa forma appartiene ordinaria polmonite interstiziale, acuta, linfoide, criptogenetica organizzata. La terapia prevede l'uso di gluconato di calcio e altri mezzi. Vale la pena notare che l'organizzazione della polmonite è una malattia piuttosto rara.

Forme di polmonite nosocomiale

L'OMS identifica due forme di polmonite nosocomiale: precoce e tardiva. Il primo si manifesta già 4-5 giorni dopo il ricovero in ospedale. La diagnosi è relativamente favorevole. La terapia viene effettuata con l'aiuto di antibiotici, calcio gluconato, viene utilizzata la ventilazione meccanica.

La forma tardiva appare 6 giorni dopo essere stata in una struttura medica. Di regola, la diagnosi è piuttosto discutibile. A volte può essere generalmente sfavorevole. Gli agenti patogeni sono spesso resistenti al trattamento antimicrobico. La terapia di disintossicazione viene effettuata utilizzando il gluconato di calcio.

Categorie di pazienti con polmonite acquisita in comunità

L'OMS, in particolare la fisiopatologia, identifica 4 categorie di pazienti con polmonite acquisita in comunità. Il primo include pazienti che vengono trattati in regime ambulatoriale. Non hanno bisogno di ricovero ospedaliero. Il corso della loro malattia è relativamente favorevole, la vita non è in pericolo. Pertanto, possono conformarsi alle raccomandazioni del medico a casa (usando farmaci antinfiammatori, espettoranti, calcio, vitamine). In questo caso, l'omeopatia viene spesso utilizzata.

I pazienti ambulatoriali con fattori di rischio (leucemia acuta, attacco cardiaco, malattie cardiovascolari, iga-nefropatia, ecc.) Appartengono alla seconda categoria clinica. Di solito sono pazienti con più di 60 anni o con meno di 2 anni. Tali pazienti, di regola, non hanno bisogno di ricovero in ospedale. Il decorso della polmonite è favorevole, la gravità è lieve. In questo caso, le raccomandazioni del medico devono essere osservate con molta attenzione.

La terza categoria clinica - i pazienti che sono trattati in un ospedale. Il decorso della malattia è di gravità moderata, quindi i pazienti necessitano di un costante controllo medico. La diagnosi differenziale consente di eliminare altri disturbi con sintomi simili. Sono necessari farmaci anti-infiammatori, gluconato di calcio.

I farmaci vengono selezionati in base a malattie concomitanti (leucemia, infarto precedente, ecc.). Non dimenticare che passano con la manifestazione dei loro sintomi caratteristici (ingrossamento dei linfonodi con leucemia), il che rende difficile la diagnosi.

La terapia antibatterica viene applicata con successo, a volte viene praticata l'omeopatia.

La quarta categoria comprende i pazienti che necessitano di un follow-up in terapia intensiva. La diagnosi di polmonite grave. Di norma, si verificano complicanze dovute a disturbi concomitanti (leucemia, ß-nefropatia, infarto e altri). La malattia è difficile da trattare, c'è resistenza ai farmaci.

Secondo l'OMS, la classificazione della polmonite è ampia. La distribuzione della malattia per specie è influenzata da agenti patogeni, gravità e così via. La diagnosi differenziale consente di stabilire la malattia, mediante ulteriori ricerche, è possibile determinare il tipo di appartenenza. Dopo questo, la terapia sarà selezionata con successo, e le raccomandazioni corrette del medico assicureranno un risultato favorevole.

Classificazione della polmonite acuta nei bambini

Attualmente, nella pratica clinica, viene utilizzata una classificazione operativa della polmonite nei bambini (Federazione Russa, 1995), che prevede la separazione della polmonite per forma morfologica, condizioni di infezione, decorso e complicanze. Aggiunta alla classificazione è il rilascio di polmonite dalla natura del patogeno (vedi Eziologia del PO).

Secondo la forma morfologica, ci sono 5 tipi di polmonite acuta:

1) polmonite focale (con concomitante porzione lesioni bronchiale) dipende dalla gravità della dimensione della lesione durante ciclico caratteristica (con una corretta antibiotico invia dinamica inversa veloci), questo broncopolmonite patogeneticamente verso il basso.

2) La polmonite focale-confluente è un tipo di polmonite focale, quando la lesione copre diversi segmenti o un lobo, con aree di compattazione e una tendenza alla distruzione.

3) segmentale polmonite (che interessa parte guidata dei bronchi) nella lesione coinvolto non parte separata del parenchima, e l'intero segmento come la luce unità strutturale anatomico (è nello stato di atelettasia) patogeneticamente è crescente broncopolmonite (inizialmente colpito parenchima, "bronchite" secondario), con rapido recupero clinico, è caratteristico uno sviluppo lento all'indietro (tendenza alla trasformazione fibrosa e fibrosi polmonare limitata).

4) polmonite lobare tipico per i bambini più grandi (a differenza dei primi 3 gruppi), che scorre con una clinica distintivo (insorgenza improvvisa di ipertermia superiore a 40 °, tosse "arrugginito" espettorato, herpes, infiltrazione lobare omogenea nelle radiografie).

5) La polmonite interstiziale, costituisce meno dell'1% di tutta la polmonite, caratterizzata da danno acuto e incompleto diffuso all'interstizio (granulomi specifici nel tessuto interstiziale durante la toxoplasmosi intrauterina, citomegalia).

Sotto i termini dell'infezione, si distinguono: 1) polmonite acquisita in comunità ("casa", "strada");

2) Nosocomiale nosocomiale, che si sviluppa dopo 48 ore in ospedale o 48 ore dopo la dimissione dall'ospedale; a sua volta, tra la polmonite nosocomiale, la polmonite ventricolare viene emessa - in anticipo (entro i primi 4 giorni sul ventilatore) e in ritardo (più di 4 giorni sul ventilatore);

3) polmonite con infezione perinatale;

4) Polmonite nei pazienti con immunodeficienza.

A valle ci sono polmonite acuta (risolta in un periodo fino a 1,5 mesi), prolungata (da 1,5 a 8 mesi) e cronica (per più di 8 mesi, quando si forma una pneumosclerosi limitata, che non è suscettibile di invertire lo sviluppo).

Nella classificazione si distinguono anche forme complicate e complicate di polmonite acuta. Le complicanze determinano la gravità della malattia.

La gravità della polmonite (lieve, moderata, grave) dipende dal tipo di agente patogeno, dalla gravità dell'infezione, dalle condizioni del corpo e dalla tempestività del trattamento. Dal punto di vista clinico, la gravità del processo è determinata dalle specifiche manifestazioni (complicazioni), che vengono anche apportate alla diagnosi:

1) Insufficienza respiratoria (grado).

2) Tossicosi (l'opzione clinica è neurotossicosi, insufficienza coronarica acuta, insufficienza surrenalica acuta, tossicosi intestinale con exsiccosi, DIC, forme tossico-settiche).

3) Disturbi cardio-respiratori e circolatori (sindrome cardiovascolare) con indicazione della variante del danno miocardico (distrofia miocardica, miocardite) e della componente vascolare (circolo circolatorio grande o piccolo).

4) le complicanze suppurative (polmonari - pleurite sinpnevmonichesky, metapnevmonichesky versamento pleurico, distruzione polmonare, ascesso polmonare, pneumoempyema - ed extrapolmonare - shock tossico, settico foci metastatici).

5) Sindrome ostruttiva.

Secondo le raccomandazioni della guida tascabile "Fornire cure ospedaliere per i bambini. Linee guida per la gestione delle malattie più comuni in condizioni di risorse limitate ", Bishkek, 2012, la classificazione della gravità della polmonite comporta l'assegnazione di polmonite grave, polmonite e il concetto di" no polmonite, tosse o raffreddore "(vedi tabella 9).

Polmonite nei bambini

Polmonite nei bambini

Scopo della lezione: far conoscere agli studenti i dati epidemiologici, la classificazione, le manifestazioni cliniche della polmonite, i principi della diagnosi differenziale e i principali approcci alla terapia.

1. Definizione, epidemiologia, classificazione.

3. Criteri per la diagnosi di polmonite.

4. Diagnosi differenziale di polmonite.

5. Principi della terapia.

6. Osservazione dell'erogazione.

1. Shabalov N.P. Manuale per le malattie dei bambini.- S-Pb., 2010.

1. Polmonite acquisita in comunità nei bambini: prevalenza, diagnosi, trattamento e prevenzione. Programma scientifico e pratico, Mosca, 2012.

2. Tatochenko V.K. Malattie dell'apparato respiratorio nei bambini: una guida pratica V.K.Tatochenko. - M.: "Pediatra", 2012. - 480 p.

3. Pediatria: leadership nazionale: in 2 tonnellate - M.: GEOTAR-Media, 2009.

4. Pulmonology: leadership nazionale / ed. A.G.Chuchalina. - M.: GEOTAR-Media, 2009. - 960 p.

Polmonite (J13 - J18) - una malattia infettiva acuta dei polmoni diversa eziologia (preferibilmente batterica), caratterizzata da lesioni focali servizi respiratorie con essudazione endoalveolare, diagnosticata per la sindrome da distress respiratorio e / o da dati fisici, così come i cambiamenti infiltranti nella radiografia.

• L'incidenza aumenta durante un'epidemia di influenza.

• In 0,4 - 1,8% dei bambini con SARS, la malattia è complicata da polmonite.

• Tasso di mortalità di 0,9-13,7 ogni 10.000 bambini (causa controllata).

• Fattori di rischio fatali: fattori sociali avversi e background premorboso, assistenza medica tardiva, ammissione tardiva in ospedale

Secondo il luogo di occorrenza (condizioni di infezione)

1. Ambulatorio (ambulatoriale, domiciliare), derivante da un bambino al di fuori dell'ospedale o nelle prime 48-72 ore di ospedalizzazione.

2. Nosocomiale (ospedale, nosocomiale), sviluppato 48-72 ore dopo l'ospedalizzazione o la dimissione.

3. Polmonite del neonato:

- acquisito (postnatale): fuori dall'ospedale e nosocomiale.

4. Ventilazione (associata ad ALV) - si sviluppa nei pazienti con ventilazione meccanica: nelle prime ore del

le prime 72 ore e in ritardo - 4 giorni o più su un ventilatore.

5. Aspirazione - in malattie che coinvolgono reflusso, disfagia, in pazienti con compromissione della coscienza.

6. Polmonite nelle persone con immunodeficienza.

Classificazione per eziologia

• Causato da flora atipica: clamidia, micoplasma

Classificazione per forme morfologiche (segni radiologici)

5. Condividi (lobar), incluso croupous come variante del flusso

• Polmonite focale - una o più focolai di infiltrazione pneumonica di 1-2 cm di dimensione.

• La polmonite focale-confluente (infiltrazione pseudolabar) è una infiltrazione polmonare massiccia eterogenea costituita da diversi focolai. Può essere complicato da processi distruttivi e pleurite essudativa.

• Segmentale - polmonite, i cui confini seguono i confini anatomici di un segmento.

• Polisegmental - polmonite, i cui confini seguono i confini anatomici di diversi segmenti.

• Interstiziale - insieme a infiltrati disomogenei del parenchima polmonare, vi sono marcate alterazioni a volte prevalenti nell'interstizio polmonare. Si sviluppa in pazienti con immunodeficienza.

• Acuto (riassorbimento fino a 6 settimane)

• Protratta (nessuna dinamica inversa del processo per più di 6 settimane (1,5 - 6 - 8 mesi) (NP: processo segmentale)

Classificazione per gravità

La gravità della polmonite è determinata dalla gravità delle manifestazioni cliniche e dalla presenza di complicanze.

Classificazione moderna di polmonite

Una delle patologie più pericolose delle vie respiratorie è la polmonite. La classificazione della polmonite aiuta a studiare le sue caratteristiche cliniche, che dimostrano le caratteristiche della manifestazione, la gravità dello sviluppo, la localizzazione del centro di infiammazione e i metodi di trattamento.

Nella classificazione internazionale delle malattie - secondo la classificazione ICD-10 - le malattie sono designate sotto i codici j18.0 - j18.9. Secondo l'OMS, l'Organizzazione Mondiale della Sanità, il 15% dei bambini nel mondo prima dei cinque anni muoiono di polmonite ogni anno.

Tipi di malattia

La polmonite è un processo infiammatorio localizzato nei polmoni, in cui vi sono lesioni infiltrative del tessuto polmonare e insufficienza respiratoria. Ogni paziente nello studio delle analisi ha rivelato una caratteristica del decorso della malattia. La base di queste caratteristiche è riconosciuta dalla classificazione della malattia, che include:

  1. Polmonite focale - il processo infiammatorio interessa solo una zona del lobo del polmone.
  2. La polmonite parenchimale è un lobare, totale e confluente, in cui l'infiammazione si diffonde a parti del polmone, lobi vicini e può colpire l'intero polmone su un lato.
  3. La polmonite interstiziale è caratterizzata dal fatto che l'infezione è localizzata nel tessuto connettivo del polmone, mentre gli alveoli non sono interessati, a causa della quale non vi è alcun processo di perdita di plasma sanguigno e fibrina attraverso le pareti dei vasi sanguigni.

La moderna classificazione della polmonite e il quadro corretto dell'infiammazione aiutano i medici a fare una diagnosi accurata e a prescrivere un trattamento adeguato. Secondo l'eziologia, la polmonite è suddivisa in specie che sono apparse per colpa di un agente patogeno specifico, pertanto, nella classificazione della polmonite (secondo N. Molchanov), sono di natura batterica, virale, fungina, mista e micoplasmatica. Secondo la patogenesi, la polmonite si distingue come primaria e secondaria.

La presenza di polmonite atipica, la cui causa è microrganismi intracellulari, è una manifestazione acuta di questa malattia. Con questo tipo di malattia è caratterizzato da un alto grado di intossicazione. Nella sua fase iniziale, è difficile determinare i cambiamenti infiltrativi nella radiografia dei polmoni. La polmonite può verificarsi sia con sintomi lievi, sia con tutti i suoi sintomi principali. Secondo la localizzazione, la polmonite è divisa in uno e due lati, in base alla severità nei segmenti superiore, medio e inferiore, nonché a radice e centrali. La polmonite può essere causata da pneumococchi e micoplasma.

La classificazione della polmonite nei bambini per origine è divisa in:

  • nascita della comunità acquisita;
  • ospedale, che si sviluppa dopo due giorni in ospedale o dopo la dimissione;
  • ventilazione, la cui causa è la ventilazione dei polmoni;
  • intrauterino, originato nei primi tre giorni della vita del neonato.

Gli indicatori radiologici di polmonite da bambini possono essere focale, segmentaria, lobare e interstiziale. Per gravità, è valutato come quello che può essere trattato in regime ambulatoriale e che richiede il ricovero in ospedale. Potrebbe avere e non avere complicazioni. Secondo la localizzazione, può essere unilaterale e bilaterale, con il flusso - acuto - fino a 6 settimane - e protratto - fino a due mesi.

Caratteristiche della malattia

Dalla gravità della polmonite si distinguono come:

I principali criteri per la gravità della malattia possono essere identificati sulla base del quadro clinico, che viene utilizzato per determinare i pazienti con grave infiammazione e che necessitano di una terapia potenziata. I criteri principali in base ai quali viene valutata la condizione del paziente quando sono ricoverati in ospedale sono:

  1. Valutazione della coscienza. La forma lieve della malattia dimostra la mente chiara del paziente. Con un moderato grado di severità in una mente chiara, ci possono essere segni di lieve euforia, un grado severo dimostra confusione.
  2. Con un grado lieve, la temperatura è fino a 38 ° C, con una media - fino a 39 ° C, con uno pesante - molto più alta.
  3. Quando si determina la frequenza della respirazione con moderata frequenza di gravità - da 25 a 30 respiri e respiri al minuto, con gravi - superiori a 30.
  4. L'intossicazione del corpo con grave polmonite ha un'alta percentuale di gravità.
  5. Come complicazione, la polmonite può avere una pleurite con una quantità insignificante di fluido, e nella sua forma grave si possono osservare accumulo purulento, formazione di ascessi e shock tossico infettivo.
  6. I criteri indicativi per gli impulsi arteriosi in caso di un decorso lieve non superano 90 battiti al minuto, con una media raggiungono 100 battiti, con uno pesante su 100 battiti.
  7. Indicatore di pressione sanguigna con un lieve - 110 mm Hg. st, con media diminuisce, con grave collasso si sviluppa, in cui la pressione superiore durante la compressione del cuore è 90 mm Hg. Art., E la parte superiore al momento del rilassamento del cuore mostra 50 mm Hg. Art.
  8. Se la polmonite si verifica in lieve entità, la frequenza respiratoria è fino a 20 mm al minuto, nel mezzo - fino a 30 mm, in grave - più di 30 mm.
  9. La gravità della cianosi è la cianosi, che mostra una mancanza di ossigeno nel sangue. Se c'è un leggero grado, è assente, con una cianosi media solo sotto le unghie, con un grado grave, ha un'ombra fortemente pronunciata.
  10. Nello studio del sangue periferico, un grado leggero determina l'indice di leucocitosi fino a 10x10 9 / l, medio - fino a 20x10 9 / l, grave - più di 20x10 9 / l.

Questi criteri aiutano a determinare l'immagine della malattia e prescrivono la terapia necessaria al paziente.

Classificazione moderna

La polmonite cronica è caratterizzata da un aspetto acuto, che è accompagnato da febbre alta, tosse, si trasforma in bagnato con secrezioni arrugginite, dispnea grave, dolore dietro lo sterno e palpitazioni. Quando respira, il paziente espira profondamente, a volte ansimando quando inspira. Impulso rapido, aritmia, ipotensione, sordità dei toni cardiaci sono i sintomi principali di questo tipo di polmonite. Con un'analisi clinica del sangue che mostra prevalentemente ESR, vengono rilevate leucopenia e leucocitosi. Quando l'analisi biochimica ha rivelato un aumento della gamma globulina e alfa-2. Nelle proteine ​​delle urine viene rilevato.

Nella polmonite focale, l'inizio dello sviluppo della malattia è caratterizzato come graduale dopo aver sofferto di ARVI. Quando si tossisce, il muco purulento viene secreto, il paziente è preoccupato per debolezza, mancanza di respiro e sudorazione. Questa condizione è completata da febbre e mancanza di respiro, la respirazione dura si sente con una lunga espirazione, a volte rantoli secchi. Gli esami del sangue mostrano una leucocitosi moderata, livelli elevati di ESR, il tasso di gamma globulina e alfa-2, acidi sialici. Un esame radiografico mostra forti focolai di infiammazione in quasi tutti i segmenti, di solito il polmone destro, che ha un contorno sfocato.

La polmonite causata da un'infezione da stafilococco compare dopo un'infezione virale. Se l'infezione è passata attraverso il sangue, la lesione polmonare può essere una manifestazione di sepsi. Questa è una forma grave di polmonite, caratterizzata da una maggiore intossicazione generale del corpo. Il paziente ha una scarsa tosse, espettorato rosso, debolezza muscolare, coscienza confusa. La radiografia mostra la distruzione staphylococcal (risoluzione) dei polmoni. Con intossicazione completa, i polmoni hanno un blackout completo, che può durare fino a un mese.

Trattamento della polmonite

Quando si tratta un paziente, un prerequisito è la sua permanenza in una stanza ben ventilata, un letto con pavimento solido e una testiera rialzata.

Durante il trattamento stazionario, le stanze in cui si trovano i pazienti sono sottoposte a irradiazione ultravioletta costante. Non l'ultimo ruolo svolto dal cibo dietetico, che dovrebbe essere ricco di vitamine. I primi giorni, la dieta consiste di brodi e composte, quindi la razione viene espansa con cibi ricchi di proteine, grassi e carboidrati. Si consiglia al paziente di bere molti liquidi - fino a 2,5 litri al giorno.

Nel determinare la natura del trattamento patogeno prescritto con antibiotici. Per ragioni virali, la polmonite viene trattata con ampicillina, cefaclor. Con la polmonite pneumococcica non complicata, viene attribuita l'amoxicillina, la procaina-penicillina. In forma grave della malattia - Rifampicina, cefalosporine. La terapia antibatterica viene continuata, a condizione che nei primi 2-3 giorni i sintomi di intossicazione completa siano stati alleviati.

Inoltre, vengono prescritti farmaci protivokashlevye: Libexin, Glaucin. Terapia complementare con attività di fisioterapia. La stimolazione del sistema immunitario è imperativa. Di particolare importanza dopo il recupero è la prevenzione della polmonite. Per fare questo, i medici raccomandano di effettuare una sanitizzazione tempestiva dei focolai di infezione, indurimento, eliminazione dell'ipotermia e terapia tempestiva delle malattie croniche.

Classificazione moderna della polmonite secondo ICD 10 e WHO

La polmonite è una malattia infiammatoria acuta delle regioni respiratorie dei polmoni, principalmente di eziologia batterica, caratterizzata da essudazione intraalveolare. La diagnosi di "polmonite acuta" nella letteratura moderna non viene utilizzata e non è necessaria, poiché la diagnosi di "polmonite cronica" è patologicamente infondata e superata.

Le principali cause della malattia secondo l'OMS

Le vie respiratorie di adulti e bambini sono costantemente soggette ad attacchi di agenti patogeni, ma i meccanismi di protezione locali di fronte alle immunoglobuline A, al lisozima e ai macrofagi nelle persone sane non consentono lo sviluppo di malattie.

I fattori di rischio per lo sviluppo della polmonite, come definito dall'OMS dal 1995, sono:

  • vecchiaia - persone di età superiore ai 60 anni (a causa dell'inibizione del riflesso della tosse, il riflesso responsabile dello spasmo della glottide);
  • il periodo del neonato e dell'infanzia (la causa è lo sviluppo incompleto del sistema immunitario);
  • condizioni che comportano perdita di coscienza (epilessia, lesione cerebrale traumatica, stato di sonno anestetico, tentato suicidio da parte di ipnotici o droghe, intossicazione alcolica);
  • malattie respiratorie (bronchite cronica, enfisema polmonare, sindrome da distress respiratorio acuto), fumo;
  • malattie associate che riducono l'attività del sistema immunitario (malattie oncologiche, malattie sistemiche del tessuto connettivo, infezione da HIV, ecc.);
  • condizioni sociali e di vita negative, malnutrizione;
  • permanenza prolungata del paziente in posizione prona.

Criteri di codifica

La medicina moderna si evolve ogni giorno, gli scienziati secernono nuovi microrganismi, scoprono nuovi antibiotici. Anche le classificazioni delle malattie subiscono varie modifiche volte a ottimizzare il trattamento dei pazienti, a ordinare i pazienti ea prevenire lo sviluppo di complicazioni.

Attualmente, l'OMS distingue diversi tipi di polmonite negli adulti e nei bambini, in base all'eziologia del patogeno, alla localizzazione del processo, ai termini e alle condizioni di occorrenza, alle categorie cliniche dei pazienti.

Classificazione secondo l'ICD-10 (secondo le forme e i termini dell'evento)

  1. Fuori dall'ospedale: si verifica a casa o nelle prime 48 ore di degenza in un ospedale. Procede relativamente favorevolmente, la mortalità è del 10-12%.
  2. Ospedale (nosocomiale) - si verifica dopo 48 ore dal ricovero in ospedale o se il paziente è stato trattato in un istituto medico per 2 o più giorni nei 3 mesi precedenti. Nei protocolli moderni, l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) include pazienti con polmonite associata a ventilazione (che sono sottoposti a ventilazione polmonare artificiale per un lungo periodo), nonché pazienti con polmonite che sono tenuti in case di cura. È caratterizzato da un alto grado di gravità e mortalità fino al 40%.
  3. Polmonite ab ingestis - si verifica quando un gran numero di pazienti orofaringe contenuti ingestione stare atto inconsapevole della deglutizione-compromesso e riflesso della tosse indebolito (ubriachezza, l'epilessia, trauma cranico, ictus ischemico ed emorragico, ecc). L'aspirazione del contenuto gastrico può causare ustioni chimiche della membrana mucosa delle vie respiratorie con acido cloridrico. Questa condizione è chiamata polmonite chimica.
  4. Polmonite che si sviluppa sullo sfondo di immunodeficienze, sia primarie (atipia del timo, sindrome di Bruton) che secondarie (infezione da HIV, malattie onco-ematologiche).

Varietà di agente patogeno, gravità e localizzazione

Classificazione per agente:

  1. Batterico - i principali agenti causali sono la polmonite da streptococco, lo stafilococco, la micoplasmapneumonia, l'haemophilusinfluenza, la chlamydiapneumonia.
  2. Virale - spesso causato da virus dell'influenza, parainfluenza, rhinovirus, adenovirus, virus respiratorio sinciziale. In casi più rari, possono essere: morbillo, rosolia, virus della pertosse, infezione da citomegalovirus, virus di Epstein-Barr.
  3. Funghi - i principali rappresentanti in questa categoria sono Candidaalbicans, funghi del genere Aspergillus, Pneumocystisjiroveci.
  4. Polmonite causata da protozoi.
  5. Polmonite causata da elminti.
  6. Misto - questa diagnosi è più spesso associata ad associazione batterico-virale.

Forme di polmonite in gravità:

Tipi di polmonite per localizzazione:

  1. Focale - all'interno degli acini e dei lobuli.
  2. Segmentale, polisegmentale - all'interno di uno o più segmenti.
  3. Lobar (diagnosi obsoleta: polmonite lobare) - all'interno di un lobo.
  4. Totale, subtotale - può coprire l'intero polmone.

Il processo infiammatorio è:

Classificazione nei bambini da agente patogeno

  1. Dalla nascita fino a 3 settimane - l'agente eziologico della polmonite (più comunemente nei bambini prematuri) è rappresentato da streptococchi di gruppo B, bacilli gram-negativi, infezione da citomegalovirus, Listeriamonocytogenes.
  2. A partire da 3 settimane a 3 mesi - nella maggior parte dei casi colpisce i bambini infezioni virali (virus respiratorio sinciziale, virus influenzali, parainfluenzali, metapneumovirus), Streptococcuspneumoniae, staphylococcusaureus, Bordetella pertussis, Chlamydia trachomatis (infezione nasale).
  3. A partire da 4 mesi a 4 anni - a questa età aumenta il rischio dei bambini di streptococchi del gruppo A, Streptococcuspneumoniea, le infezioni virali (virus parainfluenza, influenza, adenovirus, rinovirus, virus respiratorio sinciziale, metapneumovirus), Mycoplasma pneumoniae (nei bambini più grandi).
  4. Dai 5 ai 15 anni - in età scolare nei bambini la polmonite è più spesso causata da Streptococcuspneumoniae, Mycoplasmapneumoniae, Chlamydiapneumoniae.

Categorie cliniche di pazienti con polmonite non ospedaliera secondo l'ICD-10

1a categoria clinica: pazienti ambulatoriali, che di solito non richiedono il ricovero in ospedale. Questi sono nella maggior parte dei casi giovani senza patologie accompagnatorie. Gli agenti causali sono più spesso virus respiratori, Streptococcus pneumoniae e Haemophilus influenzae.

2a categoria clinica: pazienti ambulatoriali con fattori di rischio modificabili (disturbi concomitanti del sistema cardiovascolare e respiratorio, età superiore a 60 anni, bambini sotto i 2 anni, condizioni di vita sfavorevoli) di solito non richiedono il ricovero in ospedale, ad eccezione di casi considerati separatamente. Gli agenti eziologici sono gli stessi della categoria precedente. L'infiammazione dei polmoni è solitamente mite in queste due categorie.

3a categoria clinica: degenti che richiedono osservazione 24 ore su 24. Gli agenti patogeni sono associazioni batteriche-virali, infezioni anaerobiche, Streptococcuspneumoniae, comprese le forme resistenti ai farmaci. L'infiammazione polmonare è caratterizzata da una moderata gravità.

4a categoria clinica: pazienti che richiedono osservazione nelle condizioni dell'unità di terapia intensiva. L'infiammazione polmonare è diagnosticata con gravità grave ed estremamente grave. Il ruolo etiologico è svolto da Pseudomonas sp, flora gram-negativa aerobica, Streptococcuspneumoniae, comprese le forme resistenti ai farmaci.

La flemma si sta allontanando male?

Per un rapido recupero, è importante che l'espettorato venga espulso e rimosso dal corpo. Il pneumologo EV Tolbuzina dice come fare questo.

Provato, modo efficace - scrivere una ricetta. Leggi di più >>

Polmonite nei bambini

La polmonite nei bambini è un processo infettivo acuto nel parenchima polmonare che coinvolge tutte le unità strutturali e funzionali della parte respiratoria dei polmoni in infiammazione. La polmonite nei bambini si manifesta con segni di intossicazione, tosse, insufficienza respiratoria. La diagnosi di polmonite nei bambini viene effettuata sulla base di un quadro caratteristico auscultatorio, clinico, di laboratorio e radiologico. Il trattamento della polmonite nei bambini richiede terapia antibiotica, broncodilatatori, antipiretici, espettoranti, antistaminici; Nella fase di risoluzione - fisioterapia, terapia fisica, massaggio.

Polmonite nei bambini

La polmonite nei bambini è un'infezione acuta dei polmoni, accompagnata dalla presenza di cambiamenti infiltrativi nelle radiografie e sintomi di lesioni delle vie respiratorie inferiori. La prevalenza di polmonite è di 5-20 casi per 1.000 bambini piccoli e 5-6 casi per 1.000 bambini di età superiore ai 3 anni. L'incidenza di polmonite tra i bambini aumenta ogni anno durante un'epidemia di influenza stagionale. Tra le varie lesioni del tratto respiratorio nei bambini, la percentuale di polmonite è dell'1,5%. Nonostante i risultati della diagnostica e della farmacoterapia, la morbilità, le complicanze e la mortalità causate dalla polmonite tra i bambini rimangono costantemente elevate. Tutto ciò rende lo studio della polmonite nei bambini un problema urgente di pediatria e pneumologia pediatrica.

Classificazione della polmonite nei bambini

La classificazione utilizzata nella pratica clinica tiene conto delle condizioni di infezione, segni morfologici ai raggi X di varie forme di polmonite nei bambini, gravità, durata, eziologia della malattia, ecc.

Secondo le condizioni in cui il bambino è stato infettato, la polmonite acquisita in comunità (a casa), nosocomiale (ospedale) e congenita (intrauterina) nei bambini è isolata. La polmonite acquisita in comunità si sviluppa in casa, fuori dall'ospedale, principalmente come complicanza di ARVI. La polmonite è considerata di tipo nosocomiale, che si verifica 72 ore dopo il ricovero del bambino e entro 72 ore dalla sua dimissione. La polmonite ospedaliera nei bambini ha il decorso e il risultato più severi, poiché la flora nosocomiale spesso sviluppa resistenza alla maggior parte degli antibiotici. Un gruppo separato è costituito da polmonite congenita, che si sviluppa nei bambini con immunodeficienza nelle prime 72 ore dopo la nascita e polmonite neonatale nei bambini del primo mese di vita.

Dato i segni morfologici di polmonite a raggi X nei bambini può essere:

  • Focale (focale-confluente) - con focolai di infiltrazione con un diametro di 0,5-1 cm, situato in uno o più segmenti del polmone, a volte bilateralmente. L'infiammazione del tessuto polmonare è di natura catarrale con la formazione di essudato sieroso nel lume degli alveoli. Nella forma foci-confluente, i singoli siti di infiltrazione vengono fusi per formare una grande lesione, che spesso occupa un'intera frazione.
  • Segmentale - coinvolge l'intero segmento polmonare e le sue atelettasie nell'infiammazione. Le lesioni segmentali si verificano spesso sotto forma di polmonite prolungata nei bambini con esito nella fibrosi polmonare o nella bronchite deformante.
  • Groppa - con infiammazione iperergica, passando attraverso le fasi dell'alta marea, dell'eparis rosso, dell'epatite grigia e della risoluzione. Il processo infiammatorio ha una localizzazione lobare o sublobare che coinvolge la pleura (pleuropolmonite).
  • Interstiziale - con infiltrazione e proliferazione di tessuto polmonare interstiziale (connettivo) di natura focale o diffusa. La polmonite interstiziale nei bambini è solitamente causata da pneumocisti, virus, funghi.

Secondo la gravità del corso, si distinguono forme complicate e complicate di polmonite nei bambini. In quest'ultimo caso, lo sviluppo di insufficienza respiratoria, edema polmonare, pleurite, distruzione del parenchima polmonare (ascesso, gangrena polmonare), focolai settici extrapolmonari, disturbi cardiovascolari, ecc.

Il decorso della polmonite nei bambini può essere acuto o protratto. La polmonite acuta si risolve entro 4-6 settimane; con polmonite prolungata, i segni clinici e radiologici di infiammazione persistono per più di 1,5 mesi.

Per eziologia, si distinguono forme miste di polmonite nei bambini, virali, batteriche, fungine, parassitarie, micoplasmiche, clamidiali.

Cause di polmonite nei bambini

L'eziologia della polmonite nei bambini dipende dall'età e dalle condizioni dell'infezione del bambino.

La polmonite nei neonati è solitamente associata all'infezione intrauterina o nosocomiale. La polmonite congenita nei bambini è spesso causata dal virus dell'herpes simplex di tipo 1 e 2, dalla varicella, dal citomegalovirus, dalla clamidia. Tra i patogeni intraospedalieri, il ruolo principale appartiene allo streptococco gruppo B, Staphylococcus aureus, Escherichia coli, Klebsiella. Nei neonati prematuri ea tempo pieno, il ruolo etiologico dei virus - influenza, RSV, parainfluenza, morbillo, ecc. - è grande.

Nei bambini del primo anno di vita, il pneumococco è l'agente causale predominante della polmonite acquisita in comunità (fino al 70-80% dei casi), meno spesso - bacillo dell'emofilo, moraxella, ecc., Staphylococcus aureus. Nei bambini in età scolare, insieme alla polmonite tipica, aumenta il numero di polmoniti atipiche causate da infezioni da micoplasma e da infezioni da clamidia. I fattori che predispongono allo sviluppo della polmonite nei bambini sono: prematurità, malnutrizione, immunodeficienza, stress, raffreddamento e focolai cronici di infezione (carie dentaria, sinusite, tonsillite).

Nei polmoni, l'infezione penetra prevalentemente da una via aerogenica. L'infezione fetale combinata con l'aspirazione di liquido amniotico porta alla comparsa di polmonite intrauterina. Lo sviluppo della polmonite da aspirazione nei bambini piccoli può verificarsi a causa della microaspirazione delle secrezioni nasofaringee, dell'aspirazione abituale del cibo durante il rigurgito, del reflusso gastroesofageo, del vomito e della disfagia. È possibile la diffusione ematogena di agenti patogeni da focolai extrapolmonari di infezione. L'infezione con flora ospedaliera si verifica spesso durante l'aspirazione tracheale e il lavaggio broncoalveolare, l'inalazione, la broncoscopia e il ventilatore per un bambino.

Il "conduttore" dell'infezione batterica è solitamente un virus che colpisce la mucosa delle vie respiratorie, interrompe la funzione di barriera dell'epitelio e della clearance mucociliare, aumenta la produzione di muco, riduce la protezione immunologica locale e facilita la penetrazione dei patogeni nei bronchioli terminali. Esiste un'intensa riproduzione di microrganismi e lo sviluppo dell'infiammazione, che coinvolge le aree adiacenti del parenchima polmonare. Quando tossisce, l'espettorato infetto viene iniettato nei grandi bronchi, da dove entra negli altri bronchioli respiratori, causando la formazione di nuovi focolai infiammatori.

L'organizzazione del centro dell'infiammazione contribuisce all'ostruzione bronchiale e alla formazione di siti di ipoventilazione del tessuto polmonare. A causa della compromissione della microcircolazione, dell'infiltrazione infiammatoria e dell'edema interstiziale, la perfusione gassosa viene alterata, si sviluppano ipossiemia, acidosi respiratoria e ipercapnia, che si manifestano clinicamente come segni di insufficienza respiratoria.

Sintomi di polmonite nei bambini

La clinica di polmonite focale nei bambini di solito si sviluppa nel 5-7 ° giorno della SARS. I sintomi infettivi generali sono caratterizzati da febbre (> 38 ° C), segni di intossicazione (letargia, disturbi del sonno, pallore della pelle, anoressia dell'appetito, nei bambini - rigurgito e vomito). I sintomi respiratori di polmonite in un bambino comprendono tosse (umida o secca), mancanza di respiro, cianosi periorale; a volte - partecipazione alla respirazione dei muscoli ausiliari, tensione intercostale. Il decorso della polmonite foci-confluente nei bambini è sempre più grave; spesso con insufficienza respiratoria, sindrome tossica, sviluppo di pleurite o distruzione del tessuto polmonare.

La polmonite segmentale nei bambini si manifesta con febbre, intossicazione e insufficienza respiratoria di diversa gravità. Il processo di recupero può richiedere fino a 2-3 mesi. Inoltre, nel sito di infiammazione, possono formarsi fibroelettasia segmentaria o bronchiectasie.

La clinica della polmonite lobare nei bambini è caratterizzata da un inizio burrascoso, febbre alta con brividi, dolore quando si tossisce e respira nel torace, espettorazione di espettorato "arrugginito", grave insufficienza respiratoria. Spesso, i bambini con polmonite sviluppano la sindrome addominale con vomito, dolore addominale e sintomi di irritazione peritoneale.

La polmonite interstiziale nei bambini è caratterizzata dalla predominanza di sintomi di insufficienza respiratoria crescente: mancanza di respiro, cianosi, tosse dolorosa con espettorato povero, indebolimento della respirazione; spesso - segni di insufficienza cardiaca ventricolare destra.

Tra le complicazioni della polmonite che si verificano nei bambini sono shock tossici, ascessi tissutali polmonari, pleurite, empiema, pneumotorace, insufficienza cardiovascolare, sindrome da distress respiratorio, insufficienza multipla di organi, DIC.

Diagnosi di polmonite nei bambini

La base della diagnosi clinica di polmonite nei bambini è sintomi generali, cambiamenti auscultatori nei polmoni e dati radiologici. Durante l'esame fisico del bambino è determinato dall'accorciamento del suono della percussione, dall'indebolimento della respirazione, dal respiro affannoso finemente frizzante o crepitoso. Il "gold standard" per l'individuazione della polmonite nei bambini rimane la radiografia dei polmoni, che consente di rilevare i cambiamenti infiammatori infiltrativi o interstiziali.

La diagnostica eziologica include esami virologici e batteriologici del muco dal naso e dalla faringe, espettorato bacus; Metodi ELISA e PCR per la rilevazione di agenti patogeni intracellulari.

L'emogramma riflette i cambiamenti infiammatori (leucocitosi neutrofila, aumento della VES). I bambini con polmonite grave devono condurre uno studio dei parametri biochimici del sangue (enzimi epatici, elettroliti, creatinina e urea, KOS), pulsossimetria.

La polmonite nei bambini deve essere distinta dalle infezioni virali respiratorie acute, dalla bronchite acuta, dalla bronchiolite, dalla tubercolosi e dalla fibrosi cistica. In casi tipici, la diagnosi di polmonite nei bambini viene effettuata dal pediatra distrettuale; in situazioni di dubbio, il bambino deve consultare un pneumologo pediatrico o un phthisiologist, una TC dei polmoni, una fibrobronchoscopia, ecc.

Trattamento della polmonite nei bambini

I motivi per l'ospedalizzazione di un bambino con polmonite sono: età fino a 3 anni, coinvolgimento di due o più lobi polmonari in infiammazione, insufficienza respiratoria grave, pleurite, grave encefalopatia, malnutrizione, cuore congenito e difetti vascolari, malattia polmonare cronica (asma bronchiale, displasia broncopolmonare, ecc.), reni (glomerulonefrite, pielonefrite), stati di immunodeficienza. Nel periodo febbrile, il bambino mostra riposo a letto, dieta equilibrata e carico di alcol.

Il metodo di base del trattamento della polmonite nei bambini è empirica e quindi causale terapia antibiotica per i quali possono essere utilizzati beta-lattamici (amoxicillina + acido clavulanico, ecc), cefalosporine (cefuroxime, cefamandolo), macrolidi (midecamicina, azitromicina, claritromicina), fluorochinoloni ( ciprofloxacina, ofloxacina), imipenema (imipenem), ecc. Se la terapia è inefficace per 36-48 ore, l'antibiotico di partenza viene sostituito con un farmaco di un altro gruppo.

La terapia sintomatica e patogenetica della polmonite nei bambini include la prescrizione di farmaci antipiretici, mucolitici, broncodilatatori, antistaminici. Dopo che la febbre si è calmata, viene mostrata la fisioterapia: microonde, induttoterapia, elettroforesi, inalazione, massaggio al torace, massaggio a percussione, terapia fisica.

Prognosi e prevenzione della polmonite nei bambini

Con il riconoscimento e il trattamento tempestivi, l'esito della polmonite nei bambini è favorevole. La polmonite, causata da una flora altamente virulenta, complicata da processi purulento-distruttivi, ha una prognosi sfavorevole; che si verificano sullo sfondo di gravi malattie somatiche, stati di immunodeficienza. Un prolungato corso di polmonite nei bambini piccoli è irto di formazione di malattie broncopolmonari croniche.

La prevenzione della polmonite nei bambini consiste nell'organizzare una buona cura dei bambini, indurimento, prevenzione dell'ARVI, trattamento della patologia ENT, vaccinazione contro l'influenza, infezione da pneumococco, infezione emofilica. Tutti i bambini che hanno avuto la polmonite sono soggetti alla registrazione del dispensario con un pediatra per 1 anno con una radiografia del torace, OAK, esame del bambino da un pneumologo pediatrico, un immunologo allergologo per bambini e un otorinolaringoiatra pediatrico.