Come viene trasmessa la micoplasmosi

Esplorando come è possibile ottenere la micoplasmosi, è necessario determinare dove si trova il virus più spesso nel corpo.

Questa infezione non solo in persone infette, ma anche in persone sane, si trova nel sistema urogenitale (m. Pneumoniae - nel sistema respiratorio) di una persona.

In una persona sana, è presente in una quantità che non influisce sulla flora e non causa processi infiammatori.

Non appena il numero di microrganismi inizia ad aumentare drasticamente, si può affermare che il processo infiammatorio si sta sviluppando. Lungo la strada, l'ureaplasma si trova di solito nel canale urinario.

Come posso ottenere la micoplasmosi urogenitale?

Mycoplasma è un microrganismo a trasmissione sessuale. Quando l'agente patogeno entra nel corpo umano, appare in poche settimane.

La durata media del periodo di incubazione per la micoplasmosi urogenitale va da 3 giorni a 3-5 settimane (massimo 2 mesi).

L'ominide o il genitalium possono essere infettati da micoplasma durante il rapporto non protetto (vaginale o anale) con una probabilità del 4-80%, a seconda dell'immunità umana e della presenza di altre malattie. Questo problema si presenta più spesso nelle donne, poiché è accompagnato dallo sviluppo di processi infiammatori nel sistema urogenitale. Negli uomini, la micoplasmosi in molti casi si sviluppa asintomatica.

La particolarità del micoplasma è che è completamente instabile alle influenze esterne, quindi muore rapidamente fuori dal corpo umano. Questo microrganismo non può essere trasmesso con mezzi domestici: attraverso un asciugamano, un sedile del water, nelle saune o nei bagni pubblici.

  • Se l'immunità della persona è forte, essendo nel corpo, i parassiti potrebbero non manifestarsi immediatamente. La malattia inizia a manifestarsi quando crea condizioni favorevoli per la riproduzione di micoplasmi, cioè, nel caso di una diminuzione dell'immunità, quando una persona perdona o sperimenta lo stress;
  • Parassiti trasmessi con rapporti sessuali non protetti. Nelle donne, la malattia di solito procede senza sintomi evidenti, quindi per lungo tempo il paziente non è a conoscenza della presenza di infezione. Gli uomini possono essere infettati, anche attraverso l'omosessualità, attraverso il sesso orale o anale;
  • Spesso, l'infezione del bambino si verifica durante la nascita da una madre infetta. Il feto può essere infettato attraverso la placenta solo come eccezione, poiché i micoplasmi non possono muoversi attraverso il sangue.

Trasmissione domestica

Abbastanza spesso sentiamo una domanda nello studio del medico, come la micoplasmosi viene trasmessa in alcuni luoghi pubblici, tra cui una sauna, un bagno pubblico, o anche una piscina privata in una casa di campagna.

Ancora così semplice. Anche i metodi di infezione da micoplasmosi nel bagno e nella sauna sono sessuali.

Se le persone con un'infezione fanno sesso lì, allora la malattia sarà sicuramente con il partner. Asciugamani, biancheria e articoli per l'igiene non sono praticamente portatori del virus. Mycoplasma e ureaplasma non possono vivere senza determinate condizioni, che trovano solo nel corpo umano sulle mucose e vicino a loro.

Non è possibile ottenere la micoplasmosi genitale in saune, bagni, piscine, cibo o posate.

I micoplasmi muoiono molto rapidamente al di fuori del corpo sotto l'influenza di fattori esterni. In un ambiente umido e caldo, questi microrganismi possono esistere non più di 6 ore. Ma allo stesso tempo, i micoplasmi sono molto resistenti agli effetti del freddo.

Pertanto, la percentuale di infezione domestica è piuttosto bassa, ma esiste. Ci sono anche casi di infezione delle donne quando si usano strumenti insufficientemente trattati e disinfettati per esaminare i genitali.

Altri modi di infezione

La micoplasmosi può essere infettata in questi casi:

  • durante le trasfusioni di sangue, trapianti di organi da parte di malati;
  • eventuali interventi medici con strumenti che sono disinfettati in modo improprio. Più in questo modo è pericoloso per le donne, se nell'ufficio ginecologico si riferiscono incautamente alla sterilizzazione di strumenti riutilizzabili. Al giorno d'oggi, questa via di trasmissione è praticamente esclusa, dal momento che la maggior parte degli strumenti è usa e getta.

Percorso di infezione verticale (da madre a figlio)

L'infezione si verifica più spesso al momento del parto quando il feto passa attraverso il canale del parto, ma in rari casi, la madre malata può trasmettere un bambino non nato a micoplasmosi. Le modalità di trasmissione da madre a figlio possono essere diverse:

  • Passando attraverso il canale del parto sulla pelle e le mucose del bambino si ottiene muco dalla vagina della donna. Con questo meccanismo di infezione, i bambini spesso sviluppano congiuntivite, in rari casi ne sono affetti il ​​rinofaringe e i polmoni;
  • L'infezione intrauterina si verifica raramente, mentre i micoplasmi entrano nel sangue e si depositano in tutti gli organi interni del bambino. A causa del fatto che il sistema circolatorio della madre e del feto non è comune, l'immunità della madre non può aiutare il bambino a far fronte all'infezione. Con l'infezione intrauterina, tutti gli organi del feto sono colpiti, lo sviluppo è compromesso. I bambini nascono deboli, con molteplici patologie e bruscamente in ritardo nello sviluppo dei loro coetanei. Pertanto, è importante controllare la micoplasmosi quando si pianifica una gravidanza. La consegna tempestiva di test ed esclusione (o trattamento tempestivo) è importante perché questo tipo di batteri richiede un trattamento a lungo termine con antibiotici e nella maggior parte dei casi ha un effetto estremamente negativo sullo sviluppo del feto.

Modo di trasmissione aviotrasportato

I micoplasmi trasmessi sessualmente sono piuttosto insidiosi e richiedono controllo. E questo microrganismo può diffondersi e in volo?

Sì, se stiamo parlando di questo tipo di micoplasmosi respiratoria, l'agente causale di cui è Mycoplasma pneumoniae. Mycoplasmas tropic al tratto urogenitale non può essere trasmesso in questo modo.

Il metodo di trasmissione aereo implica tosse, starnuti, parlare, cioè qualsiasi ingresso di saliva nell'ambiente e penetrazione attraverso il tratto respiratorio nel corpo umano.

Il micoplasma di questa specie può provocare lo sviluppo di malattie come la polmonite, la bronchite, la faringite e la tracheite. Più spesso viene diagnosticato da epidemie.

Quando infetto, dopo il contatto con il portatore dell'infezione e la manifestazione dei sintomi, la persona rimane infettiva per dieci giorni di sintomi attivi. Spesso la malattia può anche acquisire un decorso cronico, che prolunga il rischio di rilascio dell'agente patogeno in goccioline trasportate dall'aria nell'ambiente. Questo periodo a volte si estende a tre mesi e anche più a lungo.

È possibile ottenere un'infezione da animali domestici?

Esistono tipi di micoplasma che colpiscono non solo gli esseri umani, ma anche gli animali. Possono persino abitare la superficie del suolo, sulle piante. Ma tali microrganismi non sono pericolosi per l'uomo.

La micoplasmosi, che si sviluppa nei gatti, nei cani, non viene trasmessa dagli animali ai loro proprietari. Questa malattia può colpire solo i rappresentanti di una specie.

Negli animali, gli uccelli, prevalgono tipi di micoplasmi completamente diversi e, di conseguenza, l'infezione può avvenire solo tra le specie, cioè non da animale a umano.

Quali sono i modi di infezione da micoplasmosi

I micoplasmi sono batteri monocellulari, procarioti, gram-negativi le cui dimensioni non superano i 200 nm. Sono gli organismi più piccoli con una struttura cellulare.

Con le sue dimensioni e la mancanza di parete cellulare, i micoplasmi assomigliano a grandi virus. Ma la loro struttura e le loro condizioni di vita sono le stesse di quelle dei batteri. Allevamento di questi microrganismi per divisione binaria. Si distinguono inoltre dai virus per la presenza di DNA e RNA nelle cellule (nonostante il fatto che solo uno degli acidi nucleici sia osservato nei virus).

Micoplasmi parassitari sulle mucose delle vie respiratorie e delle vie urinarie. Sono molto mobili e possono mantenere la loro attività nelle celle per molto tempo. La scienza conosce oltre 200 specie di batteri, ma non più di 16 parassiti nel corpo umano, ma solo poche specie di micoplasma causano sintomi spiacevoli. Questi includono:

  • Mycoplasma pneumoniae.
  • Mycoplasma hominis.
  • Mycoplasma
  • Mycoplasmafermentas.
  • Mycoplasma penetrans.

La forma del micoplasma differisce, possono essere sferici, a forma di anello, ramificati, filiformi, coccobacillari.

Come posso ottenere mycoplasma

Recentemente, i micoplasmi urogenitali sono esclusi dalla lista di microrganismi patogeni che sono trasmessi esclusivamente attraverso il contatto sessuale. La colonizzazione della vagina con questi batteri si verifica 3 volte più spesso rispetto all'uretra negli uomini

L'infezione può essere trasmessa in diversi modi:

  • Sessualmente. L'infezione si verifica durante il rapporto vaginale non protetto. Molte persone sono interessate alla domanda, qual è la probabilità di infezione in questo caso. Si va dal 6 all'80% a seconda delle caratteristiche individuali dell'organismo e dello stato del sistema immunitario.
  • Orale. Teoricamente, il micoplasma può essere trasmesso attraverso il sesso orale, ma per questo contatto con gli organi sessuali dei partner dovrebbe essere vicino e reciproco.
  • Verso l'alto. In questo caso, il feto è infetto intrauterino. Molti ricercatori ritengono che, a causa delle piccole dimensioni, i micoplasmi penetrano facilmente nel liquido amniotico, dove si verifica l'infezione (nel 35% dei casi, questi microrganismi vengono seminati). È molto più probabile che il bambino si infetti attraverso il canale del parto. Mycoplasma hominis può essere rilevato nel 25% dei neonati, mentre nei maschi questa percentuale è molto più bassa. Anche nei bambini prematuri, questi microrganismi si trovano tre volte più spesso di quelli che sono nati in tempo.
  • Ematogena. I microrganismi vengono trasportati con il sangue.
  • Traslocazione. I micoplasmi si spostano da un organo all'altro.
  • Modo domestico In casi molto rari, l'infezione si verifica attraverso il bucato o la salvietta. L'infezione viene anche trasmessa quando si usano strumenti medici non trattati (spatole, specchi ginecologici).

Quando si bacia, la malattia non viene trasmessa. Inoltre, non puoi contrarre la micoplasmosi genitale in saune, bagni, piscine, cibo o posate.

I micoplasmi muoiono molto rapidamente al di fuori del corpo sotto l'influenza di fattori esterni. In un ambiente umido e caldo, questi microrganismi possono esistere non più di 6 ore. Ma allo stesso tempo, i micoplasmi sono molto resistenti agli effetti del freddo.

L'effetto patologico di micoplasma sul corpo umano è associato alle rare proprietà biologiche di questi batteri. A causa delle sue piccole dimensioni, la mancanza di parete cellulare e l'elevata mobilità, anche un piccolo numero di microrganismi che entrano durante il contatto sessuale, penetra rapidamente nella membrana cellulare e inizia a moltiplicarsi.

Come viene trasmessa la polmonite da Mycoplasma

Molte persone hanno una domanda su come viene trasmessa la polmonite da micoplasma. A differenza di altre specie, la polmonite da Mycoplasma entra nel corpo di un'altra persona attraverso goccioline trasportate dall'aria. Molto spesso l'infezione è infetta da bambini la cui età è inferiore a 5 anni. Circa il 20% della polmonite è micoplasmico.

Nella maggior parte dei casi, la malattia si manifesta sotto forma di mal di testa, raucedine, rinite ed è accompagnata da febbre.

Cause dell'attivazione della micoplasmosi

Spesso nei pazienti portatori di micoplasma non compaiono i sintomi della malattia. I seguenti fattori possono attivare il disturbo:

  • Disturbi del sistema immunitario a seguito di ipotermia, malattie croniche, situazioni stressanti o interventi chirurgici.
  • L'indebolimento delle difese del corpo durante la gravidanza.
  • La presenza di altre malattie sessualmente trasmissibili. Allo stesso tempo i micoplasmi cominciano a moltiplicarsi molto più attivamente.
  • Dopo la micoplasmosi viene trasmessa dal partner sessuale.

Come si manifesta la micoplasmosi

Nella micoplasmosi, non ci sono praticamente segni specifici che indicano con precisione la malattia. I sintomi possono indicare altre malattie del sistema genito-urinario. Il periodo di incubazione tra l'infezione e la comparsa dei primi segni di malattia dura da 2 a 3 settimane.

Come fa la malattia negli uomini

I seguenti sintomi possono indicare micoplasmosi negli uomini:

  • Secrezioni mucose che appaiono più spesso dopo la defecazione o la minzione.
  • Dolore e bruciore nell'uretra (in rari casi).
  • Prurito nell'uretra.
  • Dolore dolorante nell'addome inferiore, che si estende fino al sacro, perineo e testicoli.
  • Infertilità.
  • Nel caso in cui la malattia non venga trattata, può essere complicata da prostatite o uretrite, a seguito della quale vi è un doloroso desiderio di urinare e la sensazione che la vescica non sia completamente vuota.
  • Può anche causare disfunzione erettile, manifestata sotto forma di disfunzione erettile, eiaculazione precoce o perdita dell'orgasmo.

Di solito, i micoplasmi negli uomini sono colonizzati nella regione del prepuzio e dell'uretra.

> In circa il 40% degli uomini, la micoplasmosi è nascosta e la malattia può essere attivata indebolendo le difese del corpo.

Come fa la malattia nelle donne

Indipendentemente da quale via di trasmissione la micoplasmosi può scatenare i seguenti sintomi:

  • Debole secrezione mucosa.
  • Selezione marrone nel periodo tra le mestruazioni.
  • Rossore e gonfiore dei genitali esterni.
  • Bruciore e prurito nell'uretra.
  • In rari casi, dolore nell'addome inferiore, aggravato durante le mestruazioni.
  • Scarico purulento dalla cervice che si trova all'esame di un ginecologo.

Classificazione della malattia

Con il flusso la micoplasmosi è suddivisa:

  • Fresco. Si sviluppa immediatamente dopo la fine del periodo di incubazione.
  • Sharp. I sintomi della malattia sono pronunciati.
  • Subacuta. I sintomi della malattia sono lievi.
  • Cronica. La malattia è periodicamente esacerbata.
  • Trasporto. Non ci sono segni clinici della malattia, la mia analisi ha rivelato micoplasmi in un titolo di 103 CFU / ml.

Cosa minaccia il micoplasma

Le opinioni dei medici sono divise, alcune di loro credono che questi microrganismi non svolgano un ruolo nello sviluppo del processo infiammatorio, mentre altri li considerano come agenti patogeni assoluti che contribuiscono all'emergere di molte malattie.

Secondo loro, i micoplasmi possono provocare le seguenti patologie:

  • Infiammazione del sistema genito-urinario (prostatite, uretrite, salpingo-ooforite, pielonefrite). Durante l'analisi con il metodo PCR, circa il 40,6 - 76,5% dei pazienti ha rilevato micoplasmi.
  • Vaginosi batterica Il 52% delle donne con questa malattia ha una micoplasmosi.
  • Infertilità. Nell'85% dei casi, le persone con infertilità sono portatrici di micoplasma.
  • Patologia della gravidanza (aborto nelle fasi iniziali, travaglio prematuro). Nel 50% dei bambini nati morti con micoplasmi sono stati osservati difetti dello sviluppo.
  • Patologia del feto. Con la micoplasmosi intrauterina, gli organi dell'apparato respiratorio possono essere distrutti e il fegato, i reni, il sistema nervoso centrale e la pelle del feto sono colpiti. Un bambino può nascere con la polmonite.

Diagnosi e trattamento della malattia

Poiché nella maggior parte dei casi la malattia si manifesta sotto forma di sintomi minori a cui il paziente potrebbe non prestare attenzione, è piuttosto difficile da identificare. Con il giusto trattamento, puoi sbarazzarti di micoplasma in due settimane. In questo caso, le droghe devono essere prese non solo alla persona che ha la malattia, ma anche al suo partner sessuale, anche se non ha sintomi di micoplasmosi.

L'immunità a questa malattia è assente e, se il trattamento non è tempestivo per entrambi i partner sessuali, è possibile una re-infezione.

Contattare il laboratorio per superare i test per la micoplasmosi è necessario nei seguenti casi:

  • Se si identificano i sintomi della malattia.
  • Nel caso in cui ci siano altre malattie sessualmente trasmissibili.
  • Dopo un rapporto non protetto con un partner inaffidabile.
  • Nell'identificare le malattie infiammatorie degli organi pelvici.
  • Infertilità.
  • Nel caso in cui la coppia sta per concepire un bambino.
  • Se uno dei partner ha trovato micoplasmosi.
  • Se una donna incinta è minacciata di aborto spontaneo o parto prematuro.
  • Se l'esame ecografico rivelasse patologia nel feto.
  • Se il bambino è nato morto o con patologie.
  • Con il solito fallimento del feto.

Come identificare la malattia

Identificare i micoplasmi possono utilizzare test speciali:

  • Metodo culturale Con esso puoi determinare l'hominis mycoplasma. In questo caso, viene presa una sbavatura dalla vagina o dall'uretra. Il materiale risultante viene posto in un mezzo nutritivo. Il fatto che ci siano forme vitali di un microrganismo in uno striscio è indicato da una "reazione cromatica".
  • Reazione a catena della polimerasi (PCR). Questo è il metodo più efficace che consente di rilevare la presenza di DNA di micoplasma in materiale biologico (striscio, sangue o sperma). La precisione di questa analisi è del 99%.
  • Saggio di immunoassorbimento. Fornisce l'opportunità di rilevare gli anticorpi nel sangue per l'agente eziologico della malattia.

Trattamento completo della micoplasmosi

Nella maggior parte dei casi, la malattia viene curata a casa. Le donne possono essere ricoverate in ospedale durante la gravidanza se la micoplasmosi causa una minaccia di interruzione o parto prematuro.

Per il trattamento della micoplasmosi vengono usati antibiotici. Il farmaco stesso, il dosaggio e il regime di trattamento devono essere prescritti dal medico dopo una consultazione a tempo pieno e il ricevimento dei risultati del test.

Nella maggior parte dei casi, utilizzare farmaci dei seguenti gruppi:

  • Tetracicline (Doxycycline, Tetraciclina, Vibramicina). I farmaci in questo gruppo sono più spesso prescritti per il trattamento della micoplasmosi.
  • Macrolidi (Azithromycin, Summamed, Erythromycin, Roxithromycin). I farmaci di questo gruppo possono sbarazzarsi dell'infezione in un breve periodo.
  • Fluoroquinoloni (Ofloxacina, Lefofloxacina). Sono indicati come metodi di trattamento alternativi e sono prescritti nel caso in cui le tetracicline e i macrolidi non diano l'effetto desiderato o siano controindicati.

Farmaci per il trattamento della malattia possono causare alcuni effetti collaterali dal tratto digestivo (diarrea, nausea, vomito), reazioni allergiche (orticaria, arrossamento, prurito). Sono anche possibili manifestazioni del sistema nervoso sotto forma di mal di testa e vertigini. Nel caso in cui si verifichino, assumere il farmaco deve essere interrotto e chiedere consiglio al proprio medico.

Nel complesso trattamento della micoplasmosi prescrivono:

  • Candele: Hexicon, Yodoxide, McMiror.
  • Agli uomini può essere prescritto un unguento con l'antibiotico Oflokain, la tetraciclina.
  • Al fine di ripristinare il lavoro del sistema immunitario mediante immunostimolanti Immunomax, Pirogenide, Galavit.
  • In combinazione con antibiotici, probiotici e prebiotici vengono utilizzati per ripristinare la microflora (Linex, Laktovit, Hilak Forte).

L'obiettivo del trattamento della micoplasmosi è la distruzione di microrganismi patogeni, il ripristino del sistema immunitario e le funzioni protettive delle mucose. Dopo aver subito un trattamento antibiotico, è anche necessario ripristinare la microflora dell'uretra, della vagina e dell'intestino.

Durante il trattamento, è necessario seguire una dieta, eliminare cibi fritti, salati e grassi dalla dieta. Il menu dovrebbe contenere verdure, frutta e cereali. È severamente vietato prendere alcolici, può causare gravi effetti collaterali e rendere il trattamento inefficace.

È inoltre necessario condurre uno stile di vita sano, spesso camminare all'aria aperta e fare esercizi fisici. Ciò migliorerà il sistema immunitario e permetterà al corpo di affrontare rapidamente la malattia.

Prevenzione della micoplasmosi

Per prevenire l'infezione è necessario:

  • Quando usi un partner nuovo o inaffidabile, usa il preservativo.
  • Il preservativo deve essere indossato prima del contatto orale.
  • Dopo il contatto non protetto, è necessario urinare, darà la possibilità di rimuovere i microrganismi patogeni dall'uretra, quindi eseguire procedure igieniche, lavare accuratamente i genitali esterni con sapone. Nella fase successiva, l'organo genitale sarà trattato con Miramistina o Clorexidina.
  • Un mese dopo il rapporto non protetto, dovresti consultare un venereologo.

Ai primi segni della malattia è necessario consultare un medico.

Il pediatra illustrerà le caratteristiche del quadro clinico e gli approcci al trattamento della polmonite micoplasmatica nei bambini

Ogni anno nel periodo autunno-invernale, un aumento dell'incidenza delle infezioni respiratorie si verifica tra la popolazione dei bambini. I medici includono ragionevolmente la polmonite. La malattia è onnipresente e ha un alto tasso di mortalità. Uno dei posti speciali è occupato dalla polmonite da micoplasma - nei bambini è il 20% dei casi.

eziologia

La causa della polmonite da micoplasma è un microrganismo chiamato Mycoplasma pneumoniae. Appartiene al gruppo dei cosiddetti patogeni "atipici". Anche la polmonite da chlamydia e la legionella sono presenti in questa lista. Di conseguenza, la polmonite causata da questi microrganismi sarà "atipica". Questa definizione della malattia è stata ottenuta non solo a causa dell'originalità dell'agente patogeno, ma anche a causa del quadro clinico che è atipico per la maggior parte della polmonite.

Una caratteristica distintiva, la polmonite da micoplasma, è che occupa una posizione intermedia tra virus e batteri. Questo microbo penetra nella cellula del corpo umano e inizia a parassitizzarvi, caratteristica tipica dei virus. Ma distrutto da antibiotici, come un'infezione batterica.

La polmonite da Mycoplasma viene trasmessa da una persona infetta da goccioline trasportate dall'aria. Il microrganismo entra negli organi respiratori e inizia a moltiplicarsi, causando l'infiammazione delle vie respiratorie superiore e inferiore. Ma la manifestazione più grave è la polmonite. Il periodo di incubazione dura da 10 a 20 giorni.

La polmonite da Mycoplasma è più comune nei bambini di età compresa tra 5 e 14 anni. Pertanto, l'incidenza è alta tra i bambini organizzati. Ma in alcuni casi, la malattia può verificarsi anche nei neonati. Questo di solito si verifica durante l'infezione transplacentare da una madre malata o passando attraverso il canale del parto.

Sintomi di polmonite causata da micoplasma nei bambini

La malattia inizia gradualmente. Nella prima settimana di malattia un bambino può essere disturbato:

  • letargia;
  • sonnolenza;
  • secchezza e mal di gola;
  • naso che cola;
  • mal di testa;
  • dolore muscolare;
  • congiuntiviti;
  • la temperatura corporea è normale o nell'intervallo 37,0 - 37,5 ° C.

Va notato che i sintomi della comparsa della malattia non hanno caratteristiche peculiari e sono simili alla normale infezione virale respiratoria acuta. L'inizio è più cancellato rispetto alla polmonite tipica.

Inoltre, la malattia progredisce e sviluppa il seguente quadro clinico:

  • grave febbre - la temperatura corporea del bambino sale a 38,0 - 39,0 ° С e dura per diversi giorni;
  • brividi;
  • tosse secca, compulsiva, parossistica;
  • forte dolore durante la deglutizione.

La polmonite causata dalla polmonite da micoplasma si distingue dalla polmonite di altra origine dai seguenti sintomi:

  • intossicazione non espressa;
  • la temperatura raggiunge raramente i 40 ° C;
  • dolore al petto, emottisi atipico;
  • mancanza di respiro si sviluppa raramente, solitamente lieve;
  • i sintomi extrapolmonari possono talvolta essere accompagnati da dolore muscolare, rash petecchiale sul corpo, dolore all'addome.

Nella maggior parte dei casi, la polmonite da micoplasma è caratterizzata da un decorso regolare. Con un trattamento tempestivo dopo 5-7 giorni, i sintomi diminuiscono:

  • la febbre si è fermata, ma la temperatura nell'intervallo 37,0 - 37,5 ° C può essere osservata per un'altra 1-2 settimane;
  • la tosse diventa produttiva con il rilascio della mucosa dell'espettorato leggero.

In circa il 10% dei casi nei bambini affetti da micoplasma può verificarsi un'eruzione cutanea.

Come potete vedere, la polmonite da micoplasma non ha sintomi specifici che parlerebbero solo per questo.

Diagnosi di polmonite da micoplasma

Durante l'ascolto del sistema respiratorio, il medico può sentire deboli rantoli secchi e umidi. Ma nel 20% dei casi non si hanno segni di polmonite.

Anche quando si esegue la radiografia del torace, è impossibile identificare i sintomi caratteristici dell'infiammazione del micoplasma del tessuto polmonare. Il medico vedrà solo un rafforzamento del modello polmonare e segni di infiammazione, che possono portare a qualsiasi altra infezione.

Pertanto, per la diagnosi è necessario ricorrere a metodi di laboratorio per identificare l'agente eziologico della malattia.

Quali test devono passare per rilevare il micoplasma?

Dosaggio immunoenzimatico

Ad oggi, la presenza di questo tipo di infezione può essere rilevata attraverso metodi moderni basati su processi immunologici. Nell'immunità normale del bambino, l'ingresso di microbi patogeni, in questo caso, la polmonite da micoplasma, nel corpo provoca la produzione di anticorpi contro di loro.

Un altro nome per gli anticorpi è le immunoglobuline (Ig). In totale ci sono 5 classi. Ma i più significativi sono: A, M, G.

Le immunoglobuline di classe A compaiono nel sangue della seconda settimana di malattia e scompaiono alla fine dell'ottava settimana. Se sono più tardi, parla della cronologia del processo.

L'indicatore principale della fase acuta della malattia è IgM. È rilevato nel sangue già nella prima settimana di indisposizione e raggiunge i suoi valori elevati durante la 3a settimana. La presenza di IgM in un bambino con polmonite è indicativa di micoplasmosi corrente o appena trasferita.

Gli anticorpi IgG iniziano ad apparire dopo 4 settimane dall'inizio della malattia e possono essere determinati per mese, anno o anche per la vita. La loro presenza parla di un'infezione precedentemente trasmessa.

Il suddetto metodo di determinazione nel sangue degli ammalati specifici anticorpi contro i micoplasmi è chiamato saggio immunoassorbente legato all'enzima (ELISA). Si svolge due volte:

  • nella prima settimana della malattia;
  • 2 settimane dopo la prima analisi.

Con questo metodo è anche possibile rilevare gli antigeni di polmonite da micoplasma. Il risultato più affidabile può essere ottenuto entro 7 giorni dall'esordio della malattia.

Reazione a catena della polimerasi

Negli ultimi anni, è stata osservata la diffusione del metodo della reazione a catena della polimerasi (PCR) nella diagnosi di laboratorio della polmonite da micoplasma. Per l'analisi, viene utilizzato l'espettorato del paziente con polmonite. Il metodo consente di rilevare il DNA della polmonite da micoplasma.

Analisi del sangue generale

L'uso di metodi altamente sensibili non preclude un esame del sangue generale standard.

Per la polmonite da micoplasma sarà tipico:

  • normale conta dei globuli bianchi. Nel 10% dei casi è possibile una leucocitosi moderata o leucopenia;
  • aumento dei livelli di linfociti;
  • la mancanza di leucoformula si sposta a sinistra;
  • aumento della velocità di eritrosedimentazione (ESR);
  • con un lungo decorso della malattia si possono sviluppare anemia e trombocitosi.

ELISA e PCR sono l'unico modo per determinare che il bambino era malato di polmonite da micoplasma. Ma, sfortunatamente, questi metodi non possono essere utilizzati per diagnosticare rapidamente la malattia. Poiché lo studio richiede almeno 1 settimana.

Come trattare la polmonite da micoplasma nei bambini?

Come notato all'inizio dell'articolo, la polmonite da micoplasma viene trattata con antibiotici. Ma non tutti i farmaci antibatterici aiuteranno in questo. Il micoplasma è un parassita intracellulare, per questo motivo, per distruggerlo è necessario un medicinale che lo porti all'interno della cellula. Questi includono antibiotici dalla serie di tetracicline e un gruppo di macrolidi.

tetracicline

Da questo gruppo, la doxiciclina viene utilizzata per il trattamento della polmonite da micoplasma. Disponibile in capsule da 100 mg per somministrazione orale. Il farmaco è a lunga azione - assunto 1 - 2 volte al giorno. Assorbito nel tratto gastrointestinale ed escreto nelle urine e nelle feci. Possibile sviluppo di effetti collaterali: nausea, vomito, feci anormali, reazione allergica, mal di testa, candidosi, disbiosi e altri.

macrolidi

Tenendo conto del profilo di sicurezza, gli antibiotici macrolidi sono i farmaci di scelta in pediatria. Possono essere usati fin dalla nascita. Questi includono: "Erythromycin", "Claritromicina" (analoghi di "Klacid", "Fromilid", "Ecozetrin" con lattulosio). Ma l'azitromicina ha il vantaggio:

  • è più efficace contro la polmonite da micoplasma;
  • gli effetti collaterali si sviluppano raramente;
  • si applica una volta al giorno;
  • una varietà di forme di rilascio (capsule, compresse, polvere per sospensione).

Trattamento della polmonite da micoplasma nei bambini con agenti aggiuntivi

  • per il periodo di malattia, è meglio per il bambino stare a casa e stare a letto durante la febbre;
  • bevanda calda abbondante;
  • se la temperatura supera i 38,5 ° C, al bambino dovrebbe essere data una febrifuga;
  • per mal di gola, risciacquare con soluzione salina, utilizzare spray antisettici;
  • su prescrizione, si possono prendere mucolitici o farmaci espettoranti;
  • durante il periodo di recupero, per migliorare lo scarico espettorato, eseguire esercizi di respirazione per il bambino, massaggio vibrante del torace.

Altre malattie associate alla tosse

Pertosse - un'infezione batterica dispersa nell'aria, caratterizzata da tosse parossistica e debilitante.

Nell'asma bronchiale, la tosse è accompagnata da mancanza di respiro, respiro sibilante e attacchi di dispnea.

In caso di blocco del tratto respiratorio da parte di un corpo estraneo, la tosse si verifica all'improvviso. Caratteristica sarà l'assenza di altri sintomi di infezioni respiratorie acute.

Con l'infiammazione prolungata del rinofaringe, ipertrofia delle adenoidi e la loro infiammazione, la tosse è anche possibile a causa della perdita di muco nella laringe.

Informazioni generali sulla tubercolosi

La tubercolosi è una malattia diffusa causata da micobatteri o bastoncini di Koch. Trasmesso da goccioline trasportate dall'aria. Questa è un'altra malattia con cui la polmonite da micoplasma può essere confusa.

A favore della lesione tubercolare diremo:

  • inizio lento e graduale della malattia;
  • perdita di peso;
  • diminuzione dell'appetito;
  • sudorazione;
  • scarico di espettorato purulento, a volte mescolato con sangue;
  • temperatura continua non superiore a 37,5 ° С;
  • il rossore sulle guance, il luccichio degli occhi.

Come si verifica la polmonite da micoplasma nei neonati?

Nel processo di passaggio attraverso il canale del parto, il bambino può essere infettato da micoplasma da una madre malata. La polmonite in questo caso si verificherà con lo sviluppo di disturbi respiratori. Nei casi più gravi, è possibile diffondere micoplasmi in tutto il corpo del bambino. Quindi il cervello, i reni, il fegato, la milza sono colpiti. Ci sono convulsioni, ittero, sanguinamento negli organi.

risultati

La polmonite da micoplasma è un agente causale abbastanza comune di bronchite e polmonite negli adulti e nei bambini. In connessione con il quadro clinico atipico e la mancanza di metodi per la diagnosi rapida di laboratorio, sorgono difficoltà nella diagnosi all'inizio della malattia. Per questo motivo, il malessere a volte diventa protratto. Ma in generale, la malattia non è difficile ed è caratterizzata da un andamento regolare. Le complicazioni sono rare. Se si eseguono esami (sangue per ELISA, espettorato per PCR) e si identifica la polmonite da micoplasma, il trattamento di un certo numero di tetracicline e macrolidi con antibiotici si ridurrà.

Infiammazione polmonare causata da polmonite da micoplasma, metodi di diagnosi e trattamento

La polmonite è una malattia infettiva dell'apparato respiratorio causata da agenti patogeni. Determinare il tipo di agente patogeno è di grande importanza nella diagnosi e nel trattamento della malattia, dal momento che ognuno di essi è sensibile a una determinata categoria di farmaci. Molto spesso, il processo patologico è causato da pneumococchi e stafilococchi, ma si incontrano altri tipi di batteri, in particolare la polmonite da micoplasma. Qual è la polmonite causata da questo agente patogeno e come trattarlo?

Cos'è?

Il micoplasma è un batterio che può causare infezioni delle vie urinarie e respiratorie. L'elenco delle varietà di questo microrganismo comprende la polmonite da micoplasma (Mycoplasma pneumoniae), che causa la polmonite da micoplasma o la micoplasmosi respiratoria.

Di solito il batterio viene trasmesso da goccioline trasportate dall'aria, così come il percorso endogeno dell'infezione. Il micoplasma è presente nel corpo di ogni persona e, in condizioni favorevoli (stati di immunodeficienza, patologie dell'apparato respiratorio, processi tumorali del sangue) inizia a moltiplicarsi attivamente. Questo tipo di malattia è diagnosticato nel 20% delle persone affette da polmonite e, più spesso, colpisce bambini di età inferiore a 5 anni e giovani e nei pazienti di età superiore ai 35 anni viene raramente osservato.

Il periodo di incubazione per la polmonite da micoplasma è di 1-3 settimane, i sintomi ricordano l'influenza o la faringite e includono:

  • aumento della temperatura a 37-37,5 gradi;
  • mal di gola, tosse secca;
  • congestione nasale;
  • mal di testa, dolori muscolari e articolari;
  • eruzione cutanea;
  • linfonodi ingrossati;
  • deterioramento del benessere generale.

Di regola, i sintomi aumentano gradualmente, ma vi è un esordio acuto della malattia con manifestazioni di intossicazione del corpo. Una caratteristica della polmonite da micoplasma è una tosse secca e debilitante con una piccola quantità di espettorato viscoso. Dura almeno 10-15 giorni dopo l'infezione del corpo e talvolta può durare fino a 4-6 settimane, dal momento che il micoplasma causa l'ostruzione delle vie respiratorie.

IMPORTANTE! La polmonite da micoplasma appartiene alla categoria delle forme atipiche della malattia e di solito si presenta in forma grave - a causa della particolare struttura del batterio, che ricorda la struttura delle cellule del corpo umano, gli anticorpi ad esso iniziano a essere prodotti piuttosto tardi.

Come determinare la malattia

La diagnosi di polmonite da micoplasma richiede particolare attenzione, poiché i segni della malattia assomigliano ai sintomi di altre infezioni respiratorie. Sono necessari numerosi studi strumentali e clinici per identificare l'agente eziologico e fare una diagnosi accurata.

  1. Esame esterno e ascolto al petto. Le manifestazioni classiche di polmonite (febbre, tosse) nella forma micoplasmatica della malattia non sono molto pronunciate, ma ci sono sintomi extrapolmonari - eruzioni cutanee, dolori muscolari e articolari, a volte dolore alle orecchie e agli occhi. Quando si ascolta il torace, ci sono rari medium o finemente spumosi, che indicano la presenza di liquido nei polmoni e nei bronchi.
  2. Raggi X, risonanza magnetica, CT. La radiografia mostra un marcato aumento del modello polmonare con focolai di infiltrati tipici della malattia, che di solito si trovano nella parte inferiore dei polmoni. A volte per chiarire la diagnosi e identificare le comorbidità è necessario un computer o una risonanza magnetica.
  3. Analisi del sangue generale Un esame del sangue determina una leucocitosi moderata e un lieve aumento della VES (con polmonite micoplasmatica, i segni di un processo patologico sono meno pronunciati nell'analisi del sangue generale rispetto alla polmonite di origine batterica).
  4. PCR. La reazione a catena della polimerasi, o PCR è uno dei modi più informativi per rilevare la polmonite da micoplasma nel corpo. Permette di trovare nel materiale del test (un campione di sangue venoso del paziente) frammenti di microrganismi patogeni, per distinguerli dagli altri e moltiplicarli, il che consente di determinare con precisione l'agente eziologico del processo patologico.
  5. I restanti metodi utilizzati per rilevare altre forme di polmonite (ad esempio l'esame dell'espettorato) non sono utilizzati per la polmonite micoplasmatica perché non hanno valore diagnostico.

AIUTO! I restanti metodi utilizzati per rilevare altre forme di polmonite (ad esempio l'esame dell'espettorato) non sono utilizzati per la polmonite micoplasmatica perché non hanno valore diagnostico.

Anticorpi IgA, IgM e IgG se rilevati

Dopo che la polmonite da micoplasma entra nel tratto respiratorio, il corpo inizia a produrre immunoglobuline specifiche, che possono essere rilevate mediante ELISA (saggio immunoassorbente legato all'enzima).

Questo è il metodo diagnostico più informativo che consente di determinare non solo la presenza della malattia, ma anche le caratteristiche del suo quadro clinico - forma acuta, cronica o re-infezione.

Esistono tre tipi di anticorpi che, mediante un'analisi positiva, possono rilevare la presenza di infezione - IgA, IgM e IgG, che cosa significa? Immediatamente dopo l'infezione, inizia la produzione di immunoglobuline IgM, e dopo 5-7 giorni - anticorpi IgG, e il loro livello rimane elevato più a lungo del titolo IgM e durante il recupero diminuisce significativamente. La produzione di proteine ​​IgA inizia per ultima, dopo la comparsa di IgG, e continua per un anno o più.

Per una diagnosi accurata, vengono rilevate IgM e IgG di immunoglobuline, si consiglia di effettuare l'analisi 1-4 settimane dopo l'insorgenza della malattia almeno due volte (una singola misurazione del livello di anticorpi non fornisce un risultato affidabile). La presenza della malattia è evidenziata da un aumento dinamico del livello di anticorpi IgM, nonché da un aumento della concentrazione di proteine ​​IgG in campioni prelevati sequenzialmente da intervalli non per 2 settimane. L'aumento del titolo di IgA delle immunoglobuline indica un decorso acuto o cronico della polmonite da micoplasma, oltre alla reinfezione.

IMPORTANTE! La diagnosi del processo patologico causato dalla polmonite da micoplasma deve necessariamente essere completa e comprende anamnesi, analisi dei sintomi e dei reclami, nonché la determinazione degli anticorpi IgM e IgG.

Metodi di guarigione

La polmonite causata da micoplasma può portare a gravi complicanze, pertanto il trattamento deve essere iniziato immediatamente dopo la diagnosi. Le basi del trattamento negli adulti e nei bambini sono gli antibiotici, di regola, dal gruppo dei macrolidi, ma se ci sono controindicazioni e reazioni allergiche, possono essere prescritti farmaci di altri gruppi e il corso dura almeno 2 settimane. Insieme agli agenti antimicrobici, i medici prescrivono farmaci antipiretici, analgesici, antistaminici ed espettoranti. Inoltre, i pazienti hanno bisogno di riposo a letto, una dieta ricca di vitamine e minerali e di bere abbondantemente.

Durante il periodo di recupero, si dovrebbe prestare particolare attenzione alle attività di riabilitazione - massaggi, esercizi terapeutici, passeggiate all'aria aperta, cure termali. Ciò è particolarmente vero per i bambini, gli anziani e i pazienti che hanno sofferto di una grave forma di polmonite, accompagnata da un deterioramento della funzione respiratoria.

La complessità del trattamento della polmonite da micoplasma è che a causa delle caratteristiche specifiche dell'agente patogeno è piuttosto difficile identificarlo. Con una diagnosi tempestiva, la prognosi è favorevole - il micoplasma è sensibile agli antibiotici, quindi la malattia può essere curata senza conseguenze spiacevoli.

Mycoplasma Polmonite / Mycoplasma pneumoniae:
Che tipo di microrganismo è? Quali malattie causano e in che modo sono pericolose per l'uomo?

I micoplasmi sono una vasta classe di batteri di varie forme e tipi. Uno dei ben noti rappresentanti di questi microbi è la polmonite da micoplasma (mycoplasma pneumoniae) - l'agente eziologico della polmonite da micoplasma.

La malattia colpisce i polmoni ed è la causa di forti processi infiammatori e disturbi nel corpo umano. Una volta all'interno del polmone, i micoplasmi iniziano a moltiplicarsi attivamente e inibiscono l'attività delle cellule polmonari. L'immunità non è sempre in grado di rilevare rapidamente la polmonite da micoplasma, quindi il microbo si sta sviluppando tranquillamente e la malattia si manifesta in una forma avanzata.

Oltre alla polmonite, il microbo può causare micoplasma bronchite e altre infezioni micoplasmiche delle vie respiratorie, oltre ad aggravare il decorso di altre malattie polmonari già presenti nell'uomo.

È interessante notare che la polmonite da micoplasma nei bambini e negli adolescenti è più comune che negli adulti, ma il picco di incidenza si verifica in autunno e in inverno, quando il sistema immunitario umano è più indebolito.

Metodi di infezione da polmonite da micoplasma

L'infezione di questo microbo viene trasmessa da goccioline trasportate dall'aria. Ciò significa che la tosse o starnutire un paziente può causare l'infezione. La malattia non si manifesta immediatamente e ha un periodo nascosto. Di solito, dura da una a tre settimane e durante questo periodo la persona infetta non ha sintomi.

La polmonite da Mycoplasma non può essere infettata sessualmente, con una stretta di mano o con un abbraccio. La trasmissione per via aerea è l'unica per questo tipo di micoplasma.

Sintomi di polmonite da micoplasma

La polmonite causata dal micoplasma si manifesta molto lentamente e gradualmente. A volte, dai primi sintomi è molto difficile individuare un disturbo in via di sviluppo. La polmonite da micoplasma può essere sintomatica di bronchite micoplasmatica (infiammazione dei bronchi), tracheite (infiammazione della trachea) o laringite (infiammazione della bocca e della gola).

I pazienti dapprima spesso si lamentano di mal di testa, naso che cola, tosse e mal di gola. Dopo pochi giorni la malattia sta guadagnando slancio. La temperatura corporea può raggiungere 39 o anche 40 gradi ed essere stabile per diversi giorni. Anche la tosse diventa debilitante e lunga. Oltre al mal di testa, c'è dolore al petto.

I sintomi della polmonite da micoplasma nei bambini mostrano uno scenario accelerato, quindi dovrebbero prestare particolare attenzione.

I segni più comuni di preoccupazione per i genitori dovrebbero essere:

  • dolore in tutto il corpo;
  • letargia, disattenzione;
  • febbre e brividi persistenti;
  • insufficienza respiratoria e persino soffocamento.

Maggiori informazioni sulle manifestazioni della micoplasmosi nell'articolo speciale "Mycoplasma - sintomi e decorso dell'infezione".

Quali test sono necessari per confermare?

Tra i molti metodi di diagnosi di una malattia, il più affidabile e accurato è l'isolamento di un paziente con micoplasma pneumoniae che utilizza la coltura batteriologica. Tuttavia, questa analisi è raramente praticata, perché i risultati devono essere previsti per più di una settimana.

La radiografia dei polmoni nella polmonite da micoplasma mostra solitamente piccoli punti nella parte inferiore di uno o di ciascun polmone, ma questo fenomeno non può essere definito tipico solo per l'infezione da micoplasma.

Il modo più comune per determinare la polmonite da micoplasma è esaminare il sangue di un paziente per la presenza di immunoglobuline (proteine ​​speciali nel corpo che combattono contro varie infezioni) IGg e IGm. Alti livelli di queste immunoglobuline nel sangue indicano la riproduzione attiva della polmonite micoplasmatica.

Alti livelli di immunoglobulina IGg e IGm nel sangue indicano una riproduzione attiva della polmonite micoplasmatica.

I risultati positivi di polmonite da micoplasma sono uno dei principali segni della presenza di infezione e richiedono un'azione immediata.

Trattamento della polmonite da micoplasma

Il trattamento deve essere prescritto esclusivamente da un medico, in quanto richiede l'uso di farmaci gravi e metodi di utilizzo precisi.

Tra i farmaci più attivamente utilizzati sono i seguenti:

Gli antibiotici sono utilizzati attivamente per il trattamento della polmonite da micoplasma.

antibiotici

Gli antibiotici più affidabili e sicuri contro la polmonite da micoplasma per bambini e adulti sono considerati farmaci macrolidi. Le tetracicline sono anche efficaci, ma i bambini non possono, perché influenzano la crescita delle ossa e possono danneggiare lo smalto dei denti, rendendola fragile e di colore scuro. Le penicilline e le cefalosporine non hanno alcun effetto sui micoplasmi, quindi non sono prescritti per la polmonite da micoplasma.

immunomodulatori

A causa del fatto che l'infezione provoca un forte indebolimento delle proprietà protettive del corpo, il medico può prescrivere farmaci speciali che stimolano il sistema immunitario. Questo accelera la cura e riduce il rischio di reinfezione. Agli adulti vengono prescritte quasi tutte le forme di farmaci - pillole, gocce, supposte rettali - la scelta dipende dalla situazione personale. I bambini piccoli, di regola, sono prescritti tali farmaci nella forma di sciroppi o supposte rettali.

Farmaci che alleviano i sintomi

Inoltre, il medico può prescrivere farmaci alla persona che allevi le manifestazioni esterne della malattia - rimedi per dolore, tosse, infiammazione alla gola, temperatura, ecc.

A proposito di farmaci e metodi, i regimi di trattamento, che hanno dimostrato la loro efficacia in studi seri, sono descritti in dettaglio nell'articolo "Mycoplasma: trattamento e equivoci".

Complicazioni dopo la malattia

Molto spesso l'autotrattamento diventa la causa delle complicanze nella polmonite da micoplasma. Il paziente è spesso impegnato nell'eliminazione dei sintomi, ignorando o addirittura non cercando di identificare l'agente causale. Solo dopo che le condizioni del paziente peggiorano, egli cerca l'aiuto di uno specialista e riceve il trattamento corretto.

In caso di malattia grave o inattività prolungata del paziente, il micoplasma può causare manifestazioni in tutto il corpo umano. Queste complicanze possono essere suddivise in due grandi gruppi: respiratorio (negli organi respiratori), non respiratorio (in altre parti del corpo).

Per respiratorio includono:

Infezioni del tratto respiratorio superiore (laringiti, bronchiti, tracheiti);

La formazione di infiammazioni purulente (ascessi) nei polmoni stessi;

Attaccamento di altre forme di polmonite (virus, altri batteri, funghi possono anche penetrare nel corpo indebolito dalla lotta).

Per i non respiratori includono:

  1. Anemia emolitica (distruzione attiva delle cellule del sangue);
  2. Infiammazione del pancreas e / o del fegato;
  3. Eruzione cutanea e infiammazione degli occhi;
  4. Nausea, vomito, diarrea;
  5. Infiammazione delle articolazioni (artrite).

In caso di malattia grave o inattività prolungata del paziente, il micoplasma può causare manifestazioni in tutto il corpo umano.

La polmonite da micoplasma è un microrganismo astuto che può causare una malattia così grave come la polmonite. È molto facile confondere con altre malattie "semplici", ma un tale errore può costare la salute di una persona.

Naturalmente, una diagnosi tempestiva e un trattamento adeguato da parte di uno specialista non possono garantire una cura e una protezione complete contro le complicanze della polmonite da micoplasma, tuttavia, riducono ripetutamente il rischio di recidiva della malattia e gravi complicazioni dopo di esso.

Polmonite da micoplasma: specificità della malattia

La polmonite da micoplasma (in latino Mycoplasma pneumoniae) è l'agente causale più frequente della polmonite. I micoplasmi sono piccoli microbi che si parassitano nelle cellule del tratto respiratorio umano. Come la maggior parte dei virus, è trasmesso attraverso escrementi aerei e infezioni trasmesse sessualmente. La malattia è registrata non solo come un focolaio dell'epidemia, ma anche come un fenomeno sporadico.

Si noti che i bambini e i giovani di età inferiore ai 30 anni sono più suscettibili alle infezioni da questa infezione. L'infezione da virus più comune si verifica nelle grandi città, dove c'è un accumulo di gruppi di persone. La polmonite mioplasmatica rappresenta 1/4 di tutta la polmonite.

cause di

I micoplasmi non hanno i propri dispositivi per sintetizzare energia, quindi usano le risorse delle cellule infettate da loro per vivere e moltiplicarsi. Ciò è dovuto a diversi fattori:

  • sono piccoli e vivono all'interno di cellule infette. Inoltre, i patogeni hanno una struttura strutturale simile con elementi di normale tessuto sano. Questi fattori rendono possibile nasconderli dall'influenza del sistema immunitario e ridurre la loro sensibilità agli antibiotici;
  • gli agenti patogeni sono mobili, quindi nel caso della distruzione di una cellula, si spostano in un'altra e li infettano;
  • sono molto saldamente attaccati alle cellule, il che consente la polmonite da micoplasmosi, anche se non un gran numero di agenti patogeni sono entrati nel corpo.

Il micoplasma è sensibile alle radiazioni ultraviolette e ad un forte calo di temperatura, quindi non possono esistere a lungo nell'ambiente. Nel 90% dei casi, l'infezione si realizza attraverso la trasmissione aerea. Per i bambini, questo virus si aggrappa spesso all'asilo o alla scuola. La più grande possibilità di contrarre l'infezione è durante la stagione fredda.

Sintomi di polmonite da micoplasma negli adulti e nei bambini

Il periodo di incubazione della malattia varia da 10 a 20 giorni. Durante questo periodo, la polmonite da micoplasma quasi sempre non si manifesta. La particolarità del decorso della polmonite causata dal micoplasma è che può durare 4-5 settimane e in alcuni casi diversi mesi.

La polmonite da micoplasma negli adulti appare in modo diverso rispetto ai bambini. I seguenti sintomi sono più comuni negli adulti:

  • tosse estesa con espettorazione abbondante dell'espettorato. In casi eccezionali, può svilupparsi in forma cronica e persistere fino a 5 settimane;
  • raucedine;
  • mal di testa;
  • congestione nasale;
  • malattie dermatologiche (eritema polimorfico);
  • aumento della sudorazione;
  • linfonodi ingrossati nel collo;
  • dolore alle articolazioni e ai muscoli;
  • deterioramento in condizioni fisiche generali.

Secondo le statistiche, la polmonite da micoplasma nei bambini di età compresa tra 3-6 anni è più comune e manifesta sintomi più pronunciati:

  • regolari attacchi di emicrania;
  • la comparsa di brividi severi con un leggero aumento della temperatura;
  • mancanza di coordinamento dei movimenti;
  • il verificarsi di uno stato febbrile;
  • la comparsa di tosse secca dolorosa.

Complicazioni della malattia

In assenza di trattamento tempestivo, la malattia può portare a complicazioni gravi come un processo limitato purulento-distruttivo nei polmoni (ascesso polmonare), infiammazione del cervello o dell'articolazione, riduzione dei livelli di emoglobina nel sangue. Negli anziani, a causa di un indebolimento del sistema immunitario, la malattia può essere accompagnata da un'infiammazione temporanea dei nervi periferici, che porta a una grave debolezza muscolare.

Nei bambini in età prescolare, le complicanze si manifestano in modo diverso:

  • ci sono disturbi dell'apparato digerente (diarrea e vomito) nel 35% dei casi di infezione da batterio della polmonite da micoplasma;
  • nella maggior parte dei casi, i bambini sono affetti da diatesi emorragica, localizzata su tutti gli arti. Di solito scompaiono da soli nel 7-10 giorno di malattia;
  • in rari casi può verificarsi infiammazione del muscolo cardiaco o danno articolare (artrite).

Diagnosi della malattia

Per diagnosticare la malattia, il paziente deve consultare un medico infettivo o un pneumologo. All'esame iniziale, il medico raccoglie l'anamnesi e ascolta il paziente con un fonendoscopio, con polmonite nei polmoni del paziente, si sente il respiro sibilante. I sintomi della polmonite micoplasmatica sono simili a molte altre malattie dell'apparato respiratorio (ad esempio, influenza o bronchite cronica), pertanto il medico prescrive un numero di test diagnostici e di laboratorio per consentire al paziente una diagnosi accurata.

Dagli studi diagnostici, viene data preferenza alla radiografia e alla tomografia computerizzata. Permettono di vedere l'aumento del pattern polmonare con piccole ombre focali principalmente nelle regioni inferiori dei polmoni.

Degli studi molecolari biologici per la diagnosi di polmonite da micoplasmosi, i più precisi sono:

  • Rilevazione del DNA dei batteri Mycoplasma pneumoniae. Molto spesso, il materiale per PCR viene prelevato dalla faringe (striscio), meno frequentemente dall'espettorato o dal sangue. Un importante vantaggio del metodo è un breve tempo di analisi, che è particolarmente importante per la diagnosi rapida e la prescrizione del trattamento;
  • emocromo completo. Durante il processo infiammatorio, l'analisi mostra un elevato numero di globuli bianchi;
  • diagnosi allergica (determinazione di anticorpi IgG, LgA e IgM specifici). Quando un organismo è infettato da un'infezione, il sistema immunitario produce anticorpi. Le IgM di Mycoplasma pneumoniae appaiono nel sangue 2-3 giorni dopo l'inizio della malattia, mentre l'anti-micoplasma pneumoniae IgG inizia a salire 1-2 settimane più tardi e può persistere a lungo nel sangue dopo il completo recupero. Si raccomanda di diagnosticare il titolo di tutti gli anticorpi. Se nei test è stato rilevato un titolo di IgM positivo, una persona è stata infettata da micoplasma nei prossimi giorni, se solo il titolo di IgG è positivo - i patogeni sono da tempo entrati nel corpo, ma ora sono riusciti a sbarazzarsi di loro. Nel caso in cui l'analisi abbia mostrato risultati positivi - l'infezione è e il trattamento dovrebbe iniziare il prima possibile. L'IgA non si applica alla polmonite da micoplasma, se viene rilevato un titolo positivo, significa che il paziente è un portatore di Myoplasma Hoomns (l'agente eziologico della micoplasmosi urogenitale).

Trattamento e prevenzione della malattia

Con trattamento tempestivo al medico, la prognosi per il trattamento è favorevole. Il regime di trattamento viene selezionato individualmente in base allo stadio della malattia e ai sintomi mostrati. Se la malattia si verifica nella fase acuta, l'assistenza terapeutica viene fornita in ospedale, dove ai pazienti viene prescritto un riposo a letto. Il paziente sarà in grado di vedere l'efficacia del trattamento dopo 5-10 giorni di terapia, ma sarà possibile ottenere il pieno recupero del corpo dopo circa 3 settimane.

Di norma, la malattia procede con una forte tosse, quindi uno specialista può prescrivere farmaci antitosse ed espettoranti (ad esempio, Ambroxol). Il trattamento antibiotico ha lo scopo di eliminare i patogeni. I primi giorni vengono somministrati per via endovenosa e poi per via orale. Il corso generale di terapia antibiotica di solito dura almeno 14 giorni. I seguenti farmaci antibatterici sono i più efficaci: eritromicina, ciprofloxacina, claritromicina. Ai bambini vengono prescritti speciali antibiotici macrolidici per i bambini, dal momento che sono i più sicuri. Gli ormoni nel trattamento della polmonite da micoplasma sono prescritti solo in casi avanzati, quando la terapia antibatterica non porta risultati visibili.

È necessario trattare la malattia in modo complesso: si consiglia di aggiungere un complesso di esercizi fisici, procedure fisioterapiche e massaggi (durante il periodo di recupero) al trattamento medico. Poiché i micoplasmi causano danni non solo ai polmoni, ma anche al tratto respiratorio superiore, è importante gargarizzare regolarmente e lavare i seni nasali.

Inoltre, è possibile utilizzare rimedi popolari per migliorare l'efficacia della terapia farmacologica e accelerare il processo di guarigione. Hanno un effetto anti-infiammatorio, aiutano ad alleviare i sintomi locali e aiutano a rafforzare il sistema immunitario. Considera le ricette di infusi e decotti popolari:

  • Per la preparazione dell'infusione prendere erbe curative - erba di San Giovanni, camomilla e fiordaliso in una proporzione di 1: 1: 1. Tutti i componenti sono schiacciati, 2 cucchiai versano in un contenitore e versano 500 ml di acqua calda. Lasciare insistere in un luogo buio per 60-90 minuti, quindi filtrare. È consigliato usare i mezzi ricevuti su 150 millilitri non meno di 3 volte al giorno.
  • Le inalazioni con decotti di erbe curative sono molto efficaci nel trattamento delle malattie delle vie respiratorie. È possibile utilizzare la ricetta con i componenti descritti in precedenza, aggiungendo loro gli aghi e gli eucalipti. L'inalazione può essere fatta ogni giorno per 8-12 minuti 1-2 volte al giorno.
  • L'infusione di mora rafforza il sistema immunitario e aiuta a combattere le malattie infiammatorie delle vie respiratorie. 2 cucchiai di foglie di more versano 400 ml di acqua bollente. Quando l'infusione si è leggermente raffreddata, può essere consumata. La quantità ricevuta è sufficiente per 4 dosi al giorno.

Come misura preventiva, si raccomanda, quando possibile, di evitare luoghi con grandi folle di persone durante epidemie (o indossare maschere protettive), bere farmaci immunostimolazione 1-2 volte all'anno e mantenere l'igiene personale. Il rispetto di una corretta alimentazione ha un effetto positivo sulla salute, quindi è consigliabile aggiungere alla dieta, il più possibile verdure, carne e frutta (con un alto contenuto di oligoelementi e vitamine). Se un paziente ha malattie croniche dell'apparato respiratorio, è importante osservare per diversi mesi il pneumologo dopo il recupero.