0P3.RU

trattamento di raffreddori

  • Malattie respiratorie
    • Comune raffreddore
    • SARS e ARI
    • influenza
    • tosse
    • polmonite
    • bronchite
  • Malattie ORL
    • Naso che cola
    • antrite
    • tonsillite
    • Mal di gola
    • otite

Dolore al petto con polmonite

Dolore polmonare dopo polmonite

Dolore ai polmoni dopo la polmonite - quale potrebbe essere la ragione? E la ragione spesso risiede nella mancanza di attenzione alla loro salute. Spesso non pensiamo nemmeno alle conseguenze della breve durata o post-polmonite, le regole di riabilitazione ignorate dopo la polmonite. Ahimè, nella nostra vita moderna il primo posto per molti è la presenza di prestazioni ininterrotte.

Andiamo ai luoghi di lavoro durante la malattia, portiamo il virus sui nostri piedi e molto spesso ne siamo orgogliosi. Il dolore ai polmoni dopo la polmonite (polmonite) è solo la reazione del corpo al nostro atteggiamento spensierato nei confronti di questa grave malattia.

Sintomi di dolore ai polmoni dopo la polmonite

I pazienti sono preoccupati per le convulsioni che si verificano durante l'inalazione e appaiono come un leggero formicolio, o con crisi acute. Questi attacchi a volte possono essere accompagnati da mancanza di respiro e battito cardiaco accelerato. Il grado di dolore dipende dalla gravità della malattia, dalla velocità e dalla qualità del trattamento.

I sintomi di cui sopra più spesso indicano la presenza di aderenze nel corpo.

Le adesioni sono una fusione patologica di organi. Le adesioni si formano a seguito di patologie infettive croniche, così come lesioni meccaniche o emorragie interne.

Un paziente con polmonite può avere accrescimento (aderenze) tra i fogli della pleura, uno dei quali linee i polmoni, e l'altro - il torace. Quando l'infiammazione delle foglie della pleura o l'infiammazione dai polmoni alla pleura, la fibrina viene rilasciata, incollando le foglie della pleura l'una con l'altra. L'area dei fogli incollati di pleura è chiamata commessura.

I picchi sono divisi in due tipi: singoli e numerosi. Nei casi critici, avvolgono la pleura nella sua interezza, causandone lo spostamento e la deformazione e rendendo così la respirazione più difficile. Questa patologia ha un decorso molto grave, a volte aggravato da insufficienza respiratoria acuta. La limitata mobilità degli organi respiratori, frequenti episodi acuti di dolore durante la respirazione, la presenza di ostruzione meccanica - richiedono un intervento chirurgico immediato.

Molteplici aderenze nella cavità pleurica a volte supportano un processo infiammatorio lento. Questo accade se le aderenze limitano l'area infiammata su tutti i lati, formando una capsula attorno ad essa.

La patologia adesiva che causa dolore ai polmoni dopo la polmonite è un processo piuttosto serio, pertanto il medico deve determinare la diagnosi e il trattamento.

I medici rilevano la presenza di aderenze nell'area dei polmoni mediante l'esame radiografico della cavità toracica, della TC o della risonanza magnetica della cavità toracica.

Il corso di terapia per patologia adesiva è prescritto da un medico e dipende dal grado della sua manifestazione. In presenza di aderenze nei polmoni, il trattamento farmacologico viene spesso attribuito e l'intervento chirurgico viene intrapreso solo quando la vita del paziente è in pericolo.

Chi contattare se ha dolore ai polmoni dopo la polmonite?

Ogni persona dovrebbe ricordare che i polmoni sono l'organo più importante della vita umana, responsabile della circolazione dell'ossigeno nel corpo. Pertanto, i pazienti dovrebbero abbandonare i tentativi di autodiagnosi e autotrattamento, nonché affidarsi all'intuizione, alle conoscenze in questo settore e ai consigli di conoscenti medici non qualificati! Un medico generico, un medico di famiglia e un medico della tubercolosi saranno in grado di eseguire i necessari esami diagnostici e di prescrivere un trattamento.

Trattamento del dolore ai polmoni dopo la polmonite

Nella medicina moderna, i principali metodi di trattamento medico della patologia adesiva nei polmoni sono il riscaldamento e l'elettroforesi. Il riscaldamento dell'apparato respiratorio può essere paraffina, argilla o fango.

Per il trattamento del dolore ai polmoni dopo la polmonite, la velocità della risposta del paziente al sintomo del dolore, la consapevolezza del paziente e l'urgenza del trattamento prescritto svolgono un ruolo importante. Solo una terapia tempestiva può garantire una guarigione completa del paziente. Una corretta riabilitazione aiuterà ad eliminare la complicazione dopo la polmonite, per ripristinare l'organismo indebolito dall'infezione. La principale funzione delle misure riabilitative è il ripristino degli organi respiratori, escludendo la possibilità di sviluppare patologie bronchiali e polmonari croniche.

Per riprendersi dalla polmonite, coloro che sono stati malati sono spesso raccomandati visite a località termali terapeutiche, massaggio di alcuni punti del torace, ossigeno terapia di insufficienza respiratoria, elettroterapia, ventilazione polmonare artificiale, cessazione completa del fumo, procedure generali di rafforzamento e rinvenimento, fisioterapia e fisioterapia. Inoltre, il paziente ha bisogno di proteggere il corpo dai raffreddori, soprattutto per due mesi dopo la malattia, per rifiutarsi di rimanere in luoghi di inquinamento professionale.

Dolore al petto dopo polmonite. Cosa fare, come trattare?

risposte:

nobildonna

Beh, assolutamente bisogno di essere trattati qui.

Katya Bova

Dolore ai polmoni dopo la polmonite - quale potrebbe essere la ragione? E la ragione spesso risiede nella mancanza di attenzione alla loro salute. Spesso non pensiamo nemmeno alle conseguenze della breve durata o post-polmonite, le regole di riabilitazione ignorate dopo la polmonite. Ahimè, nella nostra vita moderna il primo posto per molti è la presenza di prestazioni ininterrotte.
Nella medicina moderna, i principali metodi di trattamento medico della patologia adesiva nei polmoni sono il riscaldamento e l'elettroforesi. Il riscaldamento dell'apparato respiratorio può essere paraffina, argilla o fango.
Per il trattamento del dolore ai polmoni dopo la polmonite, la velocità della risposta del paziente al sintomo del dolore, la consapevolezza del paziente e l'urgenza del trattamento prescritto svolgono un ruolo importante. Solo una terapia tempestiva può garantire una guarigione completa del paziente. Una corretta riabilitazione aiuterà ad eliminare la complicazione dopo la polmonite, per ripristinare l'organismo indebolito dall'infezione. La principale funzione delle misure riabilitative è il ripristino degli organi respiratori, escludendo la possibilità di sviluppare patologie bronchiali e polmonari croniche.
Per riprendersi dalla polmonite, coloro che sono stati malati sono spesso raccomandati visite a località termali terapeutiche, massaggio di alcuni punti del torace, ossigeno terapia di insufficienza respiratoria, elettroterapia, ventilazione polmonare artificiale, cessazione completa del fumo, procedure generali di rafforzamento e rinvenimento, fisioterapia e fisioterapia. Inoltre, il paziente ha bisogno di proteggere il corpo dai raffreddori, soprattutto per due mesi dopo la malattia, per rifiutarsi di rimanere in luoghi di inquinamento professionale.
Ogni persona dovrebbe ricordare che i polmoni sono l'organo più importante della vita umana, responsabile della circolazione dell'ossigeno nel corpo. Pertanto, i pazienti dovrebbero abbandonare i tentativi di autodiagnosi e autotrattamento, nonché affidarsi all'intuizione, alle conoscenze in questo settore e ai consigli di conoscenti medici non qualificati! Un medico generico, un medico di famiglia e un medico della tubercolosi saranno in grado di eseguire i necessari esami diagnostici e di prescrivere un trattamento.

Dolore al petto durante l'inalazione

Il dolore toracico durante l'inalazione può dipendere da una varietà di motivi. A volte il dolore al petto durante l'inalazione può essere un sintomo di una malattia potenzialmente letale. E succede che una persona ha appena tirato il suo muscolo pettorale o si è seduto in una brutta copia. La causa esatta del dolore toracico durante l'inspirazione ei sintomi che accompagnano il dolore, così come il trattamento, dipendono dalla specifica malattia.

Ragioni principali

Il dolore toracico durante l'inspirazione o l'espirazione è una delle manifestazioni di gravi malattie dei polmoni, del cuore o dei vasi sanguigni, nonché di lesioni o malattie del tratto gastrointestinale.

I medici credono che i dolori al petto nelle malattie dei polmoni si verificano più spesso a causa di disturbi nella membrana pleurica che circonda i polmoni. Qualsiasi malattia che colpisce la membrana dei polmoni può causare dolore al petto durante la respirazione. C'è una piccola quantità di fluido tra i due strati della membrana, che agisce da lubrificante e aiuta a ridurre al minimo l'attrito dei polmoni quando si espandono durante la respirazione.

Ci sono anche molte fibre nervose sensoriali nel torace (la sua membrana pleurica). Qualsiasi attrito o irritazione di queste fibre nervose può anche causare dolore toracico durante l'inspirazione e l'espirazione.

Il dolore al petto durante l'inspirazione può essere causato dalla malattia da reflusso gastroesofageo. Questa condizione si verifica quando i "succhi" dallo stomaco si sollevano fino alla bocca. Oltre al dolore toracico, potresti provare dolore mentre inspiri.

Un'altra causa ovvia di dolore al petto è un livido o una costola rotta. Traumi al torace, lesioni alle costole durante un incidente stradale, o una caduta da una grande altezza possono portare a fratture costali. Tali lesioni spesso causano dolore al petto durante la respirazione, specialmente quando si respira profondamente. Nei casi più gravi, la chirurgia, l'uso di calore sul petto o l'uso di antidolorifici, steroidi e farmaci anti-infiammatori.

Spesso le cause del dolore toracico possono essere malattie cardiache e vasi sanguigni. Uno dei sintomi più pericolosi che accompagnano i dolori al petto durante l'inalazione sono quelli che accompagnano le malattie del cuore e dei vasi sanguigni. Possono essere una manifestazione di un attacco di cuore o di altre malattie cardiovascolari. Tuttavia, il dolore al petto durante l'inspirazione e l'espirazione può essere una manifestazione di altre malattie. Considera la natura di questo dolore in modo più dettagliato.

Vedi anche: Dolore al petto quando si tossisce

Dolore al petto durante l'inalazione: un coagulo di sangue nei polmoni

L'embolia polmonare è una condizione in cui una o più arterie che forniscono sangue ai polmoni sono intasate. Ciò è dovuto alla presenza di un coagulo di sangue nell'arteria. Embolia polmonare può verificarsi a causa di coaguli di sangue che viaggiano ai polmoni, principalmente dalle vene nelle gambe, e sono bloccati sulla via dei vasi sanguigni dei polmoni. Possono causare l'infiammazione dei polmoni, che a sua volta provoca l'irritazione dei nervi della membrana pleurica. Ed eccoti qui: una persona soffre di dolori al petto mentre inspira.

L'embolia polmonare (un coagulo di sangue nei polmoni) è una delle cause più pericolose di dolore al petto quando si inspira o si espira. È vero, vale la pena notare che non tutti i pazienti con embolia polmonare sperimentano dolore toracico durante l'inalazione. A volte questa malattia è asintomatica, ma non per questo meno pericolosa.

sintomi

I sintomi di questa malattia includono dolore improvviso al petto durante la respirazione, mancanza di respiro, tosse, pelle blu, sudorazione, trombosi venosa profonda, ecc.

Il tipo e la gravità del dolore toracico durante l'inspirazione dipendono dalle caratteristiche individuali del paziente. Non ci sono due pazienti con embolia polmonare che hanno lo stesso tipo di dolore toracico.

Diagnosi di embolia polmonare - la complessità del processo

Per capire come viene diagnosticata l'embolia polmonare, è necessario esaminare le storie di altri pazienti. I pazienti con embolia polmonare sono spesso ricoverati in ospedale. Le loro case history possono fornire a un altro paziente l'opportunità di capire come si manifesta l'embolia polmonare. Puoi scoprire tutto questo chiedendo ai tuoi vicini del reparto se sei in ospedale.

Embolia polmonare è diagnosticata con:

  1. Elettrocardiografia.
  2. Diffrazione ai raggi X.
  3. Test di laboratorio
  4. Tomografia computerizzata
  5. Angiografia di vasi polmonari.

trattamento

L'embolia polmonare può essere una condizione pericolosa per la vita se non si applica un trattamento tempestivo con anticoagulanti o si rimuove chirurgicamente un coagulo di sangue.

Dolore al petto durante l'inalazione: polmonite

La polmonite è una diagnosi seria che viene somministrata a pazienti con dolore toracico durante l'inspirazione e l'espirazione. La polmonite è la diagnosi più comune di pazienti ricoverati al dipartimento medico. Alcuni pazienti con polmonite hanno anche dolore al petto durante l'inspirazione e l'espirazione.

Sintomi di polmonite

  • La temperatura potrebbe aumentare bruscamente.
  • La persona tossisce, di regola, con scarico dalla gola.
  • Potrebbe esserci un forte sibilo.
  • Dolori al petto possono verificarsi durante l'inspirazione e l'espirazione.
  • La voce potrebbe tremare.

diagnostica

  • Radiografia.
  • Tomografia computerizzata del torace.
  • Esami del sangue e delle urine.
  • Analisi della semina prelevata dall'espettorato.
  • Broncoscopia e biopsia.

trattamento

Di regola, il medico prescrive antibiotici per questa malattia. Sono selezionati in base al tipo di polmonite e alla causa di esso. Spesso gli inalatori e le soluzioni saline sono usati per trattare la polmonite con dolore toracico.

pleurite

La pleurite è un'infiammazione della membrana mucosa che circonda i polmoni. L'infezione virale è una delle cause più comuni di pleurite, ma può anche essere causata da lesioni costali, coaguli di sangue nei polmoni, cancro ai polmoni, mesoteliomi o malattie autoimmuni come l'artrite reumatoide o il lupus.

sintomi

I principali sintomi della pleurite sono dolori acuti al torace con respirazione e tosse.

Una persona che soffre di pleurite il più delle volte avverte dolori al petto con un respiro profondo, semplicemente soffoca. Altri sintomi includono mancanza di respiro, febbre, brividi e tosse secca. Anche se una persona può avvertire forti dolori lancinanti al petto, la pleurite può causare dolori al petto opachi. Possono essere accompagnati da una sensazione di bruciore al petto.

diagnostica

  • Radiografia del torace.
  • Ricerca biochimica su glucosio, amilasi, LDH.
  • Biopsia pleurica.

trattamento

Di norma, il trattamento di questa malattia è sempre complesso. Il medico presta attenzione ai sintomi e, a seconda di ciò, prescrive la terapia. Il trattamento della pleurite può includere farmaci antitubercolari, immunostimolanti, farmaci antibatterici e talvolta la chemioterapia.

pneumotorace

Il pneumotorace è un collasso del polmone. I polmoni sono rivestiti da una membrana sierosa a due strati chiamata pleura. Lo spazio tra lo strato interno ed esterno è riempito di liquido. Quando l'aria si accumula in questa cavità pleurica, i polmoni non sono più in grado di espandersi durante l'inalazione e il dolore al petto si verifica. La pressione esercitata dall'aria può portare a un collasso dei polmoni.

Un forte colpo al petto, ferite pugnalate o infezioni dei polmoni possono rendere il corpo molto suscettibile al pneumotorace. Il collasso del polmone può portare ad un accumulo di liquido nei polmoni, causando così una diminuzione del livello di ossigeno nel sangue.

sintomi

Il pneumaticace può causare sintomi dolorosi, come pressione al petto, debolezza, difficoltà di respirazione o dolore al petto durante l'inalazione. Una persona può soffocare, diventare blu e persino morire per mancanza di ossigeno.

diagnostica

  • Tomografia computerizzata
  • Visita medica, palpazione

trattamento

Il pneumotorace nelle fasi iniziali può essere eliminato da solo, ma nei casi più gravi è necessario consultare immediatamente un medico.

Il trattamento ospedaliero può includere l'estrazione di aria dai polmoni.

Condrite costiero (sindrome di Tietze)

La condrite tibiale viene comunemente chiamata dolore nella zona in cui la cartilagine delle costole è attaccata allo sterno. Questa malattia causa l'infiammazione delle cartilagini costali alla giunzione delle costole e dello sterno. Una lesione al torace durante un incidente stradale, un forte colpo al petto o ripetute lesioni lievi alla zona del torace sono cause comuni di infiammazione.

L'infiammazione dell'area sternale-costale può anche essere causata da infezioni patogene (patogene) delle vie respiratorie.

sintomi

Il sintomo principale di questa malattia è il dolore sordo al petto durante l'inspirazione, l'espirazione e la tosse, oltre che la febbre alta. I muscoli intercostali del torace aiutano il torace ad espandersi e contrarsi durante l'inspirazione e l'espirazione, quindi l'infiammazione della cartilagine costale spesso causa una respirazione dolorosa. L'intensità del dolore aumenta quando una persona prende respiri profondi. Il dolore al petto durante la respirazione può anche essere aggravato da tosse e starnuti, o anche semplicemente premendo le dita sul petto.

diagnostica

  • Visita medica con la palpazione
  • Radiografia del torace
  • La tomografia computerizzata e la risonanza magnetica (RM) vengono utilizzate solo in rari casi.

trattamento

Il trattamento include spesso l'uso di farmaci antinfiammatori e rilassanti muscolari, oltre alla terapia fisica.

Angina pectoris

L'angina è anche chiamata angina pectoris. Il dolore al petto in questa malattia può comparire dal nulla, può causare gravi stress fisici o psicologici o aumento dello stress.

I sintomi includono pressione al petto o sensazione di pienezza al petto e dolori acuti.

Il dolore con l'angina può persino andare alla mascella, al collo, alle spalle e alla schiena. Altri sintomi di un infarto causato da angina comprendono difficoltà di respirazione, nausea, vomito, sudorazione, ecc.

Un attacco di dolore toracico acuto con angina può durare fino a 15 minuti.

diagnostica

  • Esame del sangue
  • Marcatori biochimici per la presenza di danno miocardico.
  • Test di tolleranza al glucosio.
  • Lo studio del livello degli ormoni tiroidei.
  • Ecocardiografia.
  • ECG con attività fisica e a riposo.

trattamento

Rimuovendo un attacco acuto al dolore toracico con antidolorifici e blocchi, il medico può prescrivere una dieta, smettere di fumare e alcol, così come i beta-bloccanti, acido acetilsalicilico, se non ci sono controindicazioni.

pericardite

La pericardite è un'infiammazione del pericardio, che è una sottile membrana sierosa che circonda il cuore. Traumi alla zona del torace o malattie infiammatorie sistemiche, come l'artrite reumatoide o il lupus, possono essere le cause di questa condizione.

sintomi

Febbre di basso grado, malessere, dolore acuto nella parte sinistra o al centro del torace, mancanza di respiro in posizione prona e tosse sono i sintomi con cui si può identificare la pericardite.

diagnostica

  • Esame da un medico.
  • Metodo di screening ECG.
  • Ecocardiografia e doppler vascolare.

trattamento

Il trattamento di solito prevede l'uso di farmaci anti-infiammatori, antidolorifici e corticosteroidi.

Controlla i tuoi sintomi

Rivolgersi al proprio medico se si verificano periodicamente o periodicamente questi sintomi. In particolare - se hai già fatto una seria diagnosi relativa a malattie di polmoni, cuore o vasi sanguigni. Siate pronti a rispondere a queste domande dal vostro medico.

  1. Pensi che i tuoi dolori al petto possano essere correlati a problemi cardiovascolari?
  2. Pensi che il tuo dolore al petto possa essere causato da malattie polmonari?
  3. Il tuo dolore al petto può essere associato a malattie del tratto gastrointestinale?
  4. Hai avuto dolori al petto che passano o tornano?
  5. Hai avuto una recente lesione al torace?
  6. Soffri di dolore al petto durante la respirazione?
  7. Provi dolore al muscolo pettorale o? Questo dolore aumenta con la tosse o la respirazione profonda?
  8. Hai dolori al petto e brividi?
  9. Hai dolori al petto e un'eruzione cutanea sul tuo corpo?
  10. Hai avuto moderato dolore al petto senza sintomi di infarto?

Dal modo in cui rispondi a queste domande, il medico sarà in grado di determinare la malattia che causa dolori al petto quando si inala e anche di prescrivere il trattamento ottimale.

Assicurati di visitare un medico se avverti un dolore toracico opaco o acuto, dolore toracico durante l'inspirazione e l'espirazione. Grave dolore al petto, che si sviluppa all'improvviso, può essere pericoloso per la vita, quindi quando si verifica, si dovrebbe immediatamente cercare un aiuto medico.

Dolore al petto a sinistra

Il dolore toracico a sinistra può spesso essere causato da un attacco di cuore. Ma nell'80% dei casi questo è lontano dal caso. Le cause del dolore toracico a sinistra possono essere le malattie dell'apparato respiratorio, gli organi digestivi, nonché i muscoli, la pelle e le ossa. Come capire le cause del dolore toracico a sinistra? Quali sono i sintomi del dolore toracico a sinistra, così come la diagnosi e il trattamento?

Malattie cardiovascolari

Iniziamo con le cause più pericolose di dolore toracico a sinistra. Questa è una malattia cardiovascolare. La loro lista è piuttosto lunga, ma è importante conoscere tutti questi punti per chiamare il medico in tempo per i dolori al petto a sinistra. Le malattie associate al dolore al petto a causa di fallimenti nel cuore, sono coronarie e non coronariche.

Le cardiopatie coronarogenetiche comprendono ischemia miocardica e infarto miocardico acuto. Queste sono terribili malattie del cuore e dei vasi sanguigni, che possono causare un risultato letale se il tempo non fornisce una persona con cure mediche.

Attacco di cuore (infarto miocardico acuto e ischemia)

Un attacco cardiaco a causa di infarto miocardico acuto o ischemia si verifica quando il sangue è bloccato nelle arterie che forniscono sangue al cuore (arterie coronarie). Per questo motivo, i muscoli del cuore non ricevono abbastanza ossigeno. Questo può causare danni, deterioramento e atrofia del muscolo cardiaco.

Cause di infarto

Un attacco cardiaco è causato da malattia coronarica o cardiopatia ischemica. Le malattie cardiovascolari possono essere causate da un accumulo di colesterolo nelle arterie coronarie (aterosclerosi), coaguli di sangue che possono danneggiare il flusso sanguigno, o dallo spasmo dei vasi sanguigni che forniscono sangue al cuore.

Fattori di rischio di attacco cardiaco

  • ipertensione
  • diabete
  • fumo
  • colesterolo alto
  • ereditarietà - malattie cardiovascolari in parenti stretti, che si verificano all'età di meno di 60 anni,
  • obesità

Dopo la menopausa, le donne hanno un rischio più elevato di infarto rispetto alla premenopausa. Si ritiene che ciò sia dovuto alla perdita dell'effetto protettivo dell'ormone estrogeno in menopausa. Pertanto, le donne nel periodo prima della menopausa hanno bisogno di terapia ormonale sostitutiva per bilanciare l'equilibrio ormonale nel corpo.

Sintomi di attacco cardiaco

Il dolore tipico durante un attacco cardiaco si verifica nella parte centrale e sinistra del torace, e può anche diffondersi alla spalla sinistra, al braccio sinistro, alla mandibola, all'addome o alla schiena. Fai attenzione: persone diverse possono avere sintomi diversi durante un attacco di cuore.

I sintomi correlati al dolore toracico sono mancanza di respiro, sudorazione eccessiva, nausea e vomito.

I sintomi del dolore al petto a sinistra durante un attacco di cuore nelle donne non possono differire dagli uomini. Tuttavia, nelle donne, i sintomi possono essere atipici (non caratteristici). Con dolore al petto a sinistra, le donne possono avvertire i seguenti segni di infarto:

  • disagio addominale,
  • bruciore di stomaco
  • vertigini,
  • stanchezza inspiegabile.

diagnostica

  1. Ricerca mediante palpazione del torace
  2. Elettrocardiogramma (ECG), per la diagnosi del cuore. Dopo l'ECG, puoi già dire quali vasi del cuore sono bloccati o ristretti.
  3. Lo studio degli enzimi che producono cellule del muscolo cardiaco quando non riceve abbastanza ossigeno. Questi enzimi possono essere rilevati dagli esami del sangue.

trattamento

Prima di tutto, se hai un attacco di cuore, devi chiamare un'ambulanza. Mentre il paziente è in attesa di un'ambulanza, deve assumere nitroglicerina per ridurre il dolore al petto.

Il trattamento ospedaliero di un infarto o ischemia che ha causato un infarto è principalmente volto ad aumentare il flusso di sangue attraverso le arterie. È importante sbloccare il flusso sanguigno e le arterie stesse, nonché eliminare il rischio di coaguli di sangue nel cuore. Le medicine che vengono utilizzate per questo scopo includono aspirina, eparina, farmaci trombolitici.

Il secondo obiettivo nell'alleviare un infarto è rallentare la frequenza cardiaca, questo riduce il carico sul cuore e riduce il dolore al petto sinistro.

L'angioplastica è un modo per sbloccare un'arteria.

Angiografia: si tratta prima di tutto di trovare restringimenti o blocchi nelle arterie. Un tubo di plastica molto sottile, un catetere, viene inserito nell'arteria. Si espande, fornendo un passaggio più ampio per il sangue. A volte uno stent (costruzione flessibile in metallo) è usato per espandere le arterie e dare libertà al flusso sanguigno.

Se il trattamento non ha esito positivo viene utilizzata la chirurgia per il dolore al petto a sinistra. Questo può essere angioplastica o bypass cardiaco.

Cardiopatia non coronarica

Questo gruppo di malattie cardiache può anche causare dolori al petto a sinistra. Ma queste malattie sono molto difficili da diagnosticare, perché non sono ancora ben studiate dai medici. Inoltre, molte di queste malattie hanno sintomi sfocati e sfocati. Le più comuni lesioni non coronarogeniche del sistema cardiovascolare sono la pericardite, l'ipertensione arteriosa associata anche al pericardio, alla miocardite, alla cardiomiopatia, a difetti cardiaci, congenita e acquisita, prolasso della valvola mitrale, distonia neurocircolatoria (compresi 4 tipi di cardialgia), angina. Considerare le malattie più pericolose per la vita che causano dolori al cuore nella parte sinistra del petto.

Pericardite acuta

Questa è l'infiammazione del pericardio, il sacco che copre il cuore. Si chiama la borsa del cuore o la membrana connettiva del cuore. Il ruolo del pericardio è quello di bloccare il cuore da tutti gli altri organi che si trovano nel torace. Il pericardio consente al cuore di essere riempito meglio di sangue, e anche durante i sovraccarichi fisici mantiene il nostro "motore" dallo stiramento e dallo spostamento dalla sua posizione anatomica.

Il pericardio è una cavità tra due foglie di tessuto connettivo. Dentro, tra le pareti del cuore e il pericardio c'è un fluido che protegge queste foglie dall'attrito. Il liquido non è così piccolo - 25 ml. Quando il pericardio si infiamma, si verifica dolore al petto sinistro.

Cause di pericardite

La pericardite può essere causata da infezione virale, infezione batterica, cancro, farmaci incontrollati, radioterapia e insufficienza renale cronica.

Un attacco acuto a causa di infiammazione del pericardio può essere aggravato da una condizione ancora più pericolosa per la vita - tamponamento cardiaco. Questo è l'accumulo di liquido intorno al cuore, che impedisce di pompare il sangue in modo efficiente attraverso il corpo. Il tamponamento cardiaco può essere caratterizzato da perdita improvvisa di coscienza, grave dolore toracico, difficoltà di respirazione.

Sintomi di pericardite acuta

Il dolore toracico sul lato sinistro della pericardite è solitamente descritto come acuto o lancinante. Si verifica anche nel mezzo del torace, aggravato da un respiro profondo.

Questo dolore è facilmente confuso con il dolore a causa di un attacco di cuore, perché può irradiarsi sul lato sinistro della schiena o della spalla.

Una caratteristica distintiva della pericardite acuta rispetto all'attacco cardiaco o all'ischemia è che il dolore peggiora in posizione orizzontale e si attenua quando una persona si sporge in avanti. Questo perché quando una persona mente, la membrana pericardica infiammata tocca da vicino il cuore, causando dolore. Quando una persona si sporge in avanti, si forma uno spazio tra il pericardio e il cuore, e il dolore nel petto a sinistra e nel mezzo si placa.

Sintomi concomitanti - la persona la getta al freddo, poi nella febbre, ha difficoltà a respirare o mal di gola quando deglutisce.

Trattamento pericardite

La pericardite virale di solito scompare dopo 7-21 giorni di terapia con farmaci antinfiammatori non steroidei, come l'aspirina e l'ibuprofene. Se c'è una minaccia di tamponamento, il medico punterà il liquido dal pericardio attraverso la pelle. Il drenaggio viene eseguito anche con ultrasuoni e l'eccesso di liquido pericardico viene pompato fuori.

Prolasso della valvola mitrale

Il prolasso della valvola mitrale è un'anomalia di una delle valvole cardiache. Questa malattia è accompagnata da un malfunzionamento della valvola, che si trova tra il ventricolo del cuore e il suo atrio sinistro. Questa malattia potenzialmente letale può causare gravi dolori al petto a sinistra.

Sintomi del prolasso della valvola mitrale

Il prolasso della valvola mitrale di solito scompare senza sintomi, ma alcune persone possono avvertire palpitazioni e dolore toracico a sinistra. Questi dolori possono anche essere accompagnati da affaticamento, vertigini e mancanza di respiro.

Il dolore toracico associato al prolasso della valvola mitrale differisce dal dolore in caso di stenocardia in quanto è acuto, non si arrende da nessuna parte e non è associato allo sforzo fisico.

Possono anche verificarsi complicazioni che causano l'infezione delle valvole cardiache, rigurgito della valvola mitrale (flusso sanguigno anomalo alle camere cardiache) e ritmi cardiaci anormali, talvolta con conseguente morte improvvisa.

Angina pectoris

L'angina pectoris è un dolore al petto a causa di una quantità insufficiente di ossigeno che penetra nel cuore attraverso il flusso sanguigno. L'insufficiente afflusso di sangue al cuore è causato da ostruzione o costrizione dei vasi sanguigni. Angina pectoris differisce da un attacco di cuore in quanto le arterie nell'angina pectoris non sono completamente bloccate, e questo non causa danni al cuore che è incompatibile con la vita.

Una piccola angina (cosiddetta stabile) può verificarsi durante lo sforzo fisico, il dolore al torace si ferma dopo il riposo. L'angina "instabile" porta a dolore grave e imprevedibile, che non passa completamente nemmeno in uno stato di riposo.

Cause dell'angina pectoris

L'angina può essere causata da spasmo, restringimento o blocco parziale dell'arteria che fornisce sangue al cuore.

La causa più comune di angina pectoris è la malattia coronarica, in cui un coagulo di sangue o l'accumulo di colesterolo all'interno dei vasi sanguigni (aterosclerosi) inibisce il flusso sanguigno, ma non blocca completamente i vasi sanguigni.

L'angina può essere causata da sforzo fisico, stress emotivo o aritmia, in cui il cuore batte molto rapidamente.

I sintomi dell'angina pectoris

L'angina pectoris a volte è simile a un attacco di infarto, ma si verifica durante lo sforzo fisico e va via dopo un periodo di riposo, che non è mai il caso con un attacco di cuore o attacco ischemico. L'angina pectoris diventa pericolosa per la vita quando il dolore al petto a sinistra si verifica a riposo, la frequenza cardiaca o l'intensità aumenta.

Il dolore con l'angina non scompare dopo aver assunto una compressa di nitroglicerina, come nel caso di un attacco di cuore. Hai bisogno di almeno tre compresse di nitroglicerina a intervalli di cinque minuti per rendere il sequestro non così intenso.

diagnostica

Angina pectoris viene diagnosticata con gli stessi metodi che i medici usano per diagnosticare attacchi di cuore.

La diagnosi di "angina" è fatta solo dopo che è stata esclusa la possibilità di un infarto. Questo viene fatto analizzando gli enzimi cardiaci, di cui abbiamo parlato sopra.

Sebbene un ECG possa mostrare anomalie nel lavoro del cuore, questi cambiamenti vengono spesso trattati.

Test di stress: monitoraggio dell'ECG durante l'esercizio e a riposo. I risultati del test vengono poi confrontati per determinare come agisce il cuore. Con questo test, viene rilevato un blocco o una congestione nei vasi sanguigni che portano al cuore.

Il cateterismo cardiaco (inserimento del catetere) viene utilizzato per identificare il blocco arterioso.

Un tipo speciale di diagnosi (angiografia o arteriografia) viene utilizzato per rilevare il blocco o altre interruzioni dei vasi sanguigni.

Trattamento dell'angina pectoris

Compresse di nitroglicerina sotto la lingua - il primo soccorso in angina prima dell'arrivo di un'ambulanza. La nitroglicerina può aiutare ad aumentare il flusso sanguigno nelle arterie bloccate o ristrette.

Se il dolore al petto continua per i prossimi cinque minuti, è necessario prendere un'altra compressa di nitroglicerina sotto la lingua. Se non ci sono miglioramenti, ripeti la stessa azione in cinque minuti prima che arrivi l'ambulanza.

Nel trattamento stazionario di stenocardia, i β-bloccanti sono usati per fermare un attacco di dolore toracico a sinistra e nel mezzo. I rappresentanti di questi bloccanti sono atenololo, metoprololo e bisoprololo.

Aneurisma aortico (altri nomi - dissezione aortica, rottura aortica)

L'aorta è l'arteria principale che fornisce sangue agli organi vitali come cervello, cuore, reni, polmoni e intestino. Dissezione aortica significa la rottura del rivestimento interno aortico. Può portare a gravi emorragie interne e fermare il flusso di sangue agli organi vitali. Tuttavia, solo il 20-30% delle persone sopravvive. L'aneurisma (rottura) può verificarsi nell'aorta del torace o dell'addome. Gli uomini sono a più alto rischio di rottura aortica rispetto alle donne.

Cause della dissezione aortica

La dissezione aortica può essere causata dalle ragioni per cui la membrana interna aortica viene distrutta. Questi includono l'ipertensione incontrollata, la rottura del tessuto connettivo, la malattia, l'uso di potenti farmaci senza prescrizione medica, vecchiaia, gravidanza, difetti cardiaci congeniti e cateterizzazione cardiaca durante la diagnosi.

Sintomi di rottura aortica

Il dolore al petto sinistro, associato alla dissezione aortica, si verifica improvvisamente ed è caratterizzato come "lacerante, potente". Il dolore può essere dato nella parte posteriore o tra le scapole. Poiché l'aorta fornisce sangue a tutto il corpo, i sintomi della sua rottura possono includere:

  • dolori come l'angina con respiro intermittente
  • mancanza di respiro
  • svenimenti
  • dolore addominale
  • sintomi dell'ictus (intorpidimento degli arti e della lingua, perdita della funzione motoria di una parte del corpo)

diagnostica

La diagnosi di dissezione aortica basata sui sintomi del paziente include

  • Radiografia del torace (le immagini radiografiche mostrano i contorni irregolari dell'aorta rotta o la sua espansione).
  • Ecocardiografia (con ultrasuoni specializzati del cuore quando la sonda viene inserita nell'esofago in anestesia locale o generale).
  • Il medico può determinare con precisione la dissezione aortica con TC (tomografia computerizzata) del torace o dell'angiografia.

Trattamento della rottura aortica

  • Antidolorifici come morfina, dopamina, mezaton
  • Farmaci che riducono la pressione sanguigna - diuretici, berlipril, anaprilina, diroton e altri.
  • Farmaci che rallentano la frequenza cardiaca e dilatano le arterie
  • Il trattamento chirurgico è necessario per la dissezione (rottura) dell'aorta, che danneggia la parte ascendente (dal basso verso l'alto) dell'aorta.

Malattie dell'esofago, causando dolore toracico a sinistra

Spesso, i dolori al petto a sinistra sono causati da malattie del tratto gastrointestinale. In particolare, a causa della malattia da reflusso, che è chiamato bruciore di stomaco nella gente comune. I sintomi di questo dolore possono essere come un attacco di cuore, ma non lo è.

Cause di reflusso acido

  • Malattie del tratto gastrointestinale
  • eccesso di cibo
  • Aumento dell'acidità
  • Interruzione dello sfintere gastrico
  • diabete mellito
  • sclerodermia

Il bruciore di stomaco può essere causato da qualsiasi fattore, che riduce la pressione sulla parte inferiore dell'esofago, causa la cessazione dell'attività dell'esofago o lo svuotamento prolungato dello stomaco. Questa condizione può essere causata da:

  • mangiare cibi ricchi di grassi
  • usando la nicotina
  • uso di alcol
  • caffeina in gravidanza
  • alcuni farmaci o ormoni (ad esempio, nitrati, calcio antagonisti, anticolinergici, estrogeni, progesterone)
  • Reflusso acido e dolori al petto sinistro possono anche essere causati da lievito, funghi, virus, batteri o irritazioni dovute ad allergeni.

sintomi

  • dolore acuto che preoccupa una persona nella parte sinistra del torace
  • dolore a sterno, schiena, collo e spalla
  • dolore durante la deglutizione
  • sanguinamento esofageo
  • bruciore di stomaco
  • sbavando
  • dolore al torace
  • pressione al petto
  • sudorazione eccessiva
  • pallore di faccia
  • nausea e vomito
  • mal di gola
  • sapore aspro o amaro in bocca o gola
  • raucedine
  • tosse secca persistente.

diagnostica

  1. Sintomo: esame e palpazione del seno
  2. fluoroscopia
  3. Campioni di Bernstein (quando l'acido viene introdotto nell'esofago per studiarne la reazione)
  4. Esofagoscopia (esame dell'esofago con un tubo flessibile collegato al monitor, dove il medico può vedere i risultati)

trattamento

È possibile ridurre il dolore al petto a sinistra con reflusso acido in modo semplice - per sollevare la testa del letto 15 cm sopra o semplicemente posizionare un cuscino più alto sotto la testa. Quindi il liquido caustico proveniente dallo stomaco - l'acido - non fluirà nell'esofago.

È importante assumere farmaci che riducano l'acidità dello stomaco - ranisan, ad esempio la metimetidina

Non c'è bisogno di fumare, ma di mangiare, al contrario, è necessario, ma solo cibi sani: farina d'avena, verdura, frutta, è necessario escludere cibi fritti e grassi, limitare il cioccolato e il caffè.

A volte un medico prescrive antiacidi, antibiotici, farmaci antivirali o antifungini, farmaci per rilassare i muscoli dell'esofago o una combinazione di questi.

Dolore al petto a sinistra causato da malattie dell'apparato respiratorio

Queste malattie più comuni includono embolia polmonare (trombosi arteriosa), pneumotorace spontaneo, polmonite.

Embolia polmonare

L'embolia polmonare è un coagulo di sangue in uno dei grandi vasi sanguigni che fornisce sangue ai polmoni. Questa è una condizione potenzialmente pericolosa per la vita che non è associata a malattie del cuore o dei vasi sanguigni.

Cause di embolia polmonare

I fattori di rischio per l'embolia polmonare includono:

  • stile di vita sedentario
  • obesità
  • immobilità prolungata
  • frattura della tibia delle gambe,
  • la gravidanza,
  • il cancro,
  • tendenza ereditaria all'embolo polmonare,
  • disturbo del ritmo cardiaco (aritmia),
  • attacco di cuore
  • insufficienza cardiaca congestizia.

Le donne che usano la pillola anticoncezionale e spesso fumano hanno un rischio più elevato di embolia polmonare rispetto alle donne che non fumano (soprattutto oltre 35).

Embolia polmonare - sintomi

I sintomi di embolia polmonare includono

  1. improvvisa difficoltà di respirazione
  2. respirazione rapida
  3. dolore acuto al centro del petto, che aumenta con respiri profondi

Diagnosi di embolia polmonare

  • Descrizione dei sintomi del paziente durante l'intervista a un medico
  • Risultati ECG
  • Radiografia del torace
  • Un medico può eseguire un esame del sangue dalle arterie di un paziente per verificare il livello di ossigeno in esso. Flusso sanguigno alterato indica una malattia polmonare che impedisce al paziente di ricevere abbastanza ossigeno.
  • Scansione di ventilazione-perfusione (scansione V / Q): consente di confrontare il flusso sanguigno e l'apporto di ossigeno a diverse parti dei polmoni. I problemi in un solo segmento possono indicare un'embolia.
  • Scansione TC dei polmoni (tomografia computerizzata)

trattamento

Chiunque abbia una diagnosi di embolia polmonare necessita di un ricovero urgente.

Il trattamento di solito comporta l'aggiunta di ossigeno, che viene pompato nel sangue, e i farmaci per prevenire ulteriori coaguli di sangue, di solito eparina.

Se l'embolia è molto grande, in alcune situazioni il paziente si droga per dissolvere il trombo.

Il medico suggerisce un intervento chirurgico ad alcune persone per prevenire la formazione di coaguli di sangue.

Pneumotorace spontaneo

Spesso chiamato collasso polmonare, questa condizione si verifica quando l'aria entra nello spazio sacro tra la parete toracica e il tessuto polmonare. Di norma, la pressione negativa nella cavità toracica consente ai polmoni di espandersi. Quando si verifica un pneumotorace spontaneo, l'aria entra nella cavità toracica. Quando il bilancio di pressione è perso, i polmoni non riescono a ri-espandersi. Questo interrompe il normale apporto di ossigeno nel corpo.

Pneumotorace spontaneo - cause

Lo pneumotorace spontaneo (collasso del polmone) si verifica quando un cosiddetto airbag si sviluppa intorno ai polmoni. L'area in cui l'aria entra (e non dovrebbe arrivare) è chiamata pleurico.

Cause del pneumotorace

Le lesioni al seno sono la causa più comune di questa condizione. Le ferite possono accadere a causa di un colpo, una caduta, una svolta impacciata, una ferita o un'operazione chirurgica.

Alcune persone molto magre e alte possono soffrire di pneumotorace spontaneo a causa dello stiramento del tessuto polmonare e delle sacche d'aria anormali che si formano nella parte superiore dei polmoni. È possibile che queste sacche d'aria possano esplodere da semplici azioni: starnuti o tosse.

Altri fattori di rischio per pneumotorace - AIDS, polmonite, enfisema polmonare, asma grave, fibrosi cistica, cancro, uso di antibiotici

I sintomi del pneumotorace

  • improvvisa difficoltà di respirazione
  • dolori al petto acuti
  • aumento della frequenza cardiaca
  • vertigini,
  • debolezza

Diagnosi di pneumotorace

  1. Lo pneumotorace spontaneo viene diagnosticato principalmente attraverso esami medici e radiografie del torace.
  2. La TAC (tomografia computerizzata) può essere utile per rilevare il piccolo pneumotorace.
  3. Radiografia della cavità addominale in posizione supina sul lato sinistro.

trattamento

Il pneumotorace, che si è sviluppato senza una ragione apparente, non richiede sempre un trattamento serio. A volte è sufficiente che una persona trascorra sei ore in ospedale sotto la supervisione di un medico e riesamini il torace con l'aiuto dei raggi x.

Se durante questo tempo il valore di pneumotorace non cambia, il paziente, di regola, è scaricato con la raccomandazione di visitare il dottore dopo di due giorni.

Se un paziente sviluppa nuovi sintomi di dolore o il volume di aumenti del pneumotorace, saranno sottoposti a trattamento ospedaliero.

Organi interni perforati: l'organo perforato presenta un foro o una fessura nella parete di qualsiasi area del tratto gastrointestinale. Ciò consente all'aria di entrare nella cavità addominale, che irrita il diaframma e può causare dolore al petto.

Polmonite e dolore toracico a sinistra

La polmonite è una malattia infettiva dei polmoni. Il dolore toracico a sinistra della polmonite è dovuto all'infiammazione della membrana mucosa dei polmoni.

Cause di polmonite

La polmonite può essere causata da un'infezione virale, batterica o fungina dei polmoni.

Sintomi di polmonite

Il dolore al petto sinistro a causa di polmonite si verifica e aumenta durante tosse prolungata o respirazione profonda.

Il dolore nella polmonite è solitamente unilaterale.

Altri dolori concomitanti includono brividi, tosse a muco (espettorato), febbre e mancanza di respiro.

diagnostica

La polmonite viene diagnosticata mediante esame obiettivo, radiografia del torace e ascolto di un paziente con uno stetoscopio.

Trattamento della polmonite

La polmonite viene solitamente trattata con antibiotici e il medico anestetico prescrive di ridurre il dolore al petto sinistro.

Indipendentemente dalla causa del dolore toracico a sinistra, è necessario essere esaminati da un medico. Ciò aiuterà nel tempo e, cosa più importante, a determinare correttamente la diagnosi e a prescrivere il trattamento ottimale. Ciò consentirà alla persona di recuperare e prevenire dolori al petto a sinistra.

Cosa fa male con la polmonite e dopo di esso

La polmonite è una malattia infettiva acuta che colpisce la parte respiratoria del polmone (alveoli) ed è caratterizzata dall'accumulo di essudato infiammatorio.

  1. Acquisita in comunità (ambulatorio, non nosocomiale, a casa) - si sviluppa a casa o nei primi due giorni di degenza in ospedale. È caratterizzato da gravità lieve o moderata, suscettibile di terapia antibiotica empirica.
  2. Ospedale (nosocomiale, nosocomiale) - si verifica dopo due o tre giorni in ospedale. Gli agenti patogeni sono più aggressivi dell'ambulatorio (principalmente Staphylococcus aureus, infezioni anaerobiche e gram-negative aerobiche). È caratterizzato da un decorso severo, dalla difficoltà di selezionare gli antibiotici esistenti. Questo gruppo include anche la polmonite nelle case di cura.
  3. Polmonite da aspirazione - si verifica quando si aspirano contenuti gastrici, vomito, corpi estranei. Procede piuttosto duramente, poiché ogni aspirazione è caratterizzata dalla formazione di atelettasia polmonare e broncocostruzione. Inoltre, se il contenuto gastrico penetra nelle vie aeree, l'infiammazione dei polmoni è aggravata da un'ustione chimica della mucosa bronchiale con acido cloridrico.
  4. La polmonite nelle persone con immunodeficienze è meno comune di quanto sopra. Le persone con immunodeficienze primarie (atipia del timo) e secondarie (infezione da HIV, malattie oncologiche), i pazienti sottoposti a terapia immunosoppressiva (per glomerulonefrite, lupus eritematoso sistemico) sviluppano questa patologia.

Fattori di rischio

L'infiammazione dei polmoni può causare qualsiasi persona (anche completamente sana) in determinate circostanze. Ma le seguenti categorie di pazienti sono più suscettibili allo sviluppo di questa malattia:

  • le persone anziane (oltre 60);
  • bambini sotto i 2 anni, bambini spesso malati con un sistema immunitario indebolito;
  • pazienti affetti da alcolismo, tossicodipendenza, con l'esperienza del fumo;
  • pazienti con patologie extrapolmonari concomitanti (diabete mellito, cardiopatie congenite, infarto miocardico, epatite, ecc.);
  • persone con varie malattie polmonari (fibrosi cistica, asma bronchiale, tubercolosi, bronchite cronica);
  • pazienti con danno cerebrale (epilessia, lesioni alla testa).

Quadro clinico

La polmonite di solito inizia con mal di gola, raucedine, secrezione nasale. Quindi nel quadro clinico della malattia dovrebbero essere 2 tipi di manifestazioni: polmonare ed extrapolmonare.

Con manifestazioni polmonari extra, la sindrome di intossicazione viene alla ribalta.

La sindrome di intossicazione comprende i seguenti sintomi:

  1. Aumento della temperatura corporea a subfebrile (da 37.0 ° С a 38.0 ° С) e numeri di febrile (da 38.1 ° С a 39.0 ° С). La presenza di fattori di rischio e di malattie somatiche associate provoca l'aumento di numeri sul termometro a valori febbrili (da 39,1 ° C a 40,0 ° C), accompagnati da brividi, e il rischio di edema cerebrale e convulsioni è elevato.
  2. Debolezza, dolore dappertutto, iperestesia (ipersensibilità della pelle), malessere.
  3. Aumento della sudorazione durante la notte.
  4. Mal di testa (con polmonite influenzale, un sintomo patognomonico è un dolore lancinante nelle zone fronto-temporali).
  5. Dolore nei muscoli e nelle ossa (a volte l'intossicazione raggiunge una tale forza che anche i leggeri tocchi sono dolorosi).
  6. Diminuzione dell'appetito, nausea o vomito.
  7. Disturbi del sonno, confusione, disorientamento nello spazio e nel tempo.
  8. Palpitazioni cardiache, pallore o disegno di marmo della pelle.

Le manifestazioni polmonari di polmonite includono una tosse, prima un isterico, poi con il rilascio di espettorato. L'espettorato ha un carattere muco, mucopurulento e purulento, nei casi gravi può contenere striature o coaguli di sangue. La tosse e l'atto respiratorio sono accompagnati da forti dolori al petto, alla schiena (dal lato affetto).

Con lo sviluppo dell'insufficienza respiratoria, la dispnea della genesi mista si verifica (sia durante l'inspirazione che l'espirazione), la partecipazione dei muscoli ausiliari nell'atto della respirazione (muscoli intercostali), cianosi (acrocianosi e triangolo naso-labiale).

Che cosa fa dolore alla schiena, al fianco, all'addome e al petto con polmonite

Il dolore nel lato della polmonite indica la localizzazione del processo infiammatorio nel lobo inferiore del polmone e la sconfitta della pleura. A causa del coinvolgimento nel processo delle membrane pleuriche, caratterizzato da un'abbondanza di terminazioni nervose e vasi sanguigni, il paziente lamenterà dolore al petto, oltre a irradiarlo alla schiena e all'addome.

Il dolore può imitare l'immagine di un addome acuto, un attacco di sciatica o addirittura un infarto miocardico acuto.

Per differenziare con altre malattie, va ricordato che una caratteristica distintiva del dolore durante la polmonite è una chiara connessione con l'atto del respiro e della tosse, con la palpazione del torace. Il paziente avrà anche altre manifestazioni cliniche di questa patologia (tosse, mancanza di respiro, febbre).

Esame del paziente

Quando la percussione del torace è determinata dall'ottusità del suono della percussione sull'infiammazione, una diminuzione dell'escursione polmonare. Il tremore della voce e la broncofonia si intensificano. Durante l'auscultazione del torace, il crepitio, il focus del respiro umido variegato e secco (sibilo e ronzio), si sente respirare forte. Con la localizzazione del centro di infiltrazione intorno al bronco grande appare il rumore bronchiale.

L'analisi dei gas ematici mostra un'aumentata pressione parziale di anidride carbonica e una ridotta pressione parziale di ossigeno, cioè lo sviluppo di ipossia e ipercapnia, la comparsa di acidosi metabolica e respiratoria (a causa della sotto-ossidazione dei prodotti metabolici).

A un esame radiografico degli organi del torace, viene rilevato un centro di oscuramento infiltrativo, la cui prevalenza include la polmonite:

  • a macchia di leopardo;
  • segmentale, polisegmentale;
  • patrimonio netto;
  • totale, subtotale;
  • interstiziale;
  • broncopolmonite.

Complicazioni dopo la polmonite

Le principali complicanze della polmonite comprendono pleurite secca e da effusione, empiema pleurico, distruzione del tessuto polmonare, sepsi e insufficienza multiorgano.

Pleurite essudativa (effusione) - caratterizzata da accumulo di essudato di origine infiammatoria nella cavità pleurica. Con lo sviluppo di questa complicazione, il paziente di solito lamenta dolore al petto e al lato, l'emergere di una sensazione di pesantezza nel fianco, il rafforzamento dell'insufficienza respiratoria clinica.

Per facilitare l'atto del respiro, il paziente spesso assume una posizione forzata (ponendo le mani su una superficie dura). La percussione ha rivelato l'ottusità nelle parti inferiori del torace, la respirazione auscultatoria è indebolita o non eseguita. I pazienti non possono dormire in posizione orizzontale, ma solo seduti o semi-seduti.

Pleurite fibrinosa (secca, adesiva) - si presenta come una complicazione indipendente e come risultato di un'infiammazione essudativa. È caratterizzato dalla perdita di filamenti di fibrina tra le foglie della pleura e dall'incollaggio. Di conseguenza, il paziente avverte forti dolori quando respira al petto, alla schiena e ai fianchi, a volte così intensamente che tenta di prendere solo respiri superficiali, aggravando così l'insufficienza respiratoria.

La flemma si sta allontanando male?

Per un rapido recupero, è importante che l'espettorato venga espulso e rimosso dal corpo. Il pneumologo EV Tolbuzina dice come fare questo.

Provato, modo efficace - scrivere una ricetta. Leggi di più >>

Attività terapeutiche

La terapia antibiotica rimane il principale trattamento per la polmonite. I farmaci preferiti sono le penicilline semi-protette (amoxiclav, augmentin), cefalosporine di 2-4 generazione (ceftriaxone, cefuroxime) e macrolidi (roxithromycin, claritromicina). Per alleviare il dolore toracico, vengono prescritti farmaci antinfiammatori (nurofen, nimesil).

Un componente integrante della terapia è anche la diluizione dell'espettorato con i farmaci del gruppo di mucolitici (Ambroxol) e il trattamento fortificante (vitamine, alcolismo, riposo a letto).